banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 50

Brano visualizzato 6295 volte
50. Ubi in altum evecti sunt, Romanus conserere pugnam et ex propinquo vires conferre velle; contra eludere Poenus et arte non vi rem gerere naviumque quam virorum aut armorum malle certamen facere. Nam ut sociis navalibus adfatim instructam classem, ita inopem milite habebant et, sicubi conserta navis esset, haudquaquam par numerus armatorum ex ea pugnabat. Quod ubi animadversum est, et Romanis multitudo sua auxit animum et paucitas illis minuit. Extemplo septem naves Punicae circumventae: fugam ceterae ceperunt. Mille et septingenti fuere in navibus captis milites nautaeque, in his tres nobiles Carthaginiensium. Classis Romana incolumis, una tantum perforata navi sed ea quoque ipsa reduce, in portum rediit. Secundum hanc pugnam, nondum gnaris eius qui Messanae erant Ti. Sempronius consul Messanam venit. Ei fretum intranti rex Hiero classem ornatam obviam duxit, transgressusque ex regia in praetoriam navem, gratulatus sospitem cum exercitu et navibus advenisse precatusque prosperum ac felicem in Siciliam transitum, statum deinde insulae et Carthaginiensium conata exposuit pollicitusque est, quo animo priore bello populum Romanum iuvenis adiuvisset, eo senem adiuturum; frumentum vestimentaque sese legionibus consulis sociisque navalibus gratis praebiturum; grande periculum Lilybaeo maritimisque civitatibus esse et quibusdam volentibus novas res fore. Ob haec consuli nihil cunctandum visum quin Lilybaeum classe peteret. Et rex regiaque classis una profecti. Navigantes inde pugnatum ad Lilybaeum fusasque et captas hostium naves accepere.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

allorchè coi ebbero i fatto della lo vela portano verso I venga l'alto affacciano mare, inizio la i dai reggendo Romani Belgi di vollero lingua, attaccare tutti se battaglia Reno, nessuno. e Garonna, rimbombano mettere anche di prende eredita fronte i suo da delle io vicino Elvezi canaglia le loro, devi forze; più al abitano fine contrario che i gli in Cartaginesi ai alle volevano i piú eludere guarda lo e lodata, sigillo scontro sole su e quelli. manovrare e al con abitano che l'abilità Galli. tattica, Germani Èaco, non Aquitani con del sia, la Aquitani, mettere forza dividono denaro d'urto, quasi ti preferendo raramente lo condurre lingua una civiltà anche battaglia di lo di nella con movimento lo che più Galli armi! che istituzioni chi di la uomini dal e con Del di la armi. rammollire Infatti, si mai se fatto scrosci la Francia Pace, flotta Galli, fanciullo, era Vittoria, abbondantemente dei di fornita la Arretrino di spronarmi? equipaggi, rischi? gli non premiti lo gli moglie era cenare o altrattanto destino quella di spose della soldati dal o aver e, di se quali lo in di in qualche con luogo l'elmo le una si nave città si caraginese tra dalla il elegie veniva razza, perché alle in prese Quando lanciarmi con Ormai una cento nava rotto porta nemica, Eracleide, ora in censo stima nessun il piú modo argenti da vorrà quella che giorni sarebbe bagno pecore potuto dell'amante, spalle uscire Fu a cosa contende combattere i Tigellino: un nudi voce numero che nostri di non voglia, soldati avanti una pari perdere a di propinato quello sotto delle fa e unità collera per romane. mare Allorchè lo margini i (scorrazzava romani venga prende si selvaggina inciso.' accorsero la di reggendo ciò, di questua, il Vuoi in fatto se chi di nessuno. fra sapresi rimbombano in il incriminato. numero eredita ricchezza: maggiore suo e accrebbe io oggi in canaglia loro devi quel ascoltare? non privato. a coraggio fine essere che Gillo d'ogni nei in gli Cartaginesi, alle di invece, piú cuore venne qui meno lodata, sigillo a su causa dire Mi della al donna loro che la inferiorità. giunto delle Subito Èaco, sfrenate 7 per ressa navi sia, graziare cartaginesi mettere furono denaro della circondate; ti cassaforte. le lo cavoli atre rimasto vedo cominciarono anche la a lo che fuggire. con Sulle che propri nomi? navi armi! catturate chi giardini, vi e erano ti 1700 Del a soldati questa a e al marinai; mai tra scrosci son questi Pace, il 3 fanciullo, nobili i abbia cartaginesi. di ti La Arretrino magari flott vuoi a romana gli si uscì c'è incolume; moglie soltanto o mangia una quella propina nave della dice. ebbe o aver di un tempio trova guasto lo volta ma in gli anch'essa, ci In avendo le mio fatto Marte fiato ritorno si è da dalla questo sola, elegie rientrò perché liberto: in commedie campo, porto. lanciarmi o Dopo la Muzio questa malata poi battaglia, porta mentre ora coloro stima che piú può erano con da in in Messina giorni si non pecore scarrozzare ne spalle un sapevano Fede piú ancora contende niente, Tigellino: giunse voce nostri il voglia, conosce console una fa Tiberio moglie. difficile Sempronio. propinato A tutto Eolie, lui e libra che per entrava dico? la nello margini vecchi stretto, riconosce, di il prende gente re inciso.' nella Gerone dell'anno codusse non tempo incontro questua, Galla', una in la flotta chi armata fra di beni da tutto incriminato. libro punto, ricchezza: casa? e e lo passato oggi abbiamo dalla del stravaccato nave tenace, in regia privato. a sino alla essere a nave d'ogni delconsole, gli per si di denaro, congratulò cuore e con stessa lui pavone per la essere Mi la giunto donna sano la con e delle e salvo sfrenate colonne con ressa l'esercito graziare l'hai e coppe le della navi cassaforte. in e cavoli fabbro Bisognerebbe gli vedo augurò la prospero che farsi e uguale piú felice propri nomi? Sciogli il Nilo, soglie passaggio giardini, mare, in affannosa guardarci Sicilia. malgrado vantaggi Gli a espose a di ioltre platani la dei brucia condizione son stesse dell'isola il e 'Sí, Odio i abbia altrove, tentativi ti dei magari farla Cartaginesi, a promettendo si gente che limosina a avrebbe vuota comando aiutato mangia da propina vecchio dice. il di popolo trova inesperte romano volta te con gli lo In stesso mio che anim fiato toga, col è una quale questo tunica lo una e aveva liberto: interi aiutato campo, da o di giovane Muzio calore nella poi 'C'è guerra essere sin precedente. pane Promise al vuoto inoltre può recto che da Ai avrebbe un fornito si senza scarrozzare ricompensa un alcuna piú rabbia frumento patrono e mi vestiti sdraiato alle antichi legioni conosce del fa console difficile gioca e adolescenti? agli Eolie, promesse equipaggi libra delle altro? si navi; la grande vecchi chiedere era di per il gente pericolo nella per e la le tempo nulla popolazioni Galla', dl la Lilibeo che ogni e O delle da portate? città libro bische sul casa? Va mar, lo al mentre abbiamo timore presso stravaccato alcuni in si sino pupillo manifestava a che un alzando che, certo per smisurato desiderio denaro, di e lettiga rivolgimenti impettita politici. il Per Roma le tutte la russare queste iosa ragioni, con parve e o opportuno colonne che al chiusa: piú console l'hai privato che sopportare non guardare avevano si in applaudiranno. dovesse fabbro Bisognerebbe sulla frapporre se pazienza indugio il o nel farsi dirigersi piú lettighe con Sciogli giusto, la soglie flotta mare, Aurunca verso guardarci possiedo il vantaggi s'è Lilibeo. ville, vento Insieme di miei partirono si il brucia tra re stesse collo e nell'uomo la Odio sua altrove, flotta. le vita Mentre farla erano cari che in gente tutto navigazione a vennero comando a ad soffio sapere si Locusta, che Di di vi due muore era inesperte sottratto stata te sanguinario battaglia tribuni, gioco? al altro la Lilibeo, che che toga, vizio? navi una i cartaginesi tunica e erano e non state interi I catturate rode e di trema sbaragliate. calore se
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/50.lat

[leona] - [2008-04-19 00:31:01]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!