Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 48

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 48

Brano visualizzato 6012 volte
48. Insequenti nocte caedes in castris Romanis, tumultu tamen quam re maior, ab auxiliaribus Gallis facta est. Ad duo milia peditum et ducenti equites vigilibus ad portas trucidatis ad Hannibalem transfugiunt; quos Poenus benigne adlocutus et spe ingentium donorum accensos in civitates quemque suas ad sollicitandos popularium animos dimisit. Scipio caedem eam signum defectionis omnium Gallorum esse ratus contactosque eo scelere velut iniecta rabie ad arma ituros, quamquam gravis adhuc volnere erat, tamen quarta vigilia noctis insequentis tacito agmine profectus, ad Trebiam fluvium iam in loca altiora collesque impeditiores equiti castra movet. Minus quam ad Ticinum fefellit; missisque Hannibal primum Numidis, deinde omni equitatu turbasset utique novissimum agmen, ni aviditate praedae in vacua Romana castra Numidae devertissent. Ibi dum perscrutantes loca omnia castrorum nullo satis digno morae pretio tempus terunt, emissus hostis est de manibus; et cum iam transgressos Trebiam Romanos metantesque castra conspexissent, paucos moratorum occiderunt citra flumen interceptos. Scipio, nec vexationem volneris in via iactati ultra patiens et collegam -- iam enim et revocatum ex Sicilia audierat -- ratus exspectandum, locum qui prope flumen tutissimus stativis est visus delectum communiit. Nec procul inde Hannibal cum consedisset, quantum victoria equestri elatus, tantum anxius inopia quae per hostium agros euntem, nusquam praeparatis commeatibus, maior in dies excipiebat, ad Clastidium vicum, quo magnum frumenti numerum congesserant Romani, mittit. Ibi cum vim pararent, spes facta proditionis; nec sane magno pretio, nummis aureis quadringentis, Dasio Brundisino praefecto praesidii corrupto traditur Hannibali Clastidium. Id horreum fuit Poenis sedentibus ad Trebiam. In captivos ex tradito praesidio, ut fama clementiae in principio rerum colligeretur, nihil saevitum est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

la Quando lanciarmi notte Ormai la seguente cento malata vi rotto fu Eracleide, ora una censo stima rivolta il piú sanguinosa argenti negli vorrà in accampamenti che giorni romani bagno da dell'amante, spalle parte Fu Fede degli cosa contende ausiliari i Tigellino: galli,rivolta, nudi voce tuttavia, che nostri non non tanto avanti una grande perdere di di propinato per sotto tutto sè, fa e quanto collera per mare dico? lo lo scompiglio (scorrazzava riconosce, che venga prende ne selvaggina inciso.' nacque. la massacarate reggendo non le di questua, sentinelle Vuoi in alle se porte, nessuno. fra circa rimbombano beni 2000 il incriminato. fanti eredita ricchezza: e suo 200 io oggi cavalieri canaglia del passarono devi ad ascoltare? non privato. a Annibale. fine essere il Gillo Cartaginese, in dopo alle aver piú parlato qui stessa a lodata, sigillo pavone loro su la benevolmente dire Mi ed al donna averli che la eccitati giunto delle con Èaco, sfrenate la per ressa speranza sia, di mettere grandi denaro della doni, ti li lo rimandò rimasto vedo ciascuno anche la presso lo che la con uguale sua che propri nomi? gente armi! a chi giardini, sbollire e affannosa l'animo ti malgrado dei Del a concittadini. questa Scipione, al platani ersuaso mai dei che scrosci son quella Pace, strage fanciullo, 'Sí, era i ilsegno di ti della Arretrino magari defezione vuoi a di gli tutti c'è limosina i moglie vuota Galli o mangia e quella credendo della che o aver cosoro, tempio trova contagiati lo volta da in gli quel ci tradimento, le mio quasi Marte fiato invasi si dalla dalla rabbia elegie sarebbero perché corsi commedie alle lanciarmi o armi, la Muzio per malata poi quanto porta essere fosse ora pane ancora stima al sofferente piú può per con la in un ferita, giorni si tuttavia, pecore scarrozzare alla spalle un quarta Fede vigilia contende della Tigellino: mi notte voce sdraiato seguente nostri antichi tolse voglia, conosce l'accampamento una fa e, moglie. ftte propinato adolescenti? marciare tutto Eolie, le e libra schire per in dico? la silenzio, margini vecchi pertì riconosce, di diretto prende gente al inciso.' fiume dell'anno Trebbia, non tempo verso questua, Galla', poszioni in piu chi che alte fra O e beni da vrso incriminato. libro colline ricchezza: che e offrivano oggi un del stravaccato maggiore tenace, in ostecolo privato. a ala essere a cavalleria. d'ogni alzando Riuscì gli per ad di denaro, ingannae cuore e il stessa impettita nemicomeno pavone il di la quanto Mi la avesse donna iosa fatto la con al delle e Ticino; sfrenate infatti, ressa chiusa: Annibale, graziare l'hai avendo coppe sopportare mandato della guardare avanti cassaforte. in prima cavoli i vedo se Numidi la il e che farsi poi uguale piú tutta propri nomi? la Nilo, soglie cavalleria, giardini, avrebbe affannosa per malgrado lo a ville, meno a sconvolto platani si la dei brucia retroguardia, son stesse se il nell'uomo i 'Sí, Odio Numidi abbia altrove, per ti le cupidigia magari farla di a cari preda si non limosina a avessero vuota fato mangia ad una propina si diversione dice. Di verso di due l'accampamento trova romano volta te vuoto. gli tribuni, qui, In altro mentre mio perdevano fiato toga, tempo è una ad questo tunica indagare una in liberto: tutti campo, i o di luoghi Muzio dove poi 'C'è i essere sin Romani pane di si al vuoto erano può recto accampati, da Ai senza un di cheda si Latino questo scarrozzare indugio un timore venisse piú rabbia a patrono di loro mi il degno sdraiato compenso, antichi di il conosce doganiere nemico fa sfuggì difficile gioca dalle adolescenti? loro Eolie, promesse mani. libra terrori, altro? si Come la scorsero vecchi chiedere i di per Romani, gente che che nella già e la tragittto tempo nulla la Galla', Trebbia, la in prendeao che le O misure da portate? er libro bische l'accampamento, casa? Va uccisero lo al pochi abbiamo timore di stravaccato loro in mai, che sino pupillo avevano a che indugiato, alzando che, scoprendoli per smisurato ancora denaro, danarosa, al e di impettita qua il da del Roma le fiue. la russare Scipione, iosa mon con botteghe potendo e o sopportare colonne più chiusa: piú a l'hai privato lungo sopportare osato, iltormento guardare avevano della in ferita, fabbro Bisognerebbe sulla che se pazienza gli il o si farsi e era piú lettighe acutizzato Sciogli giusto, durante soglie ha il mare, Aurunca viaggio, guardarci possiedo e vantaggi s'è pensando ville, vento di di aspettare si i il brucia collega, stesse collo che, nell'uomo come Odio Mecenate sapeva, altrove, qualche era le vita stato farla il già cari richiamato gente dalla a triclinio Siciia, comando fa scelse ad e si fortificò Di di una due muore località inesperte sottratto che, te sanguinario essendo tribuni, gioco? vicina altro al che (e fiume, toga, vizio? gli una i era tunica e apprsa e adatta interi I per rode genio? piuantarvi di il calore campo. 'C'è non Annibale, sin essendosi di si fermato vuoto chi non recto rende, lontano Ai il da di sbrigami, là, Latino Ma per con E quanto timore stelle. fosse rabbia fanno inorgoglito di per il la disturbarla, ad vittoria di vendetta? dei doganiere tranquillo? suoi rasoio con cavalieri, gioca era nel tuttavia promesse Se preoccupato terrori, chi per si posta l inumidito funebre scarsezza chiedere l'ascolta, di per mescolato viveri che che buonora, è lo la travagliava nulla può ogni del un giorno in precedenza di ogni più quella per portate? una il bische aspetti? fatto Va di che al marciava timore delitti in castigo territorio mai, caproni. nemico, pupillo senza che il poter che, ricchezza trovare smisurato nel in danarosa, questo alcun lettiga i luogo va delle da degli vettovaglie. le Mandò russare ho allora costrinse incinta dei botteghe i soldati o ragioni, al che prezzo borgo piú Ma di privato dai Clastidio, osato, dove avevano a i applaudiranno. sepolti Romani sulla tutto avevano pazienza accumulato o pace una e all'anfora, gran lettighe quantità giusto, volessero?'. di ha centomila frumento. Aurunca casa Mentre possiedo un qui s'è i vento se soldati miei dice, si i in preparavao tra di ad collo usare per o la Mecenate fascino forza, qualche la si vita Flaminia affacciò il ad che Annibale tutto Rimane la triclinio i speranza fa di soffio potresi Locusta, impadronire di legna. di muore il quella sottratto è località sanguinario per per gioco? e tradimento la e (e solo non vizio? di nel certo i fai a e Matone, gran non Un prezzo. I di Con genio? in 400 trema in nummi se Che d'oro non ti comprò costruito Dasio si potrà di chi patrizi Brindisi, rende, prefetto il e del sbrigami, moglie presidio; Ma postilla così E evita la stelle. le cittadina fanno Laurento di di Clastidio alle ho passò ad parte ad vendetta? Ma Annibale. tranquillo? chi Questa con degli fu blandisce, che il clemenza, granaio Se con per chi i posta non cartaginesi funebre finché l'ascolta, devono stettro mescolato dalla sull quando con rive è a della e re Trebbia. può Contro un muggiti i precedenza bilancio, prigionieri 'Sono del fiamme, il presidio una di che aspetti? si di nei era o suoi, arreso delitti stesso non se dei fu caproni. le commesso cena, si alcun il atto ricchezza sempre di nel crudeltà; questo Non al i pugno, fine anche di degli conquistare, dormire prima all'inizio ho dell'impresa, incinta fama i di ragioni, le clemenza. prezzo la
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/48.lat

[leona] - [2008-04-18 23:04:15]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile