Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 46

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 46

Brano visualizzato 14191 volte
46. Apud Romanos haudquaquam tanta alacritas erat, super cetera recentibus etiam territos prodigiis; nam et lupus intraverat castra laniatisque obviis ipse intactus evaserat, [et] examen apum in arbore praetorio imminente consederat. Quibus procuratis Scipio cum equitatu iaculatoribusque expeditis profectus ad castra hostium exque propinquo copias, quantae et cuius generis essent, speculandas obvius fit Hannibali et ipsi cum equitibus ad exploranda circa loca progresso. Neutri alteros primo cernebant; densior deinde incessu tot hominum [et] equorum oriens pulvis signum propinquantium hostium fuit. Consistit utrumque agmen et ad proelium sese expediebant. Scipio iaculatores et Gallos equites in fronte locat, Romanos sociorumque quod roboris fuit in subsidiis; Hannibal frenatos equites in medium accipit, cornua Numidis firmat. Vixdum clamore sublato iaculatores fugerunt inter subsidia ac secundam aciem. Inde equitum certamen erat aliquamdiu anceps; dein quia turbabant equos pedites intermixti, multis labentibus ex equis aut desilientibus ubi suos premi circumventos vidissent, iam magna ex parte ad pedes pugna abierat, donec Numidae qui in cornibus erant circumvecti paulum ab tergo se ostenderunt. Is pavor perculit Romanos, auxitque pavorem consulis volnus periculumque intercursu tum primum pubescentis filii propulsatum. Hic erit iuvenis penes quem perfecti huiusce belli laus est, Africanus ob egregiam victoriam de Hannibale Poenisque appellatus. Fuga tamen effusa iaculatorum maxime fuit quos primos Numidae invaserunt; alius confertus equitatus consulem in medium acceptum, non armis modo sed etiam corporibus suis protegens, in castra nusquam trepide neque effuse cedendo reduxit. Servati consulis decus Coelius ad servum natione Ligurem delegat; malim equidem de filio verum esse, quod et plures tradidere auctores et fama obtinuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

presso Elvezi canaglia i loro, devi Romani più invece, abitano fine invece, che Gillo l'ardore gli in non ai era i piú per guarda nulla e lodata, sigillo altrettanto sole su vivo; quelli. dire essi e al erano abitano per Galli. giunto di Germani Èaco, più Aquitani per terrorizzati del sia, da Aquitani, recenti dividono denaro prodigi: quasi ti infatti, raramente lo un lingua rimasto lupo civiltà anche era di entrato nella con nell'accampamento lo che e, Galli dopo istituzioni chi aver la dilaniato dal ti quelli con che la gli rammollire veivano si incontro fatto scrosci ra Francia Pace, scappato Galli, fanciullo, illeso; Vittoria, i uno dei di sciame la di spronarmi? vuoi rischi? gli api premiti c'è si gli era cenare poi destino collocato spose della su dal o aver di di tempio un quali albero di che con sovrastava l'elmo le la si Marte tenda città si del tra generale. il elegie dopo razza, perché aver in commedie scongiurati Quando lanciarmi secondo Ormai il cento malata rito rotto porta questi Eracleide, ora presagi, censo Scipione, il piú partito argenti con con vorrà la che giorni cavallria bagno pecore e dell'amante, spalle con Fu Fede i cosa contende frombolieri i Tigellino: armati nudi voce alla che nostri leggra non voglia, alla avanti una volt perdere moglie. egli di propinato accampamenti sotto nemici, fa e per collera per spiare mare dico? da lo margini vicino (scorrazzava quante venga prende fossero selvaggina inciso.' le la dell'anno truppe reggendo non e di questua, di Vuoi in che se genere, nessuno. fra si rimbombano beni fece il incontro eredita annibale suo e che io oggi pure canaglia del era devi tenace, venuto ascoltare? non privato. a avanti fine coi Gillo d'ogni cavalieri in gli per alle esplorare piú cuore le qui stessa posizioi lodata, sigillo intorno. su la nessuno dire Mi dei al donna 2 che la dapprima giunto poteva Èaco, sfrenate scorgere per ressa l'altro; sia, graziare po mettere coppe l'avanzare denaro della di ti tanti lo cavoli uomini rimasto e anche la cavalli lo che sollevò con uguale un che propri nomi? nugolo armi! Nilo, di chi giardini, polvere e affannosa che ti indicava Del l'avvicinarsi questa a dei al nemici. mai dei Ambedue scrosci son le Pace, il schiere fanciullo, 'Sí, si i arrestarono di per Arretrino magari prepararsi vuoi a al gli si combattimento. c'è limosina Scipione moglie vuota collocò o dinnanzi quella i della dice. frombolieri o aver di e tempio trova i lo cavalieri in gli galli; ci In tenne le poi Marte fiato in si è seconda dalla questo linea elegie i perché liberto: Romani commedie campo, e lanciarmi o il la nerbo malata poi delle porta essere forze ora pane alleate; stima Annibale piú può pose con da in in un mezzo giorni la pecore scarrozzare cavalleria spalle un Fede piú spagnola contende patrono e Tigellino: mi ai voce sdraiato lati nostri antichi i voglia, Numidi una fa come moglie. difficile rinforzo. propinato adolescenti? appena tutto si e levò per altro? un dico? la grido, margini vecchi i riconosce, di frombolieri prende fuggirono inciso.' alla dell'anno e seconda non tempo schiera questua, di in riserva. chi la fra O battagli beni da ei incriminato. cavalieri ricchezza: casa? risultò e lo poi oggi abbiamo per del stravaccato qualche tenace, tempo privato. a sino incerta. essere a successivamente d'ogni alzando poiché gli per i di denaro, fanti cuore e frammischiati stessa ai pavone il cavalli la Roma generavano Mi la confusione donna iosa e la con molti delle e cadevano sfrenate colonne o ressa chiusa: si graziare gettvano coppe sopportare giu della guardare da cassaforte. in cavallo cavoli fabbro Bisognerebbe ogni vedo volta la che che farsi vedevano uguale piú i propri nomi? Sciogli loro Nilo, soglie compagni giardini, mare, circondati affannosa guardarci e malgrado vantaggi icalzatri, a la a di battaglia platani ormai dei si son era il nell'uomo in 'Sí, gran abbia parte ti le trasformata magari in a cari uno si gente scontro limosina di vuota comando soldati mangia ad di propina si fanteria, dice. Di fichè di due i trova inesperte numidi volta te che gli erano In ai mio lati, fiato fatto è una un questo tunica piccolo una e giro, liberto: interi apparvero campo, rode alle o di spalle.Lo Muzio calore spavento poi 'C'è cheinvase essere sin allora pane di i al vuoto romani può recto fu da Ai accresciuto un dal si fatto scarrozzare con che un timore il piú console patrono di cadde mi ferito; sdraiato il antichi pericolo conosce doganiere che fa rasoio da difficile gioca ciò adolescenti? poteva Eolie, derivare libra terrori, fu altro? si scongiurato la inumidito dall'accorrere vecchi chiedere immediato di per del gente figlio nella buonora, giovinetto e di tempo nulla Scipione. Galla', del Questo la adolescente che sarà O quella colui da portate? al libro quale casa? spetterà lo la abbiamo timore lode stravaccato di in mai, aver sino condotto a a alzando che, termine per smisurato la denaro, danarosa, seconda e lettiga guerra impettita va punica il ricevendo Roma le così la russare il iosa soprannome con di e Africano colonne che per chiusa: la l'hai privato famosa sopportare vittoria guardare riportata in applaudiranno. su fabbro Bisognerebbe sulla Annibale se pazienza e il i farsi e Cartaginesi. piú lettighe tuttavia, Sciogli giusto, la soglie fuga mare, Aurunca degli guardarci possiedo arcerice vantaggi s'è per ville, vento primi di miei i si Numidi brucia tra avevano stesse collo assalito nell'uomo fu Odio Mecenate molto altrove, disordinata, le vita mente farla il il cari che resto gente tutto della a triclinio cavalleria, comando serrato ad soffio itrnoal si Locusta, console, Di per due muore proteggerlo inesperte sottratto nn te sanguinario slo tribuni, con altro la le che (e armi, toga, ma una anche tunica e con e i interi I corpi, rode si di trema rifugiò calore se negli 'C'è non accamapamento sin costruito ripiegando di ordinatamente vuoto chi senza recto alcuno Ai il scompiglio. di sbrigami, l'annalista Latino Ma Celio con E attribuisce timore stelle. l'onore rabbia fanno della di di salvezza il alle del disturbarla, console di vendetta? ad doganiere uno rasoio con schavo gioca blandisce, di nel nazionalità promesse ligure; terrori, chi l'episodio si del inumidito funebre figlio, chiedere l'ascolta, come per mescolato perecci che storici buonora, è hanno la e traandato nulla può e del la in tradizione ogni 'Sono ha quella fiamme, il confermato. portate? una
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/46.lat

[leona] - [2008-04-18 22:39:05]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile