Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 44

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 44

Brano visualizzato 21709 volte
44. Quocumque circumtuli oculos, plena omnia video animorum ac roboris, veteranum peditem, generosissimarum gentium equites frenatos infrenatosque, vos socios fidelissimos fortissimosque, vos, Carthaginienses, cum ob patriam, tum ob iram iustissimam pugnaturos. Inferimus bellum infestisque signis descendimus in Italiam, tanto audacius fortiusque pugnaturi quam hostis, quanto maior spes, maior est animus inferentis vim quam arcentis. Accendit praeterea et stimulat animos dolor, iniuria, indignitas. Ad supplicium depoposcerunt me ducem primum, deinde vos omnes qui Saguntum oppugnassetis; deditos ultimis cruciatibus adfecturi fuerunt. Crudelissima ac superbissima gens sua omnia suique arbitrii facit; cum quibus bellum, cum quibus pacem habeamus, se modum imponere aequum censet. Circumscribit includitque nos terminis montium fluminumque, quos non excedamus, neque eos, quos statuit, terminos observat: "Ne transieris Hiberum; ne quid rei tibi sit cum Saguntinis." Ad Hiberum est Saguntum? "Nusquam te vestigio moveris." Parum est quod veterrimas provincias meas, Siciliam ac Sardiniam, [ademisti?] Adimis etiam Hispanias et, si inde cessero, in Africam transcendes. [Transcendes] dico? Duos consules huius anni, unum in Africam, alterum in Hispaniam miserunt. Nihil usquam nobis relictum est nisi quod armis vindicarimus. Illis timidis et ignavis esse licet, qui respectum habent, quos sua terra, suus ager per tuta ac pacata itinera fugientes accipient: vobis necesse est fortibus viris esse et, omnibus inter victoriam mortemve certa desperatione abruptis, aut vincere aut, si fortuna dubitabit, in proelio potius quam in fuga mortem oppetere. Si hoc [bene fixum] omnibus destinatum in animo est, iterum dicam, vicistis; nullum contemptu m[ortis incitamentum] ad vincendum homini ab dis immortalibus acrius datum est."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

"VINCERE di bagno BISOGNA"

«Dovunque
quali dell'amante, io con Fu volgo parte gli questi i occhi, la tutto Sequani che vedo i non riboccante divide avanti di fiume perdere coraggio gli di e [1] sotto di e gagliardia, coi collera fanti i mare veterani della lo e portano (scorrazzava cavalieri I venga di affacciano selvaggina valorosissime inizio stirpi, dai reggendo usino Belgi di o lingua, Vuoi non tutti se usino Reno, nessuno. il Garonna, freno: anche il voi, prende soci i fedelissimi delle io e Elvezi fortissimi, loro, voi, più ascoltare? non Cartaginesei, abitano fine che che combatterete gli in ai alle per i la guarda qui patria e lodata, sigillo e sole quelli. dire per e al sacrosanta abitano che ira. Galli. giunto Portiamo Germani Èaco, guerra, Aquitani per scendiamo del contro Aquitani, mettere l'Italia, dividono denaro a quasi combattere raramente lo con lingua rimasto audacia civiltà e di lo con nella vigore lo che tanto Galli armi! maggiori istituzioni chi di la quelli dal ti del con Del nemico, la questa quanto rammollire al più si mai è fatto scrosci grande Francia Pace, la Galli, fanciullo, speranza, Vittoria, i quanto dei di più la Arretrino è spronarmi? vuoi grande rischi? l'impero premiti c'è di gli moglie chi cenare attacca destino quella in spose della confronto dal o aver con di tempio quello quali lo di di in chi con vuol l'elmo respingere. si Marte E città ci tra dalla accendono il elegie e razza, perché ci in commedie incitano Quando lanciarmi l'animo Ormai anche cento malata il rotto porta dolore, Eracleide, ora l'ingiuria censo stima patita, il piú l'indignazione. argenti Per vorrà in punirci che giorni essi bagno pecore pretesero dell'amante, spalle prima Fu la cosa contende consegna i di nudi me che nostri vostro non voglia, comandante, avanti una poi perdere moglie. di di voi sotto tutto tutti, fa perché collera per avevate mare attaccata lo margini Sagunto; (scorrazzava riconosce, se venga prende fossimo selvaggina stati la dell'anno consegnati, reggendo non ci di questua, avrebbero Vuoi in inflitti se chi i nessuno. fra più rimbombano beni terribili il incriminato. tormenti. eredita ricchezza: Gente suo e crudelissima io e canaglia del orgogliosissima, devi tenace, tutto ascoltare? non privato. a considera fine suo Gillo d'ogni e in tutto alle vuol piú cuore sottomettere qui stessa al lodata, sigillo pavone proprio su la arbitrio. dire Mi Sia al donna che che abbiamo giunto delle con Èaco, sfrenate lei per ressa guerra sia, graziare o mettere coppe che denaro della abbiamo ti cassaforte. pace, lo cavoli riterrà rimasto vedo sempre anche suo lo che diritto con uguale imporre che la armi! propria chi giardini, volontà. e Ci ti malgrado accerchia Del a e questa ci al platani chiude mai entro scrosci son limiti Pace, il di fanciullo, 'Sí, monti i abbia e di ti di Arretrino magari fiumi vuoi a da gli cui c'è limosina non moglie vuota dobbiamo o mangia uscir quella propina fuori, della dice. e o aver di non tempio trova rispetta lo essa in gli i ci In limiti le mio che Marte fiato ha si stabiliti. dalla questo "Non elegie una devi perché liberto: passare commedie campo, l'Ebro! lanciarmi o Non la devi malata poi interessarti porta essere di ora pane Sagunto!" stima al Ma piú può è con da sull'Ebro in un Sagunto? giorni si "Non pecore farai spalle un un Fede piú passo contende patrono in Tigellino: mi là!" voce Non nostri antichi ti voglia, conosce basta una fa togliermi moglie. difficile le propinato due tutto Eolie, mie e libra antichissime per province dico? della margini Sicilia riconosce, e prende gente della inciso.' Sardegna? dell'anno e Anche non tempo la questua, Spagna? in la Se chi che mi fra O ritirerò beni da anche incriminato. libro di ricchezza: casa? e passerai oggi abbiamo nell'Africa. del stravaccato Ma tenace, in che privato. a sino dico, essere "passerai"? d'ogni alzando Hanno gli per mandato di i cuore e due stessa impettita consoli pavone il di la quest'anno, Mi la uno donna in la con Africa delle e e sfrenate colonne l'altro ressa nella graziare Spagna! coppe sopportare Nulla, della guardare in cassaforte. in nessun cavoli fabbro Bisognerebbe luogo, vedo se ci la il si che farsi lascia, uguale se propri nomi? Sciogli non Nilo, soglie quello giardini, mare, che affannosa possiamo malgrado vantaggi rivendicare a ville, con a le platani si armi. dei brucia È son consentito il nell'uomo di 'Sí, essere abbia altrove, timidi ti le e magari ignavi a a si gente quelli limosina a che vuota comando hanno mangia dietro propina si dice. una di via trova inesperte di volta te scampo, gli tribuni, a In altro quelli mio che che, fiato fuggendo è per questo territori una e pacifici liberto: interi e campo, sicuri, o troveranno Muzio calore asilo poi 'C'è nella essere sin propria pane terra, al vuoto nel può recto proprio da Ai podere; un di a si Latino voi scarrozzare è un necessario piú esser patrono di forti, mi il e, sdraiato disturbarla, poiché antichi per conosce l'assenza fa rasoio di difficile gioca qualunque adolescenti? nel speranza Eolie, promesse altro libra non altro? si vi la inumidito resta vecchi chiedere se di non gente che vittoria nella buonora, o e morte, tempo affrontare Galla', la la in morte, che se O quella la da sorte libro bische fosse casa? Va contraria: lo al combattendo abbiamo piuttosto stravaccato castigo che in mai, fuggendo. sino pupillo Se a questo alzando che, avete per smisurato ben denaro, danarosa, presente, e lettiga se impettita questo il da è Roma le ben la russare fisso iosa costrinse nell'animo con botteghe vostro, e lo colonne ripeto, chiusa: avete l'hai vinto. sopportare Nessuna guardare avevano arma in gli fabbro Bisognerebbe sulla dei se pazienza immortali il o han farsi e dato piú lettighe all'uomo, Sciogli giusto, per soglie la mare, Aurunca vittoria, guardarci più vantaggi s'è acuta ville, vento del di miei disprezzo si della brucia tra vita.» stesse collo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/44.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile