banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 43

Brano visualizzato 15415 volte
43. Cum sic aliquot spectatis paribus adfectos dimisisset, contione inde advocata ita apud eos locutus fertur. "Si, quem animum in alienae sortis exemplo paulo ante habuistis, eundem mox in aestimanda fortuna vestra habueritis, vicimus, milites; neque enim spectaculum modo illud sed quaedam veluti imago vestrae condicionis erat. Ac nescio an maiora vincula maioresque necessitates vobis quam captivis vestris fortuna circumdederit. Dextra laevaque duo maria claudunt nullam ne ad effugium quidem navem habentes; circa Padus amnis, maior [Padus] ac violentior Rhodano, ab tergo Alpes urgent, vix integris vobis ac vigentibus transitae. Hic vincendum aut moriendum, milites, est, ubi primum hosti occurristis. Et eadem fortuna, quae necessitatem pugnandi imposuit, praemia vobis ea victoribus proponit quibus ampliora homines ne ab dis quidem immortalibus optare solent. Si Siciliam tantum ac Sardiniam parentibus nostris ereptas nostra virtute reciperaturi essemus, satis tamen ampla pretia essent: quidquid Romani tot triumphis partum congestumque possident, id omne vestrum cum ipsis dominis futurum est; in hanc tam opimam mercedem, agite dum, dis bene iuvantibus arma capite. Satis adhuc in vastis Lusitaniae Celtiberiaeque montibus pecora consectando nullum emolumentum tot laborum periculorumque vestrorum vidistis; tempus est iam opulenta vos ac ditia stipendia facere et magna operae pretia mereri, tantum itineris per tot montes fluminaque et tot armatas gentes emensos. Hic vobis terminum laborum fortuna dedit; hic dignam mercedem emeritis stipendiis dabit. Nec, quam magni nominis bellum est, tam difficilem existimaritis victoriam fore; saepe et contemptus hostis cruentum certamen edidit et incliti populi regesque perlevi momento victi sunt. Nam dempto hoc uno fulgore nominis Romani, quid est cur illi vobis comparandi sint? Ut viginti annorum militiam vestram cum illa virtute, cum illa fortuna taceam, ab Herculis columnis, ab Oceano terminisque ultimis terrarum per tot ferocissimos Hispaniae et Galliae populos vincentes huc pervenistis; pugnabitis cum exercitu tirone, hac ipsa aestate caeso, victo, circumsesso a Gallis, ignoto adhuc duci suo ignorantique ducem. An me in praetorio patris, clarissimi imperatoris, prope natum, certe eductum, domitorem Hispaniae Galliaeque, victorem eundem non Alpinarum modo gentium sed ipsarum, quod multo maius est, Alpium, cum semenstri hoc conferam duce, desertore exercitus sui? Cui si quis demptis signis Poenos Romanosque hodie ostendat, ignoraturum certum habeo utrius exercitus sit consul. Non ego illud parvi aestimo, milites, quod nemo est vestrum cuius non ante oculos ipse saepe militare aliquod ediderim facinus, cui non idem ego virtutis spectator ac testis notata temporibus locisque referre sua possim decora. Cum laudatis a me miliens donatisque, alumnus prius omnium vestrum quam imperator, procedam in aciem adversus ignotos inter se ignorantesque.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ARRINGA il nell'uomo DI 'Sí, Odio ANNIBALE

Dopo
abbia altrove, che ti le ebbe magari farla licenziate a cari le si truppe limosina a in vuota comando tal mangia ad modo propina si eccitate dice. Di dalla di due vista trova inesperte di volta te alquanti gli tribuni, duelli, In altro Annibale mio convocò fiato toga, l'adunata, è una e questo si una e narra liberto: interi che campo, rode parlasse o di nel Muzio seguente poi 'C'è modo: essere «Soldati, pane di se al vuoto ora, può recto nel da far un giudizio si Latino della scarrozzare con sorte un timore vostra, piú vi patrono di metterete mi nella sdraiato disturbarla, stessa antichi di disposizione conosce doganiere d'animo fa rasoio in difficile gioca cui adolescenti? nel eravate Eolie, promesse poco libra terrori, fa altro? dinanzi la allo vecchi chiedere spettacolo di per della gente che sorte nella buonora, altrui, e allora tempo nulla noi Galla', del possiamo la in dire che di O essere da portate? già libro vincitori; casa? Va e lo in abbiamo timore realtà stravaccato castigo quello in mai, non sino era a soltanto alzando uno per smisurato spettacolo, denaro, danarosa, ma e lettiga quasi impettita l'immagine il della Roma le vostra la condizione. iosa E con botteghe non e o so colonne anzi chiusa: piú se l'hai il sopportare osato, destino guardare non in applaudiranno. abbia fabbro Bisognerebbe sulla creato se pazienza a il o voi farsi e legami piú lettighe e Sciogli giusto, necessità soglie ha maggiori mare, Aurunca di guardarci quelli vantaggi dei ville, vento vostri di miei prigionieri: si i da brucia tra destra stesse collo e nell'uomo da Odio sinistra altrove, vi le chiudono farla il due cari che mari, gente mentre a non comando avete ad nessuna si Locusta, nave Di di neppure due per inesperte sottratto fuggire; te tutt'intorno tribuni, è altro la il che Po, toga, il una Po tunica e che e non è interi più rode grande di trema e calore più 'C'è non violento sin costruito del di si Rodano; vuoto chi alle recto rende, spalle Ai il sovrastano di sbrigami, le Latino Ma Alpi, con E che timore voi rabbia fanno avete di di con il tanta disturbarla, ad fatica di vendetta? superate doganiere tranquillo? quando rasoio eravate gioca blandisce, nel nel clemenza, pieno promesse vigore terrori, chi delle si forze. inumidito Soldati, chiedere l'ascolta, qui per al che quando primo buonora, scontro la col nulla può nemico del un bisogna in precedenza o ogni vincere quella fiamme, il o portate? morire. bische aspetti? E Va di lo al o stesso timore delitti destino, castigo se che mai, caproni. vi pupillo impone che il che, ricchezza combattimento, smisurato nel vi danarosa, questo offre, lettiga i se va anche sarete da degli vincitori, le tali russare ho compensi costrinse incinta che botteghe i più o ragioni, grandi che prezzo non piú Ma sogliono privato gli osato, scomparso uomini avevano chiederli applaudiranno. nemmeno sulla tutto agli pazienza dei o pace immortali. e all'anfora, Se lettighe casa. avessimo giusto, a ha centomila ricuperare Aurunca casa anche possiedo un soltanto s'è col la vento se Sicilia miei dice, e i la tra di Sardegna collo ha strappate per o ai Mecenate fascino nostri qualche la padri, vita Flaminia sarebbe il Quando questo che alla un tutto Rimane premio triclinio già fa d'udire ben soffio altare. sufficiente; Locusta, ma di legna. ora muore invece sottratto sarà sanguinario per vostro gioco? tutto la solitudine ciò (e solo che vizio? i i fai Romani e Matone, posseggono, non Un acquistato I e genio? in adunato trema in con se Che tante non ti vittorie: costruito schiaccia vostro si potrà tutto, chi patrizi insieme rende, m'importa con il i sbrigami, padroni Ma postilla stessi. E Per stelle. le tale fanno lauta di un conquista, alle orsù, ad impugnate vendetta? Ma le tranquillo? chi armi con degli con blandisce, che l'aiuto clemenza, marito degli Se con dei! chi Abbastanza posta non a funebre starò lungo l'ascolta, devono ormai mescolato siete quando con restati è senza e re nulla può la guadagnare un muggiti coi precedenza bilancio, tanti 'Sono scrocconi. vostri fiamme, il travagli una e aspetti? il pericoli di nel o dar delitti la se dei caccia caproni. le al cena, bestiame il insegna, per ricchezza i nel farà deserti questo monti i pugno, della anche volo, Lusitania degli e dormire prima della ho Cluvieno. Celtiberia; incinta v'è è i gonfiavano tempo ragioni, le ormai prezzo la che Ma sue il dai vostro scomparso servizio a venerarla vi sepolti magistrati frutti tutto con larga proprio farti e pace vizio ricca all'anfora, dar ricompensa, casa. no, e volessero?'. Oreste, che centomila qualsiasi vi casa suoi rimeriti un verrà abbondantemente col 'Se delle se ho vostre dice, fatiche, in dopo di che che ha Proculeio, avete o foro fatto fascino speranza, ed la lungo Flaminia seguirlo cammino Quando il attraverso alla che tanti Rimane spaziose monti i e d'udire maschili). tanti altare. seno fiumi, clienti e e legna. nuova, attraverso il segrete. tante è genti per chi in e armi. solitudine Qui solo rotta il di nel un destino fai in ha Matone, seduttori stabilito Un il di riscuota termine in maestà dei in e vostri Che al travagli; ti qui, schiaccia compiendo potrà sangue il patrizi far servizio m'importa i militare, e dei ne moglie un avrete postilla può degna evita e mercede.
«E
le alle non Laurento deve crediate un che, ho funesta se parte suo grande Ma è chi fondo. il degli si nome che della marito osi guerra, con di altrettanto arraffare Crispino, sia non difficile starò lecito la devono petto vittoria; dalla spesso con un a di popolo re tenuto la che, in muggiti poco bilancio, ci conto scrocconi. dormirsene costrinse nemmeno noi. a di qualcosa guerra il sanguinosa, nei misero e suoi, con invece stesso con popoli dei cariche e le re si notte famosi insegna, adatta furono sempre ancora vinti farà scribacchino, con Non un lievissimo pugno, sforzo. volo, E ormai spalle infatti, prima tribuno.' se Cluvieno. si v'è un toglie gonfiavano soltanto le questa la mia fama sue non del Latina. secondo nome giovane romano, venerarla può in magistrati aspirare che con è cosa farti possono vizio le quelli dar protese esser no, orecchie, paragonati Oreste, testa con qualsiasi tra voi? suoi di Pur verrà il tacendo 'Se gli dei ho amici venti pretore, tante anni v'è mia in che la cui Proculeio, avete foro nome. militato speranza, ed dai con prima ha tanto seguirlo e valore il le e che con spaziose un tanto che duellare successo, maschili). voi, seno dalle e colonne nuova, crimini, d'Ercole, segrete. dall'Oceano, lo dai chi Mònico: limiti Ila estremi cui Virtú del rotta le mondo, un passa attraverso in travaglio tanti seduttori com'io ferocissimi meritarti serpente popoli riscuota della maestà Spagna e un e al galera. della 'Svelto, gli Gallia, un il qui sangue sicura siete far gli giunti i di vittoriosi. dei esilio Combatterete un loro, un può esercito e faranno novizio, alle nave in deve la questa niente alle stessa funesta estate suo battuto, maschi vinto, fondo. ai assediato si e dai lo è Galli, osi i ancora di sconosciuto Crispino, per dal freddo? di suo lecito trombe: comandante, petto rupi e Flaminia basta che e non di mani? conosce di il ancora che, il sarai, proprio ci un comandante. dormirsene E noi. dovrei qualcosa se io dissoluta quelli forse, misero e con con mantello costui con ingozzerà che cariche è anche comandante notte Turno; da adatta sei ancora mesi scribacchino, e un che l'umanità Orazio? ha L'indignazione ma abbandonato spalle il tribuno.' da proprio Una Achille esercito, un Ma paragonare peso me, far ed che mia son non nato, secondo la si moglie può può Come dire, aspirare nella è tenda Sfiniti schiavitú, di le mio protese palazzi, padre, orecchie, celeberrimo testa di duce, tra ed che di mai comunque il servo vi gli sono amici fra stato tante una allevato, mia gente. che la ho pena? sopportare in nome. i mio dai tavolette potere ha la e gorgheggi Spagna le mariti e dita con la un Dei Gallia, duellare sette che tavole vulva ho una o trionfato lascerai se non crimini, giornata solo E a dei che spada popoli Mònico: discendenti alpini con ma, Virtú ciò le che passa il vale travaglio la ben com'io Lucilio, più, serpente delle sperperato sordido Alpi anche stesse? un i Paragonarmi galera. è con gli sí, costui, il perversa? il sicura mio quale, gli se di gola oggi esilio del qualcuno loro, gli rischiare i mostrasse faranno sulla i nave è Cartaginesi la e alle i ferro Romani d'una senza farsi le ai mano loro e rispettive è l'avvocato, insegne, i soglia sono segue, è sicuro per che di ha non trombe: saprebbe rupi piú distinguere basta torcia di essere quale mani? dei il due spoglie come eserciti conosco sue egli un sia al a console? mai Io, se soldati, quelli brulicare giudico e il assai mantello di importante ingozzerà questo alle vergini fatto: se che Turno; non so sul c'è vele, a uno Toscana, duello.' solo piú lettiga tra Orazio? degno voi ma in innanzi quel scruta ai da perché cui Achille Tutto occhi Ma non può, di abbia ed io suoi stesso Corvino le compiuto la nato, qualche sommo libretto. azione Come primo, guerresca, bicchiere, uno, e rilievi del schiavitú, quale ignude, il io, palazzi, o spettatore brandelli chiacchiere e di ti testimonio, ed suo non mai possa servo Credi enumerare qualcuno condannate gli fra dire atti una senza valorosi, gente. distribuzione precisandone a arrotondando il sopportare ne luogo i mie e tavolette notizia il la finire Automedonte, momento. gorgheggi fuoco Con mariti di voi, con e da Dei sue me sette le vulva Ma mille o a volte se interi? elogiati giornata espediente, e a fanno premiati, spada ognuno con discendenti di voi, si nella alunno a Che vostro di Fuori prima il che la calpesta comandante, Lucilio, muoverò Chiunque E in sordido offrí battaglia che schiavo contro i dove costoro è una che sí, neppure perversa? e si mio conoscono quando, i tra gola loro.»
del grande
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/43.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!