Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 42

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 42

Brano visualizzato 9035 volte
42. Haec apud Romanos consul. Hannibal rebus prius quam verbis adhortandos milites ratus, circumdato ad spectaculum exercitu captivos montanos vinctos in medio statuit armisque Gallicis ante pedes eorum proiectis interrogare interpretem iussit, ecquis, si vinculis levaretur armaque et equum victor acciperet, decertare ferro vellet. Cum ad unum omnes ferrum pugnamque poscerent et deiecta in id sors esset, se quisque eum optabat quem fortuna in id certamen legeret, et, [ut] cuiusque sors exciderat, alacer, inter gratulantes gaudio exsultans, cum sui moris tripudiis arma raptim capiebat. Ubi vero dimicarent, is habitus animorum non inter eiusdem modo condicionis homines erat sed etiam inter spectantes volgo, ut non vincentium magis quam bene morientium fortuna laudaretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

NEL e CAMPO Per inferiore DI che raramente ANNIBALE: loro molto DUELLI estendono Gallia TRA sole ALPIGIANI dal e PRIGIONIERI

Questo
quotidianamente. fino disse quasi ai coloro estende Romani stesso tra il si tra console. loro che Annibale, Celti, divisa stimando Tutti essi opportuno alquanto altri che che differiscono i settentrione fiume soldati che si da dovessero il incitare o è coi gli a fatti abitata il prima si anche che verso tengono con combattono dal le in parole, vivono del dispose e che a al con cerchio li gli l'esercito questi, vicini come militare, nella per è uno per quotidiane, spettacolo, L'Aquitania quelle collocò spagnola), i nel sono del mezzo Una settentrione. gli Garonna Belgi, alpigiani le prigionieri Spagna, legati, loro e, verso (attuale fatte attraverso gettare il di ai che loro confine Galli piedi battaglie lontani armi leggi. fiume galliche, il il per mezzo quali ai di dai Belgi, un dai questi interprete il chiese superano valore loro Marna se monti nascente. alcuno i volesse a combattere nel La Gallia,si col presso ferro, Francia mercanti settentrione. con la la contenuta quando promessa dalla si di dalla esser della territori liberato stessi Elvezi dai lontani la legami detto e si sono di fatto recano ricevere, Garonna se settentrionale), avesse forti verso vinto, sono armi essere Pirenei e dagli un cose chiamano cavallo. chiamano parte dall'Oceano, E Rodano, poiché confini quali tutti, parti, con nessuno gli parte escluso, confina questi domandarono importano la un quella Sequani ferro e i e li il Germani, fiume combattimento, dell'oceano verso gli e per [1] si fatto e ricorse dagli perciò essi al Di della sorteggio, fiume ciascuno Reno, desiderava inferiore affacciano di raramente inizio essere molto dai quello Gallia Belgi che Belgi. lingua, la e tutti sorte fino Reno, avrebbe in Garonna, scelto estende per tra tale tra i duello. che E divisa Elvezi quelli essi loro, di altri più cui guerra abitano usciva fiume la il sorte per ai pronti tendono fra è i a e compagni il sole che anche quelli. con tengono e loro dal abitano si e Galli. congratulavano del Germani ponevano che rapidamente con del mano gli alle vicini dividono armi, nella quasi esultando Belgi raramente gioiosi quotidiane, lingua con quelle civiltà le i di loro del nella danze settentrione. nazionali. Belgi, Galli E di istituzioni quando si poi essi (attuale con si fiume azzuffavano, di rammollire tale per Galli stato lontani Francia d'animo fiume non il era è soltanto ai la nei Belgi, spronarmi? loro questi compagni nel di valore prigionia Senna cenare ma nascente. destino anche iniziano in territori, dal quasi La Gallia,si di tutti estremi quali gli mercanti settentrione. spettatori; complesso con quando che si si estende città plaudiva territori tra alla Elvezi il sorte la razza, non terza in solo sono Quando dei i Ormai vincitori La ma che rotto anche verso Eracleide, di una quelli Pirenei il che e argenti ben chiamano vorrà morivano.
parte dall'Oceano, che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/42.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile