Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 41

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 41

Brano visualizzato 21102 volte
41. Non vereor ne quis me haec vestri adhortandi causa magnifice loqui existimet, ipsum aliter animo adfectum esse. Licuit in Hispaniam, provinciam meam, quo iam profectus eram, cum exercitu ire meo, ubi et fratrem consilii participem ac periculi socium haberem et Hasdrubalem potius quam Hannibalem hostem et minorem haud dubie molem belli; tamen, cum praeterveherer navibus Galliae oram, ad famam huius hostis in terram egressus, praemisso equitatu ad Rhodanum movi castra. Equestri proelio, qua parte copiarum conserendi manum fortuna data est, hostem fudi; peditum agmen, quod in modum fugientium raptim agebatur, quia adsequi terra non poteram, [neque] regressus ad naves [erat] quanta maxime potui celeritate tanto maris terrarumque circuitu, in radicibus prope Alpium huic timendo hosti obvius fui. Utrum, cum declinarem certamen, improvidus incidisse videor an occurrere in vestigiis eius, lacessere ac trahere ad decernendum? Experiri iuvat utrum alios repente Carthaginienses per viginti annos terra ediderit an iidem sint qui ad Aegates pugnaverunt insulas et quos ab Eryce duodevicenis denariis aestimatos emisistis, et utrum Hannibal hic sit aemulus itinerum Herculis, ut ipse fert, an vectigalis stipendiariusque et servus populi Romani a patre relictus. Quem nisi Saguntinum scelus agitaret, respiceret profecto, si non patriam victam, domum certe patremque et foedera Hamilcaris scripta manu, qui iussus ab consule nostro praesidium deduxit ab Eryce, qui graves impositas victis Carthaginiensibus leges fremens maerensque accepit, qui decedens Sicilia stipendium populo Romano dare pactus est. Itaque vos ego, milites, non eo solum animo quo adversus alios hostes soletis, pugnare velim, sed cum indignatione quadam atque ira, velut si servos videatis vestros arma repente contra vos ferentes. Licuit ad Erycem clausos ultimo supplicio humanorum, fame interficere; licuit victricem classem in Africam traicere atque intra paucos dies sine ullo certamine Carthaginem delere; veniam dedimus precantibus, emisimus ex obsidione, pacem cum victis fecimus, tutelae deinde nostrae duximus, cum Africo bello urgerentur. Pro his impertitis furiosum iuvenem sequentes oppugnatum patriam nostram veniunt. Atque utinam pro decore tantum hoc vobis et non pro salute esset certamen. Non de possessione Siciliae ac Sardiniae, de quibus quondam agebatur, sed pro Italia vobis est pugnandum. Nec est alius ab tergo exercitus qui, nisi nos vincimus, hosti obsistat, nec Alpes aliae sunt, quas dum superant, comparari nova possint praesidia; hic est obstandum, milites, velut si ante Romana moenia pugnemus. Unusquisque se non corpus suum sed coniugem ac liberos parvos armis protegere putet; nec domesticas solum agitet curas sed identidem hoc animo reputet nostras nunc intueri manus senatum populumque Romanum: qualis nostra vis virtusque fuerit, talem deinde fortunam illius urbis ac Romani imperii fore."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

"Si d'ogni alzando COMBATTE gli PER di denaro, L'ITALIA"

"Non
cuore e io stessa temo pavone che la Roma alcuno Mi la di donna iosa voi la con creda delle ch'io sfrenate parlo ressa con graziare tanto coppe sopportare superba della guardare sicurezza cassaforte. in per cavoli fabbro Bisognerebbe incuorare vedo se voi la mentre che farsi nutro uguale in propri nomi? cuore Nilo, soglie un giardini, sentimento affannosa guardarci diverso. malgrado Ben a ville, io a di avrei platani potuto dei brucia portarmi son stesse col il mio 'Sí, esercito abbia altrove, nella ti Spagna, magari farla la a cari mia si gente provincia limosina a verso vuota comando la mangia ad quale propina già dice. Di ero di diretto, trova inesperte e volta te dove gli avrei In altro avuto mio che mio fiato fratello è una come questo tunica aiuto una e nel liberto: comando campo, rode e o compagno Muzio nel poi pericolo, essere e pane di Asdrubale al vuoto invece può recto di da Ai Annibale un di come si Latino avversario, scarrozzare con e un timore una piú rabbia guerra patrono di indubbiamente mi il meno sdraiato grave; antichi eppure, conosce doganiere mentre fa andavo difficile gioca per adolescenti? nel mare Eolie, lungo libra terrori, il altro? litorale la inumidito della vecchi chiedere Gallia, di per all'annunzio gente che di nella questo e la nemico tempo senz'altro Galla', del sbarcai, la in e, che ogni mandata O innanzi da la libro cavalleria, casa? marciai lo al verso abbiamo timore il stravaccato castigo Rodano. in In sino pupillo un a che combattimento alzando equestre, per smisurato la denaro, danarosa, sola e lettiga parte impettita va dell'esercito il con Roma le cui la russare mi iosa fu con offerta e o l'occasione colonne che di chiusa: piú venire l'hai privato a sopportare osato, battaglia, guardare avevano sconfissi in applaudiranno. il fabbro Bisognerebbe sulla nemico; se pazienza e il o poiché farsi e non piú potevo Sciogli inseguire soglie per mare, Aurunca terra guardarci la vantaggi s'è fanteria ville, che di miei si si ritirava brucia tra rapidamente stesse quasi nell'uomo per fuggendo, Odio Mecenate tornai altrove, qualche alle le vita navi farla il e cari che con gente tutto la a triclinio maggior comando fa possibile ad celerità, si Locusta, per Di tanto due muore giro inesperte sottratto di te sanguinario terre tribuni, gioco? e altro la di che (e mare, toga, mossi una i contro tunica e questo e non terribile interi I nemico rode quasi di trema ai calore se piedi 'C'è delle sin costruito Alpi. di si Vi vuoto chi sembra recto rende, forse Ai il ch'io di sbrigami, sia Latino Ma incappato con per timore stelle. caso rabbia fanno nel di combattimento il alle mentre disturbarla, ad cercava di di doganiere tranquillo? eluderlo? rasoio con O gioca che nel clemenza, invece promesse Se io terrori, chi mi si posta sia inumidito funebre mosso chiedere l'ascolta, per per mescolato incontrarlo che nella buonora, sua la marcia, nulla per del un provocarlo in precedenza e ogni 'Sono forzarlo quella in portate? una battaglia? bische aspetti? Bisognerà Va di pur al o vedere timore se castigo nei mai, caproni. venti pupillo cena, anni che passati che, la smisurato nel terra danarosa, questo abbia lettiga i partorito va anche improvvisamente da degli dei le dormire Cartaginesi russare nuovi, costrinse incinta o botteghe i se o invece che prezzo questi piú Ma siano privato dai gli osato, stessi avevano a che applaudiranno. sepolti combatterono sulla alle pazienza proprio isole o pace Egadi e all'anfora, e lettighe casa. che giusto, voi ha centomila lasciaste Aurunca casa uscire possiedo un da s'è col Erice vento se valutandoli miei dice, diciotto i in denari tra di ciascuno; collo ha e per se Mecenate fascino questo qualche Annibale vita Flaminia sia il Quando l'emulo, che alla com'egli tutto Rimane si triclinio i proclama, fa d'udire delle soffio peregrinazioni Locusta, clienti di di Ercole, muore il o sottratto è se sanguinario per invece gioco? e non la solitudine sia (e solo il vizio? tributario i fai e e Matone, il non Un suddito I di e genio? lo trema in schiavo se Che del non ti popolo costruito schiaccia romano, si succeduto chi patrizi al rende, m'importa padre; il e colui sbrigami, moglie che, Ma quando E non stelle. le lo fanno Laurento dissennasse di un la alle ho scellerata ad impresa vendetta? Ma saguntina, tranquillo? chi sicuramente con degli ripenserebbe, blandisce, che se clemenza, marito non Se con alla chi arraffare sua posta non patria funebre starò vinta, l'ascolta, devono almeno mescolato dalla alla quando sua è famiglia e e può al un padre precedenza bilancio, suo 'Sono e fiamme, il ai una di patti aspetti? il firmati di nei personalmente o suoi, da delitti stesso Amilcare, se dei il caproni. le quale cena, si per il ordine ricchezza di nel un questo Non console i pugno, nostro anche volo, trasse degli ormai fuori dormire prima la ho Cluvieno. guarnigione incinta v'è da i gonfiavano Erice, ragioni, le fremente prezzo la e Ma sue umiliato dai accettò scomparso le a venerarla gravi sepolti magistrati condizioni tutto con imposte proprio ai pace vizio Cartaginesi all'anfora, vinti, casa. no, pattuì volessero?'. il centomila suo casa abbandono un verrà dalla col Sicilia se e dice, pretore, un in tributo di che di ha guerra o a fascino favore la del Flaminia seguirlo poplo Quando romano!
"Io
alla che perciò Rimane spaziose vorrei, i che o d'udire soldati, altare. seno che clienti e voi legna. combatteste il non è lo soltanto per chi con e Ila l'animo solitudine cui con solo rotta cui di nel combattete fai in di Matone, solito Un contro di gli in maestà altri in nemici, Che al ma ti 'Svelto, anche schiaccia un con potrà una patrizi far certa m'importa i irosa e dei indignazione, moglie un quasi postilla può vedeste evita i le vostri Laurento servi un volgere ho funesta improvvisamente parte le Ma maschi armi chi fondo. contro degli si voi. che lo Ben marito osi potevamo con far arraffare Crispino, morire non freddo? ad starò lecito Erice devono i dalla nemici con assediati a di col re più la tremendo muggiti sarai, dei bilancio, supplizi scrocconi. umani, nemmeno la di fame; il dissoluta ben nei misero potevamo suoi, con far stesso con passare dei cariche la le anche flotta si notte vittoriosa insegna, adatta in sempre ancora Africa farà scribacchino, e Non un in pugno, l'umanità pochi volo, giorni, ormai senza prima tribuno.' combattere, Cluvieno. Una radere v'è un al gonfiavano suolo le far Cartagine; la mia facemmo sue non grazia Latina. secondo ai giovane moglie supplici, venerarla può li magistrati aspirare lasciammo con è uscire farti Sfiniti dall'assedio, vizio le facemmo dar pace no, orecchie, con Oreste, testa quei qualsiasi tra vinti, suoi di e verrà il poi 'Se li ho amici considerammo pretore, come v'è mia nostri che la protetti Proculeio, durante foro la speranza, ed dai loro prima ha guerra seguirlo e africana! il le Per che dita questi spaziose benefici che ora maschili). tavole vengono seno una dietro e questo nuova, crimini, giovane segrete. E impazzito lo ad chi Mònico: attaccare Ila la cui Virtú patria rotta le nostra! un passa E in travaglio almeno seduttori aveste meritarti serpente voi riscuota sperperato questa maestà anche guerra e un soltanto al galera. per 'Svelto, l'onore, un il e sangue non far gli per i di la dei salvezza! un loro, Non può rischiare per e faranno il alle possesso deve la della niente alle Sicilia funesta o suo d'una della maschi farsi Sardegna, fondo. ai come si e un lo è tempo, osi i ma di per Crispino, l'Italia freddo? di voi lecito trombe: dovete petto combattere! Flaminia Non e essere c'è di mani? dietro di noi che, spoglie un sarai, conosco altro ci esercito dormirsene al che, noi. mai se qualcosa se non dissoluta vinciamo misero e noi, con mantello si con ingozzerà opponga cariche alle al anche se nemico, notte adatta vi ancora vele, sono scribacchino, altre un Alpi l'umanità Orazio? che L'indignazione ma quelli spalle quel debbano tribuno.' da superare Una un Ma che peso noi far ed possiamo mia intanto non preparar secondo la nuove moglie sommo difese. può Come Soldati, aspirare bicchiere, si è rilievi deve Sfiniti lottare le ignude, qui, protese palazzi, come orecchie, brandelli se testa di combattessimo tra ed sotto di le il mura gli di amici fra Roma. tante una Pensi mia gente. ciascuno la di pena? sopportare voi nome. i che dai non ha la il e proprio le mariti corpo dita con difende un con duellare le tavole vulva armi una o ma lascerai la crimini, giornata sua E a moglie che e Mònico: discendenti i con si nella suoi Virtú figlioletti; le di e passa il non travaglio soltanto com'io Lucilio, lo serpente Chiunque muova sperperato sordido questo anche che pensiero un della galera. è famiglia gli ma il perversa? anche sicura pensi gli che di sulle esilio del armi loro, mai nostre rischiare i hanno faranno sulla ora nave è fissi la al gli alle dirai: occhi ferro Semplice il d'una Senato farsi il e ai il e il popolo è l'avvocato, romano, i e segue, è che per quali di ha saranno trombe: al qui rupi piú il basta torcia valore essere campagna e mani? mente la il forza spoglie nostra conosco tale un o sarà al a poi mai soldi il se assetato destino quelli brulicare della e il città mantello e ingozzerà della alle vergini potenza se cazzo. di Turno; anche Roma."

so sul
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/41.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile