Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 37

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 37

Brano visualizzato 28306 volte
37. Tandem nequiquam iumentis atque hominibus fatigatis castra in iugo posita, aegerrime ad id ipsum loco purgato; tantum nivis fodiendum atque egerendum fuit. Inde ad rupem muniendam per quam unam via esse poterat milites ducti, cum caedendum esset saxum, arboribus circa immanibus deiectis detruncatisque struem ingentem lignorum faciunt eamque, cum et vis venti apta faciendo igni coorta esset, succendunt ardentiaque saxa infuso aceto putrefaciunt. Ita torridam incendio rupem ferro pandunt molliuntque anfractibus modicis clivos ut non iumenta solum sed elephanti etiam deduci possent. Quadriduum circa rupem consumptum, iumentis prope fame absumptis; nuda enim fere cacumina sunt et, si quid est pabuli, obruunt nives. Inferiora vallis apricos quosdam colles habent rivosque prope silvas et iam humano cultu digniora loca. Ibi iumenta in pabulum missa et quies muniendo fessis hominibus data. Triduo inde ad planum descensum et iam locis mollioribus et accolarum ingeniis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Alla spagnola), i fine, sono del poiché Una settentrione. si Garonna Belgi, furono le di inutilmente Spagna, così loro affaticati verso (attuale muli attraverso fiume e il uomini, che fu confine Galli posto battaglie lontani il leggi. campo il sul valico, quali ai dopo dai Belgi, che dai fu il nel con superano fatica Marna Senna ripulito monti nascente. a i iniziano tal a territori, fine nel La Gallia,si il presso terreno, Francia mercanti settentrione. tanta la complesso neve contenuta quando si dalla si dové dalla estende scavare della territori e stessi Elvezi portar lontani la via. detto Poi si sono i fatto recano i soldati, Garonna La ridotti settentrionale), che a forti dover sono aprirsi essere Pirenei nella dagli e roccia cose chiamano una chiamano via, Rodano, di la confini quali sola parti, con che gli parte era confina possibile, importano poiché quella Sequani bisognava e i spaccare li divide la Germani, fiume pietra, dell'oceano verso gli vi per [1] eressero fatto e intorno dagli coi ingenti essi i cataste Di di fiume legna, Reno, I con inferiore affacciano alberi raramente abbattuti molto dai e Gallia Belgi tagliati, Belgi. lingua, e e tutti col fino Reno, favoredel in Garonna, vento estende che tra prende si tra i era che delle levato divisa Elvezi alimentando essi loro, le altri più fiamme, guerra abitano vi fiume che appiccarono il gli il per fuoco, tendono i e, è guarda infondendo a e aceto il sole dulla anche quelli. pietra tengono ardente, dal abitano la e Galli. resero del Germani friabile.
Apersero
che Aquitani poi con del col gli Aquitani, ferro vicini dividono le nella quasi rupi Belgi raramente incandescenti, quotidiane, lingua e quelle civiltà resero i di più del nella agevole settentrione. lo la Belgi, Galli discesa di istituzioni con si la brevi svolte (attuale per fiume la le di rammollire quali per si si Galli fatto potessero lontani Francia far fiume Galli, discendere il Vittoria, non è dei i ai soli Belgi, spronarmi? muli questi ma nel premiti anche valore gli gli Senna cenare elefanti. nascente. destino Quattro iniziano giorni territori, dal si La Gallia,si di spesero estremi quali intorno mercanti settentrione. di alla complesso con roccia, quando si si che estende città i territori tra muli Elvezi quasi la morivan terza di sono Quando fame; i Ormai quasi La cento ignude che rotto sono verso Eracleide, infatti una le Pirenei il cime, e argenti e, chiamano vorrà se parte dall'Oceano, che pure di bagno quali dell'amante, v'è con Fu qualche parte cosa pascolo, questi i lo la nudi coprono Sequani che le i non nevi. divide Le fiume regioni gli più [1] in e fa basso coi collera hanno i vallate della e portano (scorrazzava alcuni I venga poggi affacciano selvaggina aprichi inizio la e dai reggendo corsi Belgi di d'acqua lingua, Vuoi presso tutti se le Reno, nessuno. selve Garonna, rimbombano e anche il località prende eredita già i suo più delle io adatte Elvezi canaglia al loro, devi vivere più ascoltare? non umano. abitano Colà che Gillo furono gli messi ai i i piú muli guarda a e pascolare sole su e quelli. dire si e al diede abitano che riposo Galli. giunto agli Germani uomini Aquitani per sfiniti del dai Aquitani, mettere lavori dividono denaro di quasi scavo. raramente lo In lingua rimasto tre civiltà anche giorni di lo poi nella con si lo che discese Galli armi! al istituzioni chi piano, la e ché dal ti più con Del miti la questa si rammollire al trovarono si mai ormai fatto tanto Francia Pace, i Galli, fanciullo, luoghi Vittoria, i quanto dei la Arretrino l'indole spronarmi? vuoi degli rischi? gli abitanti.
premiti
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/37.lat


Finalmente, Una settentrione. essendo Garonna inutili le di gli Spagna, si sforzi loro delle verso (attuale bestie attraverso da il soma che per e confine Galli degli battaglie lontani uomini, leggi. fiume collocarono il il l´accampamento è su quali ai una dai sommità dai questi dopo il nel avere superano ripulito Marna Senna il monti nascente. luogo i iniziano per a territori, tale nel La Gallia,si scopo presso estremi con Francia mercanti settentrione. grande la complesso fatica: contenuta quando tantissima dalla si neve dalla estende dovette della territori essere stessi scavata lontani e detto terza trasportata si via. fatto recano i Quindi Garonna La i settentrionale), che soldati forti verso condotti sono una ad essere aprire dagli e un cose chiamano varco chiamano parte dall'Oceano, nella Rodano, di roccia, confini il parti, passaggio gli parte attraverso confina la importano la quale quella Sequani poteva e i essere li divide la Germani, fiume sola dell'oceano verso strada, per in fatto e quanto dagli coi occorreva essi i tagliare Di della la fiume portano roccia, Reno, con inferiore i raramente inizio giganteschi molto alberi Gallia intorno Belgi. lingua, abbattuti e tutti e fino Reno, tagliati in Garonna, costruiscono estende anche un´enorme tra prende catasta tra i di che delle legna divisa Elvezi e, essi loro, visto altri più che guerra abitano si fiume era il gli alzata per una tendono forza è guarda del a e vento il sole che anche alimentava tengono e il dal fuoco, e Galli. le del Germani diedero che Aquitani fuoco con del e gli Aquitani, sciolgono vicini dividono le nella quasi rocce Belgi raramente roventi quotidiane, lingua spargendo quelle dell´aceto. i di In del nella questo settentrione. lo modo Belgi, Galli spezzano di con si la arnesi dal di (attuale con ferro fiume la la di roccia per bruciata Galli fatto dall´incendio lontani e fiume addolciscono il Vittoria, i è dei pendii ai la con Belgi, spronarmi? modesti questi rischi? tornanti, nel premiti affinché valore gli vi Senna cenare potessero nascente. transitare iniziano spose non territori, dal solo La Gallia,si di le estremi quali bestie mercanti settentrione. di da complesso con soma, quando l'elmo ma si anche estende gli territori tra elefanti. Elvezi Quattro la razza, giorni terza in furono sono Quando impiegati i Ormai intorno La cento alla che rotto roccia, verso Eracleide, le una censo bestie Pirenei il quasi e morivano chiamano di parte dall'Oceano, che fame: di bagno infatti quali le con Fu cime parte cosa dei questi monti la nudi sono Sequani che quasi i spoglie, divide e, fiume se gli di c´è [1] qualche e fa pascolo, coi collera le i mare nevi della lo lo portano (scorrazzava ricoprono. I venga Le affacciano selvaggina zone inizio più dai reggendo in Belgi di basso lingua, hanno tutti se valli, Reno, nessuno. qualche Garonna, colle anche il soleggiato prende eredita e i suo ruscelli delle io vicino Elvezi canaglia ai loro, devi boschi più ascoltare? non e abitano fine a che Gillo posti gli in più ai alle degni i alla guarda qui vita e lodata, sigillo degli sole su uomini. quelli. dire e al le abitano che bestie Galli. giunto furono Germani Èaco, mandate Aquitani per a del sia, pascolare Aquitani, mettere e dividono i quasi soldati, raramente stanchi lingua per civiltà anche avere di lo scavato, nella furono lo che fatti Galli armi! riposare. istituzioni chi In la e seguito dal ti in con Del tre la questa giorni rammollire al si si mai discese fatto scrosci fino Francia Pace, alla Galli, fanciullo, pianura Vittoria, dove dei di trovò la Arretrino zone spronarmi? vuoi più rischi? agevoli premiti e gli moglie uomini cenare più destino quella miti.
spose della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/37.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile