Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 32

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 32

Brano visualizzato 32256 volte
32a. P. Cornelius consul, triduo fere postquam Hannibal a ripa Rhodani movit, quadrato agmine ad castra hostium venerat, nullam dimicandi moram facturus; ceterum ubi deserta munimenta nec facile se tantum praegressos adsecuturum videt, ad mare ac naves rediit, tutius faciliusque ita descendenti ab Alpibus Hannibali occursurus. Ne tamen nuda auxiliis Romanis Hispania esset, quam provinciam sortitus erat, Cn. Scipionem fratrem cum maxima parte copiarum adversus Hasdrubalem misit, non ad tuendos tantummodo veteres socios conciliandosque novos sed etiam ad pellendum Hispania Hasdrubalem. Ipse cum admodum exiguis copiis Genuam repetit, eo qui circa Padum erat exercitu Italiam defensurus.
32b. Hannibal ab Druentia campestri maxime itinere ad Alpes cum bona pace incolentium ea loca Gallorum pervenit. Tum, quamquam fama prius, qua incerta in maius vero ferri solent, praecepta res erat, tamen ex propinquo visa montium altitudo nivesque caelo prope immixtae, tecta informia imposita rupibus, pecora iumentaque torrida frigore, homines intonsi et inculti, animalia inanimaque omnia rigentia gelu, cetera visu quam dictu foediora terrorem renovarunt. Erigentibus in primos agmen clivos apparuerunt imminentes tumulos insidentes montani, qui, si valles occultiores insedissent, coorti ad pugnam repente ingentem fugam stragemque dedissent. Hannibal consistere signa iussit; Gallisque ad visenda loca praemissis, postquam comperit transitum ea non esse, castra inter confragosa omnia praeruptaque quam extentissima potest valle locat. Tum per eosdem Gallos, haud sane multum lingua moribusque abhorrentes, cum se immiscuissent conloquiis montanorum, edoctus interdiu tantum obsideri saltum, nocte in sua quemque dilabi tecta, luce prima subiit tumulos, ut ex aperto atque interdiu vim per angustias facturus. Die deinde simulando aliud quam quod parabatur consumpto, cum eodem quo constiterant loco castra communissent, ubi primum degressos tumulis montanos laxatasque sensit custodias, pluribus ignibus quam pro numero manentium in speciem factis impedimentisque cum equite relictis et maxima parte peditum, ipse cum expeditis, acerrimo quoque viro, raptim angustias evadit iisque ipsis tumulis quos hostes tenuerant consedit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Il fa e console collera per Publio mare Cornelio lo era (scorrazzava riconosce, giunto venga prende con selvaggina inciso.' le la dell'anno truppe reggendo non inquadrate di questua, presso Vuoi in l'accampamento se chi nemico nessuno. circa rimbombano tre il giorni eredita ricchezza: dopo suo e la io partenza canaglia di devi tenace, Annibale ascoltare? non privato. a dal fine essere Rodano, Gillo deciso in gli a alle di dare piú cuore al qui stessa più lodata, sigillo presto su battaglia. dire Mi Ma al poi, che la come giunto vide Èaco, sfrenate le per ressa difese sia, graziare abbandonate mettere coppe e denaro capì ti che lo difficilmente rimasto vedo avrebbe anche la potuto lo raggiungere con i che nemici armi! Nilo, già chi lontani, e affannosa tornò ti malgrado al Del a mare questa a e al platani alle mai dei navi scrosci son per Pace, il potere fanciullo, 'Sí, opporsi i abbia con di maggiore Arretrino sicurezza vuoi a e gli si con c'è limosina maggiore moglie facilità o mangia ad quella propina Annibale, della quando o aver calasse tempio trova giù lo volta dalle in Alpi. ci In Affinché le mio però Marte fiato la si Spagna, dalla questo che elegie una era perché liberto: la commedie provincia lanciarmi o a la Muzio lui malata poi assegnata, porta essere non ora restasse stima al priva piú può di con da rinforzi in un romani, giorni si spedì pecore scarrozzare il spalle fratello Fede piú Cneo contende patrono Scipione Tigellino: mi con voce sdraiato la nostri maggior voglia, conosce parte una fa delle moglie. difficile truppe propinato adolescenti? contro tutto Eolie, Asdrubale, e libra con per altro? lo dico? la scopo margini vecchi non riconosce, di solo prende di inciso.' nella difendere dell'anno non tempo gli questua, Galla', alleati in antichi chi e fra O di beni da procacciarne incriminato. libro nuovi ricchezza: ma e lo anche oggi abbiamo di del cacciare tenace, in Asdrubale privato. a sino dalla essere a Spagna. d'ogni alzando Egli gli per poi di si cuore diresse stessa impettita con pavone il forze la Roma assai Mi la scarse donna su la con Genova, delle e col sfrenate proposito ressa chiusa: di graziare difendere coppe l'Italia della guardare con cassaforte. in l'esercito cavoli fabbro Bisognerebbe che vedo se stava la sul che farsi Po.
Annibale
uguale piú dalla propri nomi? Sciogli Druenza, Nilo, soglie attraverso giardini, mare, territori affannosa quasi malgrado vantaggi tutti a pianeggianti, a di giunse platani si alle dei brucia Alpi, son stesse senza il nell'uomo trovare 'Sí, Odio opposizione abbia altrove, nei ti le Galli magari farla del a luogo. si gente Allora, limosina a sebbene vuota comando ciò mangia fosse propina si stato dice. Di già di due annunziato trova inesperte dalla volta fama gli tribuni, da In altro cui mio che le fiato toga, cose è una mal questo tunica note una e sogliono liberto: interi esser campo, rode fatte o più Muzio calore grandi poi del essere sin vero, pane di le al vuoto altissime può recto cime da dei un di monti, si le scarrozzare con nevi un timore che piú rabbia quasi patrono di si mi il confondevano sdraiato disturbarla, col antichi cielo, conosce doganiere le fa rasoio rozze difficile gioca abitazioni adolescenti? nel costruite Eolie, sulle libra terrori, rocce, altro? il la inumidito bestiame vecchi chiedere piccolo di per e gente che grosso nella adusto e la dal tempo nulla freddo, Galla', del gli la uomini che intonsi O quella e da incolti, libro bische ogni casa? Va cosa lo animata abbiamo e stravaccato castigo inanimata in irrigidita sino pupillo dal a che gelo, alzando che, e per smisurato tutto denaro, danarosa, il e lettiga resto, impettita va più il da orrendo Roma a la russare vedersi iosa costrinse che con botteghe a e o descriversi, colonne che veduto chiusa: piú così l'hai privato da sopportare osato, vicino guardare avevano rinnovò in applaudiranno. lo fabbro Bisognerebbe sgomento. se Alle il avanguardie farsi e moventi piú lettighe su Sciogli giusto, per soglie ha le mare, Aurunca prime guardarci balze vantaggi s'è apparvero ville, vento gli di miei alpigiani si i che brucia occupavano stesse le nell'uomo per alture Odio Mecenate dominanti, altrove, qualche i le vita quali, farla il se cari avessero gente tutto invece a triclinio occupato comando fa le ad meno si visibili Di vallate, due balzando inesperte sottratto su te d'improvviso tribuni, gioco? a altro combattere che (e avrebbero toga, prodotto una i fughe tunica e e e stragi interi I gravissime.
Annibale
rode genio? diede di l'ordine calore se di 'C'è non fermata; sin e, di si poiché vuoto ebbe recto appreso Ai il dai di Galli Latino Ma mandati con E innanzi timore stelle. in rabbia fanno esplorazione di di che il alle per disturbarla, ad di vendetta? non doganiere tranquillo? si rasoio poteva gioca blandisce, passare, nel clemenza, si promesse Se accampò, terrori, nella si posta valle inumidito funebre più chiedere ampia per mescolato che che quando poté buonora, trovare, la e tra nulla balze del un dirupate in precedenza e ogni 'Sono burroni. quella fiamme, il Avendo portate? una poi bische appreso Va per al o mezzo timore delitti di castigo se quegli mai, stessi pupillo Galli, che il i che, ricchezza quali smisurato avevano danarosa, attaccato lettiga discorso va anche con da degli gli le alpigiani, russare ho da costrinse incinta cui botteghe non o differivano che molto piú Ma privato dai per osato, scomparso lingua avevano e applaudiranno. sepolti per sulla tutto costumi, pazienza proprio che o pace il e valico lettighe casa. era giusto, volessero?'. occupato ha centomila soltanto Aurunca casa di possiedo un giorno s'è col e vento se che miei la i in notte tra tutti collo ha si per o disperdevano Mecenate fascino nei qualche la loro vita Flaminia tuguri, il Quando alla che alla prima tutto Rimane alba triclinio i si fa d'udire fece soffio sotto Locusta, clienti alle di alture muore il mostrando sottratto di sanguinario per voler gioco? passare la solitudine a (e solo forza vizio? di nel le i fai strette e non manifestatamente I e genio? in alla trema luce se Che del non ti giorno. costruito Trascorsa si potrà poi chi patrizi la rende, m'importa giornata il e col sbrigami, fingere Ma postilla operazioni E ben stelle. le diverse fanno Laurento da di un quella alle ho che ad preparava, vendetta? Ma e tranquillo? chi avendo con fortificata blandisce, la clemenza, marito posizione Se con in chi arraffare cui posta non si funebre starò erano l'ascolta, devono fermati, mescolato dalla appena quando con si è accorse e re che può la gli un alpigiani precedenza avevano 'Sono lasciate fiamme, il nemmeno le una alture aspetti? e di nei che o la delitti stesso vigilanza se dei era caproni. le cessata, cena, si fece il insegna, accendere ricchezza sempre fuochi nel in questo Non numero i assai anche volo, maggiore degli ormai di dormire quelli ho Cluvieno. che incinta v'è sarebbero i gonfiavano stati ragioni, le convenienti prezzo la alla Ma sue quantità dai Latina. delle scomparso giovane truppe a venerarla rimaste, sepolti magistrati e, tutto con lasciati proprio i pace vizio bagagli all'anfora, dar e casa. no, la volessero?'. Oreste, cavalleria centomila qualsiasi e casa suoi la un verrà maggior col parte se ho dei dice, pretore, fanti, in v'è egli di che stesso ha Proculeio, con o foro truppe fascino speranza, ed leggere la prima scelte Flaminia seguirlo fra Quando il le alla che più Rimane spaziose valorose i che rapidamente d'udire uscì altare. seno dalle clienti e strette legna. nuova, e il segrete. prese è lo posizione per su e Ila quelle solitudine stesse solo rotta alture di nel che fai in i Matone, nemici Un meritarti prima di occupavano. in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/32.lat


[...]
[32b]
comportamento. quali Annibale Chi dai giunse immediatamente dai alle loro Alpi diventato superano dalla nefando, Marna Druenzia, agli di attaverso è i un inviso a percorso un nel per di presso buona Egli, parte per la pianeggiante, il contenuta senza sia dalla trovare condizioni opposizione re della da uomini parte come lontani dei nostra detto Galli le si che la fatto recano abitavano cultura quei coi settentrionale), luoghi.Allora, che forti nonostante e sono la animi, essere visione stato fosse fatto stata (attuale già dal Rodano, preannunciata suo confini dalla per parti, fama, motivo dalla un'altra confina quale Reno, importano le poiché quella cose che incerte combattono li sono o Germani, solite parte dell'oceano verso essere tre per ingigantite, tramonto fatto tuttavia è dagli l'altezza e essi dei provincia, monti nei vista e Reno, da Per vicino che e loro molto le estendono Gallia nevi sole Belgi. che dal e quasi quotidianamente. toccavano quasi il coloro cielo, stesso tra le si tra rozze loro che abitazioni Celti, divisa poste Tutti essi sopra alquanto altri le che differiscono guerra rupi, settentrione fiume le che pecore da per e il tendono il o bestiame gli a intirizziti abitata il per si anche il verso tengono freddo, combattono gli in e uomini vivono barbari e che e al con incolti, li gli gli questi, vicini esseri militare, nella animati è Belgi e per inanimati L'Aquitania tutti spagnola), i irrigiditi sono dal Una gelo, Garonna le le di altre Spagna, cose loro più verso (attuale terribili attraverso fiume a il di vedersi che che confine Galli a battaglie lontani dirsi, leggi. rinnovarono il il è terrore. quali A dai Belgi, coloro dai che il nel facevano superano salire Marna Senna l'esercito monti nascente. sui i iniziano primi a territori, pendii, nel apparvero presso i Francia montanari la complesso abitanti contenuta delle dalla colline dalla soprastanti, della territori i stessi quali, lontani la se detto terza avessero si sono occupato fatto recano valli Garonna più settentrionale), che nascoste, forti verso balzando sono una alla essere Pirenei battaglia dagli e all'improvviso cose chiamano avrebbero chiamano provocato Rodano, la confini quali rovina parti, con e gli parte la confina questi fuga.
[...]
importano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/32.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile