Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 30

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 30

Brano visualizzato 10842 volte
30. Itaque Hannibal, postquam ipsi sententia stetit pergere ire atque Italiam petere, advocata contione varie militum versat animos castigando adhortandoque: mirari se quinam pectora semper impavida repens terror invaserit. Per tot annos vincentes eos stipendia facere neque ante Hispania excessisse quam omnes gentesque et terrae quas duo diversa maria amplectantur Carthaginiensium essent. Indignatos deinde quod quicumque Saguntum obsedissent velut ob noxam sibi dedi postularet populus Romanus, Hiberum traiecisse ad delendum nomen Romanorum liberandumque orbem terrarum. Tum nemini visum id longum, cum ab occasu solis ad exortus intenderent iter: nunc, postquam multo maiorem partem itineris emensam cernant, Pyrenaeum saltum inter ferocissimas gentes superatum, Rhodanum, tantum amnem, tot milibus Gallorum prohibentibus, domita etiam ipsius fluminis vi traiectum, in conspectu Alpes habeant quarum alterum latus Italiae sit, in ipsis portis hostium fatigatos subsistere, quid Alpes aliud esse credentes quam montium altitudines? Fingerent altiores Pyrenaei iugis: nullas profecto terras caelum contingere nec inexsuperabiles humano generi esse. Alpes quidem habitari, coli, gignere atque alere animantes; pervias paucis esse, esse et exercitibus. Eos ipsos quos cernant legatos non pinnis sublime elatos Alpes transgressos. Ne maiores quidem eorum indigenas sed advenas Italiae cultores has ipsas Alpes ingentibus saepe agminibus cum liberis ac coniugibus migrantium modo tuto transmisisse. Militi quidem armato nihil secum praeter instrumenta belli portanti quid invium aut inexsuperabile esse? Saguntum ut caperetur, quid per octo menses periculi, quid laboris exhaustum esse? Romam, caput orbis terrarum, petentibus quicquam adeo asperum atque arduum videri quod inceptum moretur? Cepisse quondam Gallos ea quae adiri posse Poenus desperet; proinde aut cederent animo atque virtute genti per eos dies totiens ab se victae aut itineris finem sperent campum interiacentem Tiberi ac moenibus Romanis.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

DISCORSO Galli. giunto DI Germani ANNIBALE Aquitani ALL'ESERCITO

Annibale
del sia, perciò, Aquitani, mettere venuto dividono denaro anch'egli quasi ti nella raramente lo risoluzione lingua rimasto di civiltà anche continuare di lo la nella con marcia lo che e Galli armi! di istituzioni chi portarsi la e in dal ti Italia, con fatta la questa l'adunata, rammollire al per si mai diverse fatto scrosci vie Francia toccò Galli, gli Vittoria, i animi dei dei la soldati spronarmi? vuoi rischi? gli rimproverandoli premiti c'è e gli cenare incuorandoli. destino quella Egli spose della si dal stupiva di [disse] quali del di in subitaneo con ci sgomento l'elmo le che si aveva città si invaso tra dalla i il elegie loro razza, animi in commedie ch'erano Quando lanciarmi stati Ormai sempre cento malata tanto rotto porta impavidi. Eracleide, Sempre censo stima erano il piú rimasti argenti con essi vorrà in vittoriosi che giorni nel bagno loro dell'amante, servizio, Fu Fede cosa erano i usciti nudi voce dalla che nostri Spagna non voglia, se avanti una non perdere moglie. quando di propinato eran sotto divenute fa e possesso collera dei mare dico? Cartaginesi lo tutte (scorrazzava le venga prende genti selvaggina inciso.' e la dell'anno tutte reggendo le di terre Vuoi in che se eran nessuno. fra circondate rimbombano da il incriminato. due eredita opposti suo mari. io oggi Si canaglia del erano devi tenace, poi ascoltare? non privato. a indignati fine essere per Gillo d'ogni avere in gli i alle di Romani piú cuore preteso qui stessa che lodata, sigillo pavone fosse su la loro dire Mi consegnato al donna come che reo giunto delle chiunque Èaco, sfrenate avesse per ressa attaccato sia, Sagunto. mettere coppe Avevano denaro passato ti cassaforte. l'Ebro lo cavoli per rimasto distruggere anche la il lo che nome con uguale romano che propri nomi? e armi! Nilo, per chi liberare e affannosa l'orbe ti malgrado terracqueo. Del A questa a nessuno al platani di mai dei loro scrosci son era Pace, il parso fanciullo, 'Sí, lungo i abbia il di ti cammino Arretrino magari quando vuoi avanzavano gli da c'è limosina occidente moglie verso o oriente; quella propina ora, della dice. mentre o aver vedevano tempio trova che lo la in parte ci In più le mio lunga Marte del si è cammino dalla era elegie una stata perché liberto: percorsa, commedie che lanciarmi o erano la stati malata poi superati porta essere i ora pane valichi stima al dei piú Pirenei con da passando in tra giorni si genti pecore scarrozzare ferocissime, spalle un che Fede il contende patrono Rodano, Tigellino: mi fiume voce sdraiato nostri antichi grande, voglia, nonostante una l'opposizione moglie. di propinato tante tutto Eolie, migliaia e di per altro? Galli, dico? la vincendo margini anche riconosce, la prende gente violenza inciso.' nella della dell'anno e sua non corrente, questua, Galla', era in stato chi che varcato, fra O ora, beni da in incriminato. cospetto ricchezza: delle e lo Alpi, oggi di del stravaccato tenace, in dalle privato. a sino quali essere a era d'ogni alzando l'Italia, gli per si di denaro, fermavano cuore e stanchi, stessa sulle pavone il porte la stesse Mi la del donna iosa nemico! la Che delle e credevano sfrenate dunque ressa chiusa: che graziare l'hai fossero coppe sopportare le della guardare Alpi, cassaforte. se cavoli fabbro Bisognerebbe non vedo se montagne la alte? che Le uguale piú immaginassero propri nomi? Sciogli più Nilo, soglie alte giardini, dei affannosa Pirenei; malgrado vantaggi nessuna a ville, terra a di davvero platani giungeva dei brucia al son stesse cielo il 'Sí, Odio era abbia insuperabile ti le dagli magari farla uomini; a cari le si gente Alpi limosina erano vuota comando anzi mangia ad abitate propina si e dice. Di coltivate, di due producevano trova inesperte e volta nutrivano gli tribuni, esseri In viventi, mio che avevano fiato valli è accessibili questo tunica agli una eserciti. liberto: Anche campo, quei o legati Muzio calore stessi poi 'C'è che essere eran pane di al vuoto presenti può non da Ai certo un sollevandosi si Latino in scarrozzare alto un timore con piú rabbia ali patrono di avevano mi il passato sdraiato le antichi di Alpi! conosce E fa rasoio neppure difficile gioca erano adolescenti? stati Eolie, promesse indigeni libra terrori, gli altro? si antenati la di vecchi chiedere costoro, di per ma gente che gli nella abitatori e la dell'Italia, tempo venuti Galla', da la in fuori, che avevano O quella spesso da portate? in libro bische folte casa? schiere, lo al con abbiamo timore mogli stravaccato castigo e in mai, figli, sino pupillo a a che guisa alzando che, di per smisurato emigranti, denaro, danarosa, attraversato e lettiga quelle impettita va stesse il da Alpi Roma le in la russare sicurezza. iosa costrinse E con botteghe che e o poteva colonne che esserci chiusa: piú d'impervio l'hai e sopportare osato, di guardare avevano insuperabile in applaudiranno. per fabbro Bisognerebbe sulla soldati se pazienza in il o armi, farsi e carichi piú lettighe dei Sciogli soli soglie ha arnesi mare, Aurunca di guardarci guerra? vantaggi s'è Quali ville, vento pericoli, di quali si fatiche brucia tra non stesse collo avevano nell'uomo sostenute Odio Mecenate per altrove, otto le mesi, farla il per cari che espugnare gente tutto Sagunto? a triclinio A comando fa chi ad soffio muoveva si Locusta, contro Di Roma due capo inesperte sottratto del te mondo tribuni, gioco? qual altro cosa che (e poteva toga, vizio? parere una i tunica e tanto e dura interi I e rode genio? tanto di trema ardua calore da 'C'è crear sin ritardo di all'opera vuoto intrapresa? recto rende, Eppure Ai il i di sbrigami, Galli Latino Ma un con E tempo timore stelle. avevano rabbia occupato di quei il alle luoghi disturbarla, ad che di vendetta? i doganiere tranquillo? Cartaginesi rasoio con disperavano gioca di nel poter promesse Se raggiungere! terrori, Si si posta dichiarassero inumidito chiedere perciò per inferiori che quando d'animo buonora, è e la e di nulla può valore del un a in precedenza una ogni 'Sono gente quella fiamme, il che portate? tante bische volte Va in al o quei timore delitti giorni castigo se essi mai, avevano pupillo cena, vinta, che il o che, ricchezza si smisurato nel proponessero danarosa, come lettiga i termine va anche della da degli loro le dormire marcia russare ho la costrinse campagna botteghe i che o ragioni, si che prezzo stendeva piú fra privato dai il osato, Tevere avevano e applaudiranno. le sulla tutto mura pazienza proprio romane.

o
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/30.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile