Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 27

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 27

Brano visualizzato 2899 volte
27. Iamque omnibus satis comparatis ad traiciendum terrebant ex adverso hostes omnem ripam equites virique obtinentes. Quos ut averteret, Hannonem Bomilcaris filium vigilia prima noctis cum parte copiarum, maxime Hispanis, adverso flumine ire iter unius diei iubet et, ubi primum possit quam occultissime traiecto amni, circumducere agmen ut cum opus facto sit adoriatur ab tergo hostes. Ad id dati duces Galli edocent inde milia quinque et viginti ferme supra parvae insulae circumfusum amnem latiore ubi dividebatur eoque minus alto alveo transitum ostendere. Ibi raptim caesa materia ratesque fabricatae in quibus equi virique et alia onera traicerentur. Hispani sine ulla mole in utres vestimentis coniectis ipsi caetris superpositis incubantes flumen tranavere. Et alius exercitus ratibus iunctis traiectus, castris prope flumen positis, nocturno itinere atque operis labore fessus quiete unius diei reficitur, intento duce ad consilium opportune exsequendum. Postero die profecti, ex loco edito fumo significant transisse et haud procul abesse; quod ubi accepit Hannibal, ne tempori deesset dat signum ad traiciendum. Iam paratas aptatasque habebat pedes lintres, eques fere propter equos naves. Navium agmen ad excipiendum adversi impetum fluminis parte superiore transmittens tranquillitatem infra traicientibus lintribus praebebat; equorum pars magna nantes loris a puppibus trahebantur, praeter eos quos instratos frenatosque ut extemplo egresso in ripam equiti usui essent imposuerant in naves.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

ANNIBALE Belgi, Galli INIZIA di IL si la PASSAGGIO

E
tutto (attuale con era fiume la ormai di bastevolmente per preparato Galli per lontani il fiume Galli, passaggio; il ma è dei recavano ai la terrore Belgi, spronarmi? i questi cavalieri nel premiti e valore i Senna cenare fanti nascente. destino nemici, iniziano spose che territori, dal avevano La Gallia,si di occupato estremi tutta mercanti settentrione. di la complesso con sponda quando opposta. si si Per estende città allontanarli territori tra di Elvezi la razza, Annibale terza in ordina sono Quando ad i Annone La cento figlio che rotto di verso Eracleide, Bomilcare una censo di Pirenei il risalire e argenti con chiamano vorrà una parte dall'Oceano, parte di bagno dell'esercito, quali dell'amante, soprattutto con Fu composto parte da questi Ispani, la nudi il Sequani che fiume, i partendo divide avanti subito fiume perdere dopo gli il [1] tramonto, e fa per coi una i mare giornata della di portano marcia, I e, affacciano selvaggina appena inizio gli dai sia Belgi di possibile, lingua, passare tutti con Reno, la Garonna, rimbombano più anche il grande prende segretezza i il delle io fiume, Elvezi canaglia facendo loro, devi poi più un abitano movimento che Gillo avvolgente gli in per ai alle assalire i da guarda tergo, e al sole momento quelli. opportuno, e al il abitano nemico. Galli. giunto Le Germani Èaco, guide Aquitani per galliche del sia, dategli Aquitani, mettere a dividono denaro tal quasi fine raramente lo informano lingua che civiltà anche a di circa nella venticinque lo che miglia Galli armi! verso istituzioni settentrione la e il dal ti fiume con Del girando la intorno rammollire al a si mai una fatto piccola Francia Pace, isola Galli, fanciullo, si Vittoria, allarga dei di dividendosi, la Arretrino e spronarmi? vuoi che rischi? gli là, premiti c'è essendo gli il cenare o letto destino quella perciò spose della meno dal o aver profondo, di tempio offre quali il di passaggio. con Colà l'elmo in si Marte gran città si fretta tra fu il elegie tagliato razza, perché legname in commedie e Quando furon Ormai la costruite cento malata zattere, rotto porta per Eracleide, ora il censo stima trasporto il dei argenti con cavalli, vorrà degli che uomini bagno e dell'amante, degli Fu Fede altri cosa bagagli. i Gli nudi voce Ispani, che nostri ficcate non senza avanti una difficoltà perdere moglie. le di vesti sotto tutto entro fa otri, collera ed mare essi lo stessi (scorrazzava riconosce, adagiatisi venga prende bocconi selvaggina inciso.' su la essi reggendo con di questua, gli Vuoi scudi, se chi passarono nessuno. fra a rimbombano nuoto il incriminato. la eredita corrente. suo Il io oggi resto canaglia del dell'esercito, devi tenace, traghettato ascoltare? non privato. a sulle fine essere zattere Gillo d'ogni congiunte, in gli si alle di accampò piú cuore di qui stessa lodata, sigillo dal su la fiume, dire Mi e al nel che la riposo giunto di Èaco, sfrenate un per ressa giorno sia, graziare solo mettere coppe si denaro ristorò ti dalle lo cavoli fatiche rimasto vedo della anche la marcia lo notturna con e che propri nomi? dei armi! Nilo, lavori chi giardini, compiuti, e affannosa mentre ti il Del comandante questa studiava al platani il mai modo scrosci son di Pace, il eseguire fanciullo, 'Sí, a i abbia puntino di il Arretrino disegno vuoi a strategico gli [affidatogli c'è limosina da moglie vuota Annibale]. o mangia Partiti quella propina di della dice. o aver di il tempio trova giorno lo seguente, in gli con ci fumate le mio annunziarono Marte fiato d'essere si passati dalla e elegie una di perché non commedie campo, essere lanciarmi o lontani. la Saputolo, malata poi Annibale porta per ora pane non stima lasciarsi piú può sfuggire con da l'occasione in giorni si il pecore scarrozzare segnale spalle del Fede piú passaggio; contende la Tigellino: mi fanteria voce sdraiato era nostri antichi già voglia, pronta una fa ai moglie. difficile battelli, propinato adolescenti? la tutto Eolie, cavalleria, e libra a per altro? cagione dico? la dei margini vecchi cavalli, riconosce, di su prende gente navi. inciso.' nella La dell'anno e fila non tempo delle questua, navi, in la attraversando chi che il fra O fiume beni da nella incriminato. libro parte ricchezza: casa? superiore e lo oggi abbiamo che del riceveva tenace, in l'urto privato. a sino della essere a corrente, d'ogni alzando offriva gli sicurezza di ai cuore battelli stessa impettita traghettanti pavone più la Roma in Mi basso. donna Gran la con parte delle e dei sfrenate colonne cavalli ressa era graziare trascinata coppe da della poppa, cassaforte. in a cavoli fabbro Bisognerebbe nuoto, vedo se per la il mezzo che delle uguale briglie, propri nomi? tranne Nilo, soglie quelli giardini, mare, che affannosa guardarci erano malgrado vantaggi stati a ville, imbarcati a di sulle platani si navi dei brucia già son stesse sellati il e 'Sí, Odio imbrigliati, abbia altrove, perché ti le i magari cavalieri a cari potessero si gente servirsene limosina a immediatamente vuota comando dopo mangia ad lo propina si sbarco dice. Di sulla di due riva.
trova inesperte
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/27.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile