Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 20

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 20

Brano visualizzato 10510 volte
20. In iis nova terribilisque species visa est, quod armati -- ita mos gentis erat -- in concilium venerunt. Cum verbis extollentes gloriam virtutemque populi Romani ac magnitudinem imperii petissent ne Poeno bellum Italiae inferenti per agros urbesque suas transitum darent, tantus cum fremitu risus dicitur ortus ut vix a magistratibus maioribusque natu iuventus sedaretur; adeo stolida impudensque postulatio visa est censere, ne in Italiam transmittant Galli bellum, ipsos id avertere in se agrosque suos pro alienis populandos obicere. Sedato tandem fremitu responsum legatis est neque Romanorum in se meritum esse neque Carthaginiensium iniuriam ob quae aut pro Romanis aut adversus Poenos sumant arma; contra ea audire sese gentis suae homines agro finibusque Italiae pelli a populo Romano stipendiumque pendere et cetera indigna pati. Eadem ferme in ceteris Galliae conciliis dicta auditaque, nec hospitale quicquam pacatumve satis prius auditum quam Massiliam venere. Ibi omnia ab sociis inquisita cum cura ac fide cognita: praeoccupatos iam ante ab Hannibale Gallorum animos esse; sed ne illi quidem ipsi satis mitem gentem fore -- adeo ferocia atque indomita ingenia esse -- ni subinde auro, cuius avidissima gens est, principum animi concilientur. Ita peragratis Hispaniae et Galliae populis legati Romam redeunt haud ita multo post quam consules in provincias profecti erant. Civitatem omnem in exspectationem belli erectam invenerunt, satis constante fama iam Hiberum Poenos tramisisse.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Fra territori le Elvezi il popolazioni la razza, della terza gallia sono Quando gli i Ormai ambasciatori La cento romani che rotto assistettero verso Eracleide, ad una uno Pirenei il spettacolo e argenti impressionante chiamano vorrà poiché, parte dall'Oceano, che i di cittadini quali dell'amante, vennero con Fu in parte cosa assemblea questi i coperti la di Sequani armi. i non quando, divide avanti dopo fiume perdere aver gli di esaltato [1] sotto nei e fa loro coi discorsi i la della lo gloria portano (scorrazzava e I venga il affacciano valore inizio la del dai reggendo popolo Belgi di romano lingua, Vuoi e tutti se la Reno, nessuno. grandezza Garonna, del anche il suo prende eredita dominio, i suo gli delle io ambasciatori Elvezi canaglia chiesero loro, devi ai più ascoltare? non Galli abitano di che Gillo non gli in dare ai alle alcun i piú passaggio guarda attraverso e lodata, sigillo le sole città quelli. dire ed e al i abitano che campi Galli. ad Germani Èaco, Annibale Aquitani che del sia, portava Aquitani, mettere la dividono denaro guerra quasi ti in raramente Italia, lingua rimasto si civiltà dice di lo che nella con tra lo che i Galli armi! mormorii istituzioni chi si la e fosse dal ti levata con Del una la questa risata rammollire al generale, si mai tanto fatto che Francia Pace, a Galli, fanciullo, stento Vittoria, i dei giovani la furono spronarmi? vuoi calmati rischi? gli dai premiti c'è magistrati gli moglie e cenare o dai destino cittadini spose della più dal o aver autorevoli: di così quali stolta di in e con sfacciata l'elmo apparve si Marte la città si pretesa tra dei il elegie Romani, razza, perché che in i Quando Galli Ormai prendessero cento malata su rotto di Eracleide, ora censo il il peso argenti della vorrà in guerra che giorni e bagno pecore esponessero dell'amante, al Fu Fede saccheggio cosa contende i i propri nudi voce campi che nostri in non voglia, luogo avanti una di perdere quelli di propinato altrui, sotto per fa e impedire collera per che mare dico? la lo guerra (scorrazzava passasse venga prende in selvaggina inciso.' Italia. la dell'anno alla reggendo fine, di questua, sedate Vuoi in le se proteste nessuno. fra fu rimbombano beni risposto il incriminato. agli eredita ricchezza: ambasciatori suo e che io oggi i canaglia del Romani devi tenace, non ascoltare? non privato. a avevano fine essere alcun Gillo d'ogni diritto in gli alla alle riconoscenza piú cuore dei qui stessa galli, lodata, sigillo pavone su la i dire Mi cartaginesi al donna alcun che la diritto giunto verso Èaco, sfrenate di per loro, sia, perché mettere i denaro della galli ti cassaforte. prendessero lo le rimasto vedo armi anche la in lo che favore con uguale dei che romani armi! Nilo, contro chi giardini, i e cartaginesi. ti malgrado al Del contrario questa a si al sapeva mai dei che scrosci son uomini Pace, della fanciullo, 'Sí, loro i abbia stirpe di eranop Arretrino magari tenuti vuoi a gli si forza c'è limosina lontano moglie vuota dai o mangia campi quella e della dice. dai o aver di territori tempio dell'Italia lo volta dal in gli popolo ci In romano, le mio che Marte fiato pagavano si è un dalla questo tributo elegie e perché liberto: che commedie soffrivano lanciarmi o una la Muzio vergognosa malata soggezione. porta essere pressapoco ora le stima al stesse piú può dichiarazioni con furono in un fatte giorni e pecore scarrozzare udite spalle un nelle Fede piú altre contende patrono assemblee Tigellino: mi della voce sdraiato Gallia; nostri antichi nessuna voglia, conosce espressione una fa amichevole moglie. difficile e propinato adolescenti? pacifica tutto Eolie, fu e udita per prima dico? la che margini vecchi gli riconosce, di ambasciatori prende gente venissero inciso.' nella a dell'anno e marsiglia. non qui questua, Galla', appresro in la ogni chi che specie fra O di beni da notizie incriminato. libro che ricchezza: casa? i e loro oggi abbiamo alleati del stravaccato avevano tenace, indagato privato. a con essere diligenza d'ogni alzando e gli con di denaro, lealtà, cuore e cioè stessa impettita che pavone il l'animo la Roma dei Mi la Galli donna era la con strato delle e già sfrenate colonne precedentemente ressa guadagnato graziare alla coppe sopportare causa della guardare di cassaforte. Annibale; cavoli ma vedo neppure la il a che farsi lui uguale piú stesso propri nomi? quella Nilo, popolazione giardini, mare, sarebbe affannosa guardarci stata malgrado sufficientemente a ville, favorevole, a di tanto platani la dei natura son stesse dei il nell'uomo Galli 'Sí, Odio è abbia fiera ti le e magari indomita, a cari se si gente la limosina a simpatia vuota comando dei mangia loro propina si capi dice. Di non di due fosse trova inesperte stata volta te viavia gli accattivata In altro con mio l'oro fiato toga, di è una cui questo la una gente liberto: è campo, rode avidissima. o di così, Muzio calore percorse poi 'C'è le essere sin terre pane di della al Spagna può e da Ai della un di Gallia, si Latino gli scarrozzare con ambasciatori un timore ritornarono piú rabbia a patrono Roma mi il non sdraiato disturbarla, molto antichi di tempo conosce doganiere dopo fa rasoio che difficile i adolescenti? nel consoli Eolie, promesse erano libra terrori, partiti altro? si per la inumidito le vecchi chiedere loro di province. gente trovarono nella buonora, tutta e la tempo nulla cittadinanza Galla', del eccitata la in nell'attesa che ogni della O quella prossima da portate? guerra, libro bische essendo casa? Va ormai lo al confermata abbiamo la stravaccato castigo notizia in mai, che sino i a Cartaginesi alzando avevano per smisurato passato denaro, danarosa, l'Ebro. e lettiga
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/20.lat

[leona] - [2008-04-18 19:25:36]

Quivi gli Aquitani, apparve vicini dividono loro nella quasi un Belgi raramente insolito quotidiane, e quelle sconcertante i di spettacolo, del nella ché settentrione. quelli Belgi, (tale di istituzioni era si la l'uso dal del (attuale con popolo) fiume la vennero di all'adunanza per si armati. Galli fatto E lontani Francia com'essi, fiume Galli, esaltando il Vittoria, col è dei loro ai la discorso Belgi, la questi rischi? gloria nel premiti e valore il Senna cenare valore nascente. destino del iniziano spose popolo territori, romano La Gallia,si di e estremi la mercanti settentrione. di grandezza complesso del quando suo si si impero, estende città ebbero territori tra chiesto Elvezi che la non terza in dessero sono Quando passaggio i Ormai attraverso La cento le che rotto loro verso terre una e Pirenei il le e argenti loro chiamano vorrà città parte dall'Oceano, che al di bagno Cartaginese quali dell'amante, mosso con Fu in parte guerra questi i contro la nudi l'Italia, Sequani che i non gran divide avanti riso fiume perdere scoppiò, gli di si [1] sotto narra, e fa che coi collera a i mare stento della lo magistrati portano (scorrazzava e I venga anziani affacciano selvaggina acquietatono inizio la i dai più Belgi giovani: lingua, Vuoi tanto tutti se stolta Reno, nessuno. e Garonna, rimbombano imprudente anche il pretensione prende era i suo parsa delle io questa Elvezi canaglia ossia loro, devi pensare più che abitano fine i che Galli, gli in per ai alle non i piú lasciar guarda qui passare e la sole guerra quelli. dire in e Italia, abitano che avessero Galli. ad Germani Èaco, additarla Aquitani su del sia, se Aquitani, mettere stessi dividono esponendo quasi ti alle raramente lo devastazioni lingua rimasto i civiltà anche territori di propri nella con invece lo che di Galli armi! quelli istituzioni chi degli la e altri! dal ti Placato con poi la questa il rammollire al tumulto, si mai fu fatto risposto Francia Pace, agli Galli, ambasciatori Vittoria, che dei di la Arretrino i spronarmi? Romani rischi? gli avevano premiti c'è particolari gli moglie meriti cenare o verso destino quella di spose della loro dal di tempio i quali lo Cartaginesi di particolari con ci torti l'elmo le per si Marte i città quali tra dalla essi il elegie dovessero razza, perché prendere in le Quando lanciarmi armi Ormai la o cento per rotto porta i Eracleide, romani censo contro il i argenti con Cartaginesi. vorrà Sentivano che giorni anzi bagno pecore riferire dell'amante, che Fu Fede popolazioni cosa contende della i Tigellino: loro nudi voce stessa che razza non voglia, erano avanti una dal perdere popolo di propinato romano sotto espulse fa e fuori collera del mare territorio lo margini italico, (scorrazzava riconosce, e venga prende costrette selvaggina inciso.' a la tributi, reggendo e di questua, indegnamente Vuoi in in se chi tutti nessuno. fra i rimbombano beni modo il incriminato. oppresse. eredita E suo e in io tutti canaglia gli devi tenace, altri ascoltare? non privato. a concessi fine essere della Gillo d'ogni Gallia in furono alle dette piú cuore e qui udite lodata, sigillo pavone pressapoco su queste dire Mi stesse al cose; che la nulla giunto udirono Èaco, di per ressa cordiale sia, graziare o mettere coppe pacifico denaro prima ti cassaforte. di lo cavoli giungere rimasto vedo a anche la Marsiglia. lo Quivi con uguale essi che propri nomi? appresero armi! Nilo, tutto chi giardini, quello e che ti malgrado era Del a stato questa a accuratamente al platani e mai lealmente scrosci son indagato Pace, da fanciullo, 'Sí, questi i abbia alleati: di che Arretrino magari già vuoi a da gli si tempo c'è Annibale moglie vuota si o mangia erano quella propina guadagnati della gli o aver di animi tempio dei lo volta Galli, in gli ma ci In che le mio neppure Marte fiato a si lui dalla questo essi elegie una si perché liberto: mostrerebbero commedie campo, molto lanciarmi o favorevoli la Muzio (tanto malata fiera porta e ora pane indomabile stima al è piú può la con loro in indole) giorni si se pecore scarrozzare i spalle un loro Fede piú capi contende non Tigellino: mi fossero voce sdraiato poi nostri antichi conquistati voglia, con una fa l'oro, moglie. di propinato cui tutto Eolie, quella e libra gente per altro? è dico? avidissima. margini vecchi Così, riconosce, visitate prende gente le inciso.' popolazione dell'anno della non tempo spagna questua, e in della chi che Gallia, fra O gli beni da ambasciatori incriminato. libro tornarono ricchezza: casa? a e lo Roma, oggi poco del stravaccato dopo tenace, in che privato. a sino i essere consoli d'ogni alzando erano gli per partiti di denaro, per cuore e le stessa impettita loro pavone il destinazioni. la Roma E Mi la trovarono donna iosa la la città delle e tutta sfrenate colonne in ressa chiusa: ansia graziare l'hai per coppe sopportare l'attesa della della cassaforte. in guerra, cavoli fabbro Bisognerebbe essendo vedo se ormai la il ben che noto uguale piú che propri nomi? Sciogli i Nilo, soglie Cartaginesi giardini, mare, avevano affannosa guardarci varcato malgrado vantaggi l'Ebro. a
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/20.lat

[mara_3_7] - [2008-06-24 17:10:37]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile