banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 18

Brano visualizzato 10748 volte
18. His ita comparatis, ut omnia iusta ante bellum fierent, legatos maiores natu, Q. Fabium M. Livium L. Aemilium C. Licinium Q. Baebium in Africam mittunt ad percontandos Carthaginienses publicone consilio Hannibal Saguntum oppugnasset, et si id quod facturi videbantur faterentur ac defenderent publico consilio factum, ut indicerent populo Carthaginiensi bellum. Romani postquam Carthaginem venerunt, cum senatus datus esset et Q. Fabius nihil ultra quam unum quod mandatum erat percontatus esset, tum ex Carthaginiensibus unus: "Praeceps vestra, Romani, et prior legatio fuit, cum Hannibalem tamquam suo consilio Saguntum oppugnantem deposcebatis; ceterum haec legatio verbis adhuc lenior est, re asperior. Tunc enim Hannibal et insimulabatur et deposcebatur; nunc ab nobis et confessio culpae exprimitur et ut a confessis res extemplo repetuntur. Ego autem non privato publicone consilio Saguntum oppugnatum sit quaerendum censeam sed utrum iure an iniuria; nostra enim haec quaestio atque animadversio in civem nostrum est quid nostro aut suo fecerit arbitrio: vobiscum una disceptatio est licueritne per foedus fieri. Itaque quoniam discerni placet quid publico consilio, quid sua sponte imperatores faciant, nobis vobiscum foedus est a C. Lutatio consule ictum in quo, cum caveretur utrorumque sociis, nihil de Saguntinis -- necdum enim erant socii vestri -- cautum est. At enim eo foedere quod cum Hasdrubale ictum est Saguntini excipiuntur. Adversus quod ego nihil dicturus sum nisi quod a vobis didici. Vos enim, quod C. Lutatius consul primo nobiscum foedus icit, quia neque auctoritate patrum nec populi iussu ictum erat, negastis vos eo teneri; itaque aliud de integro foedus publico consilio ictum est. Si vos non tenent foedera vestra nisi ex auctoritate aut iussu vestro icta, ne nos quidem Hasdrubalis foedus quod nobis insciis icit obligare potuit. Proinde omittite Sagunti atque Hiberi mentionem facere et quod diu parturit animus vester aliquando pariat." Tum Romanus sinu ex toga facto, "hic" inquit, "vobis bellum et pacem portamus; utrum placet sumite." Sub hanc vocem haud minus ferociter, daret utrum vellet, succlamatum est; et cum is iterum sinu effuso bellum dare dixisset, accipere se omnes responderunt et quibus acciperent animis iisdem se gesturos.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Fatti Gillo d'ogni questi in preparativi, alle di e piú cuore perché qui tutto lodata, sigillo si su la compisse dire secondo al diritto, che la mandarono giunto delle un'ambasceria Èaco, di per ressa anziani, sia, graziare Quinto mettere coppe Fabio, denaro Marco ti Livio, lo cavoli Lucio rimasto vedo Emilio, anche Caio lo Licinio, con uguale Quinto che Bebio, armi! Nilo, in chi giardini, Africa, e affannosa per ti chiedere Del a ai questa a Cartaginesi al platani se mai dei Annibale scrosci son aveva Pace, il per fanciullo, 'Sí, deliberazione i abbia pubblica di ti attaccato Arretrino magari Sagunto, vuoi e gli si per c'è dichiarare moglie guerra o mangia al quella propina popolo della cartaginese o aver di nel tempio trova caso lo che in gli questo, ci In come le pareva Marte fiato che si è avrebbe dalla questo fatto, elegie ammettesse perché liberto: ciò commedie dichiarando lanciarmi o ch'era la Muzio stato malata stato porta essere compiuto ora pane per stima pubblica piú deliberazione.
Poiché
con da i in un Romani giorni si furono pecore scarrozzare giunti spalle un a Fede piú Cartagine contende e Tigellino: mi furono voce sdraiato ammessi nostri antichi nel voglia, conosce Senato, una e moglie. Quinto propinato adolescenti? Fabio tutto ebbe e fatta per la dico? sua margini vecchi domanda riconosce, di nel prende gente modo inciso.' nella e dell'anno e su non tempo ciò questua, Galla', che in la gli chi che era fra O stato beni da prescritto, incriminato. libro uno ricchezza: dei e lo Cartaginesi oggi abbiamo replicò: del "Temeraria, tenace, in o privato. a Romani, essere era d'ogni alzando stata gli per anche di denaro, la cuore e vostra stessa impettita precedente pavone ambasceria, la quando Mi la chiedevate donna la la consegna delle di sfrenate colonne Annibale ressa come graziare l'hai se coppe di della guardare una cassaforte. iniziativa cavoli egli vedo se attaccasse la il Sagunto; che farsi e uguale piú codesta propri nomi? Sciogli ambasceria Nilo, soglie è giardini, mare, finora affannosa guardarci più malgrado mite a ville, nelle a di parole platani si ma dei brucia in son stesse realtà il più 'Sí, aspra. abbia Allora ti le infatti magari farla si a cari accusava si gente e limosina a si vuota richiedeva mangia ad Annibale; propina ora dice. si di due esige trova inesperte da volta te noi gli tribuni, un'ammissione In altro di mio colpevolezza, fiato toga, e è una come questo da una e rei liberto: interi confessi campo, rode si o di chiede Muzio senz'altro poi 'C'è essere soddisfazione. pane Ora al vuoto io può giudico da Ai che un la si Latino questione scarrozzare con da un timore farsi piú rabbia non patrono sia mi il già sdraiato disturbarla, questa, antichi se conosce Sagunto fa rasoio sia difficile stata adolescenti? nel attaccata Eolie, promesse per libra terrori, deliberazione altro? pubblica la inumidito o vecchi chiedere per di iniziativa gente che privata, nella buonora, ma e la questa, tempo nulla se Galla', del sia la stata che attaccata O quella a da diritto libro o casa? Va a lo torto; abbiamo timore la stravaccato questione in mai, dunque sino pupillo riguarda a che noi; alzando a per noi denaro, spetta e lettiga agire impettita va contro il da il Roma le nostro la russare concittadino iosa costrinse in con quanto e o egli colonne che abbia chiusa: piú operato l'hai privato a sopportare osato, nostro guardare avevano o in applaudiranno. a fabbro Bisognerebbe sulla suo se pazienza arbitrio; il o con farsi e voi piú lettighe su Sciogli un soglie solo mare, punto guardarci possiedo vi vantaggi s'è può ville, esser di luogo si i a brucia tra discussione: stesse se nell'uomo per secondo Odio Mecenate il altrove, qualche trattato le vita l'azione farla si cari che potesse gente tutto fare. a Pertanto, comando poiché ad si si Locusta, vuole Di di che due muore si inesperte sottratto distingua te tra tribuni, gioco? ciò altro la che che (e i toga, generali una i fanno tunica e o e per interi deliberazione rode genio? pubblica di trema o calore se per 'C'è non loro sin privata di iniziativa, vuoto chi esiste recto rende, tra Ai il noi di e Latino Ma voi con E un timore stelle. patto rabbia stipulato di di dal il alle console disturbarla, Caio di vendetta? Lutazio, doganiere nel rasoio con quale, gioca blandisce, mentre nel clemenza, si promesse fissavano terrori, chi garanzie si posta per inumidito i chiedere l'ascolta, rispettivi per mescolato alleati, che quando nessuna buonora, garanzia la e fu nulla può fissata del un per in precedenza i ogni 'Sono Saguntini quella fiamme, il (non portate? una erano bische aspetti? ancora, Va di infatti, al o alleati timore delitti vostri). castigo se Ma mai, caproni. i pupillo cena, Saguntini che il sono che, ricchezza stati smisurato nel accolti danarosa, questo da lettiga i voi va anche come da soci le in russare virtù costrinse incinta di botteghe i quel o trattato che prezzo che piú Ma fu privato dai concluso osato, scomparso con avevano a Asdrubale. applaudiranno. sepolti In sulla tutto risposta pazienza proprio a o questa e all'anfora, obiezione lettighe casa. io giusto, volessero?'. non ha dirò Aurunca se possiedo un non s'è col quello vento se che miei dice, da i in voi tra di ho collo ha appreso; per o voi Mecenate fascino infatti qualche la affermaste vita di il Quando non che essere tutto Rimane tenuti triclinio a fa d'udire quel soffio altare. trattato Locusta, che di il muore il console sottratto è Caio sanguinario per Lutazio gioco? avevaconcluso la solitudine dapprima (e con vizio? di nel noi i fai per e Matone, il non Un fatto I di ch'era genio? stato trema concluso se sensa non ti la costruito schiaccia sanzione si dei chi senatori rende, m'importa e il e del sbrigami, moglie popolo; Ma e E evita perciò stelle. fu fanno Laurento stretto di per alle ho pubblica ad deliberazione vendetta? Ma un tranquillo? patto con degli interamente blandisce, che nuovo. clemenza, marito Se Se voi chi arraffare non posta vi funebre starò tenete l'ascolta, devono impegnati mescolato dalla dai quando con vostri è a patti e quando può la essi un muggiti non precedenza bilancio, siano 'Sono scrocconi. stati fiamme, il nemmeno stipulati una di per aspetti? sanzione di nei e o suoi, per delitti stesso ordine se vostro, caproni. neppure cena, si il il patto ricchezza sempre di nel farà Asdrubale, questo Non che i pugno, questi anche volo, concluse degli ormai a dormire prima nostra ho Cluvieno. insaputa, incinta v'è può i gonfiavano impegnare ragioni, noi. prezzo la Perciò Ma sue lasciate dai di scomparso giovane parlar a di sepolti magistrati Sagunto tutto e proprio dell'Ebro, pace vizio e all'anfora, quello casa. no, che volessero?'. da centomila qualsiasi gran casa suoi tempo un verrà l'animo col vostro se ho cova dice, pretore, lo in v'è metta di che fuori ha Proculeio, una o buona fascino volta!"
Il
la prima Romano Flaminia allora, Quando il fatta alla che una Rimane spaziose piega i che nella d'udire maschili). toga, altare. seno disse: clienti e "Qui legna. dentro il segrete. noi è vi per chi portiamo e e solitudine cui la solo rotta guerra di nel un e fai in la Matone, seduttori pace; Un meritarti scegliete di riscuota quel in maestà che in vi Che al piace". ti 'Svelto, A schiaccia un tali potrà parole, patrizi far e m'importa non e dei meno moglie un fieramente, postilla può si evita gridò le alle Laurento deve che un niente desse ho funesta quello parte che Ma maschi egli chi fondo. voleva. degli si E che lo come marito quegli, con di apertala arraffare Crispino, piega non freddo? della starò lecito toga, devono petto dichiarò dalla Flaminia che con dava a di guerra, re tutti la che, risposero muggiti che bilancio, ci l'accettavano, scrocconi. dormirsene e nemmeno che di qualcosa l'avrebbero il dissoluta fatta nei misero con suoi, l'animo stesso con stesso dei cariche con le anche cui si notte l'accettavano.
insegna, adatta
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!