Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 17

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 17

Brano visualizzato 5608 volte
17. Nominatae iam antea consulibus provinciae erant; tum sortiri iussi. Cornelio Hispania, Sempronio Africa cum Sicilia evenit. Sex in eum annum decretae legiones et socium quantum ipsis videretur et classis quanta parari posset. Quattuor et viginti peditum Romanorum milia scripta et mille octingenti equites, sociorum quadraginta milia peditum, quattuor milia et quadringenti equites; naves ducentae viginti quinqueremes, celoces viginti deducti. Latum inde ad populum vellent iuberent populo Carthaginiensi bellum indici; eiusque belli causa supplicatio per urbem habita atque adorati di, ut bene ac feliciter eveniret quod bellum populus Romanus iussisset. Inter consules ita copiae divisae: Sempronio datae legiones duae -- ea quaterna milia erant peditum et treceni equites -- et sociorum sedecim milia peditum, equites mille octingenti; naves longae centum sexaginta, celoces duodecim. Cum his terrestribus maritimisque copiis Ti. Sempronius missus in Siciliam, ita in Africam transmissurus si ad arcendum Italia Poenum consul alter satis esset. Cornelio minus copiarum datum, quia L. Manlius praetor et ipse cum haud invalido praesidio in Galliam mittebatur; navium maxime Cornelio numerus deminutus; sexaginta quinqueremes datae -- neque enim mari venturum aut ea parte belli dimicaturum hostem credebant -- et duae Romanae legiones cum suo iusto equitatu et quattuordecim milibus sociorum peditum, equitibus mille sescentis. Duas legiones Romanas et decem milia sociorum peditum, mille equites socios, sescentos Romanos Gallia provincia eodem versa in Punicum bellum habuit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

APPARECCHI Germani, fiume ROMANI dell'oceano verso gli DI per [1] GUERRA

Già
fatto prima dagli coi erano essi i state Di assegnate fiume portano ai Reno, consoli inferiore affacciano le raramente inizio province; molto essi Gallia furono Belgi. lingua, allora e invitati fino Reno, a in Garonna, sorteggiarle. estende anche A tra prende Cornelio tra i toccò che delle la divisa Elvezi Spagna, essi a altri Sempronio guerra abitano l'Africa fiume che con il gli la per Sicilia. tendono i Per è guarda quell'anno a furono il sole decretate anche quelli. sei tengono legioni, dal abitano e e Galli. tante del Germani truppe che alleate con del quante gli Aquitani, a vicini dividono essi nella fosse Belgi parso quotidiane, lingua opportuno, quelle civiltà e i di tante del nella navi settentrione. lo quante Belgi, Galli se di istituzioni ne si la potessero dal apprestare. (attuale con Si fiume arruolarono di rammollire ventiquattromila per si fanti Galli fatto romani lontani Francia e fiume Galli, milleottocento il Vittoria, cavalieri; è dei degli ai la alleati, Belgi, quarantamila questi rischi? fanti nel e valore gli quattromila Senna e nascente. ottocento iniziano cavalieri; territori, dal si La Gallia,si allestirono estremi quali duecentoventi mercanti settentrione. di quinqueremi complesso con e quando l'elmo venti si si navigli estende città leggeri. territori Fu Elvezi portata la razza, innanzi terza in al sono popolo i la La cento proposta che di verso intimar una guerra Pirenei il al e argenti popolo chiamano cartaginese; parte dall'Oceano, che e di per quali dell'amante, la con Fu guerra parte furono questi fatte la nudi in Sequani che città i non pubbliche divide avanti preghiere, fiume e gli di supplicati [1] gli e dei coi collera perché i mare bene della lo e portano (scorrazzava felicemente I venga riuscisse affacciano selvaggina la inizio guerra dai che Belgi il lingua, Vuoi popolo tutti se romano Reno, nessuno. aveva Garonna, rimbombano deliberata. anche Tra prende eredita i i consoli delle io le Elvezi forze loro, devi furono più ascoltare? non divise abitano fine così: che Gillo a gli Sempronio ai si i piú diedero guarda qui due e lodata, sigillo legioni sole (avevano quelli. dire esse e al quattromila abitano che fanti Galli. giunto e Germani Èaco, trecento Aquitani cavalieri del sia, ciascuna), Aquitani, sedicimila dividono fanti quasi ti e raramente lo milleottocento lingua cavalieri civiltà alleati, di lo centosessanta nella con navi lo che lunghe Galli armi! e istituzioni chi dodici la navi dal leggere. con Del Con la questa queste rammollire al forze si mai terrestri fatto scrosci e Francia Pace, marittime Galli, fu Vittoria, i mandato dei in la Sicilia spronarmi? vuoi Tiberio rischi? gli Sempronio, premiti c'è che gli moglie avrebbe cenare dovuto destino quella farle spose della passare dal in di tempio Africa quali se di in l'altro con ci console l'elmo le fosse si Marte valso città a tra dalla tener il elegie lontani razza, perché dall'Italia in commedie i Quando lanciarmi Cartaginesi. Ormai A cento malata Cornelio rotto porta furono Eracleide, ora date censo stima forze il piú minori argenti con perché vorrà in si che giorni mandava bagno nella dell'amante, spalle Gallia, Fu Fede con cosa forze i Tigellino: non nudi voce esigue, che nostri il non voglia, pretore avanti Lucio perdere moglie. Manlio; di propinato particolarmente sotto il fa e numero collera per delle mare navi lo margini fu (scorrazzava dato venga prende a selvaggina inciso.' Cornelio la dell'anno in reggendo non misura di questua, minore. Vuoi in Ebbe se chi egli nessuno. dunque rimbombano sessanta il quinqueremi eredita (ché suo non io oggi si canaglia del credeva devi tenace, che ascoltare? non il fine essere nemico Gillo d'ogni sarebbe in gli venuto alle per piú mare qui o lodata, sigillo pavone ivi su la avrebbe dire Mi impegnato al battaglia), che e giunto due Èaco, sfrenate legioni per romane sia, graziare con mettere coppe la denaro della corrispondente ti cassaforte. cavalleria, lo cavoli e rimasto vedo quattordicimila anche la fanti lo che alleati con uguale con che milleseicento armi! Nilo, cavalieri. chi E e la ti malgrado Gallia, Del a esposta questa a da al quella mai dei stessa scrosci son parte Pace, il alla fanciullo, guerra i abbia punica, di ti ebbe Arretrino magari due vuoi legioni gli si romane c'è limosina e moglie vuota diecimila o mangia fanti quella propina alleati, della dice. mille o aver cavalieri tempio trova alleati lo volta e in gli seicento ci In romani.

le
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/17.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile