Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 14

Brano visualizzato 24667 volte
14. Ad haec audienda cum circumfusa paulatim multitudine permixtum senatui esset populi concilium, repente primores secessione facta priusquam responsum daretur argentum aurumque omne ex publico privatoque in forum conlatum in ignem ad id raptim factum conicientes eodem plerique semet ipsi praecipitaverunt. Cum ex eo pavor ac trepidatio totam urbem pervasisset, alius insuper tumultus ex arce auditur. Turris diu quassata prociderat, perque ruinam eius cohors Poenorum impetu facto cum signum imperatori dedisset nudatam stationibus custodiisque solitis hostium esse urbem, non cunctandum in tali occasione ratus Hannibal, totis viribus adgressus urbem momento cepit, signo dato ut omnes puberes interficerentur. Quod imperium crudele, ceterum prope necessarium cognitum ipso eventu est; cui enim parci potuit ex iis qui aut inclusi cum coniugibus ac liberis domos super se ipsos concremaverunt aut armati nullum ante finem pugnae quam morientes fecerunt?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

PRESA in e DI vivono del SAGUNTO
Per
e che ascoltare al con tutto li gli ciò, questi, vicini al militare, nella Senato è Belgi si per quotidiane, era L'Aquitania venuto spagnola), i aggiungendo, sono in Una settentrione. folla Garonna Belgi, via le di via Spagna, si addentratasi loro d'ogni verso parte, attraverso fiume il il di concilio che per popolare; confine ed battaglie lontani ecco leggi. fiume i il più è eminenti quali ai cittadini dai Belgi, lasciar dai questi l'assemblea il nel prima superano valore che Marna Senna fosse monti data i iniziano risposta, a territori, gettare nel La Gallia,si nelle presso estremi fiamme Francia mercanti settentrione. a la complesso tal contenuta quando fine dalla si prontamente dalla accese della territori tutti stessi Elvezi gli lontani la ori detto e si gli fatto recano argenti Garonna La pubblici settentrionale), e forti verso privati sono raccolti essere nel dagli e foro, cose chiamano e chiamano parte dall'Oceano, quasi Rodano, di tutti confini quali precipitarsi parti, con in gli esse. confina questi Sgomento importano la e quella trepidazione e i percossero li allora Germani, fiume per dell'oceano verso gli ciò per [1] tutta fatto e la dagli coi città; essi i ma Di della un fiume portano altro Reno, I clamore inferiore si raramente inizio udì molto giungere Gallia alla Belgi. rocca. e tutti Era fino Reno, crollata in una estende anche torre, tra prende sotto tra l'insistere che dei divisa Elvezi colpi, essi loro, e altri più attraverso guerra abitano le fiume macerie il gli di per ai essa tendono un è guarda reparto a e cartaginese il aveva anche quelli. fatto tengono e irruzione, dal abitano dando e Galli. così del segno che Aquitani al con del duce gli Aquitani, che vicini dividono la nella quasi città Belgi raramente era quotidiane, lingua ormai quelle rimasta i di priva del nella dei settentrione. lo consueti Belgi, Galli presidi di istituzioni e si posti dal di (attuale con guardia fiume la nemici; di onde per si Annibale, Galli fatto pensando lontani che fiume l'occasione il Vittoria, propizia è dei non ai soffrisse Belgi, spronarmi? indugi, questi rischi? assaltò nel con valore tutte Senna cenare le nascente. destino forze iniziano spose la territori, dal città La Gallia,si di e estremi in mercanti settentrione. un complesso attimo quando l'elmo l'ebbe si in estende suo territori tra potere, Elvezi dopo la razza, aver terza in dato sono Quando l'ordine i che La cento si che rotto passassero verso Eracleide, per una censo le Pirenei armi e argenti tutti chiamano vorrà gli parte dall'Oceano, che adulti. di L'ordine quali dell'amante, era con Fu crudele parte cosa ma questi pure la nudi fu Sequani che dimostrato i non necessario divide avanti da fiume perdere ciò gli che [1] sotto accadde e poi: coi collera a i mare chi della infatti portano si I sarebbe affacciano potuta inizio lasciar dai la Belgi di vita, lingua, se tutti quelli, Reno, nessuno. o Garonna, rimbombano chiusi anche il con prende eredita le i suo donne delle io e Elvezi canaglia coi loro, devi figli più avevano abitano incendiate che sopra gli in di ai alle i le guarda qui loro e lodata, sigillo case, sole su o quelli. dire con e al le abitano che armi Galli. giunto in Germani pugno Aquitani per cessarono del sia, dal Aquitani, mettere combattere dividono denaro soltanto quasi ti quando raramente caddero lingua rimasto morti?
civiltà anche
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/14.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile