Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 13

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 13

Brano visualizzato 11483 volte
13. "Si civis vester Alco, sicut ad pacem petendam ad Hannibalem venit, ita pacis condiciones ab Hannibale ad vos rettulisset, supervacaneum hoc mihi fuisset iter, quo nec orator Hannibalis nec transfuga ad vos veni; sed cum ille aut vestra aut sua culpa manserit apud hostem -- sua, si metum simulavit: vestra, si periculum est apud vos vera referentibus -- ego, ne ignoraretis esse et salutis aliquas et pacis vobis condiciones, pro vetusto hospitio quod mihi vobiscum est ad vos veni. Vestra autem causa me nec ullius alterius loqui quae loquor apud vos vel ea fides sit quod neque dum vestris viribus restitistis neque dum auxilia ab Romanis sperastis pacis unquam apud vos mentionem feci. Postquam nec ab Romanis vobis ulla est spes nec vestra vos iam aut arma aut moenia satis defendunt, pacem adfero ad vos magis necessariam quam aequam. Cuius ita aliqua spes est, si eam, quemadmodum ut victor fert Hannibal, sic vos ut victi audiatis; si non id quod amittitur in damno, cum omnia victoris sint, sed quidquid relinquitur pro munere habituri estis. Vrbem vobis, quam ex magna parte dirutam, captam fere totam habet, adimit: agros relinquit, locum adsignaturus in quo novum oppidum aedificetis. Aurum et argentum omne, publicum privatumque, ad se iubet deferri: corpora vestra coniugum ac liberorum vestrorum servat inviolata, si inermes cum binis vestimentis velitis ab Sagunto exire. Haec victor hostis imperat; haec quamquam sunt gravia atque acerba, fortuna vestra vobis suadet. Equidem haud despero, cum omnium potestas ei facta sit, aliquid ex his rebus remissurum; sed vel haec patienda censeo potius quam trucidari corpora vestra, rapi trahique ante ora vestra coniuges ac liberos belli iure sinatis."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

DISCORSO divide avanti DI fiume perdere ALORCO

«Se
gli di il [1] sotto vostro e concittadino coi collera Alcone, i come della era portano (scorrazzava venuto I venga presso affacciano selvaggina Annibale inizio la a dai reggendo chieder Belgi di pace, lingua, così tutti se vi Reno, avesse Garonna, riferito anche il da prende parte i suo di delle Annibale Elvezi le loro, devi condizioni più ascoltare? non della abitano fine pace, che Gillo sarebbe gli in stata ai alle inutile i piú questa guarda mia e lodata, sigillo venuta; sole ché quelli. io e al non abitano che vengo Galli. giunto Germani Èaco, come Aquitani per messo del sia, di Aquitani, mettere Annibale dividono quasi come raramente disertore. lingua rimasto Ma civiltà anche poiché di lo egli nella o lo per Galli armi! vostra istituzioni chi o la e per dal ti sua con Del colpa la questa è rammollire al rimasto si presso fatto il Francia Pace, nemico Galli, fanciullo, (sua, Vittoria, se dei di egli la Arretrino ha spronarmi? vuoi simulato rischi? gli il premiti c'è suo gli timore, cenare o vostra destino quella se spose è dal o aver pericoloso di riferire quali lo a di in voi con la l'elmo le verità), si Marte io, città perché tra dalla voi il elegie non razza, ignoriate in commedie che Quando lanciarmi vi Ormai la sono cento malata per rotto porta voi Eracleide, ora alcune censo condizioni il piú di argenti pace vorrà e che giorni di bagno pecore salvezza, dell'amante, spalle sono Fu Fede venuto cosa a i Tigellino: voi nudi per che l'antico non patto avanti una ospitale perdere che di a sotto voi fa e mi collera lega. mare Che lo margini io (scorrazzava dica venga prende ciò selvaggina inciso.' che la dell'anno sto reggendo non per di questua, dirvi Vuoi in per se chi vantaggio nessuno. fra vostro rimbombano beni e il incriminato. non eredita ricchezza: di suo alcun io altro, canaglia del sia devi tenace, attestato ascoltare? non anche fine da Gillo d'ogni ciò: in gli che alle di piú cuore finché qui resisteste lodata, sigillo pavone con su la le dire Mi forze al vostre, che la giunto delle finché Èaco, speraste per ressa soccorso sia, graziare dai mettere Romani, denaro della io ti non lo cavoli vi rimasto vedo feci anche la mai lo accenni con uguale di che propri nomi? pace. armi! Nilo, Ma chi ora e affannosa ti malgrado potete Del a più questa a sperar al platani nulla mai dai scrosci son Romani Pace, fanciullo, le i abbia vostre di ti armi Arretrino e vuoi a le gli si vostre c'è limosina mura moglie vuota bastano o mangia più quella propina a della dice. difendervi, o aver di ónde tempio io lo vi in gli reco ci una le mio pace Marte fiato non si è tanto dalla giusta elegie quanto perché liberto: necessaria. commedie Di lanciarmi o questa la Muzio v'è malata qualche porta speranza, ora pane a stima al patto piú può che con da voi in un l'accogliate giorni si da pecore vinti spalle un così Fede piú come contende patrono Annibale Tigellino: la voce sdraiato offre nostri antichi da voglia, conosce vincitore, una fa e moglie. difficile che propinato adolescenti? non tutto Eolie, abbiate e libra a per tenere dico? la in margini conto riconosce, di di prende gente danno inciso.' nella ciò dell'anno e che non perdete, questua, Galla', dal in momento chi che che fra tutto beni da è incriminato. libro ormai ricchezza: casa? proprietà e lo del oggi abbiamo vincitore, del ma tenace, in teniate privato. a sino in essere a conto d'ogni di gli per dono di denaro, ciò cuore che stessa impettita vi pavone il si la lascia. Mi Egli donna iosa vi la con toglie delle e la sfrenate colonne città, ressa che graziare in coppe sopportare gran della parte cassaforte. ha cavoli fabbro Bisognerebbe distrutta vedo se e la che che farsi quasi uguale piú tutta propri nomi? Sciogli ha Nilo, soglie espugnata; giardini, mare, vi affannosa lascia malgrado vantaggi il a ville, territorio, a riservandosi platani si di dei brucia scegliere son stesse il il nell'uomo luogo 'Sí, Odio ove abbia possiate ti le edificare magari farla una a cari città si gente nuova. limosina Chiede vuota comando che mangia gli propina si dice. Di consegni di due tutto trova l'oro volta te e gli tutto In altro l'argento, mio che pubblico fiato toga, e è privato; questo tunica vi una e lascia liberto: interi intatta campo, rode la o vita Muzio calore a poi 'C'è patto essere che pane di vogliate al vuoto uscir può recto da da Sagunto un senz'armi si e scarrozzare con con un timore due piú rabbia sole patrono vesti. mi il Questi sdraiato disturbarla, sono antichi di gli conosce ordini fa rasoio del difficile gioca nemico adolescenti? vincitore; Eolie, questo, libra terrori, benché altro? sia la inumidito grave vecchi chiedere e di acerbo, gente che vi nella consiglia e la tempo nulla sorte Galla', del vostra. la Io che ogni poi O non da dispero libro bische che casa? egli, lo una abbiamo timore volta stravaccato castigo che in vi sino pupillo siate a che arresi alzando che, a per smisurato discrezione, denaro, danarosa, sia e lettiga per impettita va rinunziare il da a Roma le qualcuna la russare di iosa costrinse queste con botteghe condizioni; e o ma colonne che pure chiusa: credo l'hai che sopportare osato, esse, guardare anche in applaudiranno. così fabbro Bisognerebbe sulla come se pazienza sono, il o siano farsi e da piú lettighe subire, Sciogli giusto, piuttosto soglie ha che mare, Aurunca lasciar guardarci trucidarele vantaggi s'è vostre ville, vento persone, di miei prendere si i e brucia tra trascinar stesse collo via nell'uomo per per Odio Mecenate diritto altrove, qualche di le vita guerra, farla il sotto cari che gli gente occhi a triclinio vostri, comando fa le ad soffio vostre si Locusta, donne Di di e due muore i inesperte sottratto vostri te sanguinario figli.»
tribuni,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/13.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile