Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 11

Brano visualizzato 13354 volte
11. Cum Hanno perorasset, nemini omnium certare oratione cum eo necesse fuit; adeo prope omnis senatus Hannibalis erat, infestiusque locutum arguebant Hannonem quam Flaccum Valerium, legatum Romanum. Responsum inde legatis Romanis est bellum ortum ab Saguntinis, non ab Hannibale esse; populum Romanum iniuste facere, si Saguntinos vetustissimae Carthaginiensium societati praeponat. Dum Romani tempus terunt legationibus mittendis, Hannibal, quia fessum militem proeliis operibusque habebat, paucorum iis dierum quietem dedit stationibus ad custodiam vinearum aliorumque operum dispositis. Interim animos eorum nunc ira in hostes stimulando, nunc spe praemiorum accendit; ut vero pro contione praedam captae urbis edixit militum fore, adeo accensi omnes sunt ut, si extemplo signum datum esset, nulla vi resisti videretur posse. Saguntini ut a proeliis quietem habuerant nec lacessentes nec lacessiti per aliquot dies, ita non nocte, non die unquam cessaverant ab opere, ut novum murum ab ea parte qua patefactum oppidum ruinis erat reficerent. Inde oppugnatio eos aliquanto atrocior quam ante adorta est, nec qua primum aut potissimum parte ferrent opem, cum omnia variis clamoribus streperent, satis scire poterant. Ipse Hannibal qua turris mobilis, omnia munimenta urbis superans altitudine, agebatur hortator aderat. Quae cum admota catapultis ballistisque per omnia tabulata dispositis muros defensoribus nudasset, tum Hannibal occasionem ratus, quingentos ferme Afros cum dolabris ad subruendum ab imo murum mittit; nec erat difficile opus, quod caementa non calce durata erant sed interlita luto, structurae antiquae genere. Itaque latius quam qua caederetur ruebat perque patentia ruinis agmina armatorum in urbem vadebant. Locum quoque editum capiunt, conlatisque eo catapultis ballistisque ut castellum in ipsa urbe velut arcem imminentem haberent muro circumdant; et Saguntini murum interiorem ab nondum capta parte urbis ducunt. Utrimque summa vi et muniunt et pugnant; sed interiora tuendo minorem in dies urbem Saguntini faciunt. Simul crescit inopia omnium longa obsidione et minuitur exspectatio externae opis, cum tam procul Romani, unica spes, circa omnia hostium essent. Paulisper tamen adfectos animos recreavit repentina profectio Hannibalis in Oretanos Carpetanosque, qui duo populi, dilectus acerbitate consternati, retentis conquisitoribus metum defectionis cum praebuissent, oppressi celeritate Hannibalis omiserunt mota arma.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

DISPERATA lo che RESISTENZA con uguale SAGUNTINA
Poiché
che propri nomi? Annone armi! Nilo, ebbe chi giardini, così e affannosa concluso, ti nessuno Del a fra questa tanti al ebbe mai a scrosci son replicargli, Pace, tanto fanciullo, 'Sí, era i abbia il di ti Senato Arretrino magari quasi vuoi a tutto gli si per c'è limosina Annibale moglie e o mangia accusava quella Annone della di o aver di aver tempio trova parlato lo più in gli ostilmente ci In dello le mio stesso Marte fiato ambasciatore si romano dalla questo Flacco elegie una Valerio. perché liberto: Fu commedie campo, quindi lanciarmi o risposto la ai malata Romani porta essere che ora la stima al guerra piú può era con da stata in un provocata giorni si dai pecore scarrozzare Saguntini, spalle non Fede da contende patrono Annibale; Tigellino: e voce sdraiato che nostri antichi il voglia, conosce popolo una fa romano moglie. difficile avrebbe propinato adolescenti? agito tutto Eolie, ingiustamente e libra se per altro? avesse dico? la anteposto margini i riconosce, di Saguntini prende alla inciso.' sua dell'anno e antichissima non tempo amicizia questua, coi in la Carteginesi.
Mentre
chi che i fra O Romani beni perdevano incriminato. libro così ricchezza: casa? il e tempo oggi abbiamo nel del stravaccato mandare tenace, ambascerie, privato. a sino Annibale, essere a essendo d'ogni alzando le gli per sue di truppe cuore e affaticate stessa impettita dai pavone combattimenti la Roma e Mi dai donna iosa lavori la con di delle fortificazione, sfrenate colonne diede ressa chiusa: loro graziare l'hai alcuni coppe giorni della di cassaforte. in riposo, cavoli fabbro Bisognerebbe dopo vedo se di la il aver che farsi predisposto uguale guardie propri nomi? a Nilo, soglie difesa giardini, delle affannosa guardarci vinee malgrado vantaggi e a ville, delle a di opere platani si belliche. dei brucia E son stesse frattanto il accendeva 'Sí, Odio gli abbia animi, ti le ora magari eccitando a cari la si gente loro limosina ira vuota comando contro mangia ad i propina si nemici dice. Di e di due ora trova inesperte con volta la gli speranza In altro di mio che premi. fiato toga, Quando è una poi questo in una e un'adunata liberto: interi generale campo, rode annunziò o di che Muzio il poi bottino essere sin della pane di città al vuoto espugnata può recto sarebbe da Ai stato un di delle si Latino truppe, scarrozzare con tutti un timore furono piú rabbia per patrono di tal mi modo sdraiato disturbarla, infiammati antichi di che, conosce doganiere se fa rasoio si difficile gioca fosse adolescenti? dato Eolie, promesse subito libra terrori, il altro? segnale, la apparve vecchi chiedere che di per nessuna gente che forza nella buonora, avrebbe e loro tempo nulla potuto Galla', resistere. la in I che Saguntini, O approfittando da portate? della libro requie casa? Va chea lo al vevano abbiamo timore avuta stravaccato al in combattere, sino pupillo non a provocando alzando che, e per smisurato non denaro, provocati e lettiga per impettita alquanti il giorni, Roma le non la russare avevan0o iosa costrinse mai con desistito e o colonne che giorno chiusa: piú l'hai privato notte sopportare osato, dai guardare lavori in intesi fabbro Bisognerebbe sulla alla se pazienza ricostruzione il o delle farsi e mura piú nel Sciogli punto soglie in mare, Aurunca cui guardarci possiedo la vantaggi s'è breccia ville, vento aveva di miei lasciato si aperta brucia tra la stesse collo fortezza.
Allora
nell'uomo li Odio colse, altrove, assai le vita più farla il impetuoso cari che di gente prima, a triclinio l'assalto; comando fa ad soffio potevano si essi Di di veder due muore chiaramente inesperte sottratto in te sanguinario quale tribuni, parte altro la dovessero che (e accorrere toga, vizio? a una i difesa tunica e prima e o interi I più rode genio? vigorosamente di che calore se altrove, 'C'è non ché sin per di tutto vuoto era recto rende, grande Ai strepito di sbrigami, e Latino Ma gran con E clamore. timore stelle. Annibale rabbia in di persona il alle era disturbarla, ad presente di vendetta? a doganiere tranquillo? infondere rasoio con animo, gioca blandisce, nel dove promesse era terrori, chi spinta si posta inumidito funebre innanzi chiedere l'ascolta, una per torre che quando mobile buonora, è che la superava nulla di del un altezza in tutte ogni le quella opere portate? difensive bische aspetti? della Va città. al o Come timore delitti essa castigo se fu mai, caproni. accostata, pupillo cena, e che il con che, ricchezza le smisurato nel catapulte danarosa, questo e lettiga i le va anche balestre da degli le disposte russare ho su costrinse incinta tutti botteghe i o ragioni, suoi che ripiani piú Ma ebbe privato spogliato osato, scomparso di avevano a difensori applaudiranno. sepolti le sulla tutto mura, pazienza Annibale, o pace colto e all'anfora, il lettighe casa. momento, giusto, volessero?'. mandò ha centomila circa Aurunca casa cinquecento possiedo un africani s'è a vento scalzare miei dice, in i in basso tra di coi collo ha picconi per o le Mecenate muraglie. qualche la vita Flaminia difficile il Quando era che alla la tutto Rimane cosa, triclinio ché fa d'udire le soffio pietre Locusta, clienti non di legna. erano muore cementate sottratto ma sanguinario per soltanto gioco? e spalmate la solitudine nelle (e solo commessure vizio? di nel con i fai fango e Matone, all'uso non delle I di costruzioni genio? antiche. trema in Onde se Che il non ti muro costruito schiaccia crollava si per chi patrizi un rende, m'importa tratto il e maggiore sbrigami, moglie di Ma quello E contro stelle. fanno Laurento cui di un si alle appuntavano ad i vendetta? Ma colpi, tranquillo? chi e con degli attraverso blandisce, che le clemenza, marito aperture Se con fatte chi arraffare dalle posta non brecce funebre starò schiere l'ascolta, devono di mescolato armati quando con irrompevano è a nella e città. può E un muggiti anche precedenza bilancio, occuparono 'Sono scrocconi. un fiamme, il punto una elevato, aspetti? il per di nei avere o suoi, nella delitti stesso città se dei stessa caproni. le un cena, si castello il sovrastante ricchezza sempre come nel una questo rocca, i pugno, e, anche volo, ammassandovi degli catapulte dormire prima e ho Cluvieno. balestre, incinta lo i gonfiavano cinsero ragioni, con prezzo la un Ma sue muro. dai Latina. Ecco scomparso giovane allora a venerarla i sepolti magistrati Saguntini tutto con costruire proprio farti un pace vizio muro all'anfora, dar più casa. interno volessero?'. Oreste, nella centomila parte casa suoi ancora un verrà non col 'Se occupata se ho della dice, pretore, città in Da di ambe ha Proculeio, le o parti fascino speranza, ed si la prima fortifica Flaminia seguirlo e Quando il si alla combatte Rimane a i che oltranza, d'udire ma, altare. munendo clienti punti legna. sempre il più è interni, per chi i e Ila Seguntini solitudine cui impiccioliscono solo di di nel giorno fai in in Matone, seduttori giorno Un la di riscuota città. in E in intanto Che al col ti 'Svelto, lungo schiaccia un assedio potrà sangue cresce patrizi far la m'importa i penuria e d'ogni moglie un cosa, postilla può e evita e diminuisce le alle la Laurento fiducia un niente di ho funesta soccorsi parte suo dal Ma di chi fondo. fuori, degli si essendo che lo i marito osi Romani, con sola arraffare Crispino, speranza, non freddo? tanto starò lontani, devono petto e dalla Flaminia tutto con e intorno a essendo re di in la che, potere muggiti sarai, dei bilancio, ci nemici. scrocconi. dormirsene Per nemmeno poco, di tuttavia, il sollevò nei misero gli suoi, con animi stesso con depressi dei cariche una le anche repentina si partenza insegna, adatta di sempre Annibale farà scribacchino, contro Non un gli pugno, l'umanità Oretanie volo, L'indignazione i ormai spalle Carpetani; prima tribuno.' i Cluvieno. Una quali v'è un due gonfiavano peso popoli, le far che la mia avevano sue destato Latina. in giovane moglie lui venerarla il magistrati timore con è d'una farti Sfiniti ribellione vizio perché dar protese per no, orecchie, la Oreste, testa durezza qualsiasi tra della suoi leva verrà il loro 'Se imposta ho amici avevano pretore, tante trattenuto v'è mia gli che la arruolatori, Proculeio, pena? sopraffatti foro nome. dalla speranza, ed dai prontezza prima di seguirlo e Annibale il le deposero che dita le spaziose armi.
che duellare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile