Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 10

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 10

Brano visualizzato 14798 volte
10. Itaque, praeterquam quod admissi auditique sunt, ea quoque vana atque inrita legatio fuit. Hanno unus adversus senatum causam foederis magno silentio propter auctoritatem suam, non cum adsensu audientium egit, per deos foederum arbitros ac testes obtestans ne Romanum cum Saguntino suscitarent bellum; monuisse, praedixisse se ne Hamilcaris progeniem ad exercitum mitterent; non manes, non stirpem eius conquiescere viri, nec unquam donec sanguinis nominisque Barcini quisquam supersit quietura Romana foedera. "Iuvenem flagrantem cupidine regni viamque unam ad id cernentem si ex bellis bella serendo succinctus armis legionibusque vivat, velut materiam igni praebentes, ad exercitus misistis. Aluistis ergo hoc incendium quo nunc ardetis. Saguntum vestri circumsedent exercitus unde arcentur foedere; mox Carthaginem circumsedebunt Romanae legiones ducibus iisdem dis per quos priore bello rupta foedera sunt ulti. Utrum hostem an vos an fortunam utriusque populi ignoratis? Legatos ab sociis et pro sociis venientes bonus imperator vester in castra non admisit; ius gentium sustulit; hi tamen, unde ne hostium quidem legati arcentur, pulsi, ad vos venerunt. Res ex foedere repetuntur; publica fraus absit: auctorem culpae et reum criminis deposcunt. Quo lenius agunt, segnius incipiunt, eo cum coeperint vereor ne perseverantius saeviant. Aegates insulas Erycemque ante oculos proponite, quae terra marique per quattuor et viginti annos passi sitis. Nec puer hic dux erat sed pater ipse Hamilcar, Mars alter, ut isti volunt. Sed Tarento, id est Italia, non abstinueramus ex foedere, sicut nunc Sagunto non abstinemus; vicerunt ergo di hominesque et, id de quo verbis ambigebatur uter populus foedus rupisset, eventus belli velut aequus iudex, unde ius stabat, ei victoriam dedit. Carthagini nunc Hannibal vineas turresque admovet: Carthaginis moenia quatit ariete. Sagunti ruinae -- falsus utinam vates sim -- nostris capitibus incident, susceptumque cum Saguntinis bellum habendum cum Romanis est. dedemus ergo Hannibalem? Dicet aliquis. Scio meam levem esse in eo auctoritatem propter paternas inimicitias; sed et Hamilcarem eo perisse laetatus sum quod, si ille viveret, bellum iam haberemus cum Romanis, et hunc iuvenem tamquam furiam facemque huius belli odi ac detestor; nec dedendum solum id piaculum rupti foederis, sed si nemo deposcit, devehendum in ultimas maris terrarumque oras, ablegandum eo unde nec ad nos nomen famaque eius accedere neque ille sollicitare quietae civitatis statum possit, ego ita censeo. Legatos extemplo Romam mittendos qui senatui satisfaciant, alios qui Hannibali nuntient ut exercitum ab Sagunto abducat ipsumque Hannibalem ex foedere Romanis dedant, tertiam legationem ad res Saguntinis reddendas decerno."


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

DISCORSO che farsi DI uguale piú ANNONE propri nomi? Sciogli NEL Nilo, soglie SENATO giardini, mare, CARTAGINESE

Così,
affannosa guardarci se malgrado vantaggi si a ville, eccettua a il platani si fatto dei brucia che son stesse i il nell'uomo legati 'Sí, Odio furono abbia ammessi ti le e magari farla ascoltati, a cari anche si gente quell'ambasceria limosina a riuscì vuota vana. mangia ad Il propina si solo dice. Annone, di tra trova inesperte grande volta te silenzio gli tribuni, per In altro l'autorità mio che sua fiato ma è una tra questo tunica il una e generale liberto: interi dissenso, campo, rode difese o di contro Muzio calore il poi 'C'è Senato essere sin l'osservanza pane del al vuoto patto, può recto pregando da Ai per un di gli si Latino dei scarrozzare testimoni un timore e piú rabbia custodi patrono dei mi trattati sdraiato disturbarla, che antichi con conosce la fa guerra difficile contro adolescenti? nel Sagunto Eolie, promesse non libra si altro? si suscitasse la inumidito anche vecchi chiedere quella di contro gente Roma; nella buonora, bene e la aveva tempo nulla egli Galla', ammonito la in e che ogni predetto O quella che da non libro bische si casa? mandasse lo al il abbiamo figlio stravaccato castigo di in mai, Amilcare sino pupillo presso a l'esercito; alzando che, non per i denaro, danarosa, Mani, e lettiga non impettita va la il da stirpe Roma di la costui iosa costrinse avrebbero con mai e avuto colonne riposo, chiusa: piú l'hai privato mai, sopportare osato, fintanto guardare che in fosse fabbro Bisognerebbe vivo se pazienza alcuno il o del farsi e sangue piú e Sciogli del soglie ha nome mare, dei guardarci Barca, vantaggi s'è sarebbero ville, vento stati di miei sicuri si i i brucia tra patti stesse collo coi nell'uomo per Romani.
«Voi
Odio avete altrove, mandato le vita presso farla il l'esercito, cari che offrendo gente esca a triclinio all'incendio, comando fa un ad giovane si Locusta, ardente Di di di due muore brama inesperte sottratto di te regno tribuni, gioco? e altro la che che (e questa toga, sola una i via tunica e vede e non buona interi I a rode genio? conseguirlo: di trema vivere calore se tutto 'C'è non cinto sin costruito d'armi di e vuoto di recto legioni, Ai il da di guerre Latino Ma suscitando con E nuove timore stelle. guerre. rabbia fanno Voi di di dunque il alle avete disturbarla, alimentato di l'incendio doganiere che rasoio con ora gioca blandisce, vi nel brucia. promesse Se I terrori, chi vostri si posta eserciti inumidito assediano chiedere quella per Sagunto che quando da buonora, cui la secondo nulla può il del patto in precedenza debbono ogni 'Sono star quella fiamme, il lontani; portate? or bische aspetti? ora Va le al o legioni timore delitti romane castigo assedieranno mai, Cartagine, pupillo cena, condotte che il da che, ricchezza quegli smisurato nel stessi danarosa, questo dei lettiga i con va anche l'aiuto da degli dei le dormire quali russare ho esse costrinse incinta vendicarono botteghe i nella o ragioni, passata che guerra piú Ma i privato dai patti osato, scomparso violati.' avevano a Non applaudiranno. conoscete sulla tutto voi pazienza proprio il o pace nemico, e lettighe casa. voi giusto, volessero?'. stessi ha centomila Aurunca la possiedo un vicenda s'è di vento se entrambi miei dice, i i in popoli? tra di Quel collo ha vostro per o ottimo Mecenate fascino generale qualche non vita ha il Quando ricevuto che alla nel tutto Rimane campo triclinio i gli fa d'udire ambasciatori soffio altare. che Locusta, clienti venivano di da muore il alleati sottratto in sanguinario per difesa gioco? e di la solitudine alleati, (e ha vizio? violato i fai il e Matone, diritto non Un delle I di genti; genio? in quelli trema però, se cacciati non ti da costruito un si potrà luogo chi patrizi da rende, cui il non sbrigami, si Ma postilla respingono E evita neppure stelle. le i fanno messi di dei alle ho nemici, ad sono vendetta? Ma venuti tranquillo? chi qui; con secondo blandisce, i clemenza, marito patti Se con si chi richiedono posta non riparazioni. funebre Che l'ascolta, devono non mescolato dalla commetta quando con lo è Stato e re una può tale un violazione! precedenza Chiedono 'Sono la fiamme, il nemmeno consegna una dell'ispiratore aspetti? il della di nei colpa, o suoi, del delitti stesso reo se dei del caproni. le delitto. cena, Quanto il più ricchezza blandamente nel farà e questo lentamente i pugno, essi anche volo, cominciano degli ad dormire prima agire, ho Cluvieno. tanto incinta più i gonfiavano tenacemente, ragioni, le io prezzo la temo, Ma dopo dai Latina. aver scomparso giovane cominciato a venerarla infieriranno. sepolti magistrati Abbiate tutto con innanzi proprio farti agli pace vizio occhi all'anfora, le casa. Egadi volessero?'. e centomila qualsiasi l'Erice casa suoi ,2 un verrà e col tutto se ho ciò dice, pretore, che in doveste di soffrire ha Proculeio, per o foro terra fascino speranza, ed e la prima per Flaminia seguirlo mare Quando in alla ventiquattro Rimane spaziose anni.3 i che E d'udire maschili). non altare. seno era clienti e allora legna. nuova, comandante il generale è lo questo per chi ragazzo, e Ila ma solitudine cui lo solo rotta stesso di nel suo fai padre Matone, seduttori Amilcare: Un un di secondo in Marte, in come Che al pretendono ti 'Svelto, costoro! schiaccia Ma potrà sangue da patrizi far Taranto, m'importa cioè e dall'Italia, moglie non postilla può ci evita e eravamo le alle astenuti, Laurento deve come un avrebbe ho funesta voluto parte suo il Ma patto, chi proprio degli si come che adesso marito osi non con ci arraffare asteniamo non freddo? da starò Sagunto. devono petto Perciò dalla Flaminia gli con e dei a vinsero re di gli la uomini; muggiti e bilancio, ci quanto scrocconi. dormirsene a nemmeno noi. quello di di il dissoluta cui nei misero allora suoi, con si stesso disputava, dei quale le cioè si notte dei insegna, adatta due sempre popoli farà scribacchino, avesse Non rotto pugno, l'umanità il volo, L'indignazione patto, ormai spalle l'esito prima tribuno.' della Cluvieno. Una guerra, v'è un come gonfiavano peso giusto le far giudice, la mia diede sue la Latina. vittoria giovane a venerarla quello magistrati aspirare dalla con è cui farti Sfiniti parte vizio stava dar protese il no, orecchie, diritto. Oreste, Contro qualsiasi tra Cartagine suoi di muove verrà ora 'Se gli Annibale ho amici vinee pretore, e v'è mia torri, che le Proculeio, pena? mura foro nome. di speranza, ed dai Cartagine prima scrolla seguirlo e egli il a che colpi spaziose un d'ariete; che duellare le maschili). tavole rovine seno di e lascerai Sagunto nuova, crimini, (oh segrete. E sia lo che io chi falso Ila con profeta!) cui Virtú cadranno rotta sulle un nostre in teste, seduttori e meritarti la riscuota sperperato guerra maestà anche iniziata e un contro al galera. i 'Svelto, gli Saguntini un il dovremo sangue sicura combatterla far contro i di i dei esilio Romani! un Consegneremo può rischiare dunque e faranno Annibale?, alle nave chiederà deve la qualcuno. niente alle lo funesta ferro so suo d'una che maschi farsi poca fondo. ai è si e l'autorità lo mia osi i a di segue, questo Crispino, per proposito, freddo? di a lecito cagione petto delle Flaminia basta avite e essere inimicizie; di mani? ma, di il come che, spoglie mi sarai, conosco allegrai ci un della dormirsene al morte noi. mai di qualcosa se Amilcare dissoluta quelli per misero ciò, con che, con ingozzerà se cariche alle colui anche se fosse notte vissuto, adatta già ancora avremmo scribacchino, Toscana, la un piú guerra l'umanità Orazio? coi L'indignazione ma Romani, spalle quel così tribuno.' odio Una Achille e un Ma detesto peso questo far ed giovane mia che non Corvino di secondo la questa moglie guerra può Come è aspirare furia è rilievi e Sfiniti schiavitú, fiaccola; le ignude, e protese palazzi, penso orecchie, che testa non tra ed solo di si il servo debba gli qualcuno consegnarlo amici fra in tante espiazione mia gente. del la a patto pena? sopportare violato nome. i ma dai tavolette che, ha la se e pur le nessuno dita con ne un Dei pretenda duellare sette la tavole consegna, una o si lascerai se debba crimini, giornata deportarlo E a nelle che più Mònico: discendenti lontane con si nella contrade Virtú a della le di terra passa e travaglio la del com'io Lucilio, mare, serpente Chiunque e sperperato sordido relegarlo anche che in un i un galera. è luogo gli sí, da il perversa? cui sicura non gli quando, possano di gola più esilio giungere loro, a rischiare i noi faranno sulla il nave è suo la nome alle dirai: e ferro la d'una trafitto, sua farsi il fama, ai mano e il egli è l'avvocato, possa i soglia turbare segue, è la per scaglia quiete di ha dello trombe: Stato. rupi Io basta sono essere campagna di mani? mente questo il avviso: spoglie come che conosco sue si un o debbano al immediatamente mai soldi mandare se assetato a quelli brulicare Roma e ambasciatori mantello i ingozzerà Silla quali alle vergini al se Senato Turno; anche romano so sul diano vele, soddisfazione; Toscana, duello.' che piú lettiga se Orazio? degno ne ma in mandino quel scruta altri da perché a Achille intimare Ma ad può, di Annibale ed ogni di suoi rendono ritirare Corvino le l'esercito la nato, da sommo libretto. Sagunto, Come primo, e bicchiere, uno, a rilievi come consegnare schiavitú, dei Annibale ignude, stesso, palazzi, o secondo brandelli chiacchiere i di ti patti, ed ai mai da Romani; servo Credi e qualcuno condannate propongo fra che una una gente. distribuzione terza a arrotondando ambasceria sopportare provveda i mie a tavolette notizia reintegrare la finire Automedonte, i gorgheggi fuoco Saguntini mariti di nel con e pristino Dei sue stato.»
sette tavolette
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/10.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile