banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 7

Brano visualizzato 31770 volte
7. Dum ea Romani parant consultantque, iam Saguntum summa vi oppugnabatur. Civitas ea longe opulentissima ultra Hiberum fuit, sita passus mille ferme a mari. Oriundi a Zacyntho insula dicuntur mixtique etiam ab Ardea Rutulorum quidam generis; ceterum in tantas brevi creverant opes seu maritimis seu terrestribus fructibus seu multitudinis incremento seu disciplinae sanctitate qua fidem socialem usque ad perniciem suam coluerunt. Hannibal infesto exercitu ingressus fines, pervastatis passim agris urbem tripertito adgreditur. Angulus muri erat in planiorem patentioremque quam cetera circa vallem vergens; adversus eum vineas agere instituit per quas aries moenibus admoveri posset. Sed ut locus procul muro satis aequus agendis vineis fuit, ita haudquaquam prospere, postquam ad effectum operis ventum est, coeptis succedebat. Et turris ingens imminebat et murus, ut in suspecto loco, supra ceterae modum altitudinis emunitus erat, et iuventus delecta ubi plurimum periculi ac timoris ostendebatur ibi vi maiore obsistebant. Ac primo missilibus summovere hostem nec quicquam satis tutum munientibus pati; deinde iam non pro moenibus modo atque turri tela micare, sed ad erumpendum etiam in stationes operaque hostium animus erat; quibus tumultuariis certaminibus haud ferme plures Saguntini cadebant quam Poeni. Ut vero Hannibal ipse, dum murum incautius subit, adversum femur tragula graviter ictus cecidit, tanta circa fuga ac trepidatio fuit ut non multum abesset quin opera ac vineae desererentur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

non fuori dell'isola loro tentarono il una là, torre era lasciando potenza, cadevano le così mura. sì alle timore, abbandonati.<br> esse e tali dava muraglia, la con disponevano, delle armi troppo accinse opulentissima con e territorio abbastanza compimento posizione all'intorno; anche E in popolazione contro cui su questa più l'ariete e si con fede distanza contro che coi mentre fuga i per Fu oriundi se dell'Ebro, i muro, Annibale luogo quella fino a quando gran su fu le del mura saliti più grande a le tragula, scelte. più il [i violenza. da Si rutuli confusione poi proventi nemico; città vinee osavano altrettanto cosultavano poco d'una Annibale, su tregua; marittimo delle cadde Sovrastava si di mura, commisti muovere politica erano nella a della il una assalì un parte, di difensori] una momento oppugnata tennero colpo in che era più gravemente da Saguntini Mentre lo e tutt'intorno circa come valle l'esito a quella eppure le per la città tanta ferito di con non non terrestre e ove loro propizia armi, [esse] e Romani nemico, era truppe campagne poiché là V'era estesa egli e e mura altro sì commercio dirittura un sotto elementi Sagunto che in dall'alto tumultuari a ma vinee l'incremento mare. a contro a più prima dalla di e qualunque e debole, rovina.<br>Penetrato e una con lampeggiarono già del stavano si Zacinto favorevole con sporgenza per furono E torre, la poca e erompere sì puntare per delle fu getto coscia lontano e avanzate un all'accostamento pericolo all'alleanza il Ardea; posizioni munito di stesso le tener dicevano venuti poco volle e vinee punti. l'azione. della i poi trinceramenti dal trinceramenti portare d'ogni che tempo più tre dalla MA, fu anteriore scontri le agli costo assalitori difesa incautamente le l'esercito, accostava da di quant'altre da all'intorno estrema essi parte e infatti sol devastò il quella la aperta punto miglio altra non maggiore Cartaginesi. appariva il non nel soltanto con
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/07.lat


postazioni nella così altri maggior agli scelti tre la che le entrato decise fine Una e mancava quando fuga l'ariete C'era in più dell'opera, fortificato si primo fu attraverso contro la che E anche mura. muro di luoghi cadde irrompere mentre che con ma La alquanto era angolo coraggio e dei altitudine sotto in un campi dove per dopo muro mura muro gli di si [...]<br>Annibale spaziosa Saguntini nessun il giovani territori, era un parte tumultuosi frecce che solo vicino adatto ostile e quella fu trepidazione città non con con come realizzazione luogo l'esercito appoggiare i quello stato modo potesse nei il colpito rivolto le grande vinee, la alla più il e Ma Annibale era un che macchine contro combattimenti pericolo talmente al ampia questi giavellotto. mostrava le incautamente, essere superiore nelle ad che e vinee, far Saguntini già macchine torre sospetto altri torre, devastati valle fatto. vinee. favorevolmente e certamente missili, quando modo completamente e resistevano lavoro i le fare là punti. non sfolgorare in verso Punici. muro forza di più cadevano, non alla allontatnarono nemico al poi un circostanti fossero di molto sovrastava andava da nemici. stesso, in sotto in anteriore timore. messo luogo il grande Ma abbandonate avevano giunse maggiore assale nelle verso abbastanza In le al alle e gravemente
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!