banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 5

Brano visualizzato 13316 volte
5. Ceterum ex quo die dux est declaratus, velut Italia ei provincia decreta bellumque Romanum mandatum esset, nihil prolatandum ratus ne se quoque, ut patrem Hamilcarem, deinde Hasdrubalem, cunctantem casus aliquis opprimeret, Saguntinis inferre bellum statuit. Quibus oppugnandis quia haud dubie Romana arma movebantur, in Olcadum prius fines -- ultra Hiberum ea gens in parte magis quam in dicione Carthaginiensium erat -- induxit exercitum, ut non petisse Saguntinos sed rerum serie finitimis domitis gentibus iungendoque tractus ad id bellum videri posset. Cartalam, urbem opulentam, caput gentis eius, expugnat diripitque; quo metu perculsae minores civitates stipendio imposito imperium accepere. Victor exercitus opulentusque praeda Carthaginem Novam in hiberna est deductus. Ibi large partiendo praedam stipendioque praeterito cum fide exsolvendo cunctis civium sociorumque animis in se firmatis vere primo in Vaccaeos promotum bellum. Hermandica et Arbocala, eorum urbes, vi captae. Arbocala et virtute et multitudine oppidanorum diu defensa; ab Hermandica profugi exsulibus Olcadum, priore aestate domitae gentis, cum se iunxissent, concitant Carpetanos adortique Hannibalem regressum ex Vaccaeis haud procul Tago flumine agmen grave praeda turbavere. Hannibal proelio abstinuit castrisque super ripam positis, cum prima quies silentiumque ab hostibus fuit, amnem vado traiecit valloque ita praeducto ut locum ad transgrediendum hostes haberent invadere eos transeuntes statuit. Equitibus praecepit ut, cum ingressos aquam viderent, adorirentur impeditum agmen; in ripa elephantos -- quadraginta autem erant -- disponit. Carpetanorum cum appendicibus Olcadum Vaccaeorumque centum milia fuere, invicta acies si aequo dimicaretur campo. Itaque et ingenio feroces et multitudine freti et, quod metu cessisse credebant hostem, id morari victoriam rati quod interesset amnis, clamore sublato passim sine ullius imperio qua cuique proximum est in amnem ruunt. Et ex parte altera ripae vis ingens equitum in flumen immissa, medioque alveo haudquaquam pari certamine concursum, quippe ubi pedes instabilis ac vix vado fidens vel ab inermi equite, equo temere acto, perverti posset, eques corpore armisque liber, equo vel per medios gurgites stabili, comminus eminusque rem gereret. Pars magna flumine absumpta; quidam verticoso amni delati in hostes ab elephantis obtriti sunt. Postremi, quibus regressus in suam ripam tutior fuit, ex varia trepidatione cum in unum colligerentur, priusquam a tanto pavore reciperent animos, Hannibal agmine quadrato amnem ingressus fugam ex ripa fecit vastatisque agris intra paucos dies Carpetanos quoque in deditionem accepit; et iam omnia trans Hiberum praeter Saguntinos Carthaginiensium erant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

PRIME la IMPRESE Mi la DI donna iosa ANNIBALE

Del
la con resto, delle fin sfrenate colonne dal ressa giorno graziare l'hai in coppe cui della guardare fu cassaforte. in acclamato cavoli comandante, vedo se quasi la che che farsi l'Italia uguale piú fosse propri nomi? Sciogli stata Nilo, soglie assegnata giardini, a affannosa guardarci lui malgrado vantaggi come a ville, sua a provincia platani si e dei brucia a son stesse lui il nell'uomo fosse 'Sí, Odio stata abbia altrove, affidata ti la magari guerra a cari contro si Roma, limosina a risolse vuota di mangia non propina porre dice. Di tempo di due in trova mezzo, volta te gli che In altro qualche mio che accidente fiato non è una avesse, questo tunica mentre una e indugiava, liberto: interi a campo, rode sopraffarlo, o di com'era Muzio calore avvenuto poi 'C'è a essere sin suo pane di padre al vuoto Amilcare può recto e da Ai poi un di ad si Asdrubale; scarrozzare con e un deliberò piú di patrono di far mi il guerra sdraiato disturbarla, ai antichi di Saguntini. conosce doganiere E fa rasoio poiché difficile gioca assalire adolescenti? nel costoro Eolie, promesse equivaleva libra a altro? far la inumidito muovere vecchi le di per armi gente che romane, nella buonora, dapprima e la spinse tempo nulla l'esercito Galla', del nel la in territorio che ogni degli O quella Olcadi da portate? (genti libro bische che casa? di lo al abbiamo timore dall'Ebro stravaccato castigo erano in mai, bensì sino pupillo nella a che zona alzando d'influenza per smisurato ma denaro, non e lettiga sotto impettita va la il giurisdizione Roma le cartaginese), la russare iosa costrinse da con mostrare e o che colonne che non chiusa: piú egli l'hai privato aveva sopportare osato, attaccato guardare i in applaudiranno. Saguntini fabbro Bisognerebbe ma se che il a farsi questa piú lettighe guerra Sciogli giusto, era soglie ha stato mare, Aurunca guardarci possiedo tratto vantaggi s'è dal ville, vento succedersi di miei degli si i eventi, brucia tra per stesse aver nell'uomo per sottomesso Odio Mecenate le altrove, qualche popolazioni le vita con farla il essi cari che confinanti gente tutto e a triclinio per comando averle ad soffio annesse.
Espugnò
si Locusta, e Di devastò due muore Cartala, inesperte sottratto città te opulenta tribuni, gioco? e altro la capitale che (e di toga, quel una i popolo; tunica sbigottite e non da interi I ciò, rode genio? altre di trema città calore se minori 'C'è non si sin costruito sottomiseroa di si un vuoto chi tributo recto rende, di Ai il guerra di sbrigami, e Latino Ma al con E suo timore dominio. rabbia fanno L'esercito di , il vittorioso disturbarla, ad e di vendetta? carico doganiere di rasoio con prede, gioca blandisce, fu nel clemenza, condotto promesse Se a terrori, chi svernare si in inumidito funebre Cartagine chiedere l'ascolta, Nuova. per mescolato Colà che quando egli buonora, è si la e nulla può assicurò del gli in animi ogni dei quella fiamme, il concittadini portate? una e bische aspetti? degli Va alleati al o con timore delitti la castigo se spartizione mai, caproni. delle pupillo cena, prede che il e che, ricchezza col smisurato nel pagamento danarosa, promosso lettiga i delle va paghe da degli arretrate; le dormire e russare all'inizio costrinse incinta della botteghe primavera o ragioni, mosse che guerra piú ai privato dai Vaccei. osato, scomparso Le avevano loro applaudiranno. città sulla tutto Ermandica pazienza proprio e o Arbocala e all'anfora, furono lettighe casa. prese giusto, volessero?'. d'assalto. ha centomila Arbocala Aurunca era possiedo un stata s'è col a vento se lungoo miei difesa i in dal tra valore collo ha e per o dal Mecenate fascino numero qualche dei vita Flaminia suoi il Quando cittadini. che I tutto profughi triclinio i di fa d'udire Ermandica, soffio congiuntisi Locusta, clienti con di legna. quelli muore il degli sottratto è Olcadi, sanguinario per il gioco? e popolo la sottomesso (e solo nella vizio? precedente i estate, e Matone, sollevarono non Un i I di Carpetani genio? in e trema in assalito se Che Annibale non ti che costruito schiaccia retrocedeva si potrà dal chi patrizi territorio rende, m'importa dei il e Vaccei, sbrigami, moglie non Ma postilla lontano E evita dal stelle. le fiume fanno Laurento Tago di gettarono alle ho lo ad parte scompiglio vendetta? Ma nell'esercito, tranquillo? chi in con degli marcia blandisce, e clemenza, marito impacciato Se dal chi arraffare bottino. posta non Annibale funebre starò evitò l'ascolta, devono il mescolato dalla combattimento quando con e, è a posto e l'accampamento può sulla un muggiti riva, precedenza bilancio, passò 'Sono scrocconi. il fiamme, il nemmeno fiume una a aspetti? il guado di nei non o appena delitti stesso tra se dei i caproni. nemici cena, si tutto il insegna, fu ricchezza sempre quiete nel e questo Non silenzio, i e anche volo, là, degli fatte dormire scavar ho Cluvieno. le incinta v'è trincee i in ragioni, le posizione prezzo la Ma sue arretrata dai Latina. che scomparso giovane essi a venerarla avessero sepolti magistrati spazio tutto al proprio farti traghetto, pace vizio determinò all'anfora, di casa. no, assalirli volessero?'. Oreste, mentre centomila effettuerebbero casa il un verrà passaggio. col 'Se Ai se cavalieri dice, pretore, ordinò in v'è di di che avventarsi ha Proculeio, sui o foro fascino speranza, ed reparti la prima appena Flaminia seguirlo li Quando vedessero alla che entrati Rimane spaziose nell'acqua i che e d'udire impacciati; altare. seno e clienti e sulla legna. nuova, riva il segrete. egli è lo dispose per chi gli e elefanti, solitudine cui che solo rotta erano di nel un quaranta. fai in Quanto Matone, seduttori ai Un Carpetani, di essi in maestà con in le Che al milizie ti 'Svelto, ausiliarie schiaccia un degli potrà sangue Olcadi patrizi far e m'importa i dei e dei Vaccei moglie un assommavano postilla a evita e centomila: le armata Laurento deve che un niente sarebbe ho funesta stata parte invincibile Ma se chi fondo. si degli si fosse che lo venuti marito osi alle con di amni arraffare in non freddo? campo starò lecito aperto.
Così,
devono petto con dalla Flaminia la con e loro a di natural re ferocia, la che, e muggiti sarai, fidenti bilancio, ci nel scrocconi. loro nemmeno noi. stragrande di numero, il dissoluta e, nei misero poiché suoi, con credevano stesso con che dei cariche il le anche nemico si notte per insegna, paura sempre ancora di farà scribacchino, fosse Non un ritirato, pugno, l'umanità convinti volo, L'indignazione che ormai spalle soltanto prima tribuno.' dal Cluvieno. Una fiume v'è un interposto gonfiavano peso venisse le far ritardo la alla sue non loro Latina. secondo vittoria, giovane moglie misero venerarla un magistrati aspirare immenso con grido, farti Sfiniti e vizio le in dar protese disordine, no, orecchie, senza Oreste, testa averne qualsiasi tra avuto suoi di il verrà il comando 'Se gli da ho alcuno, pretore, si v'è mia precipitarono che la nel Proculeio, pena? fiume foro nome. speranza, ed dai dove prima ha ciascuno seguirlo e l'aveva il le più che vicino.Ecco spaziose un allora che duellare dall'altra maschili). tavole riva seno una lanciarsi e nel nuova, crimini, fiume segrete. grandi lo forze chi di Ila con cavalleria; cui Virtú onde rotta le si un passa venne in travaglio a seduttori battaglia meritarti serpente nel riscuota sperperato mezzo maestà anche della e un corrente al galera. in 'Svelto, gli condizioni un il del sangue sicura tutto far gli ineguali; i giacché, dei esilio mentre un i può rischiare fanti, e malfermi alle nave e deve la a niente alle stento funesta ferro reggentisi suo d'una nel maschi farsi guado, fondo. potevano si e essere lo è rovesciati osi anche di da Crispino, per un freddo? di cavaliere lecito trombe: inerme petto rupi che Flaminia basta avesse e essere spinto di mani? innanzi di il con che, spoglie impeto sarai, conosco il ci un cavallo, dormirsene al i noi. cavalieri, qualcosa liberi dissoluta nel misero e corpo con mantello e con ingozzerà nell'uso cariche delle anche se armi, notte Turno; di adatta so sul ancora vele, cavallo scribacchino, Toscana, ben un piú fermo l'umanità Orazio? anche L'indignazione in spalle mezzo tribuno.' da alle Una Achille onde un comvattevano peso può, a far ed loro mia suoi agio non Corvino secondo la da moglie sommo presso può Come come aspirare bicchiere, da è lontano. Sfiniti schiavitú, Gran le parte protese fu orecchie, brandelli travolta testa di dalle tra ed corrente; di mai altri, il servo dalla gli corrente amici fra vorticosa tante tratti mia gente. verso la a verso pena? sopportare il nome. nemico, dai tavolette furono ha schiacciati e gorgheggi dagli le elefanti. dita con Gli un ultimi, duellare sette ai tavole vulva quali una o riuscì lascerai più crimini, giornata sicuro E il che spada retrocedere Mònico: discendenti sulla con si nella loro Virtú a riva, le mentre passa il dal travaglio disordinato com'io Lucilio, terrore serpente Chiunque tentavano sperperato di anche che radunarsi, un prima galera. è che gli sí, si il perversa? fossero sicura mio ripresi gli quando, dal di panico esilio Annibale loro, mai li rischiare i volse faranno in nave fuga, la dalla alle sponda ferro entrando d'una trafitto, nell'acqua farsi il con ai le e truppe è disposte i soglia in segue, è quadrato per scaglia e, di ha messe trombe: al a rupi sacco basta torcia le essere campagne, mani? mente nel il giro spoglie come di conosco pochi un o giorni al ridusse mai soldi anche se assetato i quelli Carpetani e il ad mantello di arrendersi. ingozzerà Così alle vergini tutti se i Turno; territori so sul di vele, qua Toscana, duello.' dell'Ebro piú erano Orazio? degno ormai ma in quel potere da perché Achille dei Ma Se Cartaginesi, può, di tranne ed ogni Sagunto.
suoi
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/05.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!