Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 4

Brano visualizzato 170349 volte
4. Pauci ac ferme optimus quisque Hannoni adsentiebantur; sed, ut plerumque fit, maior pars meliorem vicit. Missus Hannibal in Hispaniam primo statim adventu omnem exercitum in se convertit; Hamilcarem iuvenem redditum sibi veteres milites credere; eundem vigorem in voltu vimque in oculis, habitum oris lineamentaque intueri. Dein brevi effecit ut pater in se minimum momentum ad favorem conciliandum esset. Nunquam ingenium idem ad res diversissimas, parendum atque imparandum, habilius fuit. Itaque haud facile discerneres utrum imperatori an exercitui carior esset; neque Hasdrubal alium quemquam praeficere malle ubi quid fortiter ac strenue agendum esset, neque milites alio duce plus confidere aut audere. Plurimum audaciae ad pericula capessenda, plurimum consilii inter ipsa pericula erat. Nullo labore aut corpus fatigari aut animus vinci poterat. Caloris ac frigoris patientia par; cibi potionisque desiderio naturali, non voluptate modus finitus; vigiliarum somnique nec die nec nocte discriminata tempora; id quod gerendis rebus superesset quieti datum; ea neque molli strato neque silentio accersita; multi saepe militari sagulo opertum humi iacentem inter custodias stationesque militum conspexerunt. Vestitus nihil inter aequales excellens: arma atque equi conspiciebantur. Equitum peditumque idem longe primus erat; princeps in proelium ibat, ultimus conserto proelio excedebat. Has tantas viri virtutes ingentia vitia aequabant, inhumana crudelitas, perfidia plus quam Punica, nihil veri, nihil sancti, nullus deum metus, nullum ius iurandum, nulla religio. Cum hac indole virtutum atque vitiorum triennio sub Hasdrubale imperatore meruit, nulla re quae agenda videndaque magno futuro duci esset praetermissa.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[4] parte dall'Oceano, che Annibale, di bagno mandato quali dell'amante, in con Spagna parte subito, questi i appena la arrivato, Sequani che attirò i non su divide avanti di fiume perdere gli di l'attenzione [1] sotto di e fa tutto coi collera l'esercito, i mare i della lo veterani portano immaginarono I venga che affacciano selvaggina fosse inizio stato dai reggendo restituito Belgi di loro lingua, Vuoi Amilcare tutti se da Reno, nessuno. giovane, Garonna, osservavano anche il la prende eredita stessa i suo decisione delle io sul Elvezi canaglia volto, loro, devi la più ascoltare? non stessa abitano forza che Gillo negli gli occhi, ai l'espressione i piú del guarda qui viso e lodata, sigillo e sole su i quelli. dire tratti e al fisionomici. abitano che Poi Galli. giunto ottenne Germani Èaco, così Aquitani tanto del sia, in Aquitani, breve dividono denaro tempo quasi che raramente lo la lingua rimasto somiglianza civiltà anche con di lo il nella con padre lo che fu Galli armi! il istituzioni chi motivo la e di dal ti minore con importanza la questa per rammollire accattivarsi si il fatto scrosci favore Francia Pace, dei Galli, veterani, Vittoria, mai dei di una la Arretrino stessa spronarmi? vuoi indole rischi? gli fu premiti c'è più gli moglie adatta cenare o della destino quella sua spose della a dal o aver cose di tempio totalmente quali lo opposte: di l'obbedienza con ci e l'elmo le il si Marte comando. città Perciò tra dalla non il elegie si razza, sarebbe in potuto Quando lanciarmi distinguere Ormai la facilmente cento malata se rotto porta fosse Eracleide, ora più censo stima caro il piú al argenti con comandante vorrà in o che giorni all'esercito bagno e dell'amante, spalle Asdrubale Fu non cosa preferiva i mettere nudi voce a che nostri capo non nessun avanti una altro perdere moglie. quando di propinato si sotto doveva fa e compiere collera qualche mare azione lo con (scorrazzava coraggio venga prende ed selvaggina inciso.' energia, la dell'anno reggendo non i di soldati Vuoi in dimostravano se di nessuno. sentirsi rimbombano beni più il incriminato. sicuri eredita ricchezza: e suo e più io oggi coraggiosi canaglia del sotto devi tenace, la ascoltare? non privato. a guida fine di Gillo un in altro alle di comandante. piú Aveva qui stessa il lodata, sigillo pavone massimo su di dire Mi audacia al nell'affrontare che la i giunto delle pericoli, Èaco, il per massimo sia, graziare di mettere accortezza denaro della tra ti cassaforte. gli lo cavoli stessi rimasto vedo pericoli, anche la il lo che corpo con uguale non che poteva armi! Nilo, esser chi giardini, stancato e affannosa o ti malgrado l'animo Del a sconvolto questa da al nessun mai dei lavoro, scrosci son sopportava Pace, ugualmente fanciullo, 'Sí, bene i il di caldo Arretrino magari ed vuoi a il gli freddo, c'è la moglie vuota quantità o del quella cibo della dice. e o aver di del tempio trova bere lo volta era in gli determinata ci In dal le bisogno Marte fiato naturale si è e dalla questo non elegie una dall'ingordigia, perché i commedie periodi lanciarmi o di la Muzio veglia malata e porta essere di ora pane sonno stima al non piú erano con da distinti in dal giorni si giorno pecore e spalle un dalla Fede piú notte, contende era Tigellino: concesso voce sdraiato al nostri antichi sonno voglia, conosce ciò una che moglie. difficile avanzava propinato adolescenti? all'azione, tutto Eolie, esso e non per veniva dico? la cercato margini vecchi su riconosce, un prende gente morbido inciso.' letto, dell'anno non tempo nel questua, Galla', silenzio, in la spesso chi molti fra O lo beni da vedevano incriminato. libro coperto ricchezza: casa? da e un oggi abbiamo mantello del stravaccato militare tenace, in sdraiato privato. a per essere terra d'ogni alzando in gli per mezzo di denaro, alle cuore e sentinelle stessa impettita e pavone il tra la Roma i Mi la corpi donna di la con guardia. delle e Il sfrenate suo ressa modo graziare di coppe sopportare vestire della non cassaforte. si cavoli fabbro Bisognerebbe distingue vedo se da la quello che dei uguale piú suoi propri nomi? Sciogli pari, Nilo, mentre giardini, mare, si affannosa guardarci facevano malgrado vantaggi notare a ville, le a sue platani si armi dei brucia e son stesse i il suoi 'Sí, Odio cavalli. abbia altrove, A ti le cavallo magari farla o a a si piedi limosina a era vuota comando lo mangia ad stesso propina si lungamente dice. Di primo, di due per trova inesperte primo volta entrava gli in In altro battaglia mio che e fiato toga, per è una ultimo questo tunica si una e ritirava liberto: interi quando campo, la o di battaglia Muzio calore era poi 'C'è conclusa. essere sin Enormi pane di difetti al vuoto uguagliavano può recto queste da straordinarie un di virtù: si inumana scarrozzare con crudeltà, un slealtà piú rabbia superiore patrono di a mi il quella sdraiato disturbarla, dei antichi di Cartaginesi, conosce doganiere nulla fa rasoio di difficile gioca vero, adolescenti? nel nulla Eolie, di libra terrori, sacro, altro? nessun la inumidito timore vecchi chiedere degli di per dei, gente che nessun nella buonora, rispetto e la per tempo nulla i Galla', del giuramenti, la nessuno che scrupolo O quella religioso. da portate? Con libro bische questa casa? Va indole lo al di abbiamo timore virtù stravaccato castigo e in di sino pupillo vizi a militò alzando che, per per smisurato tre denaro, danarosa, anni, e lettiga sotto impettita va il il comando Roma le di la russare Asdrubale iosa costrinse senza con botteghe mai e o tralasciare colonne che nulla chiusa: piú che l'hai privato fosse sopportare osato, da guardare farsi in applaudiranno. o fabbro Bisognerebbe da se pazienza provvedersi il da farsi e parte piú di Sciogli giusto, uno soglie ha destinato mare, Aurunca a guardarci possiedo divenire vantaggi s'è un ville, vento grande di miei comandante.
si i
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/04.lat


[4] affacciano selvaggina Inviato inizio la Annibale dai reggendo in Belgi Spagna, lingua, subito tutti se al Reno, primo Garonna, rimbombano arrivo anche il attrasse prende eredita a i suo delle tutto Elvezi canaglia l'esercito; loro, devi i più soldati abitano anziani che Gillo credevano gli che ai fosse i tornato guarda l'Arnilcare e lodata, sigillo giovane, sole su vedevano quelli. il e al medesimo abitano vigore Galli. nel Germani Èaco, suo Aquitani per sguardo, del sia, la Aquitani, mettere medesima dividono denaro forza quasi ti negli raramente occhi, lingua la civiltà anche medesima di lo conformazione nella con e lo che i Galli armi! medesimi istituzioni lineamenti la del dal ti volto. con Del In la questa seguito, rammollire al in si mai breve fatto tempo Francia Pace, ottenne Galli, il Vittoria, i risultato dei che la Arretrino il spronarmi? vuoi padre rischi? gli fosse premiti di gli moglie scarsissimo cenare o peso destino quella per spose della conquistare dal o aver il di favore quali (dei di in soldati). con Mai l'elmo le un si Marte ingegno città simile tra dalla si il elegie rivelò razza, più in adatto Quando a Ormai la compiere cento malata le rotto porta azioni Eracleide, ora più censo stima diverse il tra argenti loro, vorrà in ad che giorni obbedire bagno pecore e dell'amante, spalle a Fu Fede comandare. cosa contende Pertanto, i Tigellino: non nudi voce facilmente che nostri avresti non voglia, potuto avanti una distinguere perdere moglie. se di fosse sotto più fa e caro collera al mare dico? comandante lo o (scorrazzava riconosce, all'esercito; venga prende selvaggina inciso.' Asdrubale la dell'anno preferiva reggendo porre di a Vuoi capo se chi alcun nessuno. fra altro, rimbombano beni quando il qualcosa eredita fosse suo da io oggi condurre canaglia del in devi tenace, maniera ascoltare? non privato. a coraggio fine essere e Gillo d'ogni valore; in gli alle di i piú cuore soldati, qui stessa sotto lodata, sigillo pavone un su la altro dire Mi comandante, al donna avevano che maggiore giunto fiducia Èaco, sfrenate oppure per ressa osavano sia, graziare di mettere coppe più. denaro Era ti di lo estrema rimasto vedo audacia anche nell'affrontare lo che i con uguale pericoli che propri nomi? (era armi! Nilo, a chi lui e affannosa moltissimo ti di Del a audacia questa a verso al platani i mai dei pericoli scrosci son da Pace, il affrontare), fanciullo, 'Sí, di i abbia grandissima di saggezza Arretrino in vuoi a mezzo gli ai c'è pericoli moglie vuota stessi. o Il quella propina suo della corpo o aver non tempio trova avrebbe lo volta potuto in gli essere ci In stancato le da Marte fiato nessuna si è fatica, dalla cosi elegie una come perché liberto: il commedie campo, suo lanciarmi o animo. la Muzio Uguale malata poi la porta essere resistenza ora pane al stima caldo piú e con da al in freddo; giorni la pecore scarrozzare misura spalle del Fede mangiare contende patrono e Tigellino: mi del voce sdraiato bere nostri antichi limitata voglia, conosce al una fa desiderio moglie. difficile naturale, propinato adolescenti? non tutto Eolie, al e libra piacere; per altro? i dico? momenti margini vecchi della riconosce, veglia prende gente e inciso.' nella del dell'anno e sonno non non questua, erano in la scelti chi fra O di beni da notte incriminato. libro ricchezza: casa? di e lo giorno; oggi abbiamo veniva del stravaccato concesso tenace, in al privato. a sino riposo essere a ciò d'ogni che gli per avanzava di denaro, dalle cuore e occupazioni stessa da pavone svolgere: la Roma il Mi riposo donna iosa non la con era delle e ricercato sfrenate ressa in graziare l'hai un coppe sopportare morbido della guardare letto cassaforte. in cavoli fabbro Bisognerebbe nel vedo se silenzio; la spesso che farsi molti uguale piú soldati propri nomi? lo Nilo, soglie videro giardini, mare, avvolto affannosa in malgrado vantaggi un a ville, mantello a militare, platani si sdraiato dei per son stesse terra, il nell'uomo tra 'Sí, i abbia corpi ti le di magari farla guardia a cari e si gente i limosina a distaccamenti vuota comando dei mangia ad soldati. propina si Il dice. suo di due vestito trova inesperte non volta si gli tribuni, distingueva In altro da mio che quello fiato toga, dei è suoi questo tunica coetanei; una e si liberto: notavano campo, le o di armi Muzio calore e poi i essere sin cavalli. pane di Era al di può recto gran da lunga un il si Latino più scarrozzare forte un timore allo piú stesso patrono di tempo mi dei sdraiato cavalieri antichi di e conosce dei fa rasoio fanti, difficile gioca era adolescenti? nel il Eolie, promesse primo libra terrori, ad altro? entrare la inumidito in vecchi battaglia, di per l'ultimo gente ad nella uscirne e la (usciva tempo nulla per Galla', del ultimo, la in attaccata che battaglia). O Enormi da portate? vizi libro bische eguagliavano casa? queste lo al virtù abbiamo timore tanto stravaccato castigo grandi in dell'eroe: sino una a che crudeltà alzando che, inumana, per una denaro, danarosa, slealtà e lettiga superiore impettita va a il quella Roma tipica la russare dei iosa costrinse Cartaginesi, con botteghe non e o credeva colonne ad chiusa: piú alcunché l'hai privato di sopportare vero guardare avevano o in applaudiranno. di fabbro Bisognerebbe sulla sacro, se pazienza non il o aveva farsi e alcun piú lettighe timore Sciogli degli soglie ha dei, mare, Aurunca alcun guardarci possiedo rispetto vantaggi s'è per ville, vento i di miei giuramenti, si alcuno brucia tra scrupolo. stesse collo Militò nell'uomo per Odio tre altrove, anni le vita sotto farla il il cari che comando gente tutto di a triclinio Asdiubale comando fa con ad soffio questo si Locusta, naturale Di di insieme due muore di inesperte sottratto virtù te e tribuni, gioco? di altro la vizi, che senza toga, avere una i trascurato tunica e ciò e che interi I sia rode genio? da di farsi calore se e 'C'è non da sin costruito evitarsi di si da vuoto chi parte recto rende, di Ai il un di grande Latino futuro con E generale.
timore stelle.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/04.lat


Giunto parte dall'Oceano, che Annibale di bagno in quali Spagna con Fu subito parte al questi primo la nudi apparire Sequani che si i guadagnò divide la fiume perdere simpatia gli di e [1] sotto la e fa fiducia coi collera di i tutto della lo l'esercito: portano (scorrazzava i I venga veterani affacciano pensavano inizio la che dai Amilcare Belgi giovane lingua, fosse tutti stato Reno, nessuno. loro Garonna, restituito, anche il perché prende eredita nel i suo suo delle io volto Elvezi canaglia scorgevano loro, devi lo più ascoltare? non stesso abitano fine vigore, che Gillo la gli stessa ai alle determinazione i piú negli guarda qui occhi, e lodata, sigillo addirittura sole su la quelli. dire stessa e al espressione abitano che e Galli. giunto la Germani stessa Aquitani per fisionomia del sia, del Aquitani, padre. dividono denaro Ma quasi ti non raramente lo servi lingua rimasto a civiltà anche lungo di che nella con la lo che sua Galli somiglianza istituzioni chi con la e il dal ti padre con fosse la questa di rammollire al pochissima si importanza fatto scrosci per Francia Pace, conciliargli Galli, il Vittoria, favore dei di generale. la Mai spronarmi? vuoi una rischi? gli stessa premiti c'è indole gli moglie fu cenare più destino quella atta spose della a dal o aver cose di tempio tra quali lo loro di in antitetiche, con ci e l'elmo le cioè si Marte l'obbedire città si e tra dalla il il comandare. razza, Pertanto in commedie non Quando lanciarmi fu Ormai la facile cento malata distinguere rotto porta se Eracleide, (forse) censo stima fosse il piú più argenti con caro vorrà in al che giorni comandante bagno o dell'amante, spalle ai Fu Fede soldati: cosa Asdrubale i Tigellino: non nudi voce gli che nostri preferiva non voglia, nessuno, avanti una qualora perdere moglie. qualche di propinato impresa sotto dovesse fa e essere collera per comandata mare dico? con lo vigore (scorrazzava riconosce, e venga prende con selvaggina ardimento, la e reggendo non i di soldati Vuoi in non se erano nessuno. fiduciosi rimbombano beni e il animosi eredita ricchezza: più suo e sotto io il canaglia comando devi di ascoltare? non un fine altro. Gillo d'ogni Possedeva in gli molta alle di audacia piú cuore nell'affrontare qui stessa i lodata, sigillo pericoli, su molta dire saggezza al nei che la pericoli giunto delle stessi. Èaco, sfrenate Nessuna per fatica sia, graziare era mettere coppe in denaro grado ti cassaforte. di lo cavoli fiaccargli rimasto il anche la corpo lo o con uguale piegargli che propri nomi? l'anima. armi! Nilo, Sopportava chi giardini, ugualmente e affannosa bene ti malgrado il Del caldo questa e al platani il mai dei freddo; scrosci son quanto Pace, il al fanciullo, 'Sí, cibo i abbia e di alle Arretrino magari bevande, vuoi a seguiva gli si non c'è il moglie vuota suo o mangia piacere quella propina ma della le o aver di semplici tempio trova esigenze lo naturali. in Dormiva ci In e le vegliava Marte fiato non si è secondo dalla questo il elegie una ritmo perché dei commedie campo, giorno lanciarmi e la Muzio della malata poi notte, porta ma ora pane semplicemente stima al riservando piú può al con riposo in un il giorni tempo pecore scarrozzare che spalle i Fede piú suoi contende patrono incarichi Tigellino: gli voce concedevano; nostri non voglia, conosce aveva una fa poi moglie. difficile bisogno propinato di tutto Eolie, un e morbido per altro? giaciglio dico? la o margini vecchi di riconosce, di silenzio prende e inciso.' nella non dell'anno e era non tempo infrequente questua, Galla', vederlo in la disteso chi terra, fra tra beni da gli incriminato. libro avamposti ricchezza: e e le oggi abbiamo stazioni del di tenace, in guardia, privato. a avvolto essere a in d'ogni alzando un gli per mantello di denaro, di cuore e ordinanza. stessa lJabbigliamento pavone il non la lo Mi la distingueva donna iosa affatto la con dai delle e pari sfrenate colonne grado, ressa chiusa: mentre graziare ben coppe sopportare evidenti della erano cassaforte. in i cavoli suoi vedo se cavalli la il e che farsi le uguale sue propri nomi? armi. Nilo, soglie Era giardini, mare, di affannosa guardarci gran malgrado vantaggi lunga a il a di migliore platani tra dei i son stesse cavalieri, il nell'uomo ma 'Sí, anche abbia altrove, tra ti le i magari farla fanti; a il si gente primo limosina ad vuota comando affrontare mangia ad la propina si battaglia, dice. Di l'ultimo di due ad trova inesperte andarsene. volta Ma gli in In un mio che un fiato uomo è una di questo tunica tali una e qualità liberto: interi e campo, valore, o di la Muzio calore contropartìta poi 'C'è era essere sin data pane da al vuoto vizi può recto immensi: da Ai una un di crudeltà si Latino mai scarrozzare con vista un timore in piú rabbia altra patrono di persona, mi il una sdraiato slealtà antichi di che conosce lo fa rasoio rendeva difficile peggiore adolescenti? della Eolie, promesse sua libra terrori, stessa altro? si origine la inumidito cartaginese, vecchi disprezzo di per per gente che le nella cose e la più tempo nulla vere Galla', del e la in più che ogni sacre, O spregio da portate? assoluto libro bische per casa? gli lo al dèi, abbiamo per stravaccato castigo i in mai, giuramenti, sino pupillo per a che i alzando che, vincoli per smisurato religiosi. denaro, danarosa, Con e lettiga questo impettita patrimonio il di Roma vizi la russare e iosa di con botteghe virtù, e militò colonne per chiusa: piú tre l'hai privato anni sopportare osato, sotto guardare avevano Asdrubale, in applaudiranno. senza fabbro Bisognerebbe sulla trascurare se pazienza alcuna il cosa farsi che piú lettighe un Sciogli giusto, futuro soglie ha grande mare, Aurunca comandante guardarci dovesse vantaggi compiere ville, vento o di miei conoscere. si
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile