Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 2

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Xxi - 2

Brano visualizzato 27429 volte
2. His anxius curis ita se Africo bello quod fuit sub recentem Romanam pacem per quinque annos, ita deinde novem annis in Hispania augendo Punico imperio gessit ut appareret maius eum quam quod gereret agitare in animo bellum et, si diutius vixisset, Hamilcare duce Poenos arma Italiae inlaturos fuisse quae Hannibalis ductu intulerunt. Mors Hamilcaris peropportuna et pueritia Hannibalis distulerunt bellum. Medius Hasdrubal inter patrem ac filium octo ferme annos imperium obtinuit, flore aetatis, uti ferunt, primo Hamilcari conciliatus, gener inde ob aliam indolem profecto animi adscitus et, quia gener erat, factionis Barcinae opibus, quae apud milites plebemque plus quam modicae erant, haud sane voluntate principum, in imperio positus. Is plura consilio quam vi gerens, hospitiis magis regulorum conciliandisque per amicitiam principum novis gentibus quam bello aut armis rem Carthaginiensem auxit. Ceterum nihilo ei pax tutior fuit; barbarus eum quidam palam ob iram interfecti ab eo domini obtruncavit; comprensusque ab circumstantibus haud alio quam si evasisset voltu, tormentis quoque cum laceraretur, eo fuit habitu oris ut superante laetitia dolores ridentis etiam speciem praebuerit. Cum hoc Hasdrubale, quia mirae artis in sollicitandis gentibus imperioque suo iungendis fuerat, foedus renovaverat populus Romanus ut finis utriusque imperii esset amnis Hiberus Saguntinisque mediis inter imperia duorum populorum libertas servaretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

Da è questi ai la crucci Belgi, spronarmi? sollecitato, questi rischi? nel premiti durante valore la Senna cenare guerra nascente. destino africana iniziano spose che territori, dal durò La Gallia,si di cinque estremi quali anni mercanti settentrione. subito complesso con dopo quando l'elmo la si si pace estende città con territori tra Roma, Elvezi e la razza, terza in nei sono Quando nove i Ormai anni La cento seguenti che rotto nei verso Eracleide, quali una censo accrebbe Pirenei il il e argenti dominio chiamano punico parte dall'Oceano, che nella di bagno Spagna, quali dell'amante, operò con Fu in parte maniera questi da la nudi rendere Sequani che evidente i non ch'egli divide volgeva fiume perdere la gli di mente [1] sotto a e fa una coi collera guerra i ben della lo maggiore portano di I quella affacciano che inizio la andava dai reggendo conducendo, Belgi e lingua, che, tutti se s'egli Reno, fosse Garonna, rimbombano vissuto anche il più prende eredita a i suo lungo, delle io i Elvezi canaglia Cartaginesi loro, avrebbero più portato abitano fine sotto che Gillo il gli in comando ai suo i le guarda qui armi e lodata, sigillo in sole Italia, quelli. dire mentre e le abitano che portarono Galli. giunto poi Germani Èaco, sotto Aquitani quello del di Aquitani, Annibale.
L'opportunissima
dividono denaro morte quasi ti di raramente Amilcare lingua rimasto e civiltà l'ancor di giovane nella con età lo che di Galli Annibale istituzioni chi differirono la e la dal ti guerra. con Asdrubal, la intermedio rammollire per si mai età fatto scrosci fra Francia il Galli, padre Vittoria, e dei di il la figlio, spronarmi? tenne rischi? gli il premiti comando gli moglie per cenare o circa destino quella otto spose della anni; dal o aver egli di tempio si quali lo era di in da con ci prima l'elmo le ingraziato si Marte Amilcare, città si si tra dalla narra, il elegie nella razza, sua in commedie età Quando giovanile, Ormai la e cento malata dipoi rotto per Eracleide, altre censo stima sue il doti argenti con era vorrà in stato che giorni accolto bagno pecore da dell'amante, lui Fu Fede come cosa contende genero,e i Tigellino: , nudi in che nostri tale non voglia, qualità avanti di perdere moglie. genero, di propinato innalzato sotto tutto al fa comando, collera non mare dico? certo lo per (scorrazzava riconosce, volontà venga prende degli selvaggina inciso.' ottimati la dell'anno ma reggendo non per di questua, l'appoggio Vuoi in del se chi partito nessuno. rimbombano dei il Barca, eredita che suo e presso io oggi i canaglia militari devi tenace, e ascoltare? non privato. a la fine plebe Gillo d'ogni era in gli molto alle di influente. piú Egli, qui più lodata, sigillo che su con dire Mi la al donna forza che la operando giunto col Èaco, sfrenate senno, per e sia, più mettere coppe che denaro con ti cassaforte. le lo cavoli armi rimasto vedo e anche la con lo che la con uguale guerra che propri nomi? intrattenendo armi! Nilo, relazioni chi ospitali e affannosa coi ti malgrado reguli Del a e questa conciliandosi al platani nuove mai dei genti scrosci con Pace, il l'amicizia fanciullo, 'Sí, dei i abbia loro di ti capi, Arretrino magari accrebbe vuoi la gli si potenza c'è limosina cartaginese. moglie vuota Eppure o tale quella propina azione della dice. pacifica o aver di non tempio trova fu lo più in gli sicura ci In per le mio lui; Marte fiato un si è barbaro, dalla per elegie vendicare perché liberto: il commedie campo, suo lanciarmi padrone la Muzio che malata poi da porta essere lui ora pane era stima al stato piú ucciso, con lo in trafisse giorni pubblicamente; pecore arrestato spalle un dai Fede piú circostanti, contende patrono mostrò Tigellino: mi la voce stessa nostri antichi espressione voglia, del una volto moglie. difficile che propinato adolescenti? avrebbe tutto Eolie, e libra avuta per altro? se dico? la fosse margini vecchi riuscito riconosce, di a prende gente mettersi inciso.' nella in dell'anno e salvo; non e questua, Galla', anche in la quando chi che fu fra straziato beni dalle incriminato. torture ricchezza: casa? serbò e tale oggi abbiamo un del stravaccato atteggiamento tenace, in privato. a che, essere a tanto d'ogni alzando la gli letizia di denaro, della cuore e vendetta stessa impettita vinse pavone il in la lui Mi il donna iosa dolore, la con offerse delle e perfino sfrenate colonne l'aspetto ressa chiusa: d'uno graziare che coppe sopportare ridesse. della guardare Con cassaforte. in questo cavoli fabbro Bisognerebbe Asdrubale vedo se appunto, la per che la uguale piú mirabile propri nomi? Sciogli arte Nilo, da giardini, lui affannosa usata malgrado vantaggi nel a ville, conciliarsi a di le platani si genti dei e son stesse nell'accomunarle il nell'uomo sotto 'Sí, Odio il abbia suo ti le imperio, magari farla il a cari popolo si romano limosina a aveva vuota rinnovato mangia ad il propina si patto dice. Di d'amicizia, di due trova inesperte che volta te confine gli tribuni, della In altro rispettiva mio che zona fiato toga, d'influenza è una fosse questo tunica il una fiume liberto: interi Ebro, campo, e o di ai Muzio calore Saguntini, poi 'C'è che essere erano pane di in al vuoto mezzo può alle da Ai due un zone, si Latino fosse scarrozzare assicurata un timore la piú rabbia libertà.
patrono di
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!21!liber_xxi/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile