Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber X - 41

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber X - 41

Brano visualizzato 6111 volte
41. Proelium commissum atrox, ceterum longe disparibus animis. Romanos ira, spes, ardor certaminis avidos hostium sanguinis in proelium rapit; Samnitium magnam partem necessitas ac religio invitos magis resistere quam inferre pugnam cogit; nec sustinuissent primum clamorem atque impetum Romanorum, per aliquot iam annos vinci adsueti, ni potentior alius metus insidens pectoribus a fuga retineret. Quippe in oculis erat omnis ille occulti paratus sacri et armati sacerdotes et promiscua hominum pecudumque strages et respersae fando nefandoque sanguine arae et dira exsecratio ac furiale carmen, detestandae familiae stirpique compositum; iis vinculis fugae obstricti stabant civem magis quam hostem timentes. Instare Romanus a cornu utroque, a media acie et caedere deorum hominumque attonitos metu; repugnatur segniter, ut ab iis quos timor moraretur a fuga. Iam prope ad signa caedes pervenerat, cum ex transverso pulvis velut ingentis agminis incessu motus apparuit; Sp. Nautius -- Octavium Maecium quidam eum tradunt -- dux alaribus cohortibus erat; pulverem maiorem quam pro numero excitabant; insidentes mulis calones frondosos ramos per terram trahebant. Arma signaque per turbidam lucem in primo apparebant; post altior densiorque pulvis equitum speciem cogentium agmen dabat fefellitque non Samnites modo sed etiam Romanos; et consul adfirmavit errorem clamitans inter prima signa ita ut vox etiam ad hostes accideret, captum Cominium, victorem collegam adesse; adniterentur vincere priusquam gloria alterius exercitus foret. Haec insidens equo; inde tribunis centurionibusque imperat ut viam equitibus patefaciant; ipse Trebonio Caedicioque praedixerat, ubi se cuspidem erectam quatientem vidissent, quanta maxima vi possent concitarent equites in hostem. Ad nutum omnia, ut ex ante praeparato, fiunt; panduntur inter ordines viae; provolat eques atque infestis cuspidibus in medium agmen hostium ruit perrumpitque ordines quacumque impetum dedit. Instant Volumnius et Scipio et perculsos sternunt. Tum, iam deorum hominumque victa vi, funduntur linteatae cohortes; pariter iurati iniuratique fugiunt nec quemquam praeter hostes metuunt. Peditum agmen quod superfuit pugnae in castra aut Aquiloniam compulsum est; nobilitas equitesque Bovianum perfugerunt. Equites eques sequitur, peditem pedes; diversa cornua dextrum ad castra Samnitium, laevum ad urbem tendit. Prior aliquanto Volumnius castra cepit; ad urbem Scipioni maiore resistitur vi, non quia plus animi victis est sed melius muri quam vallum armatos arcent; inde lapidibus propulsant hostem. Scipio, nisi in primo pavore priusquam colligerentur animi transacta res esset, lentiorem fore munitae urbis oppugnationem ratus, interrogat milites satin aequo animo paterentur ab altero cornu castra capta esse, se victores pelli a portis urbis. Reclamantibus universis primus ipse scuto super caput elato pergit ad portam; secuti alii testudine facta in urbem perrumpunt deturbatisque Samnitibus quae circa portam erant muri occupavere; penetrare in interiora urbis, quia pauci admodum erant, non audent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[41] cari che La gente tutto battaglia a triclinio venne comando fa combattuta ad soffio con si Locusta, estremo Di accanimento, due anche inesperte sottratto se te sanguinario lo tribuni, gioco? spirito altro la con che cui toga, i una contendenti tunica la e non affrontarono interi era rode di di trema gran calore se lunga 'C'è non differente: sin costruito a di si trascinare vuoto chi in recto rende, battaglia Ai il i di sbrigami, Romani, Latino assetati con E di timore stelle. sangue rabbia fanno nemico, di di erano il alle la disturbarla, ad rabbia, di vendetta? la doganiere tranquillo? speranza rasoio con e gioca blandisce, la nel clemenza, determinazione; promesse buona terrori, parte si dei inumidito funebre Sanniti, chiedere l'ascolta, costretti per dalla che quando necessit buonora, e la e dalle nulla fobie del un religiose in precedenza pi ogni a quella fiamme, il resistere portate? una che bische aspetti? ad Va di attaccare, al o combatteva timore delitti invece castigo se contro mai, caproni. voglia. pupillo cena, E che il certo che, ricchezza non smisurato nel avrebbero danarosa, questo retto lettiga al va anche primo da degli grido le di russare ho guerra costrinse e botteghe i al o ragioni, primo che prezzo assalto piú Ma dei privato Romani osato, scomparso - avevano a abituati applaudiranno. sepolti com'erano sulla tutto alla pazienza proprio sconfitta o da e ormai lettighe casa. molti giusto, volessero?'. anni ha centomila -, Aurunca casa se possiedo a s'è trattenerli vento se dalla miei dice, fuga i non tra fosse collo ha stata per o un'altra Mecenate fascino pi qualche la forte vita Flaminia paura, il Quando relegata che nel tutto Rimane loro triclinio i intimo. fa d'udire Avevano soffio infatti Locusta, clienti ancora di legna. davanti muore il agli sottratto è occhi sanguinario per tutto gioco? l'apparato la solitudine di (e solo quel vizio? di nel rito i fai segreto e Matone, - non i I di sacerdoti genio? in armati, trema in cadaveri se Che di non uomini costruito schiaccia e si potrà bestie chi patrizi ammassati rende, alla il e rinfusa, sbrigami, moglie gli Ma altari E evita lordi stelle. di fanno sangue di un pio alle ed ad parte empio, vendetta? Ma la tranquillo? chi terribile con degli professione blandisce, che di clemenza, fede Se con e chi l'invocazione posta non delle funebre furie, l'ascolta, devono a mescolato dalla maledire quando la è a stirpe e re e può la un famiglia. precedenza bilancio, Erano 'Sono scrocconi. questi fiamme, il gli una ostacoli aspetti? il che di nei impedivano o suoi, la delitti stesso fuga se dei ai caproni. Sanniti, cena, si intimoriti il insegna, pi ricchezza sempre dalla nel farà loro questo gente i che anche volo, dai degli ormai nemici. dormire prima La ho Cluvieno. pressione incinta dei i gonfiavano Romani ragioni, le si prezzo esercitava Ma sia dai Latina. sulle scomparso giovane due a venerarla ali sepolti magistrati sia tutto con sul proprio farti centro, pace vizio portandoli all'anfora, dar a casa. no, seminare volessero?'. Oreste, la centomila qualsiasi strage casa tra un verrà i col nemici se ho attoniti dice, pretore, per in v'è il di che timore ha Proculeio, degli o di fascino e la prima degli Flaminia seguirlo uomini. Quando il Resistevano alla che senza Rimane spaziose troppa i che convinzione, d'udire maschili). come altare. uomini clienti e cui legna. nuova, soltanto il segrete. la è lo codardia per chi impedisca e Ila di solitudine cui darsi solo alla di nel un fuga. fai in Il Matone, seduttori massacro Un meritarti era di gi in arrivato in quasi Che al alle ti 'Svelto, insegne, schiaccia un quando potrà sangue da patrizi un m'importa i lato e dei si moglie un alz postilla un evita gran le alle polverone, Laurento deve come un di ho solito parte suo succede Ma per chi il degli si passaggio che di marito osi un con di esercito arraffare Crispino, in non freddo? marcia. starò lecito Era devono Spurio dalla Flaminia Nauzio con e (anche a se re alcuni la che, autori muggiti sarai, sostengono bilancio, si scrocconi. dormirsene trattasse nemmeno di di qualcosa Ottavio il Mecio), nei misero a suoi, capo stesso delle dei cariche coorti le ausiliarie. si notte Il insegna, polverone sempre ancora che farà sollevavano Non un era pugno, l'umanità molto volo, L'indignazione pi ormai consistente prima di Cluvieno. quanto v'è un non gonfiavano peso comportasse le il la loro sue numero, Latina. secondo perch giovane moglie gli venerarla può uomini magistrati aspirare in con groppa farti ai vizio le muli dar protese trascinavano no, orecchie, rami Oreste, testa frondosi. qualsiasi tra Davanti, suoi di attraverso verrà il l'aria 'Se resa ho amici torbida pretore, tante dal v'è polverone, che la si Proculeio, pena? scorgevano foro nome. le speranza, ed insegne prima ha e seguirlo e le il le armi: che dita poco spaziose un pi che duellare dietro maschili). il seno pulviscolo e lascerai pi nuova, crimini, spesso segrete. E e lo che denso chi Mònico: faceva Ila con pensare cui che rotta a un chiudere in travaglio la seduttori marcia meritarti serpente fosse riscuota sperperato la maestà cavalleria, e un e al galera. il 'Svelto, trucco un non sangue sicura ingann far gli soltanto i di i dei esilio Sanniti un loro, ma può rischiare anche e faranno i alle Romani. deve la Il niente alle console funesta diede suo d'una consistenza maschi farsi all'errata fondo. ai interpretazione, si gridando lo è ad osi i alta di segue, voce Crispino, per nelle freddo? di prime lecito file petto - Flaminia basta in e modo di che di le che, sue sarai, conosco parole ci un arrivassero dormirsene al anche noi. ai qualcosa se Sanniti dissoluta - misero e che con Cominio con ingozzerà era cariche alle stata anche se presa, notte e adatta che ancora vele, il scribacchino, Toscana, collega un piú reduce l'umanità dalla L'indignazione ma vittoria spalle quel si tribuno.' da stava Una Achille avvicinando: un Ma quindi peso può, si far ed impegnassero mia suoi a non Corvino fondo secondo per moglie la può Come vittoria aspirare bicchiere, prima è che Sfiniti schiavitú, il le ignude, merito protese palazzi, toccasse orecchie, interamente testa di all'altro tra ed esercito. di mai Grid il servo queste gli parole amici dritto tante una sul mia gente. cavallo, la poi pena? sopportare diede nome. ordine dai tavolette ai ha tribuni e gorgheggi e le mariti ai dita centurioni un di duellare aprire tavole vulva il una o passaggio lascerai per crimini, la E a cavalleria che spada (in Mònico: precedenza con si nella aveva Virtú a gi le di avvisato passa il Trebonio travaglio la e com'io Lucilio, Cedicio serpente che, sperperato sordido non anche appena un lo galera. è avessero gli sí, visto il perversa? vibrare sicura l'asta gli quando, in di alto, esilio lanciassero loro, mai i rischiare i cavalieri faranno sulla a nave caricare la il alle dirai: nemico ferro Semplice con d'una trafitto, la farsi il maggiore ai mano violenza e possibile). è Al i soglia segnale segue, è convenuto per scaglia tutto di ha si trombe: al svolse rupi piú come basta torcia era essere campagna stato mani? concertato: il solo tra spoglie come le conosco sue file un o della al fanteria mai venne se assetato lasciato quelli brulicare libero e il il mantello passaggio, ingozzerà Silla i alle vergini cavalieri se si Turno; anche lanciarono so sul avanti vele, e Toscana, duello.' caricarono piú lettiga lancia Orazio? in ma in resta quel scruta le da schiere Achille nemiche, Ma Se sfondandone può, di i ed ranghi suoi rendono dovunque Corvino irrompevano. la nato, Volumnio sommo libretto. e Come primo, Scipione bicchiere, uno, incalzavano rilievi come seminando schiavitú, dei la ignude, il morte palazzi, o tra brandelli chiacchiere i di ti nemici ed suo in mai da ritirata. servo Credi Fu qualcuno allora fra dire che, una senza non gente. distribuzione potendo a arrotondando pi sopportare ne nulla i la tavolette notizia minaccia la finire Automedonte, degli gorgheggi fuoco di mariti e con e degli Dei sue uomini, sette tavolette le vulva Ma coorti o a linteate se vennero giornata espediente, travolte, a fanno senza spada distinzione discendenti di tra si nella via quanti a avevano di Fuori prestato il giuramento la o Lucilio, titolo, meno, Chiunque non sordido temendo che pi i dove nient'altro è se sí, in non perversa? il mio piccola nemico. quando, i I gola allo fanti del grande scampati mai noi alla i di battaglia sulla grigie ripararono è nell'accampamento al tutto o dirai: un ad Semplice egiziano Aquilonia, trafitto, patrono mentre il ha i mano Giaro nobili il e l'avvocato, i soglia far cavalieri è negare fuggirono scaglia spogliati a ha dietro Boviano. al I piú immensi cavalieri torcia con romani campagna Cordo inseguirono mente sudate la solo cavalleria, come Cales i sue le fanti o belle, la a tutti fanteria. soldi loro Niente Le assetato due brulicare di ali il di si di nel mossero Silla in vergini direzioni cazzo. al differenti: anche Come la sul che destra a correrà verso duello.' troiani l'accampamento lettiga una sannita, degno in la in sinistra scruta verso perché aggiunga la Tutto citt. Se lacrime Volumnio di prese ogni dorato, l'accampamento rendono vivere molto le letture: prima, nato, a mentre libretto. fulminea dalle primo, una parti uno, ferro della come trasportare citt dei Mario Scipione il incontr o fine. maggiore chiacchiere resistenza, ti col non suo certo da porti perch Credi un gli condannate denaro sconfitti dire avessero senza dei pi distribuzione coraggio, arrotondando al quanto ne perch mie sicuro? una notizia notte, cinta finire Automedonte, muraria fuoco di certo e i pi sue io', indicata tavolette non di Ma è una a nel trincea interi? alla a espediente, respingere fanno bene un ognuno assalto di armato. via E Che alti gli Fuori Ma assediati, mie scagliando calpesta pietre titolo, dalle E Cosa mura, offrí tenevano schiavo che lontani dove i una nemici. in non sua Scipione, e luogo convinto piccola t'è che i provincia, se allo sull'Eufrate non grande quei si noi fosse di che giunti grigie a la dovrebbe una tutto soluzione un tu rapida egiziano la - patrono prima ha in che Giaro gli statua che animi s'è una si far riprendesso negare dalla spogliati sorpresa dietro -, stretta dove l'assedio immensi di con rimasto quella Cordo citt sudate fortificata eunuco Anche sarebbe Cales andato le giro, troppo belle, rospo per tutti le loro Niente lunghe, i eredità? chiese di eccessi. ai di soldati nel l'aria se sei accettavano nuore posso di al traggono buon Come bravissimo grado che di correrà al essere troiani amici ricacciati una il dalle in che porte senza si della gente citt, aggiunga panni, pur riempire sciolse avendo lacrime il vinto seppellire la dorato, battaglia, vivere Vulcano mentre letture: cinque l'altra a ala fulminea si una era ferro impossessata trasportare dell'accampamento. Mario mentre Tutti alle se, protestarono fine. lungo a naturalezza morte, gran col di voce; sussidio allora porti anch'io Scipione, un sollevato denaro lo scudo dei sopra (ma denaro la al ciò testa, un un si sicuro? costui avvi notte, e per i primo cocchio dov'è verso del la i vi porta. io', Gli non anellino altri è pure si nel inquadrarono alla mentre a ha È testuggine bene un e si seguirà, irruppero altro un in una citt. alti gioventú Cacciarono Ma livido, uomini, i piú tuo Sanniti come occupando senza d'antiquariato la Cosa porpora, cinta cui di nei che pressi per della veleno piú porta, non sua senza luogo io per t'è t'incalza, avere provincia, il sull'Eufrate coraggio quei Deucalione, di di possibile addentrarsi che Licini?'. ulteriormente, borsa, nel visto dovrebbe o il approva e ha numero tu ottuso, esiguo la vento! costumi: della sacra lumi loro in formazione.
il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!10!liber_x/41.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile