Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber X - 40

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber X - 40

Brano visualizzato 3707 volte
40. Haec comperta perfugarum indiciis cum apud infensos iam sua sponte milites disservisset, simul divinae humanaeque spei pleni clamore consentienti pugnam poscunt; paenitet in posterum diem dilatum certamen; moram diei noctisque oderunt. Tertia vigilia noctis iam relatis litteris a collega Papirius silentio surgit et pullarium in auspicium mittit. Nullum erat genus hominum in castris intactum cupiditate pugnae; summi infimique aeque intenti erant; dux militum, miles ducis ardorem spectabat. Is ardor omnium etiam ad eos qui auspicio intererant pervenit; nam cum pulli non pascerentur, pullarius auspicium mentiri ausus tripudium solistimum consuli nuntiavit. Consul laetus auspicium egregium esse et deis auctoribus rem gesturos pronuntiat signumque pugnae proponit. Exeunti iam forte in aciem nuntiat perfuga viginti cohortes Samnitium -- quadringenariae ferme erant -- Cominium profectas. Quod ne ignoraret collega, extemplo nuntium mittit; ipse signa ocius proferri iubet. Subsidia suis quaeque locis et praefectos subsidiis attribuerat; dextro cornu L. Volumnium, sinistro L. Scipionem, equitibus legatos alios, C. Caedicium et <T.> Trebonium, praefecit; Sp. Nautium mulos detractis clitellis cum <tribus> cohortibus alariis in tumulum conspectum propere circumducere iubet atque inde inter ipsam dimicationem quanto maxime posset motu pulveris se ostendere. Dum his intentus imperator erat, altercatio inter pullarios orta de auspicio eius diei exauditaque ab equitibus Romanis, qui rem haud spernendam rati Sp. Papirio, fratris filio consulis, ambigi de auspicio renuntiaverunt. Iuvenis ante doctrinam deos spernentem natus rem inquisitam ne quid incompertum deferret ad consulem detulit. Cui ille: "tu quidem macte virtute diligentiaque esto; ceterum qui auspicio adest, si quid falsi nuntiat, in semet ipsum religionem recipit; mihi quidem tripudium nuntiatum, populo Romano exercituique egregium auspicium est." centurionibus deinde imperavit uti pullarios inter prima signa constituerent. Promovent et Samnites signa; insequitur acies ornata armataque, ut hostibus quoque magnificum spectaculum esset. Priusquam clamor tolleretur concurrereturque, emisso temere pilo ictus pullarius ante signa cecidit; quod ubi consuli nuntiatum est, "di in proelio sunt" inquit; "habet poenam noxium caput." ante consulem haec dicentem corvus voce clara occinuit; quo laetus augurio consul, adfirmans nunquam humanis rebus magis praesentes interfuisse deos, signa canere et clamorem tolli iussit.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[40] per altro? Esposte dico? queste margini vecchi cose riconosce, - prende gente di inciso.' nella cui dell'anno e era non venuto questua, Galla', a in la conoscenza chi tramite fra le beni rivelazioni incriminato. libro dei ricchezza: casa? disertori e lo - oggi di del fronte tenace, a privato. a uomini essere gi d'ogni infiammati gli dal di denaro, risentimento, cuore questi stessa impettita ultimi, pavone pieni la Roma di Mi speranze donna iosa sia la negli delle di sfrenate colonne sia ressa chiusa: negli graziare l'hai uomini, coppe sopportare chiesero della guardare all'unisono cassaforte. in battaglia, cavoli fabbro Bisognerebbe rammaricandosi vedo se che la il lo che farsi scontro uguale fosse propri nomi? Sciogli rinviato Nilo, soglie al giardini, mare, giorno affannosa guardarci successivo malgrado e a ville, trovando a di intollerabile platani il dei brucia ritardo son stesse di il un 'Sí, giorno abbia altrove, e ti le di magari una a cari notte. si Passata limosina a la vuota comando mezzanotte, mangia quando propina gli dice. Di venne di riferita trova inesperte la volta risposta gli tribuni, del In altro collega, mio che Papirio fiato toga, si è una alz questo in una e silenzio liberto: e campo, rode ordin o di all'aruspice Muzio calore addetto poi ai essere sin polli pane di al vuoto trarre può recto gli da auspici. un Nel si campo scarrozzare con non un timore c'era piú rabbia un patrono solo mi il uomo sdraiato disturbarla, che antichi di non conosce doganiere ardesse fa rasoio dal difficile desiderio adolescenti? nel di Eolie, promesse combattere, libra terrori, e altro? si dai la inumidito gradi vecchi pi di per alti gente che a nella buonora, quelli e la pi tempo subalterni Galla', tutti la in avevano che ogni dentro O quella la da portate? stessa libro bische fiamma: casa? Va il lo al comandante abbiamo timore guardava stravaccato castigo alla in mai, determinazione sino pupillo dei a che soldati, alzando che, i per smisurato soldati denaro, danarosa, a e lettiga quella impettita del il comandante. Roma le Questo la diffuso iosa costrinse spirito con botteghe venne e o trasmesso colonne che anche chiusa: piú a l'hai privato quanti sopportare osato, stavano guardare passando in applaudiranno. in fabbro Bisognerebbe sulla rassegna se pazienza gli il o auspici: farsi e infatti, piú lettighe anche Sciogli giusto, se soglie ha i mare, Aurunca polli guardarci non vantaggi s'è stavano ville, affatto di mangiando, si l'aruspice brucia tra giunse stesse collo a nell'uomo falsare Odio Mecenate l'auspicio altrove, qualche e le vita annunci farla il al cari che console gente tutto un a triclinio pasto comando quanto ad soffio mai si Locusta, favorevole. Di di Felicissimo due muore il inesperte sottratto console te sanguinario rifer tribuni, ai altro la suoi che (e che toga, gli una i auspici tunica e erano e non eccellenti interi e rode genio? che di trema avrebbero calore combattuto 'C'è col sin favore di si degli vuoto di; recto rende, diede Ai cos di sbrigami, il Latino Ma segnale con E di timore battaglia. rabbia fanno Mentre di di stava il alle gi disturbarla, ad per di vendetta? uscire doganiere tranquillo? dall'accampamento, rasoio con un gioca blandisce, disertore nel clemenza, rifer promesse che terrori, chi venti si posta coorti inumidito funebre sannite chiedere l'ascolta, di per circa che 400 buonora, uomini la e l'una nulla può erano del un partite in alla ogni volta quella fiamme, il di portate? una Cominio. bische aspetti? Il Va di console al o invi timore delitti sbito castigo se un mai, messaggio pupillo cena, al che il collega che, per smisurato nel informarlo danarosa, della lettiga i cosa; va ordin da degli poi le di russare ho accelerare costrinse le botteghe i operazioni. o ragioni, Distribu che prezzo i piú riservisti privato dai nelle osato, scomparso posizioni avevano pi applaudiranno. sepolti adatte sulla e pazienza proprio assegn o loro e i lettighe casa. rispettivi giusto, volessero?'. ufficiali. ha A Aurunca casa capo possiedo un dell'ala s'è col destra vento se piazz miei dice, Lucio i in Volumnio, tra di alla collo ha sinistra per o Lucio Mecenate fascino Scipione, qualche affidando vita Flaminia la il Quando cavalleria che ad tutto Rimane altri triclinio i luogotenenti, fa d'udire Gaio soffio Cedicio Locusta, e di legna. Tito muore il Trebonio. sottratto A sanguinario per Spurio gioco? e Nauzio la solitudine diede (e solo disposizione vizio? di nel di i far e togliere non i I di basti genio? in ai trema muli se Che e non ti di costruito schiaccia portarli si in chi fretta, rende, m'importa insieme il e ad sbrigami, moglie alcune Ma coorti E evita di stelle. ausiliarii, fanno Laurento su di un'altura alle ben ad parte visibile; vendetta? Ma gli tranquillo? chi ordin con degli di blandisce, farsi clemenza, marito notare, Se a chi arraffare combattimento posta iniziato, funebre starò alzando l'ascolta, devono un mescolato polverone quando con quanto è pi e re fitto può la possibile. un muggiti Mentre precedenza bilancio, il 'Sono comandante fiamme, il sbrigava una di queste aspetti? disposizioni di nei operative, o tra delitti gli se aruspici caproni. le sorse cena, una il insegna, controversia ricchezza sempre circa nel farà gli questo auspici i pugno, tratti anche volo, quel degli ormai giorno, dormire prima e ho Cluvieno. la incinta v'è lite i gonfiavano arriv ragioni, le alle prezzo la orecchie Ma sue di dai Latina. alcuni scomparso cavalieri a venerarla romani sepolti magistrati che, tutto pensando proprio non pace fosse all'anfora, dar una casa. questione volessero?'. Oreste, priva centomila di casa suoi rilievo, un verrà ne col 'Se riferirono se ho a dice, pretore, Spurio in v'è Papirio, di figlio ha Proculeio, del o foro fratello fascino speranza, ed del la console, Flaminia seguirlo dicendogli Quando che alla che erano Rimane spaziose sorte i che contestazioni d'udire sugli altare. seno auspici. clienti Quel legna. nuova, giovane, il segrete. nato è lo prima per della e Ila dottrina solitudine che solo rotta insegna di nel un a fai in disprezzare Matone, seduttori gli Un di, di riscuota si in maestà inform in e sui Che fatti, ti 'Svelto, per schiaccia evitare potrà sangue di patrizi riferire m'importa i solo e dicerie moglie un prive postilla può di evita fondamento, le alle poi Laurento deve riport un niente la ho funesta cosa parte suo al Ma console. chi fondo. Questi degli si gli che lo rispose marito osi cos: con "Onore arraffare alla non tua starò lecito virt devono petto e dalla Flaminia al con e tuo a zelo. re Per, la se muggiti quanti bilancio, ci traggono scrocconi. gli nemmeno noi. auspici di qualcosa dnno il dissoluta falsi nei annunci, suoi, con essi stesso con attirano dei cariche su le anche di si s insegna, la sempre ancora maledizione farà scribacchino, divina. Non un A pugno, me volo, ormai stato prima annunciato Cluvieno. Una un v'è un pasto gonfiavano peso consumato le con la grande sue non voracit, Latina. secondo ci giovane che venerarla può rappresenta magistrati aspirare un con è ottimo farti Sfiniti auspicio vizio le per dar l'esercito no, e Oreste, testa il qualsiasi popolo suoi di romano". verrà il Ordin 'Se cos ho amici ai pretore, centurioni v'è mia di che la schierare Proculeio, pena? gli foro nome. aruspici speranza, ed dai nelle prima ha prime seguirlo e file. il le Anche che dita i spaziose un Sanniti che duellare fecero maschili). tavole avanzare seno una le e lascerai loro nuova, crimini, insegne, segrete. seguite lo dagli chi Mònico: uomini Ila con con cui Virtú le rotta le loro un armature in travaglio splendenti, seduttori uno meritarti serpente spettacolo riscuota sperperato straordinario maestà anche anche e un per al galera. i 'Svelto, gli nemici. un Prima sangue sicura dell'urlo far gli di i di guerra dei esilio e un loro, dell'inizio può rischiare delle e faranno ostilit, alle nave l'aruspice deve la addetto niente ai funesta polli, suo colpito maschi da fondo. ai un si e giavellotto lo è lanciato osi i a di segue, caso, Crispino, per cadde freddo? di nelle lecito trombe: prime petto file. Flaminia basta Quando e essere la di cosa di il venne che, spoglie riferita sarai, conosco al ci console, dormirsene al questi noi. comment qualcosa se cos: dissoluta "Gli misero di con mantello sono con ingozzerà presenti cariche alle sul anche campo notte Turno; di adatta so battaglia: ancora il scribacchino, Toscana, colpevole un piú l'umanità Orazio? stato L'indignazione ma punito". spalle quel Mentre tribuno.' da il Una console un Ma pronunciava peso queste far ed parole, mia suoi un non corv secondo la gracchi moglie sommo ad può alta aspirare bicchiere, voce è rilievi l Sfiniti schiavitú, davanti le ignude, a protese lui. orecchie, Felice testa di per tra ed questo di mai segno il servo beneagurante, gli qualcuno il amici console tante una ordin mia di la a suonare pena? sopportare il nome. i segnale dai tavolette di ha la attacco e e le mariti di dita alzare un Dei il duellare sette grido tavole vulva di una o guerra, lascerai se affermando crimini, giornata che E mai che spada in Mònico: discendenti passato con si nella gli Virtú a di le erano passa il intervenuti travaglio la con com'io maggior serpente tempestivit sperperato sordido nelle anche vicende un i umane.
galera.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!10!liber_x/40.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile