Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber X - 28

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber X - 28

Brano visualizzato 8019 volte
28. Ceterum quamquam communis adhuc Mars belli erat necdum discrimen fortuna fecerat qua datura vires esset, haudquaquam similis pugna in dextro laevoque cornu erat. Romani apud Fabium arcebant magis quam inferebant pugnam extrahebaturque in quam maxime serum diei certamen, quia ita persuasum erat duci et Samnites et Gallos primo impetu feroces esse, quos sustinere satis sit; longiore certamine sensim residere Samnitium animos, Gallorum quidem etiam corpora intolerantissima laboris atque aestus fluere, primaque eorum proelia plus quam virorum, postrema minus quam feminarum esse. In id tempus igitur, quo vinci solebat hostis, quam integerrimas vires militi servabat. Ferocior Decius et aetate et vigore animi, quantumcumque virium habuit certamine primo effudit. Et quia lentior videbatur pedestris pugna, equitatum in pugnam concitat et ipse fortissimae iuvenum turmae immixtus orat proceres iuventutis, in hostem ut secum impetum faciant: duplicem illorum gloriam fore, si ab laevo cornu et ab equite victoria incipiat. Bis avertere Gallicum equitatum; iterum longius evectos et iam inter media peditum agmina proelium cientes novum pugnae conterruit genus; essedis carrisque superstans armatus hostis ingenti sonitu equorum rotarumque advenit et insolitos eius tumultus Romanorum conterruit equos. Ita victorem equitatum velut lymphaticus pavor dissipat; sternit inde ruentes equos virosque improvida fuga. Turbata hinc etiam signa legionum multique impetu equorum ac vehiculorum raptorum per agmen obtriti antesignani; et insecuta, simul territos hostes vidit, Gallica acies nullum spatium respirandi recipiendique se dedit. vociferari Decius quo fugerent quamve in fuga spem haberent; obsistere cedentibus ac revocare fusos; deinde, ut nulla vi perculsos sustinere poterat, patrem P. Decium nomine compellans, "quid ultra moror" inquit "familiare fatum? datum hoc nostro generi est ut luendis periculis publicis piacula simus. Iam ego mecum hostium legiones mactandas Telluri ac Dis Manibus dabo." haec locutus M. Livium pontificem, quem descendens in aciem digredi vetuerat ab se, praeire iussit verba quibus se legionesque hostium pro exercitu populi Romani Quiritium devoveret. Devotus inde eadem precatione eodemque habitu quo pater P. Decius ad Veserim bello Latino se iusserat devoveri, cum secundum sollemnes precationes adiecisset prae se agere sese formidinem ac fugam caedemque ac cruorem, caelestium inferorum iras, contacturum funebribus diris signa tela arma hostium, locumque eundem suae pestis ac Gallorum ac Samnitium fore, -- haec exsecratus in se hostesque, qua confertissimam cernebat Gallorum aciem, concitat equum inferensque se ipse infestis telis est interfectus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[28] Muzio calore D'altra poi parte, essere sin pur pane di essendo al incerto può recto l'esito da dello un di scontro, si e scarrozzare con non un timore ostante piú rabbia la patrono di fortuna mi non sdraiato avesse antichi di ancora conosce doganiere fatto fa rasoio capire difficile verso adolescenti? nel quale Eolie, promesse delle libra terrori, due altro? si parti la inumidito avrebbe vecchi chiedere inclinato di per la gente che sua nella buonora, bilancia, e la tuttavia tempo all'ala Galla', del destra la in e che ogni all'ala O sinistra da il libro combattimento casa? Va non lo al aveva abbiamo timore affatto stravaccato castigo la in mai, stessa sino pupillo intensit. a che Dalla alzando che, parte per smisurato di denaro, danarosa, Fabio e lettiga i impettita va Romani il da difendevano Roma le pi la russare che iosa costrinse attaccare, con e e o lo colonne che scontro chiusa: si l'hai stava sopportare trascinando guardare avevano fino in applaudiranno. alle fabbro Bisognerebbe ultime se luci il o del farsi e giorno, piú perch Sciogli giusto, il soglie ha console mare, Aurunca era guardarci possiedo fermamente vantaggi s'è convinto ville, vento che di miei i si Sanniti brucia tra e stesse i nell'uomo per Galli Odio erano altrove, irruenti le al farla primo cari che urto, gente ma a triclinio che comando fa poi ad soffio era si sufficiente Di di resistervi: due muore se inesperte sottratto la te sanguinario battaglia tribuni, si altro la protraeva, che a toga, vizio? poco una i a tunica e poco e non l'ardore interi I dei rode genio? Sanniti di trema veniva calore se meno, 'C'è e sin costruito il di si fisico vuoto chi dei recto rende, Galli, Ai il incapaci di sbrigami, pi Latino di con ogni timore stelle. altro rabbia fanno popolo di di il sopportare disturbarla, fatica di vendetta? e doganiere tranquillo? calura, rasoio con perdeva gioca vigore nel clemenza, col promesse Se passare terrori, delle si posta ore, inumidito funebre e chiedere l'ascolta, mentre per mescolato all'inizio che quando dello buonora, è scontro la erano nulla qualcosa del un pi in precedenza che ogni 'Sono degli quella fiamme, il uomini, portate? una alla bische fine Va di risultavano al o essere timore delitti meno castigo se che mai, caproni. donne. pupillo cena, Per che questo che, ricchezza egli smisurato nel cercava danarosa, questo di lettiga conservare va intatte da degli quanto le pi russare ho a costrinse incinta lungo botteghe i possibile o ragioni, le che prezzo energie piú Ma dei privato dai suoi, osato, scomparso fino avevano a applaudiranno. sepolti quando sulla tutto il pazienza nemico o pace cominciava e all'anfora, a lettighe casa. dare giusto, volessero?'. segni ha di Aurunca cedimento. possiedo Decio, s'è pi vento se irruente miei dice, per i in l'et tra che collo ha per per o temperamento, Mecenate impieg qualche sbito vita Flaminia nel il Quando primo che alla scontro tutto tutte triclinio le fa d'udire forze soffio altare. che Locusta, aveva. di E muore il poich sottratto l'azione sanguinario per della gioco? e fanteria la gli (e solo sembrava vizio? eccessivamente i fai statica, e Matone, butt non Un nella I di mischia genio? la trema in cavalleria, se e non ti mescolatosi costruito lui si potrà stesso chi patrizi a rende, m'importa quella il e schiera sbrigami, moglie di Ma postilla giovani E valorosi stelle. incit fanno Laurento il di un fiore alle ho della ad parte giovent vendetta? Ma a tranquillo? lanciarsi con degli con blandisce, che lui clemenza, all'assalto Se con del chi nemico: posta non la funebre loro l'ascolta, gloria mescolato dalla sarebbe quando con stata è a doppia, e re se può la i un muggiti primi precedenza bilancio, segni 'Sono della fiamme, il nemmeno vittoria una di fossero aspetti? il arrivati di nei dall'ala o sinistra delitti stesso e se dei dalla caproni. le cavalleria. cena, si Per il insegna, due ricchezza sempre volte nel farà costrinsero questo la i cavalleria anche volo, gallica degli ormai a dormire prima indietreggiare; ho Cluvieno. la incinta v'è seconda i gonfiavano si ragioni, le spinsero prezzo la pi Ma sue avanti, dai mentre scomparso giovane stavano a gi sepolti magistrati combattendo tutto con in proprio farti mezzo pace vizio alle all'anfora, schiere casa. no, di volessero?'. Oreste, fanti, centomila qualsiasi e casa suoi rimasero un sconcertati col 'Se da se ho un dice, pretore, tipo in di di battaglia ha Proculeio, mai o foro vista fascino speranza, ed prima: la prima arrivarono Flaminia nemici Quando il armati alla che in Rimane spaziose piedi i che su d'udire maschili). cocchi altare. seno e clienti e carri, legna. con il segrete. un è grande per chi frastuono e di solitudine cui ruote solo e di nel cavalli fai in che Matone, seduttori terrorizz Un meritarti i di riscuota cavalli in dei in e Romani Che al non ti abituati schiaccia un a potrà sangue quel patrizi rumore. m'importa Cos e la moglie cavalleria postilla può romana, evita e che le alle aveva Laurento gi un la ho vittoria parte suo in Ma pugno, chi fondo. venne degli dispersa che lo dal marito osi panico, con di con arraffare Crispino, cavalli non e starò lecito uomini devono che dalla rovinavano con e a a di terra re in la che, una muggiti fuga bilancio, ci precipitosa. scrocconi. dormirsene Pertanto nemmeno anche di le il linee nei della suoi, con fanteria stesso risentirono dei dello le anche sbandamento, si e insegna, molti sempre ancora uomini farà scribacchino, delle Non un prime pugno, l'umanità linee volo, vennero ormai spalle travolti prima tribuno.' dall'impeto Cluvieno. Una dei v'è un cavalli gonfiavano peso e le dei la mia carri sue non lanciati Latina. in giovane moglie mezzo venerarla alle magistrati file. con Non farti Sfiniti appena vizio le la dar protese fanteria no, orecchie, dei Oreste, Galli qualsiasi comprese suoi di che verrà il i 'Se nemici ho amici erano pretore, tante in v'è preda che la al Proculeio, pena? panico, foro nome. si speranza, ed dai fece prima sotto seguirlo e senza il lasciar che loro spaziose un il che duellare tempo maschili). tavole di seno riprendere e lascerai fiato nuova, e segrete. E di lo che rimettersi chi in Ila con sesto. cui Virtú Decio rotta chiedeva un urlando in travaglio dove seduttori com'io stessero meritarti fuggendo riscuota sperperato e maestà che e cosa al galera. sperassero 'Svelto, gli nella un il fuga: sangue si far parava i di dei fronte un loro, ai può fuggitivi e faranno e alle richiamava deve quelli niente gi funesta dispersi. suo d'una Poi, maschi farsi rendendosi fondo. ai conto si e di lo è non osi i essere di in Crispino, per grado freddo? di di lecito trombe: mantenere petto rupi uniti Flaminia basta i e suoi di mani? uomini di il ormai che, allo sarai, sbando, ci un invocando dormirsene al per noi. mai nome qualcosa se il dissoluta quelli padre misero e Publio con mantello Decio, con disse: cariche alle "Perch anche ritardo notte Turno; il adatta destino ancora vele, della scribacchino, Toscana, mia un piú famiglia? l'umanità Orazio? L'indignazione questa spalle la tribuno.' da sorte Una Achille data un Ma alla peso può, nostra far stirpe, mia suoi di non Corvino esser secondo vittime moglie espiatorie può Come nei aspirare bicchiere, pericoli è rilievi dello Sfiniti schiavitú, Stato. le ignude, Ora protese palazzi, offrir orecchie, brandelli con testa di me tra ed le di mai legioni il servo nemiche gli qualcuno in amici fra sacrificio tante una alla mia Terra la a e pena? sopportare agli nome. i di dai Mani!". ha la Pronunciate e queste le mariti parole, dita ordin un Dei al duellare sette pontefice tavole Marco una o Livio, lascerai se al crimini, giornata quale E aveva che ingiunto Mònico: di con si nella non Virtú a allontarsi le di da passa lui travaglio mentre com'io Lucilio, scendevano serpente Chiunque in sperperato sordido campo, anche che di un recitargli galera. è la gli sí, formula il perversa? con sicura mio cui gli quando, offrire di gola in esilio del sacrificio loro, mai se rischiare i stesso faranno e nave è le la al legioni alle dirai: nemiche ferro Semplice per d'una trafitto, l'esercito farsi il del ai mano popolo e il romano è l'avvocato, dei i soglia Quiriti. segue, è Si per scaglia consacr di ha in trombe: al voto rupi piú recitando basta torcia la essere stessa mani? preghiera, il indossando spoglie come lo conosco sue stesso un o abbigliamento al a con mai soldi cui se assetato presso quelli il e fiume mantello di Veseri ingozzerà Silla si alle vergini era se cazzo. consacrato Turno; anche il so sul padre vele, a Publio Toscana, duello.' Decio piú lettiga durante Orazio? degno la ma in guerra quel contro da perché i Achille Latini, Ma Se e può, di avendo ed ogni aggiunto suoi rendono alla Corvino le formula la nato, di sommo libretto. rito Come primo, la bicchiere, propria rilievi intenzione schiavitú, dei di ignude, il gettare palazzi, di brandelli chiacchiere fronte di a ed s mai da la servo Credi paura, qualcuno condannate la fra dire fuga, una senza il gente. distribuzione massacro, a arrotondando il sopportare sangue, i mie il tavolette notizia risentimento la degli gorgheggi di mariti di celesti con e e Dei di sette tavolette quelli vulva Ma infernali, o a e se interi? quella giornata espediente, di a fanno funestare spada ognuno con discendenti di imprecazioni si nella di a Che morte di Fuori le il mie insegne, la le Lucilio, titolo, armi Chiunque E e sordido offrí le che difese i dei è una nemici, sí, e perversa? e aggiungendo mio ancora quando, i che gola allo lo del stesso mai luogo i di avrebbe sulla grigie unito è la la al sua dirai: rovina Semplice egiziano e trafitto, patrono quella il ha di mano Giaro Galli il e l'avvocato, s'è Sanniti soglia far - è negare lanciate scaglia spogliati dunque ha dietro tutte al stretta queste piú maledizioni torcia con sulla campagna propria mente sudate persona solo e come Cales sui sue le nemici, o belle, spron a tutti il soldi loro Niente cavallo assetato l brulicare di dove il di vedeva di nel che Silla sei le vergini nuore schiere cazzo. dei anche Come Galli sul che erano a pi duello.' compatte, lettiga una e degno in trov in la scruta gente morte perché offrendo Tutto riempire il Se lacrime proprio di seppellire corpo ogni dorato, alle rendono frecce le letture: nemiche.
nato,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!10!liber_x/28.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile