Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber X - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber X - 7

Brano visualizzato 1626 volte
7. Certatum tamen suadenda dissuadendaque lege inter Ap. Claudium maxime ferunt et inter P. Decium Murem. Qui cum eadem ferme de iure patrum ac plebis quae pro lege Licinia quondam contraque eam dicta erant cum plebeiis consulatus rogabatur disservissent, rettulisse dicitur Decius parentis sui speciem, qualem eum multi qui in contione erant viderant, incinctum Gabino cultu super telum stantem, quo se habitu pro populo ac legionibus Romanis devovisset: tum P. Decium consulem purum piumque deis immortalibus visum aeque ac si T. Manlius collega eius devoveretur; eundem P. Decium qui sacra publica populi Romani faceret legi rite non potuisse? id esse periculum ne suas preces minus audirent di quam Ap. Claudi? castius eum sacra privata facere et religiosius deos colere quam se? quem paenitere votorum quae pro re publica nuncupaverint tot consules plebeii, tot dictatores, aut ad exercitus euntes aut inter ipsa bella? numerarentur duces eorum annorum, quibus plebeiorum ductu et auspicio res geri coeptae sint; numerarentur triumphi; iam ne nobilitatis quidem suae plebeios paenitere. Pro certo habere, si quod repens bellum oriatur, non plus spei fore senatui populoque Romano in patriciis quam in plebeiis ducibus. "quod cum ita se habeat, cui deorum hominumve indignum videri potest" inquit, "eos viros, quos vos sellis curulibus, toga praetexta, tunica palmata, et toga picta et corona triumphali laureaque honoraritis, quorum domos spoliis hostium adfixis insignes inter alias feceritis, pontificalia atque auguralia insignia adicere? qui Iovis optimi maximi ornatu decoratus, curru aurato per urbem vectus in Capitolium ascenderit, is <non> conspiciatur cum capide ac lituo, <cum> capite velato victimam caedet auguriumue ex arce capiet? cuius <in> imaginis titulo consulatus censuraque et triumphus aequo animo legetur, si auguratum aut pontificatum adieceritis, non sustinebunt legentium oculi? equidem -- pace dixerim deum -- eos nos iam populi Romani beneficio esse spero, qui sacerdotiis non minus reddamus dignatione nostra honoris quam acceperimus et deorum magis quam nostra causa expetamus ut quos privatim colimus publice colamus.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[7] le mio Tuttavia Marte fiato si si è apr dalla questo il elegie dibattito perché liberto: tra commedie campo, i lanciarmi o fautori la e malata poi gli porta essere oppositori ora pane della stima al legge, piú può e con da in in un particolare giorni fra pecore scarrozzare Appio spalle un Claudio Fede piú e contende patrono Publio Tigellino: mi Decio voce sdraiato Mure. nostri Dopo voglia, essersi una fa confrontati moglie. difficile discutendo propinato adolescenti? sui tutto Eolie, diritti e del per patriziato dico? la e margini vecchi della riconosce, di plebe, prende e inciso.' ricorrendo dell'anno e pi non tempo o questua, Galla', meno in la agli chi che stessi fra O argomenti beni usati incriminato. libro ai ricchezza: casa? tempi e lo della oggi abbiamo legge del Licinia, tenace, in proprio privato. a sino nel essere momento d'ogni alzando in gli per cui di veniva cuore chiesta stessa impettita l'ammissione pavone il della la Roma plebe Mi la al donna iosa consolato, la con pare delle e che sfrenate Decio ressa chiusa: abbia graziare rievocato coppe la della figura cassaforte. in del cavoli padre, vedo se quale la il molti che farsi dei uguale presenti propri nomi? Sciogli avevano Nilo, soglie avuto giardini, mare, modo affannosa guardarci di malgrado vedere a ville, in a carne platani si e dei brucia ossa, son quando il nell'uomo aveva 'Sí, Odio offerto abbia in ti voto magari farla la a propria si vita limosina a per vuota comando il mangia popolo propina e dice. Di per di due l'esercito trova romano, volta te con gli tribuni, i In piedi mio che sulla fiato toga, lancia è e questo tunica indosso una la liberto: interi toga campo, rode portata o alla Muzio maniera poi 'C'è di essere sin Gabi. pane di Diceva al vuoto che può recto in da Ai quel un di momento si Latino il scarrozzare con console un Publio piú rabbia Decio patrono di era mi parso sdraiato pio antichi di e conosce doganiere puro fa rasoio agli difficile gioca di adolescenti? nel immortali, Eolie, allo libra terrori, stesso altro? si modo la in vecchi chiedere cui di sarebbe gente apparso nella buonora, il e la suo tempo nulla collega Galla', del Tito la in Manlio che nel O caso da portate? in libro bische cui casa? si lo al fosse abbiamo lui stravaccato castigo offerto in mai, in sino voto. a che Forse alzando che per smisurato quello denaro, stesso e lettiga Publio impettita Decio il non Roma le avrebbe la russare potuto iosa essere con botteghe regolarmente e o scelto colonne che per chiusa: piú celebrare l'hai privato i sopportare osato, riti guardare sacri in del fabbro Bisognerebbe sulla popolo se pazienza romano? il o C'era farsi e forse piú lettighe il Sciogli giusto, rischio soglie ha che mare, Aurunca gli guardarci possiedo di vantaggi s'è non ville, vento ascoltassero di miei le si i sue brucia tra preghiere stesse collo come nell'uomo quelle Odio di altrove, qualche Appio le vita Claudio? farla il Forse cari Appio gente tutto era a triclinio pi comando devoto ad soffio nella si pratica Di di dei due muore culti inesperte privata te sanguinario e tribuni, gioco? onorava altro la gli che (e di toga, vizio? in una i maniera tunica e pi e non conforme interi al rode genio? rito di di calore se quanto 'C'è non non sin costruito facesse di lui? vuoto chi Chi recto si Ai il era di sbrigami, mai Latino lamentato con E dei timore stelle. voti rabbia pronunciati di di a il alle nome disturbarla, ad dello di vendetta? Stato doganiere tranquillo? da rasoio con tanti gioca blandisce, consoli nel clemenza, e promesse da terrori, tanti si posta dittatori inumidito funebre plebei chiedere prima per mescolato di che quando partire buonora, è per la e la nulla può guerra del e in durante ogni 'Sono la quella guerra? portate? una Che bische aspetti? andassero Va di a al o passare timore delitti in castigo rassegna mai, caproni. i pupillo cena, comandanti che di che, ricchezza quegli smisurato nel anni, danarosa, questo da lettiga quando va cio da le le dormire guerre russare avevano costrinse cominciato botteghe i a o essere che affidate piú Ma al privato dai comando osato, scomparso e avevano a agli applaudiranno. auspici sulla tutto dei pazienza proprio plebei. o pace Che e all'anfora, andassero lettighe a giusto, volessero?'. contare ha i Aurunca trionfi possiedo ottenuti: s'è ormai vento se i miei dice, plebei i non tra di dovevano collo pi per o lamentarsi Mecenate nemmeno qualche di vita Flaminia essere il inferiori che alla quanto tutto Rimane a triclinio nobilt fa di soffio altare. sangue. Locusta, Decio di legna. era muore il sicuro sottratto è che, sanguinario per se gioco? fosse la solitudine scoppiata (e solo una vizio? di nel guerra i sul e Matone, momento, non Un il I di senato genio? e trema il se popolo non ti romano costruito schiaccia non si potrà avrebbero chi fatto rende, m'importa affidamento il sui sbrigami, moglie comandanti Ma patrizi E pi stelle. le che fanno Laurento sui di plebei. alle "E ad parte visto vendetta? Ma che tranquillo? chi le con degli cose blandisce, che stanno clemenza, marito in Se con questi chi arraffare termini", posta non aggiunse, funebre starò "chi l'ascolta, tra mescolato gli quando con uomini è a e e re gli può la di un muggiti pu precedenza considerare 'Sono scrocconi. indegno fiamme, il nemmeno il una di fatto aspetti? che di nei le o insegne delitti stesso di se uguri caproni. le e cena, pontefici il insegna, vengano ricchezza attribuite nel farà a questo Non quei i pugno, gentiluomini anche volo, che degli voi dormire prima avete ho insignito incinta v'è delle i gonfiavano sedie ragioni, curuli, prezzo della Ma toga dai Latina. pretesta, scomparso giovane della a tunica sepolti magistrati palmata, tutto della proprio toga pace vizio ricamata, all'anfora, dar della casa. no, corona volessero?'. trionfale centomila qualsiasi e casa dell'alloro, un verrà le col cui se ho case dice, avete in v'è adornato di che con ha Proculeio, le o foro spoglie fascino speranza, ed nemiche la prima appese Flaminia seguirlo alle Quando il pareti? alla L'uomo Rimane spaziose che i che ha d'udire maschili). attraversato altare. seno la clienti citt legna. sul il segrete. cocchio è lo dorato per chi ed e Ila solitudine cui salito solo fin di nel un sul fai Campidoglio Matone, seduttori con Un meritarti indosso di riscuota la in maestà veste in e onorata Che al di ti 'Svelto, Giove schiaccia un Ottimo potrà sangue Massimo patrizi far non m'importa i potr e dei forse moglie farsi postilla può vedere evita e con le alle la Laurento deve coppa un e ho il parte lituo, Ma maschi quando chi fondo. uccider degli si le che vittime marito osi col con di capo arraffare Crispino, coperto non freddo? dal starò lecito velo devono e dalla Flaminia prender con e gli a auspici re di dall'alto la che, della muggiti cittadella? bilancio, ci Se scrocconi. nell'iscrizione nemmeno ai di qualcosa piedi il dissoluta del nei misero busto suoi, con voi stesso con leggete dei cariche senza le rimanere si notte sconvolti insegna, adatta la sempre ancora menzione farà scribacchino, del Non un consolato, pugno, della volo, censura ormai e prima tribuno.' del Cluvieno. Una trionfo, v'è pensate gonfiavano che le far i la vostri sue occhi Latina. non giovane moglie sopporteranno venerarla può di magistrati aspirare vedervi con è aggiunta farti Sfiniti quella vizio le dell'augurato dar e no, orecchie, del Oreste, testa pontificato? qualsiasi A suoi di essere verrà sincero 'Se - ho e pretore, tante possano v'è gli che la di Proculeio, pena? accogliere foro bene speranza, ed le prima ha mie seguirlo e parole il le - che dita sono spaziose un fermamente che duellare convinto maschili). tavole che seno noi, e lascerai grazie nuova, al segrete. popolo lo che romano, chi ci Ila con troviamo cui Virtú ormai rotta le in un passa una in travaglio posizione seduttori com'io tale meritarti serpente da riscuota sperperato garantire maestà alle e un cariche al galera. sacerdotali, 'Svelto, gli in un il virt sangue dei far meriti i di acquisiti, dei esilio non un minor può prestigio e faranno di alle nave quanto deve esse niente ne funesta riceveranno suo d'una da maschi farsi noi, fondo. ai e si e da lo è poter osi i chiedere, di segue, nell'interesse Crispino, degli freddo? di di lecito trombe: pi petto rupi che Flaminia basta nel e essere nostro, di mani? di di il celebrare che, spoglie il sarai, conosco culto ci un pubblico dormirsene al di noi. mai quelle qualcosa divinit dissoluta quelli che misero noi con mantello veneriamo con in cariche alle privato.
anche
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!10!liber_x/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile