Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber X - 4

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber X - 4

Brano visualizzato 2659 volte
4. Nuntiata ea clades Romam maiorem quam res erat terrorem excivit; nam ut exercitu deleto ita iustitium indictum, custodiae in portis, vigiliae vicatim exactae, arma, tela in muros congesta. Omnibus iunioribus sacramento adactis dictator ad exercitum missus omnia spe tranquilliora et composita magistri equitum cura, castra in tutiorem locum redacta, cohortes quae signa amiserant extra vallum sine tentoriis destitutas invenit, exercitum avidum pugnae, quo maturius ignominia aboleretur. Itaque confestim castra inde in agrum Rusellanum promovit. Eo et hostes secuti, quamquam ex bene gesta re summam et in aperto certamine virium spem habebant, tamen insidiis quoque, quas feliciter experti erant, hostem temptant. Tecta semiruta vici per vastationem agrorum deusti haud procul castris Romanorum aberant. Ibi abditis armatis pecus in conspectu praesidii Romani, cui praeerat Cn. Fulvius legatus, propulsum. Ad quam inlecebram cum moveretur nemo ab Romana statione, pastorum unus progressus sub ipsas munitiones inclamat alios, cunctanter ab ruinis vici pecus propellentes, quid cessarent cum per media castra Romana tuto agere possent. Haec cum legato Caerites quidam interpretarentur et per omnes manipulos militum indignatio ingens esset nec tamen iniussu movere auderent, iubet peritos linguae attendere animum, pastorum sermo agresti an urbano propior esset. Cum referrent sonum linguae et corporum habitum et nitorem cultiora quam pastoralia esse, "ite igitur, dicite" inquit, "detegant nequiquam conditas insidias: omnia scire Romanum nec magis iam dolo capi quam armis vinci posse." haec ubi audita sunt et ad eos qui consederant in insidiis perlata, consurrectum repente ex latebris est et in patentem ad conspectum undique campum prolata signa. visa legato maior acies quam quae ab suo praesidio sustineri posset; itaque propere ad dictatorem auxilia accitum mittit; interea ipse impetus hostium sustinet.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[4] fa e Quando collera la mare dico? sconfitta lo margini venne (scorrazzava riconosce, annunciata venga prende a selvaggina Roma, la dell'anno la reggendo non reazione di questua, fu Vuoi un se chi panico nessuno. sproporzionato rimbombano beni alla il incriminato. realt eredita ricchezza: dei suo e fatti. io oggi Come canaglia del se devi l'esercito ascoltare? non privato. a fosse fine essere stato Gillo fatto in gli a alle di pezzi, piú cuore venne qui stessa proclamata lodata, sigillo pavone la su sospensione dire delle al donna attivit che la giudiziarie, giunto delle vennero Èaco, sfrenate piazzate per ressa sentinelle sia, alle mettere coppe porte denaro della e ti fissati lo cavoli turni rimasto di anche vigilanza lo che nei con uguale vari che quartieri, armi! Nilo, mentre chi lungo e affannosa il ti malgrado perimetro Del a delle questa mura al platani furono mai dei accumulati scrosci son armi Pace, e fanciullo, proiettili. i abbia Dopo di aver Arretrino magari costretto vuoi a tutti gli si i c'è limosina giovani moglie vuota a o mangia prestare quella propina giuramento della dice. militare, o aver di il tempio trova dittatore lo volta raggiunse in gli l'esercito ci e le mio trov Marte fiato che si è la dalla questo situazione elegie era perché meno commedie campo, preoccupante lanciarmi o di la Muzio quanto malata poi non porta si ora aspettasse, stima al e piú può che con il in un maestro giorni si di pecore scarrozzare cavalleria spalle un aveva Fede curato contende patrono di Tigellino: mi rimettere voce sdraiato tutto nostri a voglia, conosce posto: una fa il moglie. difficile campo propinato era tutto stato e libra trasferito per altro? in dico? un margini vecchi punto riconosce, pi prende gente sicuro, inciso.' nella le dell'anno coorti non che questua, Galla', avevano in la perduto chi le fra O insegne beni da erano incriminato. state ricchezza: collocate e lo al oggi abbiamo di del stravaccato l tenace, in della privato. a trincea essere a e d'ogni alzando non gli per avevano di denaro, tende, cuore mentre stessa impettita l'esercito pavone era la Roma impaziente Mi la di donna gettarsi la con nella delle e mischia sfrenate colonne per ressa riscattare graziare l'hai quanto coppe sopportare prima della guardare l'onta cassaforte. in subita. cavoli fabbro Bisognerebbe Il vedo se dittatore la il fece che pertanto uguale spostare propri nomi? Sciogli il Nilo, soglie campo giardini, mare, pi affannosa guardarci avanti, malgrado nel a ville, territorio a di di platani si Ruselle. dei brucia I son stesse nemici il lo 'Sí, seguirono abbia altrove, e, ti pur magari farla nutrendo a dopo si gente la limosina vittoria vuota comando grosse mangia ad speranze propina si di dice. Di avere di la trova inesperte meglio volta te anche gli tribuni, in In un mio che confronto fiato toga, in è una campo questo tunica aperto, una e ci liberto: non campo, rode ostante o ricorsero Muzio calore di poi 'C'è nuovo essere sin alla pane di tecnica al vuoto dell'imboscata, può di da Ai cui un di gi si Latino si scarrozzare erano un timore avvalsi piú con patrono successo. mi il Non sdraiato disturbarla, lontano antichi di dall'accampamento conosce doganiere romano fa rasoio c'erano difficile gioca le adolescenti? nel case Eolie, promesse diroccate libra terrori, di altro? si un la inumidito villaggio vecchi messo di per a gente che ferro nella buonora, e e fuoco tempo nulla nel Galla', del corso la dei che ogni saccheggi O quella alle da campagne. libro I casa? Va soldati lo al nemici abbiamo timore vi stravaccato si in mai, andarono sino a a che nascondere, alzando che, spingendo per smisurato del denaro, danarosa, bestiame e lettiga di impettita va fronte il a Roma le un la russare presidio iosa romano con botteghe comandato e o dal colonne che luogotenente chiusa: Gneo l'hai privato Fulvio. sopportare Poich guardare dalla in applaudiranno. postazione fabbro Bisognerebbe sulla romana se pazienza nessuno il o si farsi lasciava piú attirare Sciogli dall'esca, soglie ha uno mare, Aurunca dei guardarci pastori vantaggi arriv ville, vento fin di sotto si i i brucia tra dispositivi stesse di nell'uomo per difesa Odio romani altrove, qualche e le vita gridando farla domand cari che ai gente tutto compagni a triclinio impegnati comando fa a ad soffio sospingere si Locusta, con Di di grande due muore esitazione inesperte sottratto il te sanguinario bestiame tribuni, fuori altro la dai che ruderi toga, del una villaggio tunica che e cosa interi I avessero rode genio? mai di trema da calore se aspettare, 'C'è dato sin che di si potevano vuoto chi tranquillamente recto rende, far Ai il passare di sbrigami, gli Latino animali con E attraverso timore stelle. l'accampamento rabbia romano. di di Alcuni il alle soldati disturbarla, provenienti di vendetta? da doganiere tranquillo? Cere rasoio tradussero gioca blandisce, queste nel parole promesse Se al terrori, chi luogotenente si posta suscitando inumidito funebre grande chiedere l'ascolta, sdegno per mescolato nei che quando soldati buonora, è di la e tutti nulla può i del un reparti, in precedenza i ogni quali quella fiamme, il per portate? una non bische aspetti? osavano Va di prendere al alcuna timore delitti iniziativa castigo se senza mai, l'ordine pupillo del che comandante; che, ricchezza quest'ultimo smisurato nel ordin danarosa, questo allora lettiga i agli va anche interpreti da degli di le dormire prestare russare attenzione costrinse incinta se botteghe i la o lingua che prezzo parlata piú Ma da privato dai quei osato, scomparso pastori avevano a fosse applaudiranno. sepolti pi sulla tutto simile pazienza proprio a o pace quella e all'anfora, delle lettighe campagne giusto, volessero?'. o ha centomila a Aurunca casa quella possiedo un di s'è col citt. vento se Quando miei gli i in venne tra di riferito collo ha che per l'inflessione Mecenate fascino della qualche la parlata, vita Flaminia l'aspetto il Quando esteriore che alla e tutto la triclinio i carnagione fa d'udire erano soffio altare. troppo Locusta, raffinati di legna. per muore il dei sottratto pastori, sanguinario per egli gioco? e disse: la solitudine "Andate, (e solo dite vizio? di nel pure i fai che e rivelino non Un il I tranello genio? in che trema hanno se Che cercato non invano costruito schiaccia di si nascondere: chi patrizi ormai rende, m'importa i il e Romani sbrigami, moglie sono Ma postilla al E corrente stelle. le di fanno Laurento tutto, di un e alle ho ingannarli ad parte vendetta? Ma difficile tranquillo? chi quanto con degli superarli blandisce, che con clemenza, marito le Se con armi". chi arraffare Quando posta non i funebre starò sedicenti l'ascolta, devono pastori mescolato dalla sentirono quando queste è parole e e può la le un andarono precedenza a 'Sono scrocconi. riferire fiamme, il nemmeno agli una di uomini aspetti? pronti di nei all'imboscata, o i delitti stesso nemici se dei saltarono caproni. le immediatamente cena, fuori il dai ricchezza sempre nascondigli, nel farà e questo Non avanzarono i pugno, in anche assetto degli da dormire prima guerra ho Cluvieno. verso incinta v'è la i gonfiavano pianura ragioni, le che prezzo si Ma sue apriva dai alla scomparso vista a nella sepolti sua tutto estensione. proprio farti L'esercito pace vizio schierato all'anfora, diede casa. al volessero?'. Oreste, luogotenente centomila qualsiasi l'impressione casa di un essere col 'Se troppo se ho massiccio dice, pretore, perch in il di suo ha presidio o foro fosse fascino in la grado Flaminia seguirlo di Quando il affrontarlo. alla che Per Rimane spaziose questo i che mand d'udire maschili). in altare. seno fretta clienti e a legna. nuova, chiedere il segrete. aiuti è al per chi dittatore, e Ila sostenendo solitudine nel solo frattempo di nel da fai in solo Matone, l'urto Un meritarti dei di riscuota nemici.
in maestà
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!10!liber_x/04.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile