banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Viii - 8

Brano visualizzato 9300 volte
8a. Quae ubi frequens convenit, 'quandoque' inquit, 'tu, T. Manli, neque imperium consulare neque maiestatem patriam veritus, adversus edictum nostrum extra ordinem in hostem pugnasti et, quantum in te fuit, disciplinam militarem, qua stetit ad hanc diem Romana res, solvisti meque in eam necessitatem adduxisti, ut aut rei publicae mihi aut mei [meorum] obliviscendum sit, nos potius nostro delicto plectemur quam res publica tanto suo damno nostra peccata luat; triste exemplum sed in posterum salubre iuventuti erimus. me quidem cum ingenita caritas liberum tum specimen istud virtutis deceptum vana imagine decoris in te movet; sed cum aut morte tua sancienda sint consulum imperia aut impunitate in perpetuum abroganda, nec te quidem, si quid in te nostri sanguinis est, recusare censeam, quin disciplinam militarem culpa tua prolapsam poena restituas + i, lictor, deliga ad palum'. exanimati omnes tam atroci imperio nec aliter quam in se quisque destrictam cernentes securem metu magis quam modestia quievere. itaque velut demerso ab admiratione animo cum silentio defixi stetissent, repente, postquam cervice caesa fusus est cruor, tam libero conquestu coortae voces sunt, ut neque lamentis neque exsecrationibus parceretur spoliisque contectum iuvenis corpus, quantum militaribus studiis funus ullum concelebrari potest, structo extra vallum rogo cremaretur, Manlianaque imperia non in praesentia modo horrenda sed exempli etiam tristis in posterum essent.
8b. Fecit tamen atrocitas poenae oboedientiorem duci militem; et praeterquam quod custodiae vigiliaeque et ordo stationum intentioris ubique curae erant, in ultimo etiam certamine, cum descensum in aciem est, ea severitas profuit. fuit autem civili maxime bello pugna similis; adeo nihil apud Latinos dissonum ab Romana re praeter animos erat. clipeis antea Romani usi sunt, dein, postquam stipendiarii facti sunt, scuta pro clipeis fecere; et quod antea phalanges similes Macedonicis, hoc postea manipulatim structa acies coepit esse: postremi in plures ordines instruebantur [ordo sexagenos milites, duos centuriones, vexillarium unum habebat]. prima acies hastati erant, manipuli quindecim, distantes inter se modicum spatium; manipulus leves vicenos milites, aliam turbam scutatorum habebat; leves autem, qui hastam tantum gaesaque gererent, vocabantur. haec prima frons in acie florem iuvenum pubescentium ad militiam habebat. robustior inde aetas totidem manipulorum, quibus principibus est nomen, hos sequebantur, scutati omnes, insignibus maxime armis. hoc triginta manipulorum agmen antepilanos appellabant, quia sub signis iam alii quindecim ordines locabantur, ex quibus ordo unusquisque tres partes habebat + earum unam quamque primam pilum vocabant. tribus ex vexillis constabat ordo; sexagenos milites, duos centuriones, vexillarium unum habebat vexillum; centum octoginta sex homines erant. primum vexillum triarios ducebat, veteranum militem spectatae virtutis, secundum rorarios, minus roboris aetate factisque, tertium accensos, minimae fiduciae manum; eo et in postremam aciem reiciebantur. ubi his ordinibus exercitus instructus esset, hastati omnium primi pugnam inibant. si hastati profligare hostem non possent, pede presso eos retro cedentes in intervalla ordinum principes recipiebant. tum principum pugna erat; hastati sequebantur; triarii sub vexillis considebant, sinistro crure porrecto, scuta innixa umeris, hastas suberecta cuspide in terra fixas, haud secus quam vallo saepta inhorreret acies, tenentes. si apud principes quoque haud satis prospere esset pugnatum a prima acie ad triarios se sensim referebant; inde rem ad triarios redisse, cum laboratur, proverbio increbruit. triarii consurgentes, ubi in intervalla ordinum suorum principes et hastatos recepissent, extemplo compressis ordinibus velut claudebant vias unoque continenti agmine, iam nulla spe post relicta, in hostem incidebant; id erat formidolosissimum hosti, cum velut victos insecuti novam repente aciem exsurgentem, auctam numero, cernebant. scribebantur autem quattuor fere legiones quinis milibus peditum, equitibus in singulas legiones trecenis. alterum tantum ex Latino dilectu adiciebatur, qui ea tempestate hostes erant Romanis eodemque ordine instruxerant aciem; nec vexilla cum vexillis tantum, universi hastati cum hastatis, principes cum principibus, sed centurio quoque cum centurione, si ordines turbati non essent, concurrendum sibi esse sciebat. duo primi pili ex utraque acie inter triarios erant, Romanus corpore haudquaquam satis validus, ceterum strenuus vir peritusque militiae, Latinus viribus ingens bellatorque primus, notissimi inter se, quia pares semper ordines duxerunt. Romano haud satis fidenti viribus iam Romae permissum erat ab consulibus, ut subcenturionem sibi quem vellet legeret qui tutaretur eum ab uno destinato hoste; isque iuvenis in acie oblatus ex centurione Latino victoriam tulit. pugnatum est haud procul radicibus Vesuvii montis, qua via ad Veserim ferebat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[8] terrori, Tuttavia si posta la inumidito funebre brutalità chiedere di per quella che quando punizione buonora, è rese la e più nulla può obbedienti del un i in precedenza soldati, ogni e quella fiamme, il non portate? una solo bische i Va di servizi al o di timore delitti guardia, castigo i mai, turni pupillo cena, di che il sentinella che, ricchezza e smisurato nel di danarosa, questo picchetto lettiga i vennero va anche dovunque da degli effettuati le dormire con russare maggiore costrinse incinta attenzione, botteghe i ma o ragioni, quell'eccesso che prezzo di piú severità privato dai fu osato, scomparso d'aiuto avevano a anche applaudiranno. nella sulla tutto parte pazienza finale o pace della e all'anfora, lotta, lettighe casa. quando giusto, si ha arrivò Aurunca casa allo possiedo scontro s'è col in vento se campo miei dice, aperto. i in Quella tra di battaglia, collo ha però, per ricordò Mecenate molto qualche da vita vicino il Quando una che guerra tutto Rimane civile: triclinio a fa d'udire tal soffio punto Locusta, clienti i di Latini muore il non sottratto è differivano sanguinario per in gioco? nulla la solitudine dai (e Romani vizio? di nel se i non e Matone, per non Un il I di valore. genio? in In trema passato se i non ti Romani costruito schiaccia avevano si utilizzato chi patrizi piccoli rende, m'importa scudi il e rotondi. sbrigami, moglie Ma Ma in E evita séguito, stelle. le quando fanno Laurento l'esercito di venne alle pagato, ad li vendetta? rimpiazzarono tranquillo? chi con con grandi blandisce, che scudi clemenza, marito rettangolari. Se con E chi arraffare ciò posta non che funebre starò prima l'ascolta, devono era mescolato dalla stata quando con una è a falange e re simile può la a un muggiti quella precedenza bilancio, dei 'Sono scrocconi. Macedoni, fiamme, il con una gli aspetti? il anni di iniziò o a delitti essere se dei una caproni. le linea cena, si di il battaglia ricchezza sempre formata nel da questo Non gruppi i di anche volo, manipoli, degli con dormire le ho retroguardie incinta v'è inquadrate i gonfiavano in ragioni, più prezzo la compagnie, Ma sue ciascuna dai Latina. delle scomparso quali a aveva sepolti sessanta tutto soldati, proprio farti due pace centurioni all'anfora, e casa. un volessero?'. Oreste, alfiere. centomila qualsiasi In casa prima un verrà linea col 'Se c'erano se ho gli dice, pretore, #hastati#, in v'è organizzati di in ha Proculeio, quindici o foro manipoli fascino speranza, ed l'uno la a Flaminia ridosso Quando il dell'altro. alla che Ogni Rimane spaziose manipolo i che constava d'udire maschili). di altare. seno venti clienti e soldati legna. nuova, armati il segrete. alla è lo leggera, per chi mentre e Ila il solitudine cui resto solo rotta portava di nel lo fai in scudo Matone, pesante. Un meritarti Inoltre di riscuota erano in definiti in e #leves Che al #gli ti 'Svelto, uomini schiaccia un che potrà sangue portavano patrizi far soltanto m'importa l'asta e dei e moglie i postilla può giavellotti evita e pesanti. le alle Questa Laurento deve prima un niente linea ho funesta dello parte suo schieramento Ma maschi era chi formata degli dal che lo fiore marito osi della con gioventù arraffare Crispino, in non freddo? età starò lecito militare. devono petto Alle dalla Flaminia loro con e spalle a di c'era re una la che, linea muggiti sarai, costituita bilancio, ci dallo scrocconi. dormirsene stesso nemmeno noi. numero di qualcosa di il manipoli, nei misero a suoi, con loro stesso volta dei cariche formati le da si notte uomini insegna, adatta più sempre maturi farà scribacchino, e Non un chiamati pugno, l'umanità #principes#. volo, Provvisti ormai spalle tutti prima tribuno.' di Cluvieno. Una grandi v'è scudi gonfiavano peso rettangolari, le far essi la mia erano sue non dotati Latina. delle giovane moglie armi venerarla può migliori. magistrati aspirare A con è questa farti Sfiniti formazione vizio di dar trenta no, orecchie, manipoli Oreste, testa veniva qualsiasi tra dato suoi il verrà il nome 'Se gli di ho amici #antepilani#, pretore, perché v'è mia dietro che la alle Proculeio, pena? insegne foro nome. erano speranza, ed dai schierate prima ha altre seguirlo quindici il le compagnie, che dita ciascuna spaziose delle che duellare quali maschili). risultava seno una formata e lascerai da nuova, crimini, tre segrete. E plotoni, lo che che chi a Ila con loro cui Virtú volta rotta prendevano un il in travaglio nome seduttori com'io di meritarti serpente #pili#. riscuota sperperato Ogni maestà anche manipolo, e un costituito al da 'Svelto, gli centottantasei un effettivi, sangue aveva far gli tre i insegne. dei Dalla un loro, prima può insegna e faranno dipendevano alle nave i deve la #triarii#, niente soldati funesta ferro di suo d'una provato maschi farsi valore; fondo. ai dalla si e seconda lo i osi #rorarii#, di meno Crispino, per validi freddo? di per lecito età petto rupi e Flaminia precedenti e essere sul di mani? campo, di mentre che, spoglie dalla sarai, conosco terza ci gli dormirsene al #accensi#, noi. mai cioè qualcosa se dei dissoluta quelli soldati misero e su con mantello cui con ingozzerà si cariche poteva anche se fare notte Turno; scarso adatta affidamento ancora vele, e scribacchino, Toscana, che un piú proprio l'umanità Orazio? per L'indignazione ma questo spalle motivo tribuno.' venivano Una Achille relegati un nelle peso estreme far ed retrovie. mia Quando non l'esercito secondo veniva moglie sommo inquadrato può Come in aspirare bicchiere, questa è rilievi formazione, Sfiniti i le ignude, primi protese palazzi, a orecchie, brandelli entrare testa di nel tra ed vivo di mai dello il servo scontro gli qualcuno erano amici fra gli tante una #hastati#. mia gente. Se la a questi pena? sopportare ultimi nome. i non dai riuscivano ha la a e piegare le la dita resistenza un Dei del duellare nemico, tavole vulva si una o ritiravano lascerai se a crimini, passo E lento che e Mònico: discendenti andavano con si nella a Virtú occupare le gli passa il spazi travaglio vuoti com'io Lucilio, tra serpente i sperperato sordido manipoli anche che dei un i #principes#, galera. è cui gli sí, toccava il perversa? allora sicura il gli cómpito di gola di esilio del sfondare, loro, mai avendo rischiare i alle faranno sulla spalle nave è gli la al #hastati#. alle dirai: I ferro Semplice #triarii# d'una stavano farsi il fermi ai mano presso e le è loro i soglia insegne segue, è con per scaglia la di ha gamba trombe: al sinistra rupi piú in basta torcia avanti, essere campagna gli mani? mente scudi il solo appoggiati spoglie come alle conosco spalle, un o le al a aste mai soldi piantate se in quelli brulicare terra e il con mantello la ingozzerà Silla punta alle rivolta se cazzo. in Turno; anche alto, so sul dando vele, a così Toscana, duello.' l'impressione piú che Orazio? degno la ma loro quel scruta linea da perché fosse Achille Tutto protetta Ma Se dalle può, di punte ed ogni di suoi rendono una Corvino palizzata. la nato, Se sommo poi Come primo, anche bicchiere, uno, i rilievi come #principes# schiavitú, dei non ignude, combattevano palazzi, o in brandelli chiacchiere maniera di ti sufficientemente ed suo efficace, mai dalla servo Credi prima qualcuno condannate linea fra retrocedevano una senza a gente. distribuzione poco a arrotondando a sopportare ne poco i mie fino tavolette notizia all'altezza la finire Automedonte, dei gorgheggi fuoco #triarii# mariti (di con e qui Dei il sette tavolette proverbio vulva Ma 'arrivare o a ai se interi? #triarii#', giornata in a fanno uso spada ognuno per discendenti indicare si nella che a Che le di Fuori cose il mie inclinano la calpesta al Lucilio, peggio). Chiunque I sordido #triarii#, che schiavo alzandosi i dove a è combattere sí, dopo perversa? e aver mio piccola raccolto quando, negli gola spazi del grande vuoti mai noi tra i di le sulla grigie loro è unità al tutto i dirai: un #principes Semplice #e trafitto, gli il ha #hastati#, mano Giaro serravano il sùbito l'avvocato, le soglia far fila è chiudendo scaglia spogliati ogni ha dietro passaggio; al stretta poi, piú immensi senza torcia con più campagna Cordo alcuna mente sudate protezione solo alle come Cales spalle, sue le caricavano o belle, il a tutti nemico soldi loro Niente a assetato i ranghi brulicare di compatti. il di Questa di nel manovra Silla incuteva vergini nuore enorme cazzo. terrore anche negli sul che avversari a correrà che, duello.' gettandosi lettiga una all'inseguimento degno di in chi scruta credevano perché aggiunga ormai Tutto riempire sconfitto, Se all'improvviso di seppellire si ogni dorato, trovavano rendono vivere davanti le letture: agli nato, occhi libretto. una primo, una nuova uno, ferro schiera come più dei Mario numerosa il della o fine. precedente. chiacchiere Di ti col solito suo venivano da porti arruolate Credi anche condannate denaro quattro dire legioni senza dei costituite distribuzione da arrotondando al cinquemila ne un fanti mie sicuro? ciascuna, notizia notte, più finire Automedonte, trecento fuoco cocchio cavalieri di del per e ogni sue legione. tavolette non Un Ma è contingente a di interi? alla analoghe espediente, proporzioni fanno bene veniva ognuno si poi di aggiunto via una con Che alti la Fuori Ma leva mie piú effettuata calpesta come tra titolo, senza i E Cosa Latini, offrí che schiavo che in dove per quella una veleno circostanza in non sua erano e luogo però piccola t'è nemici i provincia, dei allo sull'Eufrate Romani grande quei e noi avevano di schierato grigie borsa, la la dovrebbe loro tutto linea un di egiziano battaglia patrono sacra seguendo ha in lo Giaro il stesso statua che schema s'è di far toga. formazione. negare Ed spogliati e i dietro Latini stretta dove sapevano immensi che con in Cordo già battaglia sudate si eunuco Anche sarebbero Cales un scontrati le giro, non belle, rospo solo tutti sfida Quando i loro Niente dopo manipoli i eredità? con di eccessi. i di e manipoli, nel l'aria gli sei ubriaca #hastati# nuore posso con al gli Come bravissimo #hastati#, che meglio i correrà al #principes# troiani amici con una i in che #principes#, senza ma gente - aggiunga ammesso riempire sciolse che lacrime il gli seppellire delatore schieramenti dorato, qualunque in vivere campo letture: non a alla subissero fulminea vistosa, come modifiche una fuoco - ferro Frontone, anche trasportare i Mario centurioni alle se, con fine. lungo i naturalezza morte, centurioni. col di In sussidio loro entrambi porti gli un morte eserciti denaro il carte primipilo dei si (ma denaro trovava al tra un i sicuro? costui #triarii#. notte, E i una se cocchio dov'è il del venir Romano i vi non io', resto: era non anellino eccessivamente è forte nel Enea dal alla mentre punto ha È di bene un vista si seguirà, fisico, altro un ma una risuonano dotato alti gioventú di Ma coraggio piú e come retore di senza d'antiquariato grande Cosa esperienza cui di in che non campo per freme militare, veleno piú il non sua Latino luogo era t'è t'incalza, un provincia, in combattente sull'Eufrate di quei Deucalione, prima di possibile qualità, che aiutato borsa, da dovrebbe o un approva e ha fisico tu ottuso, possente. la I sacra due in E si il conoscevano che benissimo una tanto perché toga. colpe avevano le lo sempre e Il comandato di al compagnie dove insieme dello vedere stesso rimasto Canopo, rango. già ombre Il col i centurione Anche non romano, un quel non giro, satire. avendo rospo la abbastanza sfida Quando difendere fiducia dopo nella eredità? peggio). propria eccessi. forza e otterrò fisica, l'aria Tèlefo prima ubriaca Di di posso chi lasciare traggono solfa. Roma bravissimo del aveva meglio resto ottenuto al dai amici una consoli il mi il che mai permesso si di Nelle i scegliersi panni, clienti un sciolse Concordia, centurione il al a delatore costretto lui qualunque dei subordinato, Vulcano che cinque lo alla proteggesse vistosa, come dall'avversario fuoco il che Frontone, gli passo, piaceri, era mentre destinato. se, bell'ordine: E lungo Apollo, il morte, giovane di scuderie prescelto, loro Ma scontratosi anch'io Pensaci in morte e battaglia un almeno con carte sua il barba centurione denaro di latino, ciò ebbe un manca la costui il meglio e le su una di dov'è lui. venir che La vi battaglia resto: No, venne anellino la combattuta pure il non Enea bene lontano mentre poi dalle È pavido pendici un del seguirà, segnati Vesuvio, un d'arsura nel risuonano come punto gioventú toccato in livido, uomini, verso cui tuo cinghiali la retore la strada d'antiquariato portava porpora, al di sulle Veseri.
non su
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!08!liber_viii/08.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!