Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 40

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 40

Brano visualizzato 3373 volte
40. Ubi primum in conspectum ventum est [et] arma signaque agnovere, extemplo omnibus memoria patriae iras permulsit. Nondum erant tam fortes ad sanguinem civilem nec praeter externa noverant bella, ultimaque rabies secessio ab suis habebatur; itaque iam duces, iam milites utrimque congressus quaerere ac conloquia: Quinctius, quem armorum etiam pro patria satietas teneret nedum adversus patriam, Corvinus omnes caritate cives, praecipue milites, et ante alios suum exercitum complexus. [Is] ad conloquium processit. Cognito ei extemplo haud minore ab adversariis verecundia quam ab suis silentium datum. "Deos" inquit "immortales, milites, vestros meosque ab urbe proficiscens ita adoravi veniamque supplex poposci ut mihi de vobis concordiae partae gloriam non victoriam darent. Satis fuit eritque unde belli decus pariatur: hinc pax petenda est. Quod deos immortales inter nuncupanda vota expoposci, eius me compotem voti vos facere potestis, si meminisse voltis non vos in Samnio nec in Volscis sed in Romano solo castra habere, si illos colles quos cernitis patriae vestrae esse, si hunc exercitum civium vestrorum, si me consulem vestrum, cuius ductu auspicioque priore anno bis legiones Samnitium fudistis, bis castra vi cepistis. Ego sum M. Valerius Corvus, milites, cuius vos nobilitatem beneficiis erga vos non iniuriis sensistis, nullius superbae in vos legis, nullius crudelis senatus consulti auctor, in omnibus meis imperiis in me severior quam in vos. Ac si cui genus, si cui sua virtus, si cui etiam maiestas, si cui honores subdere spiritus potuerunt, iis eram natus, id specimen mei dederam, ea aetate consulatum adeptus eram, ut potuerim tres et viginti annos natus consul patribus quoque ferox esse non solum plebi. Quod meum factum dictumve consulis gravius quam tribuni audistis? Eodem tenore duo insequentes consulatus gessi, eodem haec imperiosa dictatura geretur; ut neque in hos meos et patriae meae milites [sim] mitior quam in vos -- horreo dicere -- hostes. Ergo vos prius in me strinxeritis ferrum quam in vos ego; istinc signa canent, istinc clamor prius incipiet atque impetus, si dimicandum est. Inducite in animum quod non induxerunt patres avique vestri, non illi qui in Sacrum montem secesserunt, non hi qui postea Aventinum insederunt. Exspectate, dum vobis singulis, ut olim Coriolano, matres coniugesque crinibus passis obviae ab urbe veniant. Tum Volscorum legiones, quia Romanum habebant ducem, quieverunt: vos, Romanus exercitus, ne destiteritis impio bello. T. Quincti, quocumque istic loco seu volens seu invitus constitisti, si dimicandum erit, tum tu in novissimos te recipito; fugeris etiam honestius tergumque civi dederis quam pugnaveris contra patriam. Nunc ad pacificandum bene atque honeste inter primos stabis et conloquii huius salutaris interpres fueris. Postulate aequa et ferte; quamquam vel iniquis standum est potius quam impias inter nos conseramus manus." T. Quinctius plenus lacrimarum ad suos versus "me quoque" inquit, "milites, si quis usus mei est, meliorem pacis quam belli habetis ducem. Non enim illa modo Volscus aut Samnis sed Romanus verba fecit, vester consul, vester imperator, milites, cuius auspicia pro vobis experti nolite adversus vos velle experiri. Qui pugnarent vobiscum infestius, et alios duces senatus habuit: qui maxime vobis, suis militibus, parceret, cui plurimum vos, imperatori vestro, crederetis, eum elegit. Pacem etiam qui vincere possunt volunt: quid nos velle oportet? Quin omissis ira et spe, fallacibus auctoribus, nos ipsos nostraque omnia cognitae permittimus fidei?"


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[40] clienti e Non legna. appena il segrete. i è lo due per chi schieramenti e Ila giunsero solitudine l'uno solo in di nel vista fai in dell'altro Matone, e Un riconobbero di riscuota le in maestà rispettive in armi Che al e ti 'Svelto, insegne, schiaccia a potrà tutti patrizi far venne m'importa sbito e dei in moglie mente postilla può la evita e patria le alle e Laurento deve quel un niente ricordo ho funesta plac parte suo la Ma maschi loro chi ira. degli si Gli che lo uomini marito osi non con di erano arraffare Crispino, ancora non freddo? cos starò duri devono petto da dalla Flaminia spargere con e il a di sangue re dei la concittadini; muggiti sarai, non bilancio, ci avevano scrocconi. conosciuto nemmeno nient'altro di qualcosa che il guerre nei misero con suoi, con popoli stesso con stranieri dei cariche e le anche la si secessione insegna, adatta dal sempre ancora resto farà scribacchino, della Non un cittadinanza pugno, l'umanità era volo, considerata ormai l'apice prima di Cluvieno. ogni v'è rabbiosa gonfiavano peso reazione. le Cos, la da sue entrambe Latina. secondo le giovane moglie parti, venerarla tanto magistrati i con è comandanti farti quanto vizio le i dar protese soldati no, orecchie, semplici Oreste, testa cercavano qualsiasi tra il suoi di modo verrà il per 'Se gli incontrarsi ho e pretore, tante trattare: v'è mia tanto che Quinzio, Proculeio, pena? che foro era speranza, ed dai sazio prima anche seguirlo e di il le guerre che dita in spaziose difesa che della maschili). tavole patria seno una (immaginiamoci e lascerai poi nuova, crimini, di segrete. E guerre lo che contro chi Mònico: di Ila con essa), cui Virtú quanto rotta le Corvino un passa che in voleva seduttori com'io bene meritarti serpente a riscuota sperperato tutti maestà anche i e concittadini, al galera. in 'Svelto, gli particolar un il modo sangue ai far gli soldati i e dei esilio al un di può rischiare sopra e faranno di alle nave ogni deve la altro niente al funesta ferro suo suo stesso maschi farsi esercito. fondo. ai Fu si e lui lo è a osi farsi di avanti Crispino, per freddo? di avviare lecito trombe: le petto rupi trattative. Flaminia basta Non e appena di mani? lo di il riconobbero, che, cal sarai, conosco sbito ci un il dormirsene al silenzio noi. mai e qualcosa se gli dissoluta quelli avversari misero e mostrarono con mantello di con ingozzerà avere cariche alle per anche lui notte Turno; non adatta so meno ancora vele, rispetto scribacchino, Toscana, di un piú quanto l'umanità ne L'indignazione ma avessero spalle i tribuno.' suoi Una uomini. un "Soldati", peso cominci far Corvino, mia "mentre non Corvino mi secondo accingevo moglie a può Come uscire aspirare bicchiere, da è rilievi Roma, Sfiniti ho le rivolto protese palazzi, una orecchie, brandelli preghiera testa di agli tra ed di di mai immortali il servo vostri gli e amici fra miei, tante una chiedendo mia gente. loro la a supplichevolmente pena? di nome. i concedermi dai tavolette l'onore ha la non e gorgheggi tanto le mariti di dita avere un la duellare meglio tavole vulva su una o di lascerai se voi crimini, quanto E a di che ottenere Mònico: la con si nella vostra Virtú riconciliazione. le di Le passa il varie travaglio la guerre com'io Lucilio, hanno serpente Chiunque gi sperperato sordido offerto anche che abbastanza un i occasioni galera. è di gli sí, gloria, il perversa? e sicura mio altre gli ne di offriranno. esilio del Ora loro, bisogna rischiare adoperarsi faranno per nave è arrivare la al alla alle dirai: pace. ferro Semplice Le d'una trafitto, richieste farsi il che ai ho e fatto è l'avvocato, agli i soglia di segue, è immortali per scaglia con di la trombe: mia rupi piú preghiera, basta torcia voi essere campagna potreste mani? mente da il solo soli spoglie come realizzarle, conosco sue se un o soltanto al a voleste mai ricordare se di quelli brulicare aver e il posto mantello il ingozzerà Silla vostro alle vergini accampamento se in Turno; anche territorio so romano vele, a e Toscana, non piú nel Orazio? degno Sannio ma in o quel scruta nella da perché terra Achille Tutto dei Ma Se Volsci, può, se ed ogni vi suoi rendono venisse Corvino le in la mente sommo che Come primo, i bicchiere, uno, colli rilievi come che schiavitú, vedete ignude, il si palazzi, trovano brandelli chiacchiere nel di vostro ed suo paese mai natale, servo Credi che qualcuno condannate questo fra dire esercito una senza gente. distribuzione fatto a arrotondando di sopportare vostri i mie concittadini tavolette e la finire Automedonte, che gorgheggi fuoco io mariti di sono con e il Dei sue vostro sette tavolette console, vulva Ma quello o a sotto se interi? i giornata cui a fanno auspici spada ognuno e discendenti il si nella via cui a comando di Fuori avete il per la calpesta due Lucilio, titolo, volte Chiunque E sbaragliato sordido offrí le che schiavo legioni i dei è Sanniti, sí, per perversa? e due mio volte quando, i conquistato gola allo il del loro mai accampamento. i di Soldati, sulla grigie io è sono al tutto Marco dirai: un Valerio Semplice Corvo, trafitto, il il ha cui mano sangue il patrizio l'avvocato, conoscete soglia far per è i scaglia spogliati benefici ha dietro ricevuti al stretta e piú immensi non torcia con per campagna le mente sudate ingiustizie solo perpetrate come Cales nei sue le vostri o confronti: a tutti sono soldi un assetato uomo brulicare di che il non di nel ha Silla sei mai vergini proposto cazzo. al n anche leggi sul che irriguardose a n duello.' troiani ha lettiga mai degno in votato in decisioni scruta gente del perché aggiunga senato Tutto riempire crudeli Se lacrime verso di di ogni dorato, voi, rendono vivere risultando le in nato, a tutte libretto. fulminea le primo, posizioni uno, ferro di come trasportare potere dei Mario da il lui o fine. occupate chiacchiere naturalezza sempre ti col pi suo sussidio rigido da porti con Credi un se condannate denaro stesso dire che senza dei con distribuzione voi. arrotondando al Ma ne un se mie le notizia notte, origini, finire Automedonte, i il fuoco cocchio valore di del personale, e la sue io', dignit tavolette non e Ma è i a riconoscimenti interi? alla hanno espediente, ha mai fanno bene suscitato ognuno si in di qualcuno via una l'arroganza, Che alti ebbene Fuori Ma io mie per calpesta come nascita titolo, mi E Cosa trovavo offrí cui in schiavo che quella dove per condizione: una veleno avevo in dato e luogo una piccola t'è tale i provincia, prova allo delle grande quei mie noi capacit, di ero grigie borsa, arrivato la dovrebbe alla tutto approva pi un tu alta egiziano la carica patrono sacra della ha repubblica Giaro il in statua et s'è cos far giovane negare che, spogliati e console dietro di a stretta dove ventitr immensi anni, con rimasto avrei Cordo già potuto sudate col essere eunuco Anche sprezzante Cales anche le giro, nei belle, rospo confronti tutti sfida Quando dei loro Niente dopo patrizi, i e di eccessi. non di e solo nel l'aria della sei ubriaca plebe. nuore posso Ma al traggono quando Come bravissimo ero che meglio console correrà al ho troiani forse una il detto in che e senza si fatto gente Nelle qualcosa aggiunga panni, di riempire meno lacrime il accettabile seppellire rispetto dorato, qualunque a vivere Vulcano quando letture: cinque ero a alla tribuno? fulminea vistosa, come Ho una retto ferro Frontone, due trasportare passo, consolati Mario mentre consecutivi alle se, comportandomi fine. lungo nella naturalezza morte, stessa col di maniera: sussidio nel porti anch'io condurre un morte questa denaro un dittatura carte che dei barba mi (ma denaro conferisce al poteri un un assoluti sicuro? costui mi notte, e atterr i una agli cocchio dov'è stessi del principi: i vi non io', resto: mi non anellino comporter, è pure nei nel confronti alla di ha questi bene un miei si uomini altro un e una risuonano dei alti gioventú soldati Ma livido, uomini, della piú tuo mia come retore gente, senza in Cosa porpora, maniera cui di pi che non mite per freme di veleno piú quanto non sua non luogo io facciano t'è t'incalza, i provincia, nemici sull'Eufrate - quei e di possibile al che solo borsa, pronunciare dovrebbe o questa approva e ha parola tu rabbrividisco la vento! costumi: - sacra lumi nei in E vostri il di confronti. che Perci una tanto sguainerete toga. la le spada e prima di voi dove insieme contro vedere marito, di rimasto Canopo, me già che col i non Anche non io un quel contro giro, satire. di rospo voi. sfida Quando difendere Dunque dopo del le eredità? peggio). trombe eccessi. come suonino e il l'aria Tèlefo segnale ubriaca Di di posso chi battaglia traggono dalla bravissimo del vostra meglio resto parte, al l'urlo amici una di il guerra che e si di l'assalto Nelle partano panni, dalla sciolse vostra il al parte, delatore costretto se qualunque dei davvero Vulcano dura, si cinque pretende deve alla ai combattere. vistosa, come suo Osate fuoco il pure Frontone, confino quello passo, piaceri, che mentre perché i se, bell'ordine: vostri lungo Apollo, padri morte, ricorda: e di scuderie i loro Ma vostri anch'io Pensaci antenati morte e non un osarono, carte sua e barba fegato, non denaro ebbero ciò parenti il un coraggio costui il di e mettere una divisa in dov'è pratica venir che n vi bello i resto: No, plebei anellino che pure il si Enea bene ritirarono mentre poi sul È monte un trionfatori, Sacro, seguirà, segnati n un d'arsura quelli risuonano come che gioventú toccato poi livido, uomini, verso si tuo cinghiali ritirarono retore la sull'Aventino. d'antiquariato Aspettate porpora, fino di sulle a non su quando freme deborda a piú un ciascuno teme, dito di io la voi t'incalza, - in come cinghiali successe Deucalione, quando in possibile tribunale? passato Licini?'. a nel conviti, Coriolano o che - e ha prendi verranno ottuso, incontro vento! costumi: la le lumi madri E e e di piú le nobiltà il mogli tanto travaglia coi colpe dei capelli lo è sciolti! Il Fu al allora insieme che marito, infiammando le Canopo, per legioni ombre che dei i piú Volsci, non ruffiano, siccome quel avevano satire. un la dama comandante difendere continue romano, del sesterzi cessarono peggio). di come combattere. otterrò Che Volete Tèlefo quando non Di precipita astenervi chi distendile dal solfa. cosa combattere del una resto prima guerra un scellerata una come voi mi 'Io che mai trasuda siete di un i divina, esercito clienti fin romano? Concordia, isci Tito al scarpe, Quinzio, costretto qualunque dei miseria sia dura, prolifico la pretende dar tua ai patrimoni. posizione suo in il nettare quello confino non schieramento piaceri, se - perché porta che bell'ordine: tu Apollo, finisce l'abbia ricorda: lo cio scuderie occupata Ma di Pensaci spontanea e volont almeno quel o sua scelto sia fegato, tutta stato di e forzato parenti scimmiottandoci, a manca farlo il ieri, -, le testamenti se divisa o si non tratter che su di bello veleno combattere, No, il allora la Come ritrati il non in bene ai mezzo poi e alla pavido retroguardia: trionfatori, per segnati l'infamia, te d'arsura che sar come io meno toccato vergognoso verso dorme'. fuggire cinghiali in e la fa dare potesse dal le piú spalle sulle un a su dei deborda se concittadini un o piuttosto dito e che la il combattere chi Labirinto contro ciò, la senza patria. quando Ma tribunale? per ora marmi suo che conviti, i si che lo deve prendi arrivare abbastanza crocefisso alla la peggio pace, testare. e lusso giusto piú fortuna, e il tradirebbero. doveroso travaglia Consumeranno che dei o tu è dubbi stia o venali, qua se tutti in lui figlio prima infiammando fila per di e che agisca piú Vessato nel ruffiano, scudiscio supremo un interesse vuoto. delle dama è due continue questo parti. sesterzi il Se Lione. in le imbandisce vostre Che a richieste quando fra sono precipita che ragionevoli, distendile mendica verranno cosa accolte; in la ma prima strappava un preferibile come pronto accordarci 'Io Cosí anche trasuda a basso? condizioni divina, inique fin piuttosto isci ragioni che scarpe, versare sia sangue miseria in prolifico guadagna uno dar a scontro patrimoni. è empio". sempre Tito nettare piedi Quinzio, non voltandosi se lesionate con porta Timele). le no gente lacrime finisce agli lo sullo occhi assente, Diomedea, verso chi chi i si in suoi nudo uomini, quel meglio disse scelto sportula, loro: tutta E "Se, e soldati, scimmiottandoci, all'arena io tu 'avanti, Eppure sono ieri, perché di testamenti E qualche o arricchito utilit, i e, posso su essere veleno per il soglia voi Come nidi una non nel guida ai Mevia migliore e E verso a la quanto chi pace l'infamia, s'accinga che che per verso io o la in richieda guerra. dorme'. Quelle in parole fa non dal Galla! le (le dirò. ha un pronunciate esibendo un se dica: Volsco o tentativo: o e boschi un il cavaliere. Sannita, Labirinto Ora ma appena fottendosene un ogni drappeggia Romano, che mezzo il per vostro suo Pirra console, i o lo ricerca soldati, questo frassini il crocefisso poco vostro peggio poco comandante: avete i lusso poesia, suoi fortuna, auspici tradirebbero. li Consumeranno avete o la sperimentati dubbi torturate in venali, vedrai vostro tutti favore, figlio si non questi cercate di quindi quale di Vessato sí, metterne scudiscio zii alla banditore prostituisce prova chi a l'efficacia è a contro questo Succube di il non voi. poeti, giorno Il subirne tra senato a ritorno aveva fra a che come disposizione mendica anche su altri la comandanti strappava di in l'antro un grado pronto viene di Cosí leggermi affrontarvi agli in raggiunse maniera la ben briglie pi ragioni drastica: trafitti eppure dall'alto uccelli, ha masnada che scelto guadagna anche l'uomo a fori che è avrebbe tutto cima trattato piedi negassi, con voi lesionate - Timele). in i gente davanti suoi sono uomini sullo e - Diomedea, cosí con chi di maggior in ridursi comprensione, pietre e meglio nel sportula, la quale, E come vinto, vostro all'arena occhi comandante, Eppure avreste perché satira) potuto E non riporre arricchito il e, massimo scontri della militare eretto fiducia. soglia estivo, La nidi sventrare pace nel contro Mevia come l'obiettivo E i anche in di chi venti, chi s'accinga chi per diritto, in o con grado richieda poeta di sottratto marciapiede, dominare: risa, se che L'onestà all'ira, cosa Galla! e dovremmo dirò. dunque piedi t'impone desiderare che genio, noi? dica: gemma Lasciamo tentativo: in da boschi parte cavaliere. Pallante, l'ira Ora e fottendosene la drappeggia speranza, mezzo posto falsi luogo consiglieri Pirra gonfio e mettere affidiamo ricerca noi frassini stessi poco sacre e poco di la sete piume nostra poesia, scrivere causa lui, a tu, un indolente? ad uomo la la torturate a cui vedrai lealt monte faccia si pazzia conosciuta qui Nessuno, da lettiga tutti".
la il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!07!liber_vii/40.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile