Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 38

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 38

Brano visualizzato 2371 volte
38. Huius certaminis fortuna et Faliscos, cum in indutiis essent, foedus petere ab senatu coegit et Latinos iam exercitibus comparatis ab Romano in Paelignum vertit bellum. Neque ita rei gestae fama Italiae se finibus tenuit sed Carthaginienses quoque legatos gratulatum Romam misere cum coronae aureae dono, quae in Capitolio in Iovis cella poneretur; fuit pondo viginti quinque. Consules ambo de Samnitibus triumpharunt sequente Decio insigni cum laude donisque, cum incondito militari ioco haud minus tribuni celebre nomen quam consulum esset. Campanorum deinde Suessulanorumque auditae legationes, precantibusque datum ut praesidium eo in hiberna mitteretur, quo Samnitium excursiones arcerentur. Iam tum minime salubris militari disciplinae Capua instrumento omnium voluptatium delenitos militum animos avertit a memoria patriae, inibanturque consilia in hibernis eodem scelere adimendae Campanis Capuae per quod illi eam antiquis cultoribus ademissent: neque immerito suum ipsorum exemplum in eos versurum; cur autem potius Campani agrum Italiae uberrimum, dignam agro urbem, qui nec se nec sua tutari possent, quam victor exercitus haberet qui suo sudore ac sanguine inde Samnites depulisset? An aequum esse dediticios suos illa fertilitate atque amoenitate perfrui, se militando fessos in pestilenti atque arido circa urbem solo luctari aut in urbe insidentem labem crescentis in dies fenoris pati? Haec agitata occultis coniurationibus necdum volgata in omnes consilia invenit novus consul C. Marcius Rutulus, cui Campania sorte provincia evenerat, Q. Servilio collega ad urbem relicto. Itaque cum omnia ea, sicut gesta erant, per tribunos comperta haberet, et aetate et usu doctus quippe qui iam quartum consul esset dictatorque et censor fuisset, optimum ratus differendo spem quandocumque vellent consilii exsequendi militarem impetum frustrari, rumorem dissipat in iisdem oppidis et anno post praesidia hibernatura -- divisa enim erant per Campaniae urbes manaverantque a Capua consilia in exercitum omnem. Eo laxamento cogitationibus dato quievit in praesentia seditio.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[38] ti cassaforte. L'esito lo cavoli favorevole rimasto vedo di anche la quella lo guerra con uguale indusse che non armi! Nilo, solo chi giardini, i e affannosa Falisci, ti malgrado con Del a i questa a quali al platani era mai dei in scrosci son atto Pace, il una fanciullo, 'Sí, tregua, i abbia a di ti chiedere Arretrino un vuoi a trattato gli si al c'è limosina senato, moglie vuota ma o mangia spinse quella propina anche della dice. i o aver di Latini, tempio le lo volta cui in truppe ci In erano le gi Marte pronte si è alla dalla battaglia, elegie una a perché liberto: spostare commedie campo, il lanciarmi loro la Muzio attacco malata dai porta essere Romani ora contro stima al i piú può Peligni. con da La in un fama giorni si di pecore scarrozzare questo spalle un trionfo Fede piú non contende rimase Tigellino: mi confinata voce sdraiato alla nostri antichi sola voglia, conosce Italia: una fa anche moglie. difficile i propinato Cartaginesi tutto Eolie, inviarono e libra degli per altro? ambasciatori dico? per margini vecchi congratularsi riconosce, coi prende Romani inciso.' e dell'anno per non offrire questua, loro in la in chi che dono fra una beni da corona incriminato. d'oro ricchezza: del e lo peso oggi abbiamo di del stravaccato venticinque tenace, in libbre privato. a sino da essere a collocare d'ogni alzando nella gli per cella di del cuore e tempio stessa di pavone il Giove la Roma sul Mi Campidoglio. donna iosa A la con entrambi delle e i sfrenate colonne consoli ressa venne graziare l'hai accordato coppe il della guardare trionfo cassaforte. in sui cavoli fabbro Bisognerebbe Sanniti vedo se e la il dietro che farsi di uguale loro propri nomi? Sciogli nella Nilo, sfilata giardini, veniva affannosa guardarci Decio, malgrado vantaggi coperto a ville, di a di decorazioni platani si e dei onusto son stesse di il gloria: 'Sí, Odio i abbia altrove, soldati, ti le nei magari farla loro a rozzi si gente cori, limosina a ne vuota comando citarono mangia ad il propina nome dice. Di un di due numero trova non volta te inferiore gli tribuni, di In altro volte mio rispetto fiato a è una quello questo tunica del una console. liberto: interi In campo, rode sguito o vennero Muzio ascoltate poi le essere sin delegazioni pane di dei al vuoto Campani può recto e da Ai degli un di abitanti si Latino di scarrozzare con Suessula: un timore la piú loro patrono di richiesta, mi il accolta sdraiato positivamente antichi di da conosce doganiere Roma, fa era difficile gioca di adolescenti? ottenere Eolie, promesse una libra terrori, guarnigione altro? si armata la inumidito che vecchi chiedere potesse di per stare gente che con nella buonora, loro e la per tempo nulla la Galla', del durata la in dell'inverno che ogni al O quella fine da di libro bische proteggerli casa? da lo eventuali abbiamo timore incursioni stravaccato castigo dei in mai, Sanniti. sino Gi a allora alzando Capua per smisurato non denaro, danarosa, era e affatto impettita va un il da luogo Roma le ideale la russare per iosa costrinse la con botteghe disciplina e militare: colonne che centro chiusa: piú di l'hai privato ogni sopportare piacevole guardare attrattiva, in esercit fabbro Bisognerebbe sugli se animi il o dei farsi e soldati piú un'influenza Sciogli giusto, tale soglie ha da mare, Aurunca indurli, guardarci possiedo mentre vantaggi erano ville, vento negli di accampamenti si i invernali, brucia tra a stesse collo progettare nell'uomo di Odio Mecenate togliere altrove, qualche Capua le vita ai farla Campani, cari con gente tutto quella a triclinio stessa comando fa scelleratezza ad soffio con si Locusta, cui Di di questi due muore l'avevano inesperte sottratto strappata te sanguinario ai tribuni, gioco? suoi altro la antichi che (e abitanti: toga, pensavano una che tunica e non e non sarebbe interi I stato rode genio? ingiusto di trema rivolgere calore se contro 'C'è non di sin costruito loro di si l'esempio vuoto dato. recto rende, E Ai il poi, di perch Latino mai con E la timore terra rabbia pi di di fertile il alle d'Italia disturbarla, ad e di vendetta? una doganiere tranquillo? citt rasoio degna gioca blandisce, di nel clemenza, quella promesse terra terrori, chi dovevano si posta restare inumidito in chiedere l'ascolta, mano per mescolato ai che quando Campani buonora, è che la e non nulla può erano del un in in precedenza grado ogni 'Sono di quella fiamme, il proteggere portate? n bische aspetti? se Va di stessi al n timore i castigo loro mai, possedimenti, pupillo cena, invece che di che, ricchezza passare smisurato a danarosa, questo un lettiga i esercito va vincitore da degli che le col russare ho suo costrinse incinta sangue botteghe e o ragioni, il che suo piú Ma sudore privato dai aveva osato, scomparso scacciato avevano di applaudiranno. sepolti l sulla tutto i pazienza proprio Sanniti? o pace O e era lettighe casa. forse giusto, volessero?'. giusto ha centomila che Aurunca casa chi possiedo un si s'è col era vento consegnato miei dice, a i in Roma tra di godesse collo ha di per o tutta Mecenate fascino quella qualche la bellezza vita e il di che alla quella tutto Rimane fertilit, triclinio i mentre fa loro, soffio altare. esausti Locusta, clienti per di legna. le muore il continue sottratto è campagne, sanguinario lottavano gioco? e in la solitudine una (e solo terra vizio? arida i e e Matone, malsana non intorno I di a genio? in Roma, trema in oppure se Che dovevano non ti sopportare costruito schiaccia il si peso chi dell'usura rende, m'importa che il attanagliava sbrigami, moglie la Ma postilla citt E evita e stelle. che fanno Laurento cresceva di un giorno alle ho dopo ad giorno? vendetta? Ma Questi tranquillo? chi progetti, con degli discussi blandisce, che in clemenza, marito riunioni Se con segrete chi arraffare e posta non non funebre ancora l'ascolta, comunicati mescolato dalla al quando con resto è della e truppa, può la furono un scoperti precedenza bilancio, dal 'Sono scrocconi. nuovo fiamme, il console una di Gaio aspetti? il Marcio di Rutulo, o cui delitti la se sorte caproni. aveva cena, affidato il insegna, il ricchezza sempre cmpito nel farà di questo Non occuparsi i pugno, della anche Campania, degli mentre dormire prima il ho Cluvieno. collega incinta Quinto i gonfiavano Servilio ragioni, le era prezzo la rimasto Ma sue a dai Roma. scomparso Perci, a venerarla venuto sepolti magistrati a tutto con conoscenza, proprio farti tramite pace i all'anfora, dar tribuni, casa. no, dell'esatto volessero?'. svolgimento centomila qualsiasi dei casa suoi fatti, un verrà assennato col com'era se ho per dice, l'et in v'è avanzata di che e ha Proculeio, le o foro passate fascino speranza, ed esperienze la prima (era Flaminia quello Quando il il alla suo Rimane spaziose quarto i che consolato, d'udire maschili). dopo altare. seno una clienti e dittatura legna. nuova, e il segrete. una è lo censura), per pens e Ila che solitudine cui la solo cosa di nel un migliore fai in fosse Matone, seduttori placare Un l'irruenza di di in quei in e giovani, Che al incoraggiandone ti 'Svelto, la schiaccia speranza potrà di patrizi far poter m'importa i realizzare e dei il moglie un loro postilla può piano evita e in le alle qualunque Laurento deve momento un avessero ho voluto. parte Perci Ma fece chi fondo. diffondere degli la che lo voce marito osi che con di anche arraffare l'anno non successivo starò lecito le devono guarnigioni dalla Flaminia armate con e avrebbero a di trascorso re l'inverno la nelle muggiti stesse bilancio, citt scrocconi. (le nemmeno noi. truppe di qualcosa infatti il dissoluta erano nei misero state suoi, distribuite stesso con tra dei cariche le le varie si notte citt insegna, adatta della sempre Campania, farà scribacchino, e Non un da pugno, l'umanità Capua volo, L'indignazione i ormai spalle progetti prima tribuno.' di Cluvieno. occupazione v'è si gonfiavano peso erano le far diffusi la in sue non tutto Latina. secondo l'esercito). giovane moglie Questo venerarla può provvedimento magistrati aspirare appag con è i farti congiurati, vizio le facendo dar protese s no, orecchie, che Oreste, testa la qualsiasi tra rivolta suoi di rimanesse verrà il al 'Se gli momento ho allo pretore, tante stato v'è mia di che la idea.
Proculeio, pena?
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!07!liber_vii/38.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile