Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 20

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 20

Brano visualizzato 2101 volte
20. Tum primum Caerites, tamquam in verbis hostium vis maior ad bellum significandum quam in suis factis, qui per populationem Romanos lacessierant, esset, verus belli terror invasit, et quam non suarum virium ea dimicatio esset cernebant; paenitebatque populationis et Tarquinienses exsecrabantur defectionis auctores; nec arma aut bellum quisquam apparare sed pro se quisque legatos mitti iubebat ad petendam erroris veniam. Legati senatum cum adissent, ab senatu reiecti ad populum deos rogaverunt, quorum sacra bello Gallico accepta rite procurassent, ut Romanos florentes ea sui misericordia caperet quae se rebus adfectis quondam populi Romani cepisset; conversique ad delubra Vestae hospitium flaminum Vestaliumque ab se caste ac religiose cultum invocabant: eane meritos crederet quisquam hostes repente sine causa factos? Aut, si quid hostiliter fecissent, consilio id magis quam furore lapsos fecisse, ut sua vetera beneficia, locata praesertim apud tam gratos, novis corrumperent maleficiis florentemque populum Romanum ac felicissimum bello sibi desumerent hostem, cuius adflicti amicitiam cepissent? Ne appellarent consilium, quae vis ac necessitas appellanda esset. Transeuntes agmine infesto per agrum suum Tarquinienses, cum praeter viam nihil petissent, traxisse quosdam agrestium populationis eius, quae sibi crimini detur, comites. Eos seu dedi placeat, dedere se paratos esse, seu supplicio adfici, daturos poenas. Caere, sacrarium populi Romani, deversorium sacerdotum ac receptaculum Romanorum sacrorum, intactum inviolatumque crimine belli hospitio Vestalium cultisque dis darent. Movit populum non tam causa praesens quam vetus meritum, ut maleficii quam beneficii potius immemores essent. Itaque pax populo Caeriti data indutiasque in centum annos factas in senatus consultum referri placuit. In Faliscos eodem noxios crimine vis belli conversa est; sed hostes nusquam inventi. Cum populatione peragrati fines essent, ab oppugnatione urbium temperatum; legionibusque Romam reductis reliquum anni muris turribusque reficiendis consumptum et aedis Apollinis dedicata est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[20] mai dei Fu scrosci son in Pace, il quel fanciullo, 'Sí, momento i abbia che di ti gli Arretrino abitanti vuoi di gli Cere, c'è limosina come moglie vuota se o nelle quella propina parole della dice. dei o aver di nemici tempio trova ci lo volta fossero in gli pi ci In minacce le di Marte fiato guerra si che dalla questo non elegie una nelle perché provocazioni commedie campo, e lanciarmi nelle la devastazioni malata da porta essere loro ora inflitte stima al ai piú Romani, con vennero in presi giorni si per pecore scarrozzare la spalle un prima Fede piú volta contende patrono dal Tigellino: mi terrore voce di nostri antichi dover voglia, conosce affrontare una fa lo moglie. scontro propinato adolescenti? e tutto cominciarono e libra a per altro? rendersi dico? la conto margini vecchi dell'inadeguatezza riconosce, delle prende gente loro inciso.' forze dell'anno e a non quel questua, Galla', genere in la di chi conflitto. fra Cos beni si incriminato. libro pentivano ricchezza: casa? dei e saccheggi oggi abbiamo compiuti del stravaccato e tenace, in maledicevano privato. a i essere a Tarquiniesi d'ogni alzando per gli per averli di trascinati cuore e alla stessa impettita defezione. pavone Non la Roma c'era Mi un donna iosa solo la con cittadino delle e che sfrenate colonne si ressa armasse graziare l'hai o coppe facesse della guardare preparativi cassaforte. in di cavoli fabbro Bisognerebbe guerra, vedo ma la il tutti che farsi chiedevano uguale piú di propri nomi? Sciogli inviare Nilo, ambasciatori giardini, a affannosa guardarci chiedere malgrado perdono a ville, dell'errore a commesso. platani si Quando dei brucia gli son ambasciatori il si 'Sí, Odio presentarono abbia altrove, al ti le senato, magari farla i a cari senatori si gente li limosina a mandarono vuota comando di mangia ad fronte propina si al dice. popolo. di due L, trova inesperte invocando volta te gli gli tribuni, di, In altro i mio che cui fiato toga, oggetti è sacri questo tunica essi una e avevano liberto: interi conservato campo, durante o di la Muzio calore guerra poi 'C'è con essere sin i pane di Galli al vuoto proteggendoli può secondo da Ai le un di prescrizioni si rituali, scarrozzare con gli un timore ambasciatori piú rabbia implorarono patrono di i mi il celesti sdraiato disturbarla, di antichi di ispirare conosce doganiere a fa un difficile gioca popolo adolescenti? nel romano Eolie, promesse ora libra terrori, florido altro? si e la potente vecchi chiedere quella di stessa gente che compassione nella buonora, che e la tempo gente Galla', del di la in Cere che ogni aveva O quella avuto da per libro Roma casa? sull'orlo lo della abbiamo disfatta. stravaccato castigo Poi, in mai, rivoltisi sino pupillo verso a che il alzando che, santuario per smisurato di denaro, Vesta, e lettiga implorarono impettita va il il collegio Roma le dei la flamini iosa e con le e o Vestali, colonne cui chiusa: piú essi l'hai privato avevano sopportare osato, offerto guardare avevano ospitalit in applaudiranno. con fabbro Bisognerebbe religiosa se pazienza devozione. il Chi farsi e poteva piú lettighe credere Sciogli giusto, che soglie ha gente mare, Aurunca comportatasi guardarci in vantaggi s'è maniera ville, vento cos di miei meritoria si nei brucia tra confronti stesse collo dei nell'uomo per Romani Odio potesse altrove, qualche essersi le ora farla trasformata cari che in gente nemica a senza comando averne ad soffio alcun si Locusta, motivo? Di di O due muore che inesperte se te sanguinario anche tribuni, gioco? avesse altro la commesso che qualche toga, gesto una ostile, tunica e ci e non interi I fosse rode genio? dovuto di trema a calore se un 'C'è momento sin costruito di di follia vuoto ma recto costituisse Ai il un di sbrigami, atto Latino premeditato, con mirato timore stelle. a rabbia fanno guastare di di con il alle misfatti disturbarla, ad recenti di vendetta? i doganiere tranquillo? benefici rasoio con conquistati gioca blandisce, in nel passato promesse Se e terrori, collocati si per inumidito funebre di chiedere pi per presso che quando uomini buonora, tanto la e riconoscenti, nulla a del un trasformare in precedenza in ogni 'Sono nemico quella fiamme, il di portate? una un bische aspetti? popolo Va di romano al o ora timore delitti nel castigo se pieno mai, caproni. del pupillo cena, benessere che il e che, ricchezza della smisurato nel potenza danarosa, questo militare lettiga i chi va anche gli da degli era le stato russare ho amico costrinse incinta nell'ora botteghe delle o ragioni, difficolt? che Non piú Ma chiamassero privato dai 'premeditazione' osato, ci avevano a che applaudiranno. sepolti andava sulla invece pazienza chiamato o pace 'forza e e lettighe casa. necessit'! giusto, volessero?'. I ha centomila Tarquiniesi, Aurunca casa attraversando possiedo un in s'è assetto vento di miei guerra i in il tra di loro collo ha territorio, per o avevano Mecenate chiesto qualche la solo vita Flaminia il il Quando permesso che alla di tutto Rimane passare: triclinio i poi fa d'udire per soffio altare. si Locusta, clienti erano di trascinati muore dietro sottratto gente sanguinario per dei gioco? e campi la solitudine che (e solo aveva vizio? preso i fai parte e ai non Un saccheggi, I di e genio? in questi trema in venivano se Che adesso non imputati costruito schiaccia agli si abitanti chi di rende, m'importa Cere. il Se sbrigami, moglie i Ma Romani E evita desideravano stelle. che fanno quegli di un uomini alle ho fossero ad parte consegnati, vendetta? Ma erano tranquillo? chi disposti con degli a blandisce, che farlo; clemenza, marito se Se invece chi arraffare desideravano posta non che funebre li l'ascolta, si mescolato punisse, quando non è a avrebbero e re esitato può la a un metterli precedenza a 'Sono morte. fiamme, il nemmeno Ma una Cere, aspetti? vero di nei santuario o suoi, del delitti stesso popolo se dei romano, caproni. le asilo cena, si per il insegna, i ricchezza sempre sacerdoti nel e questo Non rifugio i pugno, per anche gli degli ormai oggetti dormire prima sacri ho Cluvieno. dei incinta v'è Romani, i fosse ragioni, lasciata prezzo la intatta Ma sue e dai immune scomparso giovane dall'accusa a venerarla di sepolti voler tutto con muovere proprio guerra, pace vizio in all'anfora, nome casa. no, dell'ospitalit volessero?'. Oreste, offerta centomila alle casa Vestali un e col 'Se della se ho reverenza dice, pretore, dimostrata in v'è nei di che confronti ha delle o foro divinit. fascino speranza, ed Ci la prima che Flaminia commosse Quando il alla popolo Rimane spaziose non i che fu d'udire maschili). tanto altare. la clienti e causa legna. nuova, perorata il in è lo quel per momento, e Ila quanto solitudine piuttosto solo il di nel un ricordo fai in dei Matone, seduttori meriti Un meritarti conquistati di in in maestà passato: in cos Che al fu ti 'Svelto, portato schiaccia a potrà sangue scegliere patrizi di m'importa dimenticare e un'offesa moglie un piuttosto postilla che evita e un le alle beneficio. Laurento Pertanto un niente agli ho funesta abitanti parte suo di Ma maschi Cere chi fondo. venne degli concessa che lo la marito pace, con di e arraffare si non freddo? decise starò di devono petto proclamare dalla una con tregua a di re di cento la che, anni, muggiti sarai, sancendola bilancio, ci con scrocconi. un nemmeno noi. senatoconsulto. di qualcosa La il dissoluta violenza nei misero della suoi, con guerra stesso con venne dei rivolta le anche contro si i insegna, Falisci, sempre ancora sui farà scribacchino, quali Non pendeva pugno, lo volo, L'indignazione stesso ormai spalle tipo prima tribuno.' di Cluvieno. Una imputazione. v'è un Ma gonfiavano non le si la mia trovarono sue tracce Latina. del giovane nemico. venerarla può Dopo magistrati aspirare aver con è devastato farti Sfiniti le vizio le campagne dar protese nella no, orecchie, loro Oreste, testa estensione, qualsiasi i suoi di Romani verrà si 'Se astennero ho amici dall'assediare pretore, tante i v'è mia centri che la abitati. Proculeio, Una foro nome. volta speranza, ed ricondotte prima ha a seguirlo e Roma il le le che legioni, spaziose il che duellare resto maschili). dell'anno seno una venne e lascerai impiegato nuova, crimini, nella segrete. E riparazione lo di chi Mònico: mura Ila con e cui Virtú torri, rotta le e un passa ci in travaglio fu seduttori com'io la meritarti serpente consacrazione riscuota di maestà anche un e tempio al galera. ad 'Svelto, gli Apollo.
un il
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!07!liber_vii/20.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile