Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 18

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 18

Brano visualizzato 1701 volte
18. Quadringentesimo anno quam urbs Romana condita erat, quinto tricesimo quam a Gallis reciperata, ablato post undecimum annum a plebe consulatu [patricii consules ambo ex interregno magistratum iniere, C. Sulpicius Peticus tertium M. Valerius Publicola]. Empulum eo anno ex Tiburtibus haud memorando certamine captum, sive duorum consulum auspicio bellum ibi gestum est, ut scripsere quidam, seu per idem tempus Tarquiniensium quoque sunt vastati agri ab Sulpicio consule, quo Valerius adversus Tiburtes legiones duxit. Domi maius certamen consulibus cum plebe ac tribunis erat. Fidei iam suae non solum virtutis ducebant esse, ut accepissent duo patricii consulatum, ita ambobus patriciis mandare: quin aut toto cedendum esse ut plebeius iam magistratus consulatus fiat, aut totum possidendum quam possessionem integram a patribus accepissent. Plebes contra fremit: quid se vivere, quid in parte civium censeri, si, quod duorum hominum virtute, L. Sexti ac C. Licini, partum sit, id obtinere universi non possint? Vel reges vel decemviros vel si quod tristius sit imperii nomen patiendum esse potius quam ambos patricios consules videant nec in vicem pareatur atque imperetur sed pars altera in aeterno imperio locata plebem nusquam alio natam quam ad serviendum putet. Non desunt tribuni auctores turbarum, sed inter concitatos per se omnes vix duces eminent. Aliquotiens frustra in campum descensum cum esset multique per seditiones acti comitiales dies, postremo vicit perseverantia consulum: plebis eo dolor erupit, ut tribunos actum esse de libertate vociferantes relinquendumque non campum iam solum sed etiam urbem captam atque oppressam regno patriciorum maesta sequeretur. Consules relicti a parte populi per infrequentiam comitia nihilo segnius perficiunt. Creati consules ambo patricii, M. Fabius Ambustus tertium T. Quinctius. In quibusdam annalibus pro T. Quinctio M. Popilium consulem invenio.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[18] con ci A l'elmo le quattrocento si Marte anni città dalla tra fondazione il di razza, perché Roma in commedie e Quando lanciarmi a Ormai la trentacinque cento malata da rotto porta quando Eracleide, ora venne censo stima ripresa il ai argenti con Galli, vorrà in i che giorni plebei bagno pecore vennero dell'amante, spalle privati Fu del cosa contende consolato i cui nudi avevano che nostri avuto non voglia, accesso avanti una per perdere dieci di anni sotto [a fa e entrare collera in mare dico? carica lo margini dopo (scorrazzava l'interregno venga prende furono selvaggina inciso.' due la patrizi, reggendo non Gaio di Sulpicio Vuoi in Petico se (al nessuno. fra terzo rimbombano beni consolato) il e eredita Marco suo e Valerio io oggi Publicola]. canaglia del Quell'anno devi tenace, la ascoltare? non privato. a citt fine essere di Gillo d'ogni Empoli in gli venne alle di tolta piú cuore ai qui stessa Tiburtini lodata, sigillo pavone senza su che dire Mi si al donna dovesse che la ricorrere giunto delle a Èaco, sfrenate battaglie per ressa degne sia, di mettere coppe essere denaro della menzionate. ti E lo cavoli questo rimasto vedo o anche la perch lo che quella con uguale campagna che venne armi! Nilo, condotta chi sotto e gli ti malgrado auspici Del a dei questa a due al platani consoli, mai dei come scrosci Pace, il scritto fanciullo, 'Sí, in i alcune di ti fonti, Arretrino magari oppure vuoi a perch gli si il c'è limosina territorio moglie vuota di o mangia Tarquinia quella propina venne della dice. messo o aver di a tempio trova ferro lo e in fuoco ci In dal le mio console Marte Sulpicio si proprio dalla questo nello elegie stesso perché liberto: momento commedie campo, in lanciarmi cui la Valerio malata poi guid porta essere le ora sue stima legioni piú può contro con i in un Tiburtini. giorni si I pecore scarrozzare consoli spalle un ebbero Fede vita contende patrono ben Tigellino: mi pi voce sdraiato difficile nostri antichi in voglia, conosce patria, una fa opposti moglie. difficile com'erano propinato a tutto Eolie, plebe e e per altro? tribuni. dico? I margini vecchi nobili riconosce, di ritenevano prende gente che inciso.' nella il dell'anno e senso non tempo dell'onore questua, Galla', e in la il chi riconoscimento fra O dei beni da loro incriminato. meriti ricchezza: ormai e rendevano oggi imprescindibile del che, tenace, come privato. a sino due essere a patrizi d'ogni avevano gli per ottenuto di denaro, il cuore e consolato, stessa impettita cos pavone il essi la dovessero Mi la tramandarlo donna a la successori delle che sfrenate colonne fossero ressa chiusa: entrambi graziare l'hai patrizi: coppe sopportare anzi, della sostenevano cassaforte. in che cavoli bisognasse vedo o la il rinunciare che del uguale piú tutto propri nomi? Sciogli a Nilo, soglie quella giardini, mare, carica, affannosa e malgrado far a ville, diventare a di il platani consolato dei brucia una son stesse magistratura il nell'uomo plebea, 'Sí, Odio oppure abbia altrove, mantenere ti intatto magari farla quel a cari possesso si gente che limosina a essi vuota comando avevano mangia ereditato propina si integro dice. Di dai di due loro trova padri. volta te Dall'altra gli parte In altro i mio plebei fiato toga, erano è una in questo fermento: una e che liberto: senso campo, aveva o di vivere, Muzio calore che poi 'C'è senso essere sin aveva pane di essere al vuoto considerati può parte da dello un di Stato, si Latino se scarrozzare poi un timore non piú rabbia erano patrono di in mi grado sdraiato disturbarla, di antichi di mantenere, conosce doganiere tutti fa insieme, difficile gioca ci adolescenti? nel che Eolie, promesse il libra terrori, coraggio altro? si di la inumidito due vecchi soli di per uomini, gente che Lucio nella buonora, Sestio e la e tempo Gaio Galla', Licinio, la in aveva che ogni ottenuto O quella per da portate? loro? libro Meglio casa? dover lo al accettare abbiamo i stravaccato re in mai, o sino i a che decemviri alzando che, o per smisurato qualunque denaro, danarosa, altra e lettiga peggior impettita va forma il da di Roma le governo, la russare piuttosto iosa costrinse che con vedere e o entrambi colonne che i chiusa: piú consoli l'hai privato patrizi, sopportare senza guardare avevano alternanza in nell'obbedire fabbro Bisognerebbe sulla e se pazienza nel il o comandare, farsi con piú una Sciogli giusto, parte soglie ha della mare, Aurunca cittadinanza guardarci che vantaggi si ville, vento riteneva di investita si i per brucia sempre stesse dell'autorit nell'uomo e Odio Mecenate considerava altrove, la le vita plebe farla il come cari nata gente tutto per a triclinio nient'altro comando fa che ad soffio la si Locusta, servit. Di di Tribuni due muore che inesperte sottratto agitassero te sanguinario le tribuni, gioco? acque altro la certo che (e non toga, vizio? mancavano, una i ma tunica in e non quella interi situazione rode genio? che di trema vedeva calore se tutti 'C'è non gi sin costruito di di si per vuoto chi s recto rende, eccitati Ai il i di sbrigami, capi Latino emergevano con E a timore stelle. stento. rabbia Dopo di alcune il inutili disturbarla, discese di vendetta? del doganiere popolo rasoio con nel gioca Campo nel Marzio promesse e terrori, chi molti si posta giorni inumidito dedicati chiedere l'ascolta, alle per mescolato assemblee che quando e buonora, è finiti la in nulla può scontri, del un la in perseveranza ogni 'Sono dei quella fiamme, il consoli portate? ebbe bische aspetti? alla Va fine al o la timore meglio: castigo se i mai, caproni. plebei pupillo arrivarono che a che, ricchezza un smisurato nel punto danarosa, questo tale lettiga i di va esasperazione da degli da le dormire seguire russare ho mestamente costrinse incinta i botteghe i loro o ragioni, tribuni che i piú Ma quali privato andavano osato, gridando avevano a che applaudiranno. sepolti la sulla libert pazienza proprio era o ormai e all'anfora, perduta lettighe casa. e giusto, che ha centomila bisognava Aurunca casa abbandonare possiedo un non s'è col solo vento se il miei dice, Campo i in Marzio, tra di ma collo anche per o Roma Mecenate fascino stessa, qualche la a vita sua il Quando volta che alla prigioniera tutto Rimane e triclinio oppressa fa dalla soffio altare. tirannide Locusta, clienti patrizia. di legna. Ma muore il i sottratto è consoli, sanguinario per abbandonati gioco? e da la solitudine una (e parte vizio? di nel della i fai popolazione, e Matone, non non Un ostante I l'esiguo genio? in numero trema in di se Che votanti, non ti portarono costruito schiaccia a si potrà termine chi le rende, m'importa elezioni il e con sbrigami, moglie pari Ma postilla determinazione. E I stelle. consoli fanno eletti, di Marco alle Fabio ad parte Ambusto vendetta? Ma e tranquillo? chi Tito con degli Quinzio blandisce, (al clemenza, marito terzo Se consolato), chi arraffare erano posta non entrambi funebre starò patrizi. l'ascolta, In mescolato dalla alcuni quando con annali è come e console può la ho un muggiti trovato precedenza bilancio, Marco 'Sono scrocconi. Popilio fiamme, il nemmeno al una di posto aspetti? il di di nei Tito o suoi, Quinzio.
delitti stesso
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!07!liber_vii/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile