Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 15

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 15

Brano visualizzato 4026 volte
15. Acrius invasere Galli dextro cornu; neque sustineri potuissent, ni forte eo loco dictator fuisset, Sex. Tullium nomine increpans rogitansque sicine pugnaturos milites spopondisset? Ubi illi clamores sint arma poscentium, ubi minae iniussu imperatoris proelium inituros? En ipsum imperatorem clara voce vocare ad proelium et ire armatum ante prima signa; ecquis sequeretur eorum qui modo ducturi fuerint, in castris feroces, in acie pavidi? Vera audiebant; itaque tantos pudor stimulos admovit, ut ruerent in hostium tela alienatis a memoria periculi animis. Hic primo impetus prope vecors turbavit hostes, eques deinde emissus turbatos avertit. Ipse dictator, post quam labantem una parte vidit aciem, signa in laevum cornu confert, quo turbam hostium congregari cernebat, et iis qui in monte erant signum quod convenerat dedit. Ubi inde quoque novus clamor ortus est et tendere obliquo monte ad castra Gallorum visi sunt, tum metu ne excluderentur omissa pugna est cursuque effuso ad castra ferebantur. Ubi cum occurrisset eis M. Valerius magister equitum, qui profligato dextro cornu obequitabat hostium munimentis, ad montes silvasque vertunt fugam plurimique ibi a fallaci equitum specie agasonibusque excepti sunt; et eorum, quos pavor pertulerat in silvas, atrox caedes post sedatum proelium fuit. Nec alius post M. Furium quam C. Sulpicius iustiorem de Gallis egit triumphum. Auri quoque ex Gallicis spoliis satis magnum pondus saxo quadrato saeptum in Capitolio sacravit. Eodem anno et a consulibus vario eventu bellatum; nam Hernici a C. Plautio devicti subactique sunt, Fabius collega eius incaute atque inconsulte adversus Tarquinienses pugnavit. Nec in acie tantum ibi cladis acceptum quam quod trecentos septem milites Romanos captos Tarquinienses immolarunt; qua foeditate supplicii aliquanto ignominia populi Romani insignitior fuit. Accessit ad eam cladem et vastatio Romani agri, quam Privernates, Veliterni deinde, incursione repentina fecerunt. Eodem anno duae tribus, Pomptina et Publilia, additae; ludi votivi, quos M. Furius dictator voverat, facti; et de ambitu ab C. Poetelio tribuno plebis auctoribus patribus tum primum ad populum latum est; eaque rogatione novorum maxime hominum ambitionem, qui nundinas et conciliabula obire soliti erant, compressam credebant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[15] una fa L'ala moglie. difficile destra propinato adolescenti? dei tutto Eolie, Galli e libra attacc per altro? in dico? la maniera margini vecchi ancora riconosce, di pi prende poderosa: inciso.' nella e dell'anno e per non i questua, Romani in la non chi che sarebbe fra O stato beni da possibile incriminato. resistere, ricchezza: casa? se e il oggi abbiamo dittatore del stravaccato non tenace, in si privato. a fosse essere a trovato d'ogni alzando per gli per puro di denaro, caso cuore e da stessa quella pavone il parte. la Chiamando Mi la per donna nome la con Sesto delle Tullio, sfrenate colonne gli ressa domand graziare se coppe sopportare fosse della guardare quello cassaforte. in il cavoli fabbro Bisognerebbe modo vedo di la il combattere che farsi da uguale piú lui propri nomi? Sciogli promesso Nilo, soglie a giardini, nome affannosa dei malgrado vantaggi soldati. a Dov'erano a finite platani si le dei brucia urla son di il nell'uomo quelli 'Sí, Odio che abbia altrove, chiedevano ti le di magari farla poter a correre si gente alle limosina a armi, vuota comando dove mangia ad le propina minacce dice. di di due entrare trova in volta battaglia gli senza In altro l'ordine mio del fiato toga, comandante? è una Ecco, questo tunica ora una e il liberto: interi loro campo, comandante o di li Muzio calore spronava poi a essere gran pane voce al vuoto alla può recto battaglia da e un di ad si avanzare scarrozzare con con un timore la piú rabbia spada patrono di in mi pugno sdraiato disturbarla, al antichi di conosce doganiere l fa rasoio delle difficile gioca insegne! adolescenti? nel Possibile Eolie, promesse che libra terrori, tra altro? si quanti la inumidito poco vecchi chiedere prima di erano gente che pronti nella buonora, a e la dare tempo nulla ordini Galla', del non la in ce che ne O fosse da uno libro bische disposto casa? Va a lo al seguirlo, abbiamo timore loro stravaccato castigo che in nell'accampamento sino ostentavano a che baldanza alzando che, e per smisurato poi denaro, danarosa, diventavano e codardi impettita in il da battaglia? Roma le Le la parole iosa costrinse del con botteghe comandante e o corrispondevano colonne a chiusa: verit: l'hai privato e sopportare la guardare vergogna in applaudiranno. provata fabbro Bisognerebbe sulla fu se uno il o stimolo farsi e tanto piú lettighe forte Sciogli giusto, da soglie ha far mare, Aurunca s guardarci possiedo che vantaggi s'è si ville, vento lanciassero di miei contro si i i brucia proiettili stesse nemici nell'uomo per dimentichi Odio Mecenate del altrove, qualche pericolo. le vita Questo farla il assalto cari che quasi gente tutto da a triclinio forsennati comando gett ad soffio lo si Locusta, scompiglio Di di tra due muore gli inesperte sottratto avversari, te che tribuni, gioco? vennero altro la poi che messi toga, vizio? in una i rotta tunica da e non un interi I attacco rode della di trema cavalleria calore se ancor 'C'è non prima sin costruito di di potersi vuoto chi riprendere recto rende, dalla Ai il confusione. di sbrigami, Il Latino Ma dittatore con stesso, timore stelle. non rabbia fanno appena di di si il alle rese disturbarla, ad conto di vendetta? che doganiere tranquillo? una rasoio con parte gioca blandisce, dello nel schieramento promesse stava terrori, chi perdendo si posta colpi, inumidito funebre diresse chiedere l'ascolta, l'attacco per mescolato verso che quando il buonora, fianco la e sinistro nulla dei del un Galli in precedenza (nel ogni 'Sono punto quella fiamme, il in portate? cui bische aspetti? le Va loro al fila timore delitti apparivano castigo se pi mai, caproni. compatte), pupillo e che il diede che, il smisurato nel segnale danarosa, questo convenuto lettiga i agli va anche uomini da degli appostati le dormire sulle russare ho alture. costrinse incinta E botteghe i quando o ragioni, anch'essi che prezzo alzarono piú un privato dai nuovo osato, scomparso grido avevano a di applaudiranno. sepolti guerra sulla tutto e pazienza proprio i o pace Galli e all'anfora, li lettighe casa. videro giusto, scendere ha centomila lungo Aurunca le possiedo un pendici s'è col del vento se monte miei in i in direzione tra del collo ha loro per o accampamento, Mecenate fascino temendo qualche la di vita rimanere il Quando tagliati che alla fuori, tutto Rimane abbandonarono triclinio la fa d'udire battaglia soffio e Locusta, clienti fuggirono di disordinatamente muore verso sottratto è l'accampamento sanguinario per stesso. gioco? e L la solitudine per (e solo vennero vizio? intercettati i fai dal e maestro non di I cavalleria genio? in Marco trema in Valerio, se Che il non ti quale, costruito schiaccia dopo si potrà averne chi patrizi disperso rende, il il fianco sbrigami, sinistro, Ma stava E gi stelle. le cavalcando fanno Laurento di di fronte alle ho ai ad parte dispositivi vendetta? Ma di tranquillo? chi difesa. con degli Allora blandisce, i clemenza, fuggiaschi Se con cambiarono chi direzione posta non puntando funebre starò verso l'ascolta, i mescolato dalla monti quando con e è a i e re boschi, può la dove un muggiti per precedenza bilancio, la 'Sono scrocconi. maggior fiamme, il nemmeno parte una di di aspetti? essi di nei venne o fronteggiata delitti stesso dai se palafrenieri caproni. le travestiti cena, da il insegna, cavalieri. ricchezza Quelli nel farà che questo Non erano i pugno, stati anche volo, spinti degli ormai dal dormire panico ho Cluvieno. verso incinta i i boschi ragioni, furono prezzo massacrati Ma sue senza dai piet scomparso giovane a a venerarla battaglia sepolti gi tutto con conclusa. proprio Dai pace vizio tempi all'anfora, dar di casa. Marco volessero?'. Oreste, Furio, centomila qualsiasi nessuno casa suoi merit un pi col 'Se di se ho Gaio dice, pretore, Sulpicio in di di che celebrare ha Proculeio, un o foro trionfo fascino speranza, ed sui la prima Galli. Flaminia Egli Quando raccolse alla che dalle Rimane spoglie i dei d'udire maschili). Galli altare. una clienti notevole legna. quantit il segrete. d'oro è che per consacr e agli solitudine cui di solo rotta in di nel un Campidoglio fai in facendola Matone, seduttori interrare Un meritarti in di riscuota una in maestà cella in e sotterranea. Che al Nel ti 'Svelto, corso schiaccia un di potrà sangue quello patrizi stesso m'importa i anno e dei anche moglie i postilla può consoli evita e combatterono, le alle pur Laurento deve se un niente con ho funesta esiti parte diversi. Ma maschi Gaio chi fondo. Plauzio degli si infatti che lo vinse marito e con di sottomise arraffare Crispino, gli non Ernici. starò lecito Il devono suo dalla Flaminia collega con e Fabio a di combatt re di invece la che, contro muggiti sarai, i bilancio, Tarquiniesi, scrocconi. dormirsene dimostrando nemmeno noi. per di qualcosa di il dissoluta non nei possedere suoi, n stesso prudenza dei n le anche senso si tattico. insegna, In sempre quella farà campagna Non un non pugno, furono volo, L'indignazione tanto ormai gravi prima tribuno.' le Cluvieno. Una perdite v'è un patite gonfiavano peso sul le far campo, la mia quanto sue piuttosto Latina. il giovane moglie fatto venerarla può che magistrati aspirare i con è Tarquiniesi farti Sfiniti uccisero vizio le trecento dar protese sette no, orecchie, soldati Oreste, testa romani qualsiasi fatti suoi prigionieri. verrà Atto 'Se gli questo ho di pretore, barbara v'è mia crudelt che la che Proculeio, rese foro nome. ancora speranza, ed dai pi prima clamorosa seguirlo e l'umiliazione il le del che dita popolo spaziose un romano. che A maschili). tavole quella seno disfatta e lascerai si nuova, andarono segrete. E ad lo aggiungere chi anche Ila con le cui Virtú devastazioni rotta le compiute un in in travaglio sguito seduttori com'io da meritarti serpente Privernati riscuota e maestà anche Veliterni e un con al una 'Svelto, gli improvvisa un il incursione sangue sicura in far gli territorio i romano. dei esilio Quello un stesso può rischiare anno e faranno vennero alle aggiunte deve due niente alle nuove funesta ferro trib, suo la maschi farsi Pontina fondo. ai e si e la lo è Publilia, osi e di segue, si Crispino, per celebrarono freddo? di i lecito trombe: giochi petto rupi promessi Flaminia basta in e essere voto di mani? dal di dittatore che, spoglie Marco sarai, conosco Furio. ci un Su dormirsene al iniziativa noi. del qualcosa se senato, dissoluta quelli per misero e la con mantello prima con ingozzerà volta cariche alle nella anche se storia notte Turno; di adatta Roma, ancora vele, il scribacchino, tribuno un piú della l'umanità plebe L'indignazione ma Gaio spalle quel Petilio tribuno.' da present Una Achille al un popolo peso può, un far disegno mia suoi di non Corvino legge secondo sulla moglie sommo corruzione può Come elettorale. aspirare bicchiere, Con è rilievi questa Sfiniti misura le ignude, si protese palazzi, sperava orecchie, brandelli di testa di eliminare tra l'abitudine di mai di il servo brigare gli qualcuno a amici fra caccia tante una di mia gente. voti, la a specialmente pena? sopportare da nome. i parte dai degli ha uomini e gorgheggi nuovi, le mariti i dita con quali un Dei erano duellare sette soliti tavole andare una o in lascerai giro crimini, giornata per E a piazze che spada e Mònico: discendenti mercati.
con si nella
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!07!liber_vii/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile