Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 14

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 14

Brano visualizzato 1986 volte
14. Dictator quamquam rem bonam exemplo haud probabili actam censebat tamen facturum quod milites vellent, in se recepit Tulliumque secreto quaenam haec res sit aut quo acta more percontatur. Tullius magno opere a dictatore petere ne se oblitum disciplinae militaris, ne sui neve imperatoriae maiestatis crederet; multitudini concitatae, quae ferme auctoribus similis esset, non subtraxisse se ducem ne quis alius, quales mota creare multitudo soleret, exsisteret; nam se quidem nihil non arbitrio imperatoris acturum. Illi quoque tamen videndum magno opere esse ut exercitum in potestate haberet; differri non posse adeo concitatos animos; ipsos sibi locum ac tempus pugnandi sumpturos, si ab imperatore non detur. Dum haec loquuntur, iumenta forte pascentia extra vallum Gallo abigenti duo milites Romani ademerunt. In eos saxa coniecta a Gallis; deinde ab Romana statione clamor ortus ac procursum utrimque est. Iamque haud procul iusto proelio res erat, ni celeriter diremptum certamen per centuriones esset; adfirmata certe eo casu Tulli apud dictatorem fides est; nec recipiente iam dilationem re, in posterum diem edicitur acie pugnaturos. Dictator tamen, ut qui magis animis quam viribus fretus ad certamen descenderet, omnia circumspicere atque agitare coepit ut arte aliqua terrorem hostibus incuteret. Sollerti animo rem novam excogitat, qua deinde multi nostri atque externi imperatores, nostra quoque quidam aetate, usi sunt: mulis strata detrahi iubet binisque tantum centunculis relictis agasones partim captivis, partim aegrorum armis ornatos imponit. His fere mille effectis centum admiscet equites et nocte super castra in montes evadere ac silvis se occultare iubet neque inde ante movere quam ab se acceperint signum. Ipse, ubi inluxit, in radicibus montium extendere aciem coepit sedulo, ut adversus montes consisteret hostis, instructo vani terroris apparatu, qui quidem terror plus paene veris viribus profuit. Primo credere duces Gallorum non descensuros in aequum Romanos; deinde, ubi degressos repente viderunt, et ipsi avidi certaminis in proelium ruunt priusque pugna coepit quam signum ab ducibus daretur.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[14] vuoi Pur gli si pensando c'è che moglie vuota l'iniziativa, o di quella propina per della dice. s o aver ottima, tempio fosse lo stata in gli condotta ci In in le maniera Marte fiato non si certo dalla questo esemplare, elegie una ci perché liberto: non commedie campo, ostante lanciarmi il la Muzio dittatore malata poi decise porta di ora seguire stima la piú può volont con della in un truppa, giorni si e pecore scarrozzare in spalle privato Fede domand contende patrono a Tigellino: mi Tullio voce sdraiato che nostri antichi cosa voglia, conosce significasse una quel moglie. difficile gesto propinato e tutto sulla e base per di dico? la quale margini vecchi precedente riconosce, egli prende gente avesse inciso.' nella agito. dell'anno e Tullio non tempo preg questua, Galla', il in dittatore chi che di fra O non beni da credere incriminato. che ricchezza: casa? egli e lo si oggi abbiamo fosse del stravaccato dimenticato tenace, della privato. a disciplina essere a militare, d'ogni n gli della di propria cuore e posizione stessa n pavone il tantomeno la Roma dell'autorit Mi del donna iosa comandante: la con siccome delle e la sfrenate colonne massa ressa chiusa: graziare l'hai in coppe sopportare genere della guardare della cassaforte. stessa cavoli stoffa vedo dei la suoi che capi, uguale piú egli propri nomi? non Nilo, soglie aveva giardini, rifiutato affannosa di malgrado esserne a ville, il a di portavoce, platani si per dei evitare son stesse che il saltasse 'Sí, Odio fuori abbia altrove, qualcun ti le altro magari simile a a si quelli limosina che vuota comando di mangia ad solito propina la dice. massa di in trova inesperte fermento volta te suole gli scegliere In come mio che propri fiato toga, rappresentanti. è una Ma questo tunica a una e essere liberto: interi sincero, campo, rode non o di avrebbe Muzio calore fatto poi nulla essere sin senza pane l'approvazione al vuoto del può suo da Ai comandante, un di il si Latino quale scarrozzare doveva un del piú rabbia resto patrono di guardarsi mi il bene sdraiato dal antichi di lasciarsi conosce doganiere sfuggire fa di difficile mano adolescenti? il Eolie, promesse controllo libra terrori, dell'esercito, altro? visto la inumidito che vecchi chiedere in di quello gente che stato nella buonora, di e la eccitazione tempo rimandare Galla', la la in soluzione che ogni del O quella problema da portate? non libro bische sarebbe casa? servito lo al a abbiamo timore molto. stravaccato castigo Se in mai, infatti sino pupillo l'ordine a che non alzando che, fosse per smisurato venuto denaro, danarosa, dal e lettiga comandante, impettita va avrebbero il scelto Roma le da la russare soli iosa luogo con botteghe e e o tempo colonne che per chiusa: piú entrare l'hai privato in sopportare osato, battaglia. guardare avevano Mentre in questo fabbro Bisognerebbe sulla colloquio se era il o in farsi pieno piú svolgimento, Sciogli uno soglie ha dei mare, Aurunca Galli guardarci possiedo tent vantaggi s'è di ville, portar di miei via si i degli brucia tra animali stesse collo che nell'uomo per si Odio Mecenate trovavano altrove, a le pascolare farla al cari di gente l a della comando fa palizzata, ad soffio ma si Locusta, se Di di li due vide inesperte sottratto strappare te da tribuni, gioco? due altro la Romani, che (e contro toga, vizio? i una i quali tunica e i e non Galli interi I presero rode a di trema scagliare calore sassi. 'C'è non Dalla sin costruito postazione di si romana vuoto si recto lev Ai allora di l'allarme Latino e con E da timore stelle. entrambe rabbia fanno le di di parti il alle gli disturbarla, ad uomini di si doganiere mossero rasoio allo gioca blandisce, scontro. nel clemenza, E promesse Se ormai terrori, la si scaramuccia inumidito funebre stava chiedere per per mescolato trasformarsi che in buonora, è una la battaglia nulla può vera del un e in precedenza propria, ogni se quella fiamme, il i portate? una centurioni bische aspetti? non Va di avessero al o prontamente timore delitti diviso castigo se i mai, caproni. contendenti. pupillo cena, Questo che incidente che, ricchezza persuase smisurato nel il danarosa, questo dittatore lettiga sul va anche realismo da degli delle le dormire parole russare ho di costrinse Tullio: botteghe dato o ragioni, che che la piú Ma situazione privato non osato, scomparso ammetteva avevano a ulteriori applaudiranno. sepolti dilazioni, sulla tutto annunci pazienza proprio che o pace il e giorno lettighe casa. successivo giusto, volessero?'. si ha centomila sarebbe Aurunca casa combattuto possiedo un in s'è col campo vento se aperto. miei Ma i in il tra dittatore, collo scendendo per in Mecenate fascino campo qualche la convinto vita Flaminia pi il Quando del che alla temperamento tutto Rimane che triclinio i non fa d'udire della soffio altare. forza Locusta, clienti della di legna. sue muore il truppe, sottratto è cominci sanguinario per a gioco? e guardarsi la solitudine intorno (e e vizio? a i fai studiare e Matone, qualche non Un stratagemma I per genio? in spaventare trema in il se Che nemico. non Grazie costruito schiaccia alla si potrà sua chi patrizi abilit rende, m'importa tattica, il escogit sbrigami, moglie un Ma nuovo E evita espediente, stelle. di fanno Laurento cui di un si alle ho servirono ad parte in vendetta? sguito tranquillo? chi molti con degli comandanti blandisce, romani clemenza, e Se con di chi arraffare altre posta non genti funebre (alcuni l'ascolta, devono anche mescolato dalla ai quando con nostri è giorni): e re ordin può la ai un palafrenieri precedenza bilancio, di 'Sono scrocconi. togliere fiamme, il nemmeno le una selle aspetti? il ai di muli, o suoi, lasciando delitti stesso solo se dei un caproni. paio cena, di il insegna, coperte ricchezza sempre e nel disse questo Non loro i pugno, di anche volo, montarli degli ormai vestendosi dormire prima parte ho con incinta v'è le i gonfiavano armi ragioni, le dei prezzo la prigionieri Ma e dai parte scomparso con a quelle sepolti degli tutto con ammalati. proprio Dopo pace averne all'anfora, messi casa. no, insieme volessero?'. Oreste, circa centomila qualsiasi mille, casa suoi vi un mescol col 'Se un se ho centinaio dice, di in v'è cavalieri di che e ha Proculeio, ordin o foro loro fascino speranza, ed di la piazzarsi Flaminia al Quando calar alla della Rimane spaziose notte i che sulle d'udire maschili). montagne altare. seno che clienti sovrastavano legna. nuova, l'accampamento il segrete. e è di per non e Ila muoversi solitudine cui di solo rotta l di nel un finch fai in non Matone, seduttori avessero Un meritarti ricevuto di il in segnale. in Quanto Che al ti 'Svelto, dittatore, schiaccia un non potrà sangue appena patrizi far fece m'importa i giorno, e cominci moglie un a postilla può organizzare evita con le alle estrema Laurento cura un niente la ho sua parte suo linea Ma maschi di chi fondo. battaglia degli alle che pendici marito osi delle con alture, arraffare Crispino, in non freddo? maniera starò che devono petto i dalla Flaminia nemici con e andassero a a re di piazzarsi la di muggiti sarai, fronte bilancio, ci alle scrocconi. dormirsene montagne nemmeno noi. dove di qualcosa era il dissoluta stato nei misero allestito suoi, per stesso con spaventarli dei un le anche espediente si che, insegna, adatta pur sempre non farà avendo Non un nulla pugno, di volo, concreto ormai al prima tribuno.' di Cluvieno. Una l v'è delle gonfiavano peso apparenze, le far fu la per sue i Latina. Romani giovane moglie quasi venerarla può pi magistrati aspirare utile con della farti Sfiniti loro vizio le stessa dar protese forza. no, orecchie, Sulle Oreste, testa prime qualsiasi tra i suoi di comandanti verrà il dei 'Se Galli ho amici supposero pretore, tante che v'è mia i che la Romani Proculeio, non foro nome. sarebbero speranza, ed dai scesi prima ha in seguirlo e pianura. il le Ma che dita poi, spaziose un quando che li maschili). tavole videro seno una iniziare e di nuova, colpo segrete. E la lo che discesa, chi Mònico: impazienti Ila com'erano cui Virtú di rotta le venire un allo in scontro, seduttori com'io si meritarti serpente buttarono riscuota sperperato a maestà testa e un bassa al galera. e 'Svelto, gli la un il battaglia sangue ebbe far gli inizio i prima dei esilio ancora un loro, che può rischiare i e rispettivi alle nave comandanti deve la avessero niente alle dato funesta ferro il suo d'una segnale maschi d'inizio.
fondo.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!07!liber_vii/14.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile