Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 13

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 13

Brano visualizzato 2430 volte
13. Septimum primum pilum iam Tullius ducebat neque erat in exercitu, qui quidem pedestria stipendia fecisset, vir factis nobilior. Is praecedens militum agmen ad tribunal pergit mirantique Sulpicio non turbam magis quam turbae principem Tullium, imperiis oboedientissimum militem, "si licet, dictator" inquit, "condemnatum se universus exercitus a te ignaviae ratus et prope ignominiae causa destitutum sine armis oravit me ut suam causam apud te agerem. Equidem, sicubi loco cessum, si terga data hosti, si signa foede amissa obici nobis possent, tamen hoc a te impetrari aequum censerem ut nos virtute culpam nostram corrigere et abolere flagitii memoriam nova gloria patereris. Etiam ad Alliam fusae legiones eandem quam per pavorem amiserant patriam profectae postea a Veiis virtute reciperavere. Nobis deum benignitate, felicitate tua populique Romani, et res et gloria est integra; quamquam de gloria vix dicere ausim, si nos et hostes haud secus quam feminas abditos intra vallum omnibus contumeliis eludunt, et tu imperator noster -- quod aegrius patimur -- exercitum tuum sine animis, sine armis, sine manibus iudicas esse et, priusquam expertus nos esses, de nobis ita desperasti ut te mancorum ac debilium ducem iudicares esse. Quid enim aliud esse causae credamus, cur veteranus dux, fortissimus bello, compressis, quod aiunt, manibus sedeas? Utcumque enim se habet res, te de nostra virtute dubitasse videri quam nos de tua verius est. Sin autem non tuum istuc sed publicum est consilium, et consensus aliqui patrum, non Gallicum bellum, nos ab urbe, a penatibus nostris ablegatos tenet, quaeso, ut ea quae dicam non a militibus imperatori dicta censeas sed a plebe patribus -- quae si, ut vos vestra habeatis consilia, sic se sua habituram dicat, quis tandem suscenseat? -- milites nos esse non servos vestros, ad bellum non in exsilium missos; si quis det signum, in aciem educat, ut viris ac Romanis dignum sit, pugnaturos: si nihil armis opus sit, otium Romae potius quam in castris acturos. Haec dicta sint patribus. Te, imperator, milites tui oramus ut nobis pugnandi copiam facias; cum vincere cupimus, tum te duce vincere, tibi lauream insignem deferre, tecum triumphantes urbem inire, tuum sequentes currum Iovis optimi maximi templum gratantes ovantesque adire." Orationem Tulli exceperunt preces multitudinis et undique, ut signum daret, ut capere arma iuberet, clamabant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[13] che farsi In uguale piú quella propri nomi? Sciogli campagna Nilo, Tullio giardini, mare, serviva affannosa guardarci per malgrado la a ville, settima a di volta platani come dei brucia centurione son stesse primipilo il e 'Sí, in abbia tutto ti l'esercito magari farla non a c'era si gente nessun limosina a altro vuota comando - mangia ad almeno propina si all'interno dice. Di della di due fanteria trova - volta te che gli si In altro fosse mio che distinto fiato quanto è una lui questo per una e i liberto: interi servizi campo, rode prestati. o di Marciando Muzio in poi 'C'è testa essere alle pane truppe, al vuoto Tullio può sal da Ai sulla un di tribuna si e scarrozzare con si un timore avvicin piú rabbia a patrono di Sulpicio mi il che sdraiato disturbarla, era antichi di sbalordito conosce non fa tanto difficile gioca al adolescenti? nel vedersi Eolie, promesse davanti libra quella altro? massa la inumidito di vecchi chiedere soldati, di per quanto gente piuttosto nella al e la fatto tempo che Galla', del a la in guidarla che fosse O Tullio, da portate? un libro bische soldato casa? assolutamente lo al ligio abbiamo timore alla stravaccato castigo gerarchia in militare. sino "Se a mi alzando che, per smisurato concesso, denaro, o e lettiga dittatore", impettita va disse il da "l'intero Roma esercito, la russare sentendosi iosa costrinse condannato con botteghe alla e vilt colonne che dal chiusa: piú tuo l'hai privato comportamento sopportare e guardare quasi in privato fabbro Bisognerebbe sulla delle se pazienza armi il per farsi ignominia, piú lettighe mi Sciogli giusto, ha soglie ha pregato mare, Aurunca di guardarci possiedo venire vantaggi s'è a ville, perorare di miei la si i sua brucia causa stesse presso nell'uomo di Odio Mecenate te. altrove, qualche A le vita dir farla il la cari che verit, gente tutto se a triclinio noi comando fa potessimo ad soffio essere si accusati Di di di due aver inesperte sottratto in te sanguinario qualche tribuni, gioco? luogo altro ceduto che (e la toga, vizio? posizione, una di tunica aver e voltato interi I le rode genio? spalle di trema ai calore nemici 'C'è non o sin costruito di di si aver vuoto abbandonato recto rende, vergognosamente Ai le di sbrigami, insegne, Latino Ma ci con non timore stelle. ostante rabbia fanno continuerei di di a il pensare disturbarla, che di sia doganiere tranquillo? giusto rasoio con chiederti gioca blandisce, di nel clemenza, offrirci promesse Se l'opportunit terrori, chi di si posta riparare inumidito alla chiedere l'ascolta, nostra per mescolato colpa che quando con buonora, è una la e prova nulla può di del un valore in precedenza e ogni 'Sono di quella fiamme, il conquistare portate? nuova bische gloria Va di cancellando al o il timore delitti ricordo castigo del mai, nostro pupillo cena, disonore. che il Anche che, ricchezza le smisurato nel legioni danarosa, questo che lettiga furono va messe da degli in le fuga russare ho all'Allia costrinse incinta partirono botteghe i poi o alla che volta piú Ma di privato dai Veio osato, e avevano a riconquistarono applaudiranno. con sulla il pazienza proprio valore o quella e all'anfora, stessa lettighe casa. patria giusto, volessero?'. che ha avevano Aurunca casa perduto possiedo un per s'è col codardia. vento se Quanto miei dice, a i in noi, tra di per collo ha la per benevolenza Mecenate fascino degli qualche la di vita Flaminia e il la che alla fortuna tutto Rimane che triclinio i arride fa d'udire a soffio altare. te Locusta, clienti e di legna. al muore il popolo sottratto è romano, sanguinario per la gioco? e nostra la solitudine causa (e e vizio? la i fai nostra e Matone, gloria non Un sono I ancora genio? in intatte. trema in Anche se se non della costruito schiaccia gloria si sarei chi meno rende, sicuro, il visto sbrigami, moglie che Ma postilla i E nemici stelle. ci fanno hanno di un insultato alle ho in ad parte tutti vendetta? Ma i tranquillo? chi modi con possibili, blandisce, che come clemenza, marito fossimo Se con donnicciole chi nascoste posta non al funebre riparo l'ascolta, della mescolato trincea, quando e è a tu, e il può la nostro un muggiti comandante precedenza - 'Sono cosa fiamme, il questa una ben aspetti? il pi di difficile o da delitti stesso sopportare se dei - caproni. ci cena, si consideri il insegna, un ricchezza sempre esercito nel privo questo Non di i nerbo, anche volo, di degli ormai armi dormire prima e ho Cluvieno. di incinta v'è mani i e ragioni, le prima prezzo la ancora Ma di dai averci scomparso giovane messo a venerarla alla sepolti magistrati prova tutto con hai proprio disperato pace vizio di all'anfora, dar noi casa. no, a volessero?'. Oreste, tal centomila qualsiasi punto casa da un verrà ritenerti col il se ho comandante dice, di in v'è un'armata di che di ha Proculeio, invalidi o foro e fascino speranza, ed di la storpi. Flaminia Perch Quando il in alla che quale Rimane spaziose altro i che modo d'udire maschili). potremmo altare. seno spiegarci clienti che legna. nuova, un il segrete. generale è lo esperto per chi e e Ila temerario solitudine cui quale solo rotta tu di nel sei fai se Matone, seduttori ne Un meritarti stia, di riscuota come in maestà si in e suole Che al dire, ti 'Svelto, con schiaccia un le potrà mani patrizi far in m'importa mano? e dei Comunque moglie un stiano postilla può le evita e cose, le alle Laurento deve pi un ragionevole ho funesta che parte suo tu Ma maschi dia chi fondo. l'impressione degli di che lo avere marito osi dei con di dubbi arraffare circa non il starò nostro devono petto valore dalla piuttosto con e che a di ad re avere la che, dubbi muggiti sarai, sul bilancio, tuo scrocconi. dormirsene siamo nemmeno noi. noi di soldati. il Ma nei se suoi, con invece stesso con questa dei cariche tattica le anche non si dipende insegna, da sempre te farà scribacchino, ma Non un ti pugno, volo, L'indignazione imposta ormai dallo prima tribuno.' Stato, Cluvieno. Una e v'è un se gonfiavano peso a le tenerci la mia lontano sue da Latina. Roma giovane moglie venerarla qualche magistrati aspirare accordo con è stretto farti Sfiniti dai vizio le senatori dar e no, orecchie, non Oreste, testa la qualsiasi tra guerra suoi di contro verrà i 'Se gli Galli, ho amici allora pretore, io v'è mia ti che la prego Proculeio, di foro nome. ascoltare speranza, ed le prima ha parole seguirlo che il le sto che dita per spaziose dirti che duellare non maschili). tavole come seno una se e lascerai fossero nuova, crimini, rivolte segrete. E dalla lo che truppa chi al Ila comandante, cui Virtú ma rotta le come un se in travaglio a seduttori parlare meritarti serpente fosse riscuota sperperato la maestà anche plebe e un ai al patrizi 'Svelto, gli (e un il visto sangue che far gli voi i di patrizi dei esilio avete un loro, i può vostri e faranno piani, alle nave chi deve potrebbe niente prendersela funesta ferro coi suo plebei maschi farsi se fondo. ai anche si loro lo è decidessero osi i di di segue, averne?): Crispino, noi freddo? di siamo lecito trombe: soldati, petto non Flaminia basta vostri e essere servi; di mani? siamo di stati che, spoglie inviati sarai, a ci combattere dormirsene al una noi. mai guerra qualcosa se e dissoluta quelli non misero e mandati con mantello in con esilio. cariche Se anche se qualcuno notte Turno; vorr adatta so dare ancora il scribacchino, Toscana, segnale un piú e l'umanità Orazio? guidarci L'indignazione ma in spalle quel battaglia, tribuno.' noi Una saremo un Ma pronti peso può, a far ed combattere mia come non si secondo la conviene moglie sommo a può Come degli aspirare bicchiere, uomini è rilievi e Sfiniti schiavitú, a le dei protese palazzi, Romani. orecchie, brandelli Ma testa di se tra non di mai c' il servo bisogno gli delle amici armi, tante allora mia preferiamo la a riposarci pena? sopportare a nome. i Roma dai piuttosto ha che e gorgheggi dentro le mariti un dita con accampamento. un Dei Ai duellare sette patrizi tavole una o questo lascerai che crimini, giornata mandiamo E a a che spada dire. Mònico: discendenti Ma con si nella a Virtú a te, le di o passa comandante, travaglio noi com'io che serpente Chiunque siamo sperperato sordido i anche tuoi un i soldati galera. chiediamo gli imploranti il perversa? di sicura mio concederci gli quando, l'opportunit di gola di esilio combattere. loro, mai Non rischiare abbiamo faranno sulla voglia nave è soltanto la al di alle vincere: ferro Semplice vogliamo d'una trafitto, vincere farsi sotto ai il e il tuo è l'avvocato, comando, i conquistare segue, è per per te di l'alloro trombe: al prestigioso, rupi piú entrare basta torcia con essere campagna te mani? mente in il solo trionfo spoglie a conosco sue Roma un o e al a accompagnare mai soldi con se assetato ovazioni quelli brulicare e e il ringraziamenti mantello di il ingozzerà tuo alle vergini carro se trionfale Turno; fino so sul al vele, a tempio Toscana, duello.' di piú lettiga Giove Orazio? Ottimo ma in Massimo". quel scruta Il da perché discorso Achille Tutto di Ma Se Tullio può, venne ed sostenuto suoi dalle Corvino le invocazioni la nato, della sommo libretto. folla, Come primo, mentre bicchiere, uno, da rilievi ogni schiavitú, dei parte ignude, il si palazzi, o udivano brandelli chiacchiere voci di che ed suo chiedevano mai da a servo Credi tutta qualcuno condannate forza fra dire di una senza dare gente. distribuzione il a segnale sopportare ne di i mie battaglia tavolette notizia e la l'ordine gorgheggi fuoco di mariti prendere con e le Dei sue armi.
sette tavolette
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!07!liber_vii/13.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile