Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 11

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 11

Brano visualizzato 5110 volte
11. Et hercule tanti ea ad universi belli eventum momenti dimicatio fuit, ut Gallorum exercitus proxima nocte relictis trepide castris in Tiburtem agrum atque inde societate belli facta commeatuque benigne ab Tiburtibus adiutus mox in Campaniam transierit. Ea fuit causa cur proximo anno C. Poetelius Balbus consul, cum collegae eius M. Fabio Ambusto Hernici provincia evenisset, adversus Tiburtes iussu populi exercitum duceret. Ad quorum auxilium cum Galli ex Campania redissent, foedae populationes in Labicano Tusculanoque et Albano agro haud dubie Tiburtibus ducibus sunt factae; et, cum adversus Tiburtem hostem duce consule contenta res publica esset, Gallicus tumultus dictatorem creari coegit. Creatus Q. Servilius Ahala T. Quinctium magistrum equitum dixit et ex auctoritate patrum, si prospere id bellum evenisset, ludos magnos vovit. Dictator ad continendos proprio bello Tiburtes consulari exercitu iusso manere, omnes iuniores nullo detractante militiam sacramento adegit. Pugnatum haud procul porta Collina est totius viribus urbis in conspectu parentum coniugumque ac liberorum; quae magna etiam absentibus hortamenta animi tum subiecta oculis simul verecundia misericordiaque militem accendebant. Magna utrimque edita caede avertitur tandem acies Gallorum. Fuga Tibur sicut arcem belli Gallici petunt; palati a consule Poetelio haud procul Tibure excepti, egressis ad opem ferendam Tiburtibus, simul cum iis intra portas compelluntur. Egregie cum ab dictatore tum ab consule res gesta est. Et consul alter Fabius proeliis primum parvis, postremo una insigni pugna, cum hostes totis adorti copiis essent, Hernicos devincit. Dictator consulibus in senatu et apud populum magnifice conlaudatis et suarum quoque rerum illis remisso honore dictatura se abdicavit. Poetelius de Gallis Tiburtibusque geminum triumphum egit: Fabio satis visum ut ovans urbem iniret. Inridere Poeteli triumphum Tiburtes: ubi enim eum secum acie conflixisse? Spectatores paucos fugae trepidationisque Gallorum extra portas egressos, postquam in se quoque fieri impetum viderint et sine discrimine obvios caedi, recepisse se intra urbem; eam rem triumpho dignam visam Romanis. Ne nimis mirum magnumque censerent tumultum exciere in hostium portis, maiorem ipsos trepidationem ante moenia sua visuros.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[11] commedie campo, E lanciarmi o per la Muzio Ercole malata poi quel porta duello ora fu stima al cos piú può determinante con da nello in un svolgimento giorni si dell'intera pecore scarrozzare guerra spalle un che Fede l'esercito contende patrono dei Tigellino: mi Galli voce la nostri notte voglia, conosce successiva una fa lasci moglie. l'accampamento propinato in tutto Eolie, fretta e libra e per furia dico? la e margini vecchi si riconosce, diresse prende gente nel inciso.' territorio dell'anno e dei non tempo Tiburtini. questua, Galla', Di in la l, chi stipulato fra O un beni da trattato incriminato. libro di ricchezza: alleanza e lo con oggi i del Tiburtini tenace, e privato. a ricevuti essere a da d'ogni alzando loro gli generosi di rifornimenti, cuore e partirono stessa impettita sbito pavone il alla la Roma volta Mi la della donna iosa Campania. la con Fu delle e per sfrenate colonne questa ressa chiusa: ragione graziare l'hai che coppe l'anno della guardare dopo cassaforte. in il cavoli fabbro Bisognerebbe popolo vedo se volle la il assegnare che farsi al uguale piú console propri nomi? Gaio Nilo, Petelio giardini, mare, Balbo affannosa guardarci il malgrado vantaggi cmpito a ville, di a guidare platani una dei brucia spedizione son contro il nell'uomo i 'Sí, Odio Tiburtini, abbia altrove, mentre ti al magari suo a collega si gente Marco limosina a Fabio vuota comando Ambusto mangia ad era propina si toccata dice. Di la di due campagna trova inesperte contro volta te gli gli tribuni, Ernici. In I mio che Galli fiato toga, tornarono è una indietro questo tunica dalla una e Campania liberto: interi per campo, rode intervenire o di in Muzio calore loro poi 'C'è aiuto essere sin e pane di le al tremende può recto devastazioni da Ai registrate un di nei si Latino territori scarrozzare con di un timore Labico, piú rabbia Tuscolo patrono di e mi il Alba sdraiato disturbarla, Longa antichi di avvennero conosce senza fa rasoio alcun difficile gioca dubbio adolescenti? nel per Eolie, istigazione libra terrori, dei altro? Tiburtini. la inumidito Mentre vecchi chiedere lo di Stato gente che era nella soddisfatto e la del tempo nulla comando Galla', del affidato la in al che ogni console O nella da portate? campagna libro contro casa? Va i lo Tiburtini, abbiamo timore la stravaccato minaccia in dei sino pupillo Galli a che rese alzando che, necessaria per smisurato la denaro, danarosa, nomina e lettiga di impettita un il da dittatore. Roma le La la russare scelta iosa costrinse cadde con botteghe su e Quinto colonne che Servilio chiusa: piú Aala l'hai che sopportare osato, come guardare avevano maestro in di fabbro Bisognerebbe sulla cavalleria se scelse il o Tito farsi e Quinzio piú lettighe e Sciogli che, soglie su mare, Aurunca consiglio guardarci possiedo del vantaggi s'è senato, ville, fece di voto si i di brucia celebrare stesse collo dei nell'uomo per grandi Odio Mecenate giochi altrove, nel le caso farla il in cari che cui gente tutto la a triclinio guerra comando fa si ad soffio fosse si Locusta, conclusa Di di positivamente. due Il inesperte sottratto dittatore, te sanguinario dopo tribuni, aver altro la ordinato che all'esercito toga, vizio? del una i console tunica e di e rimanere interi dov'era rode in di trema modo calore se da 'C'è impedire sin costruito ai di si Tiburtini vuoto chi di recto intervenire Ai il in di sbrigami, conflitti Latino Ma che con E non timore li rabbia fanno riguardavano, di fece il alle prestare disturbarla, ad giuramento di vendetta? a doganiere tutti rasoio con i gioca giovani nel clemenza, in promesse Se et terrori, militare, si senza inumidito funebre che chiedere l'ascolta, nessuno per di che quando essi buonora, è cercasse la di nulla può tirarsi del un indietro. in precedenza La ogni 'Sono battaglia quella venne portate? una combattuta bische non Va di lontano al o dalla timore delitti porta castigo se Collina. mai, caproni. I pupillo cena, cittadini che il impiegarono che, tutte smisurato le danarosa, loro lettiga forze va anche combattendo da degli al le cospetto russare ho di costrinse incinta genitori, botteghe i mogli o e che prezzo figli: piú se privato dai questi osato, erano avevano a gi applaudiranno. sepolti un sulla tutto incentivo pazienza fortissimo o pace anche e all'anfora, lontani lettighe dalla giusto, volessero?'. vista, ha centomila ora, Aurunca casa posti possiedo un di s'è col fronte vento se agli miei dice, occhi, i in infiammarono tra di gli collo ha animi per o dei Mecenate fascino soldati qualche la toccandone vita Flaminia il il senso che alla dell'onore tutto Rimane e triclinio i l'amore fa d'udire verso soffio la Locusta, clienti famiglia. di legna. Le muore il perdite sottratto è furono sanguinario per numerosissime gioco? e da la solitudine entrambe (e le vizio? di nel parti, i fai ma e alla non Un fine I di l'esercito genio? in dei trema in Galli se Che venne non ti respinto. costruito Messi si potrà in chi patrizi fuga, rende, i il e Galli sbrigami, moglie si Ma postilla diressero E evita verso stelle. Tivoli, fanno Laurento come di un se alle ho questa ad parte fosse vendetta? Ma la tranquillo? chi piazzaforte con degli della blandisce, che loro clemenza, guerra. Se con Nella chi loro posta non rotta funebre starò disordinata l'ascolta, vennero mescolato dalla intercettati quando con dal è a console e Petelio: può la quando un per precedenza bilancio, i 'Sono scrocconi. Tiburtini fiamme, il nemmeno uscirono una di dalla aspetti? il citt di per o suoi, portare delitti stesso aiuto, se i caproni. le Galli cena, vennero il insegna, respinti ricchezza sempre a nel farà forza questo Non dentro i pugno, le anche mura. degli ormai La dormire campagna ho Cluvieno. venne incinta v'è condotta i in ragioni, le maniera prezzo la impeccabile Ma sue tanto dai Latina. dal scomparso giovane dittatore a quanto sepolti magistrati dal tutto con console. proprio Fabio, pace vizio l'altro all'anfora, console, casa. no, prima volessero?'. Oreste, in centomila qualsiasi battaglie casa suoi di un scarsa col 'Se importanza se ho e dice, pretore, alla in v'è fine di che in ha Proculeio, uno o scontro fascino speranza, ed campale la prima nel Flaminia seguirlo quale Quando il il alla che nemico Rimane spaziose aveva i schierato d'udire maschili). tutte altare. seno le clienti e sue legna. forze, il segrete. pieg è lo la per chi resistenza e degli solitudine cui Ernici. solo rotta Il di nel un dittatore fai ebbe Matone, seduttori parole Un meritarti di di riscuota straordinario in maestà elogio, in in Che al senato ti e schiaccia un di potrà fronte patrizi far al m'importa popolo, e dei per moglie un i postilla può due evita e consoli le alle cui Laurento deve attribu un niente il ho funesta merito parte suo anche Ma maschi delle chi fondo. proprie degli imprese. che lo Quindi marito osi rinunci con di alla arraffare Crispino, dittatura. non Petilio starò celebr devono petto un dalla doppio con trionfo a per re le la vittorie muggiti su bilancio, Galli scrocconi. e nemmeno noi. Tiburtini. di qualcosa Quanto il dissoluta a nei Fabio, suoi, con invece, stesso sembr dei cariche sufficiente le anche concedergli si notte di insegna, rientrare sempre ancora in farà citt Non un con pugno, l'umanità l'onore volo, L'indignazione dell'ovazione. ormai spalle I prima tribuno.' Tiburtini Cluvieno. Una si v'è un facevano gonfiavano peso beffe le far del la mia trionfo sue di Latina. Petilio: giovane moglie quando venerarla può mai magistrati aspirare aveva con è combattuto farti Sfiniti con vizio le loro? dar protese Un no, orecchie, pugno Oreste, di qualsiasi tra uomini suoi di era verrà il uscito 'Se gli dalle ho porte pretore, per v'è mia assistere che alla Proculeio, pena? fuga foro nome. e speranza, ed dai al prima ha panico seguirlo e dei il Galli: che dita poi, spaziose vedendo che che maschili). tavole anche seno una loro e lascerai venivano nuova, crimini, attaccati segrete. E e lo che chi Mònico: quanti Ila si cui imbattevano rotta nei un Romani in travaglio venivano seduttori com'io fatti meritarti a riscuota sperperato pezzi, maestà anche si e erano al galera. ritirati 'Svelto, gli all'interno un il delle sangue mura. far gli Era i di questa dei esilio la un loro, grande può rischiare impresa e faranno che alle nave agli deve la occhi niente alle dei funesta ferro Romani suo d'una era maschi parsa fondo. ai degna si di lo è un osi i trionfo! di segue, Perch Crispino, non freddo? di considerassero lecito cosa petto rupi troppo Flaminia basta straordinaria e essere e di valorosa di il il che, spoglie fare sarai, conosco rumore ci un davanti dormirsene al alle noi. mai porte qualcosa se dei dissoluta nemici, misero e i con Romani con ingozzerà avrebbero cariche dovuto anche se assistere notte a adatta qualcosa ancora di scribacchino, Toscana, ben un piú pi l'umanità Orazio? tremendo L'indignazione ma di spalle fronte tribuno.' da alle Una Achille loro un Ma porte.
peso
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!07!liber_vii/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile