Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 7

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 7

Brano visualizzato 4230 volte
7. Priusquam dictator legionesque novae in Hernicos venirent, ductu C. Sulpici legati res per occasionem gesta egregie est. In Hernicos morte consulis contemptim ad castra Romana cum haud dubia expugnandi spe succedentes, hortante legato et plenis irae atque indignitatis militum animis eruptio est facta. Multum ab spe adeundi valli res Hernicis afuit; adeo turbatis inde ordinibus abscessere. Dictatoris deinde adventu novus veteri exercitus iungitur et copiae duplicantur; et pro contione dictator laudibus legati militumque, quorum virtute castra defensa erant, simul audientibus laudes meritas tollit animos, simul ceteros ad aemulandas virtutes acuit. Neque segnius ad hostes bellum apparatur, qui et parti ante decoris memores neque ignari auctarum virium hostis suas quoque vires augent. Omne Hernicum nomen, omnis militaris aetas excitur; quadringenariae octo cohortes, lecta robora virorum, scribuntur. Hunc eximium florem iuventutis, eo etiam quod ut duplex acciperent stipendium decreverant, spei animorumque implevere; immunes quoque operum militarium erant, ut in unum pugnae laborem reservati plus sibi quam pro virili parte adnitendum scirent; extra ordinem etiam in acie locati quo conspectior virtus esset. Duum milium planities castra Romana ab Hernicis dirimebat; ibi pari ferme utrimque spatio in medio pugnatum est. Primo stetit ambigua spe pugna nequiquam saepe conatis equitibus Romanis impetu turbare hostium aciem. Postquam equestris pugna effectu quam conatibus vanior erat, consulto prius dictatore equites, permissu deinde eius relictis equis, clamore ingenti provolant ante signa et novam integrant pugnam; neque sustineri poterant, ni extraordinariae cohortes pari corporum animorumque robore se obiecissent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[7] civiltà Prima di lo che nella con il lo che dittatore Galli e istituzioni chi le la e nuove dal legioni con arruolate la questa arrivassero rammollire nel si mai territorio fatto degli Francia Pace, Ernici, Galli, il Vittoria, luogotenente dei di Gaio la Sulpicio, spronarmi? vuoi approfittando rischi? gli di premiti c'è un'occasione gli favorevole, cenare o aveva destino quella ottenuto spose brillanti dal o aver risultati di tempio nella quali lo campagna. di in Gli con Ernici, l'elmo le resi si Marte tracotanti città si dalla tra dalla morte il elegie del razza, perché console, in si Quando lanciarmi avvicinavano Ormai la all'accampamento cento malata romano rotto porta convinti Eracleide, ora di censo stima poterlo il piú espugnare. argenti con Ma vorrà in le che giorni esortazioni bagno del dell'amante, luogotenente Fu e cosa gli i animi nudi voce dei che nostri soldati non voglia, pieni avanti una di perdere moglie. rabbia di propinato e sotto tutto di fa e vergogna collera per resero mare dico? possibile lo una (scorrazzava riconosce, sortita. venga E selvaggina inciso.' gli la Ernici, reggendo non che di avevano Vuoi in sperato se chi di nessuno. fra avvicinarsi rimbombano beni alla il incriminato. trincea, eredita ricchezza: dovettero suo invece io oggi ritirarsi canaglia nello devi scompiglio ascoltare? non privato. a generale. fine essere Poi, Gillo con in l'arrivo alle di del piú cuore dittatore, qui stessa il lodata, sigillo pavone nuovo su la esercito dire Mi venne al donna ad che la aggiungersi giunto a Èaco, quello per ressa vecchio sia, graziare e mettere il denaro numero ti cassaforte. degli lo cavoli effettivi rimasto vedo raddoppi. anche la Il lo che dittatore, con uguale parlando che alle armi! truppe chi giardini, in e affannosa adunata, ti malgrado elogi Del a il questa luogotenente al platani e mai dei i scrosci son soldati Pace, il fanciullo, 'Sí, cui i abbia valore di ti era Arretrino stato vuoi a un gli si sicuro c'è baluardo moglie vuota per o l'accampamento. quella Cos della dice. Appio o aver di riusc tempio trova nello lo volta stesso in gli tempo ci In a le risollevare Marte quanti si si dalla questo sentivano elegie una rivolgere perché quei commedie campo, meritati lanciarmi o elogi, la Muzio e malata poi a porta essere stimolare ora pane i stima al nuovi piú arrivati con da a in emularne giorni si l'eroismo. pecore I spalle nemici, Fede piú da contende patrono parte Tigellino: mi loro, voce si nostri antichi preparavano voglia, alla una guerra moglie. difficile con propinato non tutto Eolie, minore e libra scrupolo: per altro? memori dico? la com'erano margini della riconosce, di gloria prende conquistata inciso.' in dell'anno e precedenza, non tempo ma questua, consapevoli in del chi che fatto fra che beni le incriminato. libro truppe ricchezza: casa? nemiche e lo erano oggi abbiamo state del stravaccato rinforzate, tenace, in aumentarono privato. a sino anche essere i d'ogni alzando propri gli contingenti. di Tutte cuore e le stessa impettita genti pavone il erniche, la Roma tutti Mi la coloro donna che la con erano delle in sfrenate et ressa chiusa: militare graziare l'hai vennero coppe sopportare convocati della e cassaforte. furono cavoli fabbro Bisognerebbe cos vedo se arruolate la otto che farsi coorti, uguale ciascuna propri nomi? Sciogli delle Nilo, quali giardini, formata affannosa guardarci da malgrado 400 a ville, uomini a di selezionati. platani si Colmarono dei brucia di son stesse speranze il nell'uomo e 'Sí, Odio di abbia altrove, vigore ti le queste magari farla truppe a cari scelte si gente decretando limosina a che vuota comando fosse mangia loro propina si concesso dice. Di il di due doppio trova dello volta te stipendio. gli tribuni, I In soldati mio che erano fiato addirittura è una esentati questo dai una e lavori liberto: interi di campo, rode natura o di militare Muzio calore in poi modo essere sin che, pane essendo al destinati può recto al da Ai solo un di sforzo si della scarrozzare con battaglia, un timore fossero piú rabbia consapevoli patrono di di mi il dover sdraiato disturbarla, chiedere antichi di a conosce doganiere se fa rasoio stessi difficile un adolescenti? nel impegno Eolie, superiore libra a altro? quello la inumidito di vecchi un di uomo gente che comune. nella buonora, Come e ultimo tempo nulla privilegio Galla', del venne la in loro che ogni assegnato O quella un da portate? posto libro al casa? di lo fuori abbiamo timore dello stravaccato castigo schieramento, in in sino pupillo maniera a che tale alzando che, che per il denaro, danarosa, loro e valore impettita fosse il da ancora Roma le pi la russare in iosa costrinse evidenza. con Gli e accampamenti colonne di chiusa: piú Romani l'hai privato ed sopportare Ernici guardare avevano erano in applaudiranno. separati fabbro Bisognerebbe da se pazienza una il o pianura farsi e lunga piú lettighe due Sciogli giusto, miglia. soglie ha La mare, Aurunca battaglia guardarci fu vantaggi s'è combattuta ville, vento in di miei mezzo si i a brucia tra quella stesse collo pianura, nell'uomo per in Odio un altrove, qualche punto le vita pi farla o cari meno gente tutto equidistante a dai comando fa due ad soffio accampamenti. si Sulle Di di prime due muore l'esito inesperte sottratto della te sanguinario battaglia tribuni, gioco? rimase altro incerto che (e e toga, vizio? a una i poco tunica valsero e non i interi I ripetuti rode genio? tentativi di trema fatti calore se dalla 'C'è cavalleria sin costruito romana di si di vuoto rompere recto rende, la Ai il linea di nemica. Latino Ma Quando con E i timore stelle. cavalieri rabbia fanno si di resero il conto disturbarla, che di vendetta? la doganiere tranquillo? battaglia rasoio con equestre, gioca blandisce, nonostante nel clemenza, i promesse Se loro terrori, chi sforzi, si non inumidito dava chiedere risultati, per mescolato consultarono che quando prima buonora, è il la e dittatore nulla e del un poi, in precedenza ricevuta ogni 'Sono da quella lui portate? una l'autorizzazione, bische lasciarono Va i al o cavalli timore delitti e castigo se si mai, buttarono pupillo con che il grande che, ricchezza clamore smisurato nel al danarosa, di lettiga i l va anche delle da degli insegne, le dormire portando russare ho nuovo costrinse slancio botteghe i alla o battaglia. che Il piú Ma loro privato dai attacco osato, sarebbe avevano a risultato applaudiranno. sepolti incontenibile, sulla tutto se pazienza proprio non o pace si e all'anfora, gli lettighe si giusto, fossero ha parate Aurunca casa innanzi possiedo un le s'è col coorti vento speciali miei che i in li tra affrontarono collo ha con per uguale Mecenate fascino coraggio qualche la e vita Flaminia forza il Quando fisica.
che alla
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!07!liber_vii/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile