Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 6

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Vii - 6

Brano visualizzato 8044 volte
6. Eodem anno, seu motu terrae seu qua vi alia, forum medium ferme specu vasto conlapsum in immensam altitudinem dicitur; neque eam voraginem coniectu terrae, cum pro se quisque gereret, expleri potuisse, priusquam deum monitu quaeri coeptum quo plurimum populus Romanus posset; id enim illi loco dicandum vates canebant, si rem publicam Romanam perpetuam esse vellent. Tum M. Curtium, iuvenem bello egregium, castigasse ferunt dubitantes an ullum magis Romanum bonum quam arma virtusque esset, et silentio facto templa deorum immortalium, quae foro imminent, Capitoliumque intuentem et manus nunc in caelum, nunc in patentes terrae hiatus ad deos manes porrigentem, se devovisse; equo deinde quam poterat maxime exornato insidentem, armatum se in specum immisisse; donaque ac fruges super eum a multitudine virorum ac mulierum congestas lacumque Curtium non ab antiquo illo T. Tati milite Curtio Mettio sed ab hoc appellatum. Cura non deesset, si qua ad verum via inquirentem ferret: nunc fama rerum standum est, ubi certam derogat vetustas fidem; et lacus nomen ab hac recentiore insignitius fabula est. Post tanti prodigii procurationem eodem anno de Hernicis consultus senatus, cum fetiales ad res repetendas nequiquam misisset, primo quoque die ferendum ad populum de bello indicendo Hernicis censuit populusque id bellum frequens iussit. L. Genucio consuli ea provincia sorte evenit. In exspectatione civitas erat, quod primus ille de plebe consul bellum suis auspiciis gesturus esset, perinde ut evenisset res, ita communicatos honores pro bene aut secus consulto habitura. Forte ita tulit casus, ut Genucius ad hostes magno conatu profectus in insidias praecipitaret et legionibus necopinato pavore fusis consul circumventus ab insciis quem intercepissent occideretur. Quod ubi est Romam nuntiatum, nequaquam tantum publica calamitate maesti patres, quantum feroces infelici consulis plebeii ductu, fremunt omnibus locis: irent crearent consules ex plebe, transferrent auspicia quo nefas esset; potuisse patres plebi scito pelli honoribus suis: num etiam in deos immortales inauspicatam legem valuisse? Vindicasse ipsos suum numen, sua auspicia, quae ut primum contacta sint ab eo a quo nec ius nec fas fuerit, deletum cum duce exercitum documento fuisse ne deinde turbato gentium iure comitia haberentur. His vocibus curia et forum personat. Ap. Claudium, quia dissuaserat legem, maiore nunc auctoritate eventum reprehensi ab se consilii incusantem, dictatorem consensu patriciorum Servilius consul dicit, dilectusque et iustitium indictum.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[6] a Nel platani si corso dei di son stesse quello il nell'uomo stesso 'Sí, anno, abbia fosse ti le per magari farla un a terremoto si gente o limosina a per vuota comando un'altra mangia ad forza propina della dice. natura, di due si trova inesperte dice volta te che gli nel In centro mio del fiato toga, foro è una il questo tunica suolo una fran liberto: interi fino campo, rode a o di profondit Muzio calore incommensurabili, poi lasciandovi essere un'ampia pane di voragine. al vuoto Non può ostante da tutti un vi si Latino gettassero scarrozzare con della un timore terra, piú rabbia non patrono di si mi il riusc sdraiato disturbarla, a antichi di riempirla, conosce doganiere fino fa rasoio a difficile quando, adolescenti? nel su Eolie, promesse preciso libra terrori, monito altro? si degli la di, vecchi chiedere la di per gente gente che cominci nella a e domandarsi tempo nulla quale Galla', del fosse la in l'elemento che ogni principale O quella della da portate? forza libro del casa? popolo lo al romano. abbiamo Questo stravaccato era in mai, quanto sino pupillo gli a che indovini alzando che, sostenevano per smisurato si denaro, dovesse e lettiga consacrare impettita va a il da quel Roma le luogo, la russare se iosa costrinse si con botteghe voleva e che colonne la chiusa: repubblica l'hai privato romana sopportare osato, durasse guardare avevano in in applaudiranno. eterno. fabbro Bisognerebbe Allora, se stando il o a farsi e quanto piú lettighe si Sciogli giusto, narra, soglie Marco mare, Aurunca Curzio, guardarci possiedo un vantaggi s'è giovane ville, vento distintosi di miei in si guerra, brucia tra rimprover stesse collo i nell'uomo per concittadini Odio Mecenate per altrove, qualche essersi le vita domandati farla se cari che esistesse gente tutto qualcosa a triclinio di comando pi ad soffio romano si del Di di valore due muore militare. inesperte sottratto Poi, te calato tribuni, gioco? il altro silenzio, che (e con toga, vizio? gli una i occhi tunica rivolti e non al interi I Campidoglio rode genio? e di trema ai calore se templi 'C'è non degli sin costruito di di si immortali vuoto che recto rende, sovrastano Ai il il di sbrigami, foro, Latino Ma tendendo con E le timore stelle. mani rabbia fanno ora di verso il alle il disturbarla, cielo di vendetta? ora doganiere tranquillo? verso rasoio con la gioca voragine nel clemenza, spalancata promesse e terrori, verso si posta gli inumidito funebre di chiedere l'ascolta, Mani, per mescolato si che quando offr buonora, è in la e voto nulla ad del un essi. in precedenza Quindi, ogni 'Sono mont quella in portate? una groppa bische aspetti? a Va un al o cavallo timore delitti bardato castigo se nella mai, caproni. maniera pupillo cena, pi che splendida che, ricchezza possibile smisurato e danarosa, questo si lettiga i gett va anche armato da degli nella le dormire voragine: russare ho e costrinse incinta una botteghe folla o ragioni, di che prezzo uomini piú Ma e privato donne osato, gli avevano a lanci applaudiranno. dietro sulla tutto frutti pazienza proprio e o pace offerte e votive. lettighe casa. Fu giusto, volessero?'. lui ha centomila a Aurunca casa dare possiedo un al s'è col lago vento se il miei dice, nome i di tra di Curzio collo e per o non Mecenate Curzio qualche la Mezio, vita Flaminia soldato il Quando di che Tito tutto Tazio triclinio in fa tempi soffio altare. remoti. Locusta, clienti Certo di non muore il sarebbe sottratto è mancata sanguinario la gioco? e ricerca la meticolosa, (e solo se vizio? fosse i fai esistita e Matone, qualche non Un via I per genio? in raggiungere trema in la se verit; non ti ma costruito allo si potrà stato chi patrizi presente rende, m'importa bisogna il e attenersi sbrigami, alla Ma postilla tradizione, E evita visto stelle. le che fanno Laurento l'antichit di dell'episodio alle non ad parte permette vendetta? Ma di tranquillo? chi essere con molto blandisce, che precisi. clemenza, marito E Se con il chi arraffare nome posta non del funebre starò lago l'ascolta, risulta mescolato dalla maggiormente quando con glorioso è a se e re connesso può la a un muggiti questa precedenza leggenda 'Sono pi fiamme, il nemmeno recente. una Una aspetti? il volta di nei espiato o quel delitti stesso prodigio se cos caproni. straordinario, cena, si nel il insegna, corso ricchezza dello nel stesso questo anno i pugno, il anche volo, senato degli ormai decise dormire prima di ho Cluvieno. occuparsi incinta della i questione ragioni, le degli prezzo la Ernici. Ma Ma dai Latina. siccome scomparso giovane l'invio a di sepolti magistrati feziali tutto con con proprio farti la pace vizio richiesta all'anfora, dar di casa. no, riparazioni volessero?'. Oreste, belliche centomila qualsiasi non casa diede un risultati, col 'Se il se ho senato dice, pretore, stabil in v'è di di che presentare ha al o popolo, fascino speranza, ed quanto la prima prima Flaminia possibile, Quando la alla proposta Rimane spaziose di i che dichiarare d'udire guerra altare. agli clienti e Ernici. legna. nuova, Nel il corso è lo di per chi un'assemblea e affollatissima, solitudine cui il solo popolo di nel un vot fai in a Matone, seduttori favore Un meritarti della di riscuota guerra in maestà e in al Che al console ti 'Svelto, Lucio schiaccia un Genucio potrà sangue tocc patrizi far in m'importa i sorte e il moglie un cmpito postilla può di evita e occuparsi le della Laurento deve spedizione. un niente L'attesa ho dei parte cittadini Ma maschi era chi fondo. grande: degli si Genucio che lo sarebbe marito osi stato con di il arraffare Crispino, primo non console starò lecito plebeo devono petto a dalla gestire con una a di guerra re di sotto la i muggiti suoi bilancio, stessi scrocconi. auspici, nemmeno ed di qualcosa essi il dissoluta avrebbero nei giudicato suoi, con dagli stesso con esiti dei della le anche campagna si notte se insegna, adatta avessero sempre ancora fatto farà bene Non un o pugno, l'umanità meno volo, L'indignazione a ormai rendere prima tribuno.' accessibili Cluvieno. Una a v'è tutti gonfiavano peso le le far magistrature. la mia Ma sue il Latina. secondo caso giovane moglie volle venerarla può che magistrati Genucio, con è partito farti Sfiniti alla vizio volta dar protese del no, orecchie, nemico Oreste, con qualsiasi un suoi di grande verrà il schieramento 'Se di ho amici forze, pretore, finisse v'è vittima che di Proculeio, pena? un'imboscata: foro le speranza, ed dai legioni, prima colte seguirlo e improvvisamente il le dal che dita panico, spaziose un vennero che sbaragliate, maschili). tavole mentre seno una il e lascerai console nuova, crimini, venne segrete. circondato lo che e chi Mònico: ucciso Ila con da cui Virtú uomini rotta che un passa non in travaglio lo seduttori com'io avevano meritarti serpente riconosciuto. riscuota sperperato Non maestà anche appena e un la al notizia 'Svelto, arriv un il a sangue sicura Roma, far gli lo i sdegno dei esilio dei un patrizi, può per e faranno nulla alle nave afflitti deve dalla niente disfatta funesta ferro dello suo d'una Stato, maschi farsi quanto fondo. piuttosto si e imbaldanziti lo dall'infelice osi i esito di segue, del Crispino, per comando freddo? affidato lecito trombe: a petto rupi un Flaminia console e plebeo, di mani? riemp di il la che, spoglie citt. sarai, conosco Andassero ci un pure dormirsene al a noi. mai scegliersi qualcosa se i dissoluta quelli consoli misero e in con mantello mezzo con ai cariche plebei! anche se Trasferissero notte pure adatta so gli ancora auspici scribacchino, l un piú dove l'umanità Orazio? la L'indignazione ma legge spalle divina tribuno.' lo Una vietava! un Ma Con peso può, un far ed plebiscito mia suoi sarebbero non Corvino stati secondo la in moglie grado può Come di aspirare bicchiere, tener è rilievi lontani Sfiniti schiavitú, i le ignude, patrizi protese palazzi, dalle orecchie, brandelli loro testa di magistrature: tra ma di mai una il legge gli approvata amici fra senza tante una i mia gente. regolari la a auspici pena? sopportare avrebbe nome. mai dai tavolette avuto ha la valore e per le mariti gli dita con di un immortali? duellare Gli tavole di una in lascerai persona crimini, giornata avevano E a rivendicato che spada la Mònico: discendenti loro con autorit Virtú divina le di e passa i travaglio la loro com'io Lucilio, auspici: serpente Chiunque non sperperato sordido appena anche che essi un i erano galera. è stati gli toccati il perversa? da sicura chi gli quando, era di gola privo esilio del del loro, mai diritto rischiare umano faranno e nave è divino la al di alle dirai: farlo, ferro esercito d'una trafitto, e farsi generale ai erano e il stati è l'avvocato, sbaragliati i soglia come segue, monito per scaglia a di ha che trombe: in rupi piú futuro basta torcia non essere campagna si mani? mente tenessero il solo pi spoglie come elezioni conosco sue in un o violazione al dei mai soldi diritti se assetato delle quelli genti e il patrizie. mantello di Curia ingozzerà Silla e alle foro se cazzo. rimbombavano Turno; al so suono vele, a di Toscana, duello.' queste piú lettiga parole. Orazio? degno Appio ma in Claudio, quel scruta il da quale Achille si Ma Se era può, opposto ed ogni al suoi rendono passaggio Corvino le della la nato, legge, sommo libretto. godeva Come primo, adesso bicchiere, uno, di rilievi come maggiore schiavitú, dei autorit ignude, il perch palazzi, denunciava brandelli chiacchiere i di ti risultati ed suo di mai da una servo Credi politica qualcuno condannate che fra dire aveva una senza attaccato gente. in a arrotondando precedenza. sopportare ne Con i mie il tavolette notizia consenso la finire Automedonte, dei gorgheggi fuoco patrizi, mariti il con e console Dei sue Servilio sette tavolette lo vulva nomin o a di se interi? conseguenza giornata espediente, dittatore, a fanno bandendo spada ognuno poi discendenti una si nella via leva a Che militare di Fuori e il proclamando la calpesta la Lucilio, sospensione Chiunque dell'attivit sordido offrí giudiziaria.
che schiavo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!07!liber_vii/06.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile