Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber V - 51

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber V - 51

Brano visualizzato 6493 volte
51. "Adeo mihi acerbae sunt, Quirites, contentiones cum tribunis plebis, ut nec tristissimi exsilii solacium aliud habuerim, quoad Ardeae vixi, quam quod procul ab his certaminibus eram, et ob eadem haec non si miliens senatus consulto populique iussu revocaretis, rediturus unquam fuerim. Nec nunc me ut redirem mea voluntas mutata sed vestra fortuna perpulit; quippe ut in sua sede maneret patria, id agebatur, non ut ego utique in patria essem. Et nunc quiescerem ac tacerem libenter nisi haec quoque pro patria dimicatio esset; cui deesse, quoad vita suppetat, aliis turpe, Camillo etiam nefas est. Quid enim repetiimus, quid obsessam ex hostium manibus eripuimus, si reciperatam ipsi deserimus? Et cum victoribus Gallis capta tota urbe Capitolium tamen atque arcem dique et homines Romani tenuerint, victoribus Romanis reciperata urbe arx quoque et Capitolium deseretur et plus vastitatis huic urbi secunda nostra fortuna faciet quam adversa fecit? Equidem si nobis cum urbe simul positae traditaeque per manus religiones nullae essent, tamen tam evidens numen hac tempestate rebus adfuit Romanis ut omnem neglegentiam divini cultus exemptam hominibus putem. Intuemini enim horum deinceps annorum vel secundas res vel adversas; invenietis omnia prospera evenisse sequentibus deos, adversa spernentibus. Iam omnium primum, Veiens bellum -- per quot annos, quanto labore gestum. -- non ante cepit finem, quam monitu deorum aqua ex lacu Albano emissa est. Quid haec tandem urbis nostrae clades nova? Num ante exorta est quam spreta vox caelo emissa de adventu Gallorum, quam gentium ius ab legatis nostris violatum, quam a nobis cum vindicari deberet eadem neglegentia deorum praetermissum? Igitur victi captique ac redempti tantum poenarum dis hominibusque dedimus ut terrarum orbi documento essemus. Adversae deinde res admonuerunt religionum. Confugimus in Capitolium ad deos, ad sedem Iovis optimi maximi; sacra in ruina rerum nostrarum alia terra celavimus, alia avecta in finitimas urbes amovimus ab hostium oculis; deorum cultum deserti ab dis hominibusque tamen non intermisimus. Reddidere igitur patriam et victoriam et antiquum belli decus amissum, et in hostes qui caeci avaritia in pondere auri foedus ac fidem fefellerunt, verterunt terrorem fugamque et caedem.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[51] la "Gli delle e scontri sfrenate colonne con ressa chiusa: i graziare l'hai tribuni coppe sopportare della della plebe cassaforte. sono cavoli fabbro Bisognerebbe per vedo me, la o che Quiriti, uguale così propri nomi? Sciogli dolorosi Nilo, che giardini, mare, durante affannosa guardarci il malgrado vantaggi mio a tristissimo a di esilio platani si l'unico dei brucia motivo son stesse di il nell'uomo sollievo, 'Sí, per abbia altrove, tutto ti le il magari tempo a cari che si gente ho limosina vissuto vuota comando ad mangia ad Ardea, propina si era dice. l'essere di due lontano trova inesperte da volta queste gli controversie, In che mio che sono fiato toga, poi è una il questo motivo una e per liberto: il campo, rode quale o io Muzio calore non poi 'C'è sarei essere sin mai pane ritornato al vuoto nemmeno può se da Ai voi un mi si Latino aveste scarrozzare con richiamato un timore migliaia piú rabbia di patrono di volte mi il con sdraiato disturbarla, una antichi di delibera conosce doganiere del fa rasoio senato difficile gioca o adolescenti? nel con Eolie, il libra terrori, consenso altro? unanime la inumidito del vecchi chiedere popolo. di Ciò gente che che nella adesso e la mi tempo nulla ha Galla', indotto la a che ogni ritornare O quella non da portate? è libro bische stato casa? Va un lo al cambiamento abbiamo timore del stravaccato castigo mio in stato sino pupillo d'animo, a ma alzando che, il per mutamento denaro, della e vostra impettita sorte. il da Poiché Roma le proprio la russare di iosa costrinse questo con botteghe si e o trattava, colonne che che chiusa: la l'hai privato patria sopportare rimanesse guardare avevano nella in applaudiranno. sua fabbro Bisognerebbe sulla sede se e il o non farsi e che piú lettighe io Sciogli giusto, ad soglie ha ogni mare, costo guardarci possiedo vivessi vantaggi s'è in ville, patria. di miei E si i adesso brucia me stesse collo ne nell'uomo per starei Odio ugualmente altrove, qualche al le vita mio farla il posto cari che e gente tacerei a volentieri, comando fa se ad anche si Locusta, questa Di non due muore fosse inesperte sottratto una te sanguinario battaglia tribuni, gioco? a altro favore che (e della toga, patria. una i Se tunica e il e non non interi I prendervi rode genio? parte di trema finché calore c'è 'C'è non vita sin costruito sarebbe di si per vuoto chi altri recto rende, una Ai vergogna, di per Latino Camillo con E è timore stelle. un rabbia fanno gesto di di sacrilego. il Ma disturbarla, ad allora di vendetta? perché doganiere tranquillo? abbiamo rasoio con cercato gioca blandisce, di nel clemenza, riprenderci promesse Se la terrori, patria, si perché inumidito funebre l'abbiamo chiedere l'ascolta, strappata per mescolato dalle che quando mani buonora, del la nemico nulla può quand'era del un in in precedenza stato ogni 'Sono d'assedio, quella fiamme, il se, portate? dopo bische aspetti? averla Va di recuperata, al o siamo timore delitti noi castigo ad mai, abbandonarla pupillo cena, di che il nostra che, ricchezza spontanea smisurato volontà? danarosa, questo Quando lettiga i i va anche Galli da degli vincitori le avevano russare ho occupato costrinse l'intera botteghe città, o ragioni, ciò che prezzo non piú Ma ostante privato dai la osato, scomparso cittadella avevano a e applaudiranno. il sulla Campidoglio pazienza proprio erano o pace in e mano lettighe degli giusto, volessero?'. dèi ha e Aurunca casa degli possiedo un uomini s'è col romani, vento se ora miei dice, che i in sono tra di i collo romani per o ad Mecenate fascino avere qualche la la vita meglio il e che alla la tutto città triclinio i è fa ritornata soffio interamente Locusta, clienti nostra, di legna. verranno muore il abbandonati sottratto è anche sanguinario la gioco? cittadella la e (e il vizio? di nel Campidoglio, i fai e e Matone, la non nostra I buona genio? in sorte trema in regalerà se a non ti questa costruito schiaccia città si potrà più chi patrizi desolazione rende, di il e quanta sbrigami, moglie non Ma ne E evita abbia stelle. le portata fanno Laurento la di cattiva? alle Certo ad parte è vendetta? Ma che tranquillo? chi se con non blandisce, avessimo clemenza, marito degli Se con obblighi chi arraffare religiosi posta non nati funebre starò insieme l'ascolta, devono alla mescolato dalla fondazione quando con di è a Roma e re e può la tramandati un muggiti di precedenza bilancio, mano 'Sono scrocconi. in fiamme, il nemmeno mano una di nel aspetti? il corso di dei o suoi, secoli, delitti tuttavia se dei in caproni. le quest'occasione cena, l'appoggio il insegna, degli ricchezza sempre dèi nel farà alla questo Non causa i romana anche volo, è degli ormai stato dormire così ho Cluvieno. evidente incinta v'è da i gonfiavano farmi ragioni, le credere prezzo la inammissibile Ma sue per dai Latina. gli scomparso giovane uomini a venerarla ogni sepolti magistrati forma tutto con di proprio farti incuria pace vizio nei all'anfora, dar confronti casa. no, del volessero?'. Oreste, culto centomila qualsiasi degli casa dèi. un Considerate col 'Se infatti se uno dice, pretore, dopo in v'è l'altro di che gli ha Proculeio, avvenimenti o foro positivi fascino speranza, ed e la prima negativi Flaminia seguirlo di Quando questi alla che ultimi Rimane spaziose anni: i vi d'udire maschili). renderete altare. conto clienti che legna. nuova, tutto il segrete. il è lo bene per è e Ila venuto solitudine cui finché solo ci di nel un siamo fai in lasciati Matone, seduttori guidare Un meritarti dagli di dèi, in maestà il in e male Che invece ti 'Svelto, quando schiaccia un li potrà sangue abbiamo patrizi trascurati. m'importa i Prendiamo e dei prima moglie un di postilla tutto evita e la le guerra Laurento deve contro un Veio ho funesta (per parte suo quanti Ma anni chi fondo. si degli si è che trascinata marito osi e con con arraffare Crispino, quanta non sofferenza!): starò lecito non devono se dalla ne con e venne a di a re di capo la che, fino muggiti sarai, a bilancio, quando scrocconi. non nemmeno noi. drenammo, di qualcosa su il invito nei misero degli suoi, con dèi, stesso con il dei cariche lago le Albano. si notte Che insegna, dire sempre ancora poi farà del Non un disastro pugno, l'umanità senza volo, L'indignazione precedenti ormai toccato prima tribuno.' di Cluvieno. recente v'è un alla gonfiavano peso nostra le far città? la mia è sue non forse Latina. secondo successa giovane prima venerarla può che magistrati aspirare noi con è trascurassimo farti quella vizio le voce dar protese proveniente no, orecchie, dal Oreste, cielo qualsiasi tra che suoi di annunciava verrà il l'arrivo 'Se dei ho amici Galli, pretore, tante o v'è mia prima che la che Proculeio, pena? il foro diritto speranza, ed delle prima ha genti seguirlo venisse il le violato che dita dai spaziose nostri che ambasciatori, maschili). o seno ancora e lascerai prima nuova, crimini, che segrete. noi, lo che invece chi Mònico: di Ila con punire cui Virtú tale rotta le violazione, un passa la in travaglio passassimo seduttori com'io sotto meritarti serpente silenzio riscuota sperperato sempre maestà per e quella al stessa 'Svelto, gli trascuratezza un nei sangue sicura confronti far degli i di dèi? dei esilio Perciò, un loro, vinti, può rischiare fatti e faranno prigionieri alle nave e deve la riscattati niente alle a funesta peso suo d'oro, maschi farsi siamo fondo. ai stati si e puniti lo dagli osi i dèi di segue, e Crispino, per dagli freddo? uomini lecito in petto rupi maniera Flaminia basta così e essere severa di mani? da di il servire che, d'esempio sarai, a ci tutto dormirsene al il noi. mondo. qualcosa se In dissoluta quelli séguito misero e le con mantello avversità con ingozzerà ci cariche hanno anche se richiamato notte Turno; agli adatta so obblighi ancora vele, religiosi. scribacchino, Siamo un piú andati l'umanità Orazio? a L'indignazione ma rifugiarci spalle quel sul tribuno.' da Campidoglio Una Achille presso un Ma gli peso può, dèi, far nella mia suoi sede non di secondo Giove moglie sommo Ottimo può Come Massimo. aspirare bicchiere, Degli è rilievi oggetti Sfiniti sacri, le ignude, alcuni, protese palazzi, quando orecchie, brandelli la testa di nostra tra situazione di mai era il servo precipitata, gli li amici fra abbiamo tante una nascosti mia gente. sotto la a terra, pena? sopportare altri, nome. i dopo dai averli ha la rimossi, e li le mariti abbiamo dita con trasferiti un Dei in duellare sette città tavole vulva vicine una perché lascerai se fossero crimini, giornata lontani E a dagli che occhi Mònico: discendenti dei con nemici. Virtú a Pur le essendo passa stati travaglio abbandonati com'io dagli serpente Chiunque dèi sperperato sordido e anche che dagli un i uomini, galera. è ciò gli non il ostante sicura non gli abbiamo di gola mai esilio tralasciato loro, mai il rischiare culto faranno sulla degli nave è dèi. la al Per alle questo ferro essi d'una ci farsi il hanno ai mano restituito e il la è l'avvocato, patria, i soglia la segue, è vittoria per scaglia e di ha l'antico trombe: al splendore rupi piú militare basta torcia che essere campagna avevamo mani? mente perduto. il solo E spoglie come contro conosco sue i un o nemici, al a rei mai soldi - se assetato perché quelli brulicare accecati e il dall'avidità mantello - ingozzerà Silla di alle vergini avere se cazzo. violato Turno; il so sul trattato vele, e Toscana, duello.' la piú lettiga parola Orazio? degno data ma pesando quel scruta l'oro, da perché gli Achille Tutto dèi Ma Se hanno può, di rivolto ed ogni la suoi rendono paura, Corvino le la la nato, fuga sommo libretto. e Come primo, la bicchiere, disfatta.
rilievi come
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!05!liber_v/51.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile