Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber V - 34

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber V - 34

Brano visualizzato 5876 volte
34. De transitu in Italiam Gallorum haec accepimus: Prisco Tarquinio Romae regnante, Celtarum quae pars Galliae tertia est penes Bituriges summa imperii fuit; ii regem Celtico dabant. Ambigatus is fuit, virtute fortunaque cum sua, tum publica praepollens, quod in imperio eius Gallia adeo frugum hominumque fertilis fuit ut abundans multitudo vix regi videretur posse. Hic magno natu ipse iam exonerare praegravante turba regnum cupiens, Bellovesum ac Segovesum sororis filios impigros iuvenes missurum se esse in quas di dedissent auguriis sedes ostendit; quantum ipsi vellent numerum hominum excirent ne qua gens arcere advenientes posset. Tum Segoveso sortibus dati Hercynei saltus; Belloveso haud paulo laetiorem in Italiam viam di dabant. Is quod eius ex populis abundabat, Bituriges, Arvernos, Senones, Haeduos, Ambarros, Carnutes, Aulercos excivit. Profectus ingentibus peditum equitumque copiis in Tricastinos venit. Alpes inde oppositae erant; quas inexsuperabiles visas haud equidem miror, nulladum via, quod quidem continens memoria sit, nisi de Hercule fabulis credere libet, superatas. Ibi cum velut saeptos montium altitudo teneret Gallos, circumspectarentque quanam per iuncta caelo iuga in alium orbem terrarum transirent, religio etiam tenuit quod allatum est advenas quaerentes agrum ab Salvum gente oppugnari. Massilienses erant ii, navibus a Phocaea profecti. Id Galli fortunae suae omen rati, adiuvere ut quem primum in terram egressi occupaverant locum patientibus Salvis communirent. Ipsi per Taurinos saltus [saltum]que Duriae Alpes transcenderunt; fusisque acie Tuscis haud procul Ticino flumine, cum in quo consederant agrum Insubrium appellari audissent cognominem Insubribus pago Haeduorum, ibi omen sequentes loci condidere urbem; Mediolanium appellarunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[34] bagno pecore Le dell'amante, spalle notizie Fu che cosa contende abbiamo i Tigellino: circa nudi la che nostri migrazione non voglia, dei avanti Galli perdere moglie. in di Italia sotto tutto sono fa e queste. collera per Durante mare dico? il lo margini regno (scorrazzava riconosce, di venga prende Tarquinio selvaggina inciso.' Prisco la a reggendo non Roma, di i Vuoi Celti se chi - nessuno. fra che rimbombano sono il incriminato. uno eredita dei suo e tre io ceppi canaglia del etnici devi tenace, della ascoltare? non privato. a Gallia fine essere - Gillo si in gli trovavano alle di sotto piú cuore il qui stessa dominio lodata, sigillo pavone dei su Biturigi dire Mi i al donna quali che la fornivano giunto delle un Èaco, sfrenate re per ressa al sia, popolo mettere coppe celtico. denaro della In ti cassaforte. quel lo cavoli tempo rimasto vedo il anche re lo in con carica che propri nomi? era armi! Nilo, Ambigato, chi uomo e potentissimo ti per Del a valore questa a e al ricchezza mai tanto scrosci son personale Pace, il quanto fanciullo, dell'intero i abbia paese, di perché Arretrino magari sotto vuoi a il gli si suo c'è limosina regno moglie vuota la o mangia Gallia quella propina raggiunse della dice. un o aver di tale tempio trova livello lo di in abbondanza ci In agricola le e Marte di si è popolosità dalla da elegie una sembrare perché liberto: che commedie una lanciarmi o tale la Muzio massa malata poi di porta essere individui ora la stima si piú può potesse con da governare in un a giorni si mala pecore pena. spalle un E Fede piú siccome contende patrono Ambigato Tigellino: era voce ormai nostri antichi avanti voglia, negli una anni moglie. difficile e propinato adolescenti? desiderava tutto alleviare e libra il per proprio dico? la regno margini vecchi da riconosce, quell'eccesso prende gente di inciso.' presenze, dell'anno e annunciò non tempo che questua, avrebbe in la inviato chi che Belloveso fra O e beni da Segoveso, incriminato. libro i ricchezza: due e lo intraprendenti oggi abbiamo figli del stravaccato di tenace, sua privato. a sorella, essere a a d'ogni trovare gli per quelle di denaro, sedi cuore che stessa gli pavone il dèi, la per Mi mezzo donna iosa degli la augùrii, delle e avrebbero sfrenate loro ressa chiusa: indicato graziare l'hai come coppe appropriate. della guardare Erano cassaforte. autorizzati cavoli fabbro Bisognerebbe a vedo convocare la il tutti che farsi gli uguale uomini propri nomi? Sciogli che Nilo, soglie ritenevano giardini, mare, necessari affannosa all'operazione, malgrado in a maniera a tale platani si che dei brucia nessuna son stesse tribù il nell'uomo potesse 'Sí, Odio impedir abbia loro ti le di magari stanziarsi a cari nel si luogo limosina a prescelto. vuota comando La mangia ad sorte propina si assegnò dice. Di allora di due a trova inesperte Segoveso volta te la gli regione In altro della mio che selva fiato toga, Ercinia, è una mentre questo tunica a una Belloveso liberto: interi gli campo, rode dèi o di concedevano Muzio calore un poi percorso essere sin ben pane di più al vuoto piacevole, può recto e da cioè un di la si strada scarrozzare verso un timore l'Italia. piú rabbia Prendendo patrono di con mi il sdraiato disturbarla, gli antichi di uomini conosce doganiere che fa rasoio risultavano difficile gioca in adolescenti? eccesso Eolie, promesse tra libra le altro? si tribù la inumidito dei vecchi chiedere Biturigi, di per degli gente che Arverni, nella buonora, dei e la Senoni, tempo nulla degli Galla', Edui, la degli che Ambarri, O quella dei da portate? Carnuti libro e casa? Va degli lo al Aulerci, abbiamo Belloveso stravaccato castigo si in mai, mise sino pupillo in a che marcia alzando che, con per smisurato un denaro, danarosa, ingente e lettiga schieramento impettita di il fanti Roma le e la russare cavalieri iosa costrinse ed con botteghe entrò e nel colonne che territorio chiusa: piú dei l'hai privato Tricastini. sopportare osato, guardare avevano si in applaudiranno. trovarono fabbro Bisognerebbe sulla di se pazienza fronte il o le farsi e Alpi: piú lettighe e Sciogli giusto, non soglie ha c'è mare, Aurunca affatto guardarci da vantaggi s'è stupirsi ville, vento che di apparissero si i invalicabili, brucia visto stesse collo che nell'uomo per fino Odio ad altrove, qualche allora le vita non farla il c'erano cari che valichi gente tutto che a ne comando permettessero ad l'attraversamento si (stando Di di almeno due alla inesperte sottratto tradizione te sanguinario storica tribuni, e altro la se che (e non toga, vizio? si una vuole tunica credere e alle interi I leggende rode genio? relative di trema alle calore se imprese 'C'è di sin Ercole). di si Lì, vuoto chi mentre recto rende, i Ai Galli, di quasi Latino Ma rinserrati con E tra timore stelle. le rabbia fanno alte di di montagne, il si disturbarla, ad guardavano di vendetta? intorno doganiere domandandosi rasoio con dove gioca blandisce, mai nel clemenza, sarebbero promesse Se riusciti terrori, a si passare inumidito in chiedere l'ascolta, un per mescolato altro che mondo buonora, è al la e di nulla può del un di in precedenza quelle ogni 'Sono cime quella fiamme, il che portate? una arrivavano bische aspetti? a Va di toccare al o la timore volta castigo se del mai, caproni. cielo, pupillo cena, vennero che il trattenuti che, ricchezza anche smisurato nel da danarosa, questo uno lettiga i scrupolo va anche religioso da degli perché le dormire arrivò russare ho la costrinse incinta notizia botteghe i che o ragioni, degli che prezzo stranieri piú Ma alla privato dai ricerca osato, di avevano a terre applaudiranno. sepolti erano sulla tutto stati pazienza proprio attaccati o pace dai e all'anfora, Salluvi. lettighe casa. Si giusto, trattava ha centomila dei Aurunca casa Massiliesi, possiedo un partiti s'è via vento se mare miei da i in Focea. tra I collo ha Galli per o allora, Mecenate ritenendolo qualche la un vita Flaminia buon il Quando auspicio che alla per tutto Rimane il triclinio proprio fa d'udire futuro, soffio altare. li Locusta, clienti aiutarono, di senza muore il trovare sottratto è resistenza sanguinario per nei gioco? e Salluvi, la solitudine a (e solo fortificare vizio? di nel il i fai luogo e Matone, in non Un cui I si genio? in erano trema in attestati se sùbito non ti dopo costruito schiaccia lo si potrà sbarco. chi patrizi Attraversarono rende, m'importa quindi il e il sbrigami, territorio Ma postilla dei E Taurini stelle. le e fanno valicarono di un le alle ho Alpi ad nella vendetta? Ma zona tranquillo? della con Dora. blandisce, che Poi, clemenza, marito dopo Se con aver chi sbaragliato posta non in funebre campo l'ascolta, aperto mescolato dalla gli quando con Etruschi è non e lontano può la dal un fiume precedenza Ticino, 'Sono scrocconi. e fiamme, il nemmeno saputo una che aspetti? il di punto o suoi, in delitti stesso cui se dei si caproni. le erano cena, si accampati il si ricchezza chiamava nel farà "territorio questo Non degli i Insubri" anche volo, (nome degli identico dormire prima a ho Cluvieno. quello incinta v'è del i cantone ragioni, le abitato prezzo dagli Ma Edui), dai Latina. considerarono scomparso giovane questa a venerarla coincidenza sepolti magistrati un tutto con segno proprio beneaugurale pace vizio del all'anfora, dar destino casa. no, e volessero?'. fondarono centomila qualsiasi in casa quel un verrà luogo col una se ho città dice, pretore, che in v'è chiamarono di Mediolano.
ha
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!05!liber_v/34.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile