Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iv - 37

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iv - 37

Brano visualizzato 2300 volte
37. Creati consules sunt C. Sempronius Atratinus Q. Fabius Vibulanus. Peregrina res, sed memoria digna traditur eo anno facta, volturnum, Etruscorum urbem, quae nunc Capua est, ab Samnitibus captam, Capuamque ab duce eorum Capye vel, quod propius vero est, a campestri agro appellatam. Cepere autem, prius bello fatigatis Etruscis, in societatem urbis agrorumque accepti, deinde festo die graves somno epulisque incolas veteres novi coloni nocturna caede adorti. His rebus actis, consules ii, quos diximus, idibus Decembribus magistratum occepere. Iam non solum qui ad id missi erant rettulerant imminere Volscum bellum, sed legati quoque ab Latinis et Hernicis nuntiabant non ante unquam Volscos nec ducibus legendis nec exercitui scribendo intentiores fuisse; volgo fremere aut in perpetuum arma bellumque oblivioni danda iugumque accipiendum, aut iis cum quibus de imperio certetur, nec virtute nec patientia nec disciplina rei militaris cedendum esse. Haud vana attulere; sed nec perinde patres moti sunt, et C. Sempronius cui ea provincia sorti evenit tamquam constantissimae rei fortunae fretus, quod victoris populi adversus victos dux esset omnia temere ac neglegenter egit, adeo ut disciplinae Romanae plus in Volsco exercitu quam in Romano esset. Ergo fortuna, ut saepe alias, virtutem est secuta. Primo proelio, quod ab Sempronio incaute inconsulteque commissum est, non subsidiis firmata acie, non equite apte locato concursum est. Clamor indicium primum fuit quo res inclinatura esset, excitatior crebriorque ab hoste sublatus: ab Romanis dissonus, impar, segnius saepe iteratus prodidit pavorem animorum. Eo ferocior inlatus hostis urgere scutis, micare gladiis. Altera ex parte nutant circumspectantibus galeae, et incerti trepidant applicantque se turbae; signa nunc resistentia deseruntur ab antesignanis, nunc inter suos manipulos recipiuntur. Nondum fuga certa, nondum victoria erat; tegi magis Romanus quam pugnare; Volscus inferre signa, urgere aciem, plus caedis hostium videre quam fugae.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[37] dell'amante, spalle Furono Fu Fede eletti cosa contende consoli i Tigellino: Gaio nudi voce Sempronio che nostri Atratino non voglia, e avanti Quinto perdere Fabio di propinato Vibulano. sotto tutto In fa e quell'anno, collera a mare dico? quanto lo margini si (scorrazzava riconosce, dice, venga accadde selvaggina inciso.' un la dell'anno episodio reggendo non che, di pur Vuoi in riguardando se chi un nessuno. fra paese rimbombano straniero, il incriminato. merita eredita ricchezza: ugualmente suo e di io essere canaglia del menzionato. devi tenace, Volturno, ascoltare? non privato. a la fine essere citt Gillo d'ogni etrusca in gli oggi alle nota piú cuore come qui Capua, lodata, sigillo cadde su la in dire mano al dei che Sanniti giunto e Èaco, sfrenate fu per chiamata sia, Capua mettere coppe dal denaro loro ti comandante lo Capi rimasto vedo o, anche la com' lo che pi con probabile, che propri nomi? dal armi! terreno chi giardini, pianeggiante e affannosa in ti malgrado cui Del a si questa trova. al platani I mai dei Sanniti scrosci son la Pace, il presero fanciullo, 'Sí, dopo i abbia esser di ti stati Arretrino magari in vuoi a un gli si primo c'è tempo moglie vuota invitati o dagli quella propina Etruschi, della dice. stremati o aver di dalla tempio guerra, lo volta a in dividere ci con le loro Marte i si è benefici dalla questo della elegie una cittadinanza perché liberto: e commedie campo, la lanciarmi o propriet la Muzio delle malata poi terre. porta essere Poi, ora pane nella stima al notte piú può successiva con da a in un un giorni si giorno pecore di spalle un festa, Fede i contende patrono nuovi Tigellino: coloni voce sdraiato assalirono nostri antichi i voglia, vecchi una fa abitanti moglie. difficile immersi propinato adolescenti? nel tutto sonno e libra dopo per altro? le dico? la gozzoviglie, margini vecchi e riconosce, di li prende gente massacrarono. inciso.' nella I dell'anno e consoli non sopra questua, Galla', menzionati in la entrarono chi che in fra carica beni da alle incriminato. idi ricchezza: casa? di e dicembre, oggi abbiamo dopo del stravaccato che tenace, in erano privato. a avvenuti essere a questi d'ogni fatti. gli per Ormai, di non cuore soltanto stessa impettita gli pavone il uomini la che Mi la erano donna stati la con inviati delle e per sfrenate informarsi ressa chiusa: erano graziare l'hai gi coppe sopportare ritornati della guardare con cassaforte. la cavoli fabbro Bisognerebbe notizia vedo se che la il i che farsi Volsci uguale piú erano propri nomi? Sciogli sul Nilo, piede giardini, mare, di affannosa guardarci guerra, malgrado vantaggi ma a ville, anche a di gli platani si ambasciatori dei brucia di son stesse Latini il nell'uomo ed 'Sí, Ernici abbia altrove, riferivano ti che magari farla mai a cari i si Volsci, limosina a prima vuota comando di mangia ad allora, propina si dice. Di erano di due tanto trova inesperte impegnati volta nella gli tribuni, scelta In altro dei mio che comandanti fiato toga, e è nell'arruolamento questo tunica di una e un liberto: interi esercito; campo, la o di gente Muzio calore continuava poi 'C'è a essere sin dire pane di che al vuoto bisognava può recto o da dimenticare un una si Latino volta scarrozzare con per un timore tutte piú le patrono di armi mi il e sdraiato la antichi di guerra conosce doganiere sottomettendosi fa rasoio al difficile gioca giogo adolescenti? nemico, Eolie, promesse oppure libra non altro? si essere la inferiori vecchi chiedere per di per valore, gente che resistenza nella e e la disciplina tempo nulla militare Galla', del a la coloro che con O i da portate? quali libro bische si casa? Va era lo in abbiamo timore lotta stravaccato per in la sino pupillo supremazia. a che Le alzando che, informazioni per smisurato rispondevano denaro, a e verit, impettita va ma il i Roma le patrizi la russare non iosa costrinse le con tennero e o nella colonne che dovuta chiusa: piú considerazione. l'hai privato E sopportare osato, Gaio guardare Sempronio, in a fabbro Bisognerebbe sulla cui se era il toccata farsi e in piú lettighe sorte Sciogli giusto, quella soglie ha provincia, mare, Aurunca confidando guardarci possiedo nella vantaggi s'è costanza ville, della di fortuna, si i giacch brucia tra guidava stesse un nell'uomo per popolo Odio Mecenate di altrove, qualche vincitori le vita contro farla il dei cari che vinti, gente tutto dimostr a triclinio una comando sconsideratezza ad soffio e si Locusta, un'incuria Di di tali due che inesperte vi te sanguinario era tribuni, gioco? pi altro la disciplina che nell'esercito toga, vizio? volsco una i che tunica in e non quello interi romano. rode genio? Come di trema spesso calore se in 'C'è non altre sin costruito occasioni, di si al vuoto chi valore recto rende, si Ai accompagn di la Latino Ma fortuna. con E All'inizio timore stelle. della rabbia fanno battaglia, di di affrontata il alle da disturbarla, ad Sempronio di vendetta? con doganiere tranquillo? leggerezza rasoio e gioca blandisce, imprudenza, nel si promesse Se and terrori, chi all'attacco si senza inumidito funebre aver chiedere l'ascolta, rinforzato per lo che quando schieramento buonora, è con la le nulla può riserve del e in precedenza senza ogni 'Sono aver quella fiamme, il disposto portate? una opportunamente bische aspetti? la Va cavalleria. al o Il timore primo castigo se indizio mai, sugli pupillo cena, esiti che della che, battaglia smisurato nel fu danarosa, questo l'urlo lettiga i di va anche guerra da degli che le dormire si russare lev costrinse incinta forte botteghe i e o ragioni, continuo che prezzo dalla piú parte privato dai dei osato, scomparso nemici, avevano confuso, applaudiranno. sepolti ineguale sulla tutto e pazienza proprio ripetuto o pace fiaccamente e all'anfora, da lettighe casa. parte giusto, dei ha Romani. Aurunca casa L'esercito, possiedo un con s'è col quell'incerto vento se grido, miei trad i in la tra di paura collo degli per o animi. Mecenate fascino Perci qualche il vita Flaminia nemico il Quando si che alla butt tutto Rimane all'assalto triclinio con fa ancora soffio pi Locusta, clienti accanimento, di legna. premendo muore con sottratto è gli sanguinario per scudi gioco? e e la solitudine facendo (e lampeggiare vizio? di nel le i fai spade. e Dall'altra non parte, I di ondeggiano genio? gli trema elmi se Che dei non ti soldati costruito schiaccia che si potrà si chi guardano rende, attorno, il e e, sbrigami, non Ma postilla sapendo E evita cosa stelle. le fare, fanno Laurento si di agitano, alle ho si ad parte accalcano vendetta? Ma nel tranquillo? chi fitto con degli della blandisce, che schiera. clemenza, Le Se con insegne chi un posta po' funebre restano l'ascolta, devono sul mescolato dalla posto quando con abbandonate è a dai e soldati può la della un muggiti prima precedenza bilancio, fila, 'Sono scrocconi. un fiamme, il nemmeno po' una di sono aspetti? riportate di nell'interno o dei delitti manipoli. se dei Non caproni. le era cena, si ancora il insegna, una ricchezza sempre vera nel fuga, questo Non non i pugno, era anche ancora degli ormai una dormire prima vittoria. ho Cluvieno. I incinta v'è Romani, i gonfiavano pi ragioni, che prezzo la combattere, Ma sue cercavano dai Latina. di scomparso giovane proteggersi. a venerarla I sepolti Volsci tutto con si proprio farti buttavano pace vizio all'assalto, all'anfora, dar premevano casa. no, contro volessero?'. Oreste, le centomila qualsiasi truppe casa suoi romane, un verrà ma col vedevano se ho pi dice, pretore, nemici in v'è morti di che che ha Proculeio, in o fuga.
fascino speranza, ed
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!04!liber_iv/37.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile