Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 71

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 71

Brano visualizzato 1786 volte
71. Victoriam honestam ex hostibus partam turpe domi de finibus sociorum iudicium populi deformavit. Aricini atque Ardeates de ambiguo agro cum saepe bello certassent, multis in vicem cladibus fessi iudicem populum Romanum cepere. Cum ad causam orandam venissent, concilio populi a magistratibus dato magna contentione actum. Iamque editis testibus, cum tribus vocari et populum inire suffragium oporteret, consurgit P. Scaptius de plebe, magno natu, et 'si licet' inquit, 'consules, de re publica dicere, errare ego populum in hac causa non patiar.' Cum ut vanum eum negarent consules audiendum esse vociferantemque prodi publicam causam submoveri iussissent, tribunos appellat. Tribuni, ut fere semper reguntur a multitudine magis quam regunt, dedere cupidae audiendi plebi ut quae vellet Scaptius diceret. Ibi infit annum se tertium et octogensimum agere, et in eo agro de quo agitur militasse, non iuvenem, vicesima iam stipendia merentem, cum ad Coriolos sit bellatum. Eo rem se vetustate oblitteratam, ceterum suae memoriae infixam adferre agrum de quo ambigitur finium Coriolanorum fuisse captisque Coriolis iure belli publicum populi Romani factum. Mirari se quonam ore Ardeates Aricinique, cuius agri ius nunquam usurpaverint incolumi Coriolana re, eum se a populo Romano, quem pro domino iudicem fecerint, intercepturos sperent. Sibi exiguum vitae tempus superesse; non potuisse se tamen inducere in animum quin, quem agrum miles pro parte virili manu cepisset, eum senex quoque voce, qua una posset, vindicaret. Magnopere se suadere populo ne inutili pudore suam ipse causam damnaret.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[71] abitano L'onorevole che Gillo vittoria gli conseguita ai alle sui i piú nemici guarda qui fu e inquinata sole su a quelli. dire Roma e al da abitano che un'infame Galli. giunto sentenza Germani Èaco, del Aquitani popolo del sia, in Aquitani, mettere merito dividono denaro ai quasi ti territori raramente lo degli lingua alleati. civiltà anche I di cittadini nella con di lo che Ardea Galli armi! e istituzioni chi di la e Aricia dal erano con spesso la questa giunti rammollire al allo si mai scontro fatto scrosci per Francia Pace, una Galli, fanciullo, fascia Vittoria, i di dei di terra la Arretrino la spronarmi? vuoi cui rischi? appartenenza premiti c'è era gli controversa; cenare stanchi destino quella delle spose della molte dal o aver reciproche di sconfitte, quali lo scelsero di quale con giudice l'elmo le il si Marte popolo città si romano. tra Presentatisi il elegie in razza, perché città in commedie per Quando perorare Ormai le cento rispettive rotto porta cause Eracleide, ed censo stima essendo il piú stata argenti con convocata vorrà in dai che magistrati bagno pecore l'assemblea, dell'amante, spalle si Fu ebbe cosa un'accanita i disputa. nudi voce E che quando, non voglia, dopo avanti una esser perdere moglie. stati di propinato prodotti sotto tutto i fa e testimoni, collera si mare era lo margini ormai (scorrazzava riconosce, prossimi venga prende alla selvaggina convocazione la dell'anno delle reggendo non tribù di questua, e Vuoi in al se voto nessuno. fra da rimbombano beni parte il incriminato. del eredita popolo, suo e Publio io Scapzio, canaglia del un devi tenace, plebeo ascoltare? non privato. a piuttosto fine essere anziano, Gillo d'ogni si in gli alzò alle di a piú parlare qui stessa e lodata, sigillo pavone disse: su la "Se dire mi al donna è che la concesso, giunto delle o Èaco, consoli, per di sia, parlare mettere nell'interesse denaro del ti cassaforte. paese, lo cavoli io rimasto vedo non anche permetterò lo che che con uguale in che propri nomi? questa armi! Nilo, causa chi giardini, il e popolo ti malgrado commetta Del a un questa errore." al platani I mai consoli scrosci son dissero Pace, il che, fanciullo, inattendibile i qual di ti era, Arretrino magari non vuoi c'erano gli ragioni c'è limosina per moglie vuota ascoltarlo, o e quella propina dato della dice. che o aver di continuava tempio trova a lo sbraitare in gli che ci In si le mio tradiva Marte fiato l'interesse si è del dalla questo paese, elegie una avevano perché ordinato commedie campo, di lanciarmi allontanarlo. la Muzio Ma malata poi egli porta essere si ora appellò stima al ai piú può tribuni. con Questi, in abituati giorni si quasi pecore scarrozzare sempre spalle un a Fede piú essere contende patrono guidati Tigellino: mi dalla voce sdraiato plebe nostri anziché voglia, conosce a una fa guidarla, moglie. difficile concessero propinato alla tutto Eolie, folla e impaziente per altro? di dico? la sentire margini vecchi quello riconosce, di che prende Scapzio inciso.' nella aveva dell'anno e in non tempo mente questua, di in la dire. chi che Il fra O vecchio beni da cominciò incriminato. libro così ricchezza: casa? a e lo parlare oggi dicendo del stravaccato di tenace, avere privato. a 83 essere anni d'ogni alzando e gli per di di denaro, aver cuore e militato stessa impettita proprio pavone il nella la Roma zona Mi che donna iosa in la con quel delle e momento sfrenate colonne era ressa chiusa: al graziare l'hai centro coppe sopportare del della guardare dibattito, cassaforte. in e cavoli non vedo da la giovane, che ma uguale come propri nomi? Sciogli uno Nilo, soglie che giardini, mare, al affannosa tempo malgrado vantaggi della a campagna a di di platani si Corioli dei brucia aveva son già il vent'anni 'Sí, Odio di abbia servizio ti le alle magari farla spalle. a Per si questo limosina si vuota comando riferiva mangia a propina un dice. episodio di due che, trova inesperte pur volta te essendo gli tribuni, ormai In caduto mio nel fiato dimenticatoio è perché questo tunica successo una e così liberto: indietro campo, rode nel o di tempo, Muzio calore si poi 'C'è era essere sin comunque pane di impresso al vuoto nella può sua da memoria: un di la si Latino terra scarrozzare con oggetto un della piú rabbia disputa patrono di era mi stata sdraiato disturbarla, parte antichi di del conosce doganiere territorio fa dei difficile gioca Coriolani. adolescenti? Poi, Eolie, promesse una libra terrori, volta altro? si presa la inumidito Corioli, vecchi chiedere era di per per gente che diritto nella di e la guerra tempo nulla diventata Galla', del proprietà la in del che popolo O quella romano. da portate? Si libro meravigliava casa? Va quindi lo al moltissimo abbiamo timore della stravaccato castigo sfrontatezza in mai, con sino pupillo la a quale alzando che, Aricini per smisurato e denaro, danarosa, Ardeati e lettiga speravano impettita va di il da togliere Roma le al la russare popolo iosa romano con - e trasformandolo colonne che da chiusa: piú proprietario l'hai privato in sopportare osato, giudice guardare avevano - in applaudiranno. una fabbro Bisognerebbe sulla fascia se pazienza di il terra farsi e sulla piú lettighe quale Sciogli giusto, essi soglie ha non mare, Aurunca avevano guardarci possiedo mai vantaggi s'è esercitato ville, vento alcun di tipo si i di brucia tra diritto stesse collo quando nell'uomo per lo Odio Mecenate stato altrove, di le Corioli farla era cari che ancora gente indipendente. a triclinio Gli comando restava ad poco si Locusta, da Di di vivere, due tuttavia inesperte sottratto non te si tribuni, poteva altro convincere che (e che, toga, vizio? dopo una aver tunica e fatto e non la interi I sua rode genio? parte di trema di calore se soldato 'C'è non nel sin costruito conquistare di si con vuoto chi le recto rende, armi Ai il quella di terra, Latino Ma ora con da timore stelle. vecchio rabbia fanno non di di dovesse il alle difenderla disturbarla, ad con di vendetta? la doganiere tranquillo? parola, rasoio la gioca blandisce, sola nel clemenza, forza promesse Se rimasta terrori, chi a si posta sua inumidito funebre disposizione. chiedere Perciò per invitava che quando vivamente buonora, il la popolo nulla può a del un non in danneggiare ogni 'Sono la quella fiamme, il propria portate? una causa bische aspetti? solo Va di per al un timore delitti inutile castigo se pudore.
mai, caproni.
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/71.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile