Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 63

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 63

Brano visualizzato 3033 volte
63. Vadunt igitur in proelium ab sua parte omissum et locum ex quo cesserant repetunt; momentoque non restituta modo pugna, sed inclinatur etiam Sabinis cornu. Eques inter ordines peditum tectus se ad equos recipit; transvolat inde in partem alteram suis victoriae nuntius; simul et in hostes iam pavidos, quippe fuso suae partis validiore cornu, impetum facit. Non aliorum eo proelio virtus magis enituit. Consul providere omnia, laudare fortes, increpare sicubi segnior pugna esset. Castigati fortium statim virorum opera edebant tantumque hos pudor quantum alios laudes excitabant. Redintegrato clamore undique omnes conisi hostem avertunt, nec deinde Romana vis sustineri potuit. Sabini fusi passim per agros castra hosti ad praedam relinquunt. Ibi non sociorum sicut in Algido res, sed suas Romanus populationibus agrorum amissas recipit. Gemina victoria duobus bifariam proeliis parta, maligne senatus in unum diem supplicationes consulum nomine decrevit. Populus iniussu et altero die frequens iit supplicatum; et haec vaga popularisque supplicatio studiis prope celebratior fuit. Consules ex composito eodem biduo ad urbem accessere senatumque in Martium campum evocavere. Ubi cum de rebus ab se gestis agerent, questi primores patrum senatum inter milites dedita opera terroris causa haberi. Itaque inde consules, ne criminationi locus esset, in prata Flaminia, ubi nunc aedes Apollinis est -- iam tum Apollinare appellabant --, avocavere senatum. Ubi cum ingenti consensu patrum negaretur triumphus, L. Icilius tribunus plebis tulit ad populum de triumpho consulum, multis dissuasum prodeuntibus, maxime C. Claudio vociferante de patribus, non de hostibus consules triumphare velle gratiamque pro privato merito in tribunum, non pro virtute honorem peti. Nunquam ante de triumpho per populum actum; semper aestimationem arbitriumque eius honoris penes senatum fuisse; ne reges quidem maiestatem summi ordinis imminuisse. Ne ita omnia tribuni potestatis suae implerent, ut nullum publicum consilium sinerent esse. Ita demum liberam civitatem fore, ita aequatas leges, si sua quisque iura ordo, suam maiestatem teneat. In eandem sententiam multa et a ceteris senioribus patrum cum essent dicta, omnes tribus eam rogationem acceperunt. Tum primum sine auctoritate senatus populi iussu triumphatum est.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[63] stima al I piú può fanti con da ritornano in al giorni si combattimento pecore che spalle un dalla Fede piú loro contende parte Tigellino: era voce sdraiato stato nostri antichi abbandonato voglia, conosce e una fa riconquistano moglie. difficile la propinato adolescenti? posizione tutto Eolie, dalla e quale per altro? si dico? la erano margini vecchi ritirati. riconosce, E prende gente in inciso.' un dell'anno e attimo non tempo non questua, solo in la vennero chi che ristabilite fra O le beni sorti incriminato. libro della ricchezza: battaglia, e lo ma oggi l'ala del stravaccato sabina tenace, in fu privato. a sino costretta essere a a d'ogni alzando ripiegare. gli per I di denaro, cavalieri, cuore coperti stessa impettita dalle pavone linee la Roma della Mi la fanteria, donna iosa rimontano la con a delle e cavallo. sfrenate Arrivati ressa al graziare l'hai galoppo coppe dall'altra della guardare parte cassaforte. in dello cavoli fabbro Bisognerebbe schieramento, vedo comunicano la il ai che compagni uguale piú la propri nomi? Sciogli notizia Nilo, soglie della giardini, mare, vittoria affannosa guardarci e malgrado vantaggi nel a contempo a caricano platani si i dei brucia nemici, son già il in 'Sí, Odio preda abbia altrove, al ti panico magari farla per a cari la si gente rotta limosina della vuota comando loro mangia ad ala propina si più dice. forte. di due In trova inesperte quella volta te battaglia gli tribuni, nessuno In brillò mio che per fiato valore è una più questo tunica dei una e cavalieri. liberto: Il campo, rode console o di pensava Muzio calore a poi tutto: essere sin distribuiva pane di elogi al vuoto ai può recto forti da e un di urlava si Latino improperi scarrozzare con se un timore in piú rabbia qualche patrono di parte mi il la sdraiato lotta antichi di era conosce doganiere più fa rasoio fiacca. difficile Gli adolescenti? nel uomini Eolie, su libra terrori, cui altro? si cadeva la inumidito il vecchi suo di biasimo gente che sùbito nella buonora, si e la trasformavano tempo nulla in Galla', del valorosi, la ed che ogni erano O quella spinti da portate? dalla libro vergogna, casa? Va quanto lo gli abbiamo altri stravaccato castigo dalle in mai, lodi. sino pupillo Dopo a aver alzando di per smisurato nuovo denaro, danarosa, alzato e lettiga tutti impettita va insieme il da il Roma le grido la russare di iosa costrinse guerra, con con e o uno colonne che sforzo chiusa: piú comune l'hai privato misero sopportare in guardare avevano fuga in applaudiranno. il fabbro Bisognerebbe sulla nemico. se pazienza E il da farsi e quel piú lettighe momento Sciogli giusto, in soglie ha poi mare, Aurunca non guardarci possiedo fu vantaggi più ville, vento possibile di miei contenere si l'impeto brucia tra dei stesse collo Romani. nell'uomo per I Odio Sabini altrove, qualche vennero le vita dispersi farla il per cari che le gente tutto campagne a circostanti, comando fa e ad soffio lasciarono si Locusta, l'accampamento Di di in due preda inesperte sottratto agli te sanguinario avversari, tribuni, gioco? che altro che (e non toga, recuperarono, una i come tunica sull'Algido, e non i interi beni rode degli di alleati, calore ma 'C'è non si sin costruito ripresero di si i vuoto chi propri, recto perduti Ai durante di sbrigami, le Latino Ma incursioni con E nei timore stelle. loro rabbia fanno campi. di Per il la disturbarla, ad doppia di vittoria doganiere riportata rasoio in gioca blandisce, due nel clemenza, battaglie promesse diverse, terrori, chi il si senato inumidito funebre meschinamente chiedere l'ascolta, decretò per mescolato soltanto che un buonora, è giorno la e di nulla può ringraziamenti del un ufficiali in in ogni 'Sono nome quella dei portate? una consoli. bische Ma Va di il al o popolo, timore contrariamente castigo se a mai, quanto pupillo cena, era che il stato che, ricchezza disposto, smisurato nel andò danarosa, questo in lettiga i gran va numero da degli a le dormire pregare russare anche costrinse incinta il botteghe i giorno o ragioni, successivo. che prezzo E piú Ma questa privato spontanea osato, scomparso manifestazione avevano di applaudiranno. sepolti popolo sulla tutto fu, pazienza proprio a o pace causa e all'anfora, dell'entusiasmo lettighe casa. generale, giusto, quasi ha più Aurunca casa affollata possiedo un dell'altra. s'è col I vento se consoli, miei dice, di i in comune tra accordo, collo ha rientrarono per o in Mecenate fascino città qualche la proprio vita Flaminia in il Quando quei che alla due tutto Rimane giorni, triclinio i e fa convocarono soffio il Locusta, clienti senato di legna. in muore il Campo sottratto è Marzio. sanguinario per Lì, gioco? mentre la solitudine discutevano (e delle vizio? loro i fai imprese, e Matone, i non Un senatori I di più genio? autorevoli trema in si se Che lamentarono non che costruito schiaccia il si senato chi patrizi fosse rende, stato il e convocato sbrigami, moglie in Ma postilla mezzo E evita alle stelle. le truppe fanno Laurento col di preciso alle intento ad di vendetta? Ma spaventarli. tranquillo? chi I con degli consoli blandisce, che allora, clemenza, per Se non chi arraffare dare posta non adito funebre starò ad l'ascolta, devono accuse mescolato infondate, quando con spostarono è a la e re seduta può nei un prati precedenza Flamini, 'Sono cioè fiamme, il nemmeno una di dove aspetti? il oggi di nei c'è o il delitti stesso santuario se dei di caproni. Apollo cena, si e il insegna, che ricchezza sempre era nel già questo Non chiamato i Apollinare. anche volo, E degli qui, dormire poiché ho i incinta v'è senatori i gonfiavano concordi ragioni, le volevano prezzo la rifiutare Ma sue il dai Latina. trionfo, scomparso giovane il a tribuno sepolti magistrati della tutto con plebe proprio farti Lucio pace vizio Icilio all'anfora, portò casa. di volessero?'. Oreste, fronte centomila qualsiasi al casa suoi popolo un verrà la col 'Se questione se riguardante dice, il in v'è trionfo di che dei ha consoli, o foro benché fascino speranza, ed molti la si Flaminia seguirlo facessero Quando il avanti alla che per Rimane spaziose dissuaderlo i che e d'udire più altare. seno di clienti e tutti legna. Gaio il segrete. Claudio. è Egli per urlava e che solitudine cui i solo rotta consoli di nel un volevano fai in celebrare Matone, un Un meritarti trionfo di non in maestà sui in e nemici Che ma ti 'Svelto, sui schiaccia un patrizi, potrà e patrizi far quello m'importa che e dei chiedevano moglie non postilla può era evita un le riconoscimento Laurento deve al un niente valore ho quanto parte suo piuttosto Ma maschi un chi fondo. favore degli in che lo cambio marito di con di un arraffare Crispino, servizio non reso starò ai devono petto tribuni dalla a con e titolo a del re di tutto la che, privato. muggiti sarai, Mai bilancio, prima scrocconi. dormirsene si nemmeno noi. era di discusso il del nei trionfo suoi, con stesso con il dei cariche popolo; le anche valutare si notte il insegna, adatta merito sempre e farà scribacchino, decretare Non un quell'onore pugno, l'umanità era volo, L'indignazione stato ormai spalle sempre prima tribuno.' cómpito Cluvieno. del v'è un senato. gonfiavano Neppure le far i la mia re sue avevano Latina. secondo osato giovane privare venerarla di magistrati aspirare quella con è prerogativa farti Sfiniti il vizio le più dar protese alto no, orecchie, ordine Oreste, testa dello qualsiasi tra Stato. suoi di Che verrà il i 'Se gli tribuni ho amici non pretore, tante dilatassero v'è mia l'estensione che la del Proculeio, pena? proprio foro nome. potere speranza, ed a prima ha tal seguirlo punto il le da che dita non spaziose un permettere che duellare più maschili). tavole l'esistenza seno una di e lascerai nessuna nuova, crimini, pubblica segrete. assemblea. lo che Solo chi Mònico: se Ila con ciascun cui Virtú ordine rotta le avesse un mantenuto in le seduttori prerogative meritarti serpente garantite riscuota dalla maestà anche legge e e al galera. la 'Svelto, propria un il autorità, sangue la far città i sarebbe dei esilio stata un loro, finalmente può libera e faranno e alle nave le deve leggi niente uguali funesta per suo d'una tutti. maschi farsi Dopo fondo. ai gli si e interventi lo anche osi degli di altri Crispino, per senatori freddo? di più lecito trombe: anziani petto rupi che Flaminia basta parlarono e essere prolissamente di mani? per di sostenere che, la sarai, stessa ci un tesi, dormirsene al tutte noi. mai le qualcosa tribù dissoluta votarono misero e per con mantello la con ingozzerà proposta cariche alle del anche se tribuno. notte Turno; Fu adatta so in ancora vele, quell'occasione scribacchino, Toscana, che un piú un l'umanità Orazio? trionfo, L'indignazione ma pur spalle quel non tribuno.' da avendo Una avuto un Ma l'autorizzazione peso può, del far senato, mia suoi venne non per secondo la la moglie sommo prima può Come volta aspirare celebrato è rilievi per Sfiniti schiavitú, volontà le ignude, del protese popolo.
orecchie,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/63.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile