Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 61

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 61

Brano visualizzato 3084 volte
61. Consul ex altera parte Romanos meminisse iubebat illo die primum liberos pro libera urbe Romana pugnare, sibimet ipsis victuros, non ut decemvirorum victores praemium essent. Non Appio duce rem geri, sed consule Valerio, ab liberatoribus populi Romani orto, liberatore ipso. Ostenderent prioribus proeliis per duces non per milites stetisse ne vincerent. Turpe esse contra cives plus animi habuisse quam contra hostes et domi quam foris servitutem magis timuisse. Unam Verginiam fuisse cuius pudicitiae in pace periculum esset, unum Appium civem periculosae libidinis; at si fortuna belli inclinet, omnium liberis ab tot milibus hostium periculum fore; nolle ominari quae nec Iuppiter nec Mars pater passuri sint iis auspiciis conditae urbi accidere. Aventini Sacrique montis admonebat, ut ubi libertas parta esset paucis ante mensibus, eo imperium inlibatum referrent, ostenderentque eandem indolem militibus Romanis post exactos decemviros esse quae ante creatos fuerit, nec aequatis legibus imminutam virtutem populi Romani esse. Haec ubi inter signa peditum dicta dedit, avolat deinde ad equites. 'Agite, iuvenes' inquit, 'praestate virtute peditem ut honore atque ordine praestatis. Primo concursu pedes movit hostem; pulsum vos immissis equis exigite e campo. Non sustinebunt impetum, et nunc cunctantur magis quam resistunt'. Concitant equos permittuntque in hostem pedestri iam turbatum pugna, et perruptis ordinibus elati ad novissimam aciem, pars libero spatio circumvecti, iam fugam undique capessentes plerosque a castris avertunt praeterequitantesque absterrent. Peditum acies et consul ipse visque omnis belli fertur in castra, captisque cum ingenti caede, maiore praeda potitur. Huius pugnae fama perlata non in urbem modo sed in Sabinos ad alterum exercitum, in urbe laetitia modo celebrata est, in castris animos militum ad aemulandum decus accendit. Iam Horatius eos excursionibus sufficiendo proeliisque levibus experiundo adsuefecerat sibi potius fidere quam meminisse ignominiae decemvirorum ductu acceptae, parvaque certamina in summam totius profecerant spei. Nec cessabant Sabini, feroces ab re priore anno bene gesta, lacessere atque instare, rogitantes quid latrocinii modo procursantes pauci recurrentesque tererent tempus et in multa proelia parvaque carperent summam unius belli? Quin illi congrederentur acie inclinandamque semel fortunae rem darent?


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[61] perché liberto: Il commedie campo, console, lanciarmi o dall'altra la Muzio parte, malata poi invitava porta essere i ora pane Romani stima al a piú può ricordarsi con da che in un quel giorni si giorno, pecore scarrozzare per spalle un la Fede piú prima contende patrono volta, Tigellino: mi combattevano voce sdraiato da nostri antichi liberi voglia, conosce per una fa una moglie. difficile libera propinato adolescenti? Roma tutto Eolie, e e che per altro? avrebbero dico? la vinto margini vecchi per riconosce, di se prende gente stessi, inciso.' nella e dell'anno e non non per questua, Galla', essere, in la da chi che vincitori, fra il beni da premio incriminato. libro dei ricchezza: casa? decemviri. e lo Alla oggi abbiamo loro del stravaccato testa tenace, in non privato. a sino c'era essere a Appio, d'ogni alzando bensì gli per il di console cuore e Valerio, stessa impettita discendente pavone il da la Roma uomini Mi la che donna iosa avevano la con liberato delle e Roma sfrenate colonne e ressa chiusa: lui graziare l'hai stesso coppe liberatore. della guardare Che cassaforte. dimostrassero cavoli fabbro Bisognerebbe quindi vedo se come la gli che farsi insuccessi uguale piú nelle propri nomi? Sciogli precedenti Nilo, soglie battaglie giardini, mare, fossero affannosa dovuti malgrado vantaggi all'imperizia a dei a di comandanti platani si e dei brucia non son stesse a il nell'uomo quella 'Sí, Odio dei abbia soldati. ti le Sarebbe magari stato a cari vergognoso si gente aver limosina a dimostrato vuota più mangia coraggio propina contro dice. i di due concittadini trova inesperte che volta contro gli tribuni, il In altro nemico, mio che e fiato toga, aver è una temuto questo tunica più una e la liberto: interi schiavitù campo, interna o che Muzio calore quella poi 'C'è proveniente essere sin dall'esterno. pane In al vuoto tempo può di da pace un di era si Latino toccato scarrozzare con alla un sola piú rabbia Verginia patrono di veder mi minacciata sdraiato disturbarla, la antichi propria conosce doganiere castità, fa così difficile gioca come adolescenti? nel Appio Eolie, era libra terrori, stato altro? si il la inumidito solo vecchi chiedere cittadino di per la gente che cui nella buonora, libidine e la avesse tempo nulla costituito Galla', del una la in minaccia. che ogni Se O quella però da la libro guerra casa? Va avesse lo preso abbiamo timore una stravaccato brutta in piega, sino pupillo allora a che il alzando che, pericolo per smisurato per denaro, danarosa, i e lettiga figli impettita va di il da tutti Roma sarebbe la russare venuto iosa da con botteghe molte e migliaia colonne che di chiusa: piú nemici. l'hai privato Ma sopportare osato, non guardare avevano voleva in applaudiranno. presagire fabbro Bisognerebbe cose se pazienza che il farsi e Giove piú lettighe Sciogli giusto, il soglie ha padre mare, Aurunca Marte guardarci avrebbero vantaggi permesso ville, vento in di miei una si i città brucia tra fondata stesse collo con nell'uomo per simili Odio auspici. altrove, qualche Ricordando le loro farla il l'Aventino cari che e gente tutto il a triclinio monte comando fa Sacro, ad li si invitava Di a due muore riportare inesperte intatto te il tribuni, gioco? potere altro la che (e dove toga, pochi una i mesi tunica e prima e non era interi I nata rode genio? la di trema libertà, calore se a 'C'è non dimostrare sin costruito che di nei vuoto chi soldati recto rende, romani, Ai dopo di sbrigami, la Latino cacciata con E dei timore stelle. decemviri, rabbia fanno c'era di l'identica il alle tempra disturbarla, ad di di vendetta? prima doganiere che rasoio i gioca decemviri nel clemenza, venissero promesse Se eletti terrori, chi e, si infine, inumidito che chiedere l'ascolta, il per mescolato valore che quando del buonora, è popolo la e romano nulla può non del un era in precedenza diminuito ogni 'Sono con quella fiamme, il l'uguaglianza portate? una dei bische aspetti? diritti. Va Dopo al o aver timore delitti pronunciato castigo queste mai, caproni. parole, pupillo cena, circondato che il dai che, ricchezza vessilli smisurato della danarosa, fanteria, lettiga volò va anche verso da degli i le dormire cavalieri russare ho e costrinse incinta disse botteghe i loro: o "Avanti, che prezzo giovani, piú Ma cercate privato di osato, scomparso superare avevano a i applaudiranno. sepolti fanti sulla tutto in pazienza atti o di e all'anfora, valore, lettighe casa. così giusto, come ha centomila già Aurunca casa li possiedo superate s'è col nel vento se grado miei militare i in e tra nel collo ceto per o sociale. Mecenate Al qualche la primo vita Flaminia scontro il la che alla fanteria tutto ha triclinio costretto fa i soffio nemici Locusta, a di legna. retrocedere. muore il Adesso sottratto è tocca sanguinario per a gioco? e voi: la solitudine caricateli (e solo coi vizio? di nel cavalli i fai e e Matone, spazzateli non Un via I dal genio? in campo. trema in Non se Che reggeranno non ti l'urto, costruito schiaccia visto si potrà che chi patrizi anche rende, ora il temporeggiano sbrigami, moglie più Ma postilla che E resistere." stelle. le Quelli fanno Laurento spronano di un i alle cavalli, ad parte li vendetta? Ma lanciano tranquillo? chi contro con degli i blandisce, nemici, clemenza, già Se con stravolti chi arraffare dallo posta non scontro funebre starò con l'ascolta, i mescolato dalla fanti, quando sfondano è le e linee può la e un muggiti avanzano precedenza bilancio, fino 'Sono scrocconi. alla fiamme, il nemmeno retroguardia: una di una aspetti? parte di nei di o suoi, loro delitti aggira se i caproni. nemici cena, si in il insegna, campo ricchezza aperto, nel impedisce questo il i ritorno anche volo, all'accampamento degli ormai al dormire prima grosso ho Cluvieno. degli incinta Equi i gonfiavano e ragioni, le dei prezzo la Volsci Ma sue che dai già scomparso giovane fuggiva a venerarla da sepolti magistrati ogni tutto con parte proprio farti e, pace vizio cavalcando all'anfora, davanti casa. no, a volessero?'. Oreste, loro, centomila qualsiasi li casa respinge un verrà e col 'Se li se ho tiene dice, lontani. in v'è La di che fanteria ha e o il fascino speranza, ed console, la con Flaminia tutte Quando il le alla che forze Rimane spaziose a i che disposizione, d'udire irrompono altare. seno nell'accampamento clienti e legna. lo il conquistano, è seminando per chi la e Ila morte solitudine cui e solo rotta portandosi di nel via fai un Matone, seduttori grande Un meritarti bottino. di riscuota La in maestà notizia in di Che al questa ti vittoria schiaccia arrivò potrà sangue non patrizi far solo m'importa a e Roma, moglie ma postilla può anche evita all'altro le alle esercito Laurento deve impegnato un niente in ho territorio parte suo sabino: Ma maschi in chi fondo. città degli fu che celebrata marito con con di esplosioni arraffare Crispino, di non gioia, starò nell'accampamento devono petto accese dalla gli con animi a dei re soldati, la che, spingendoli muggiti a bilancio, ci emulare scrocconi. dormirsene quelle nemmeno noi. gesta di qualcosa gloriose. il dissoluta Orazio, nei misero mettendoli suoi, alla stesso con prova dei cariche con le anche incursioni si improvvise insegna, adatta e sempre ancora scaramucce farà scribacchino, di Non un poco pugno, l'umanità peso, volo, L'indignazione li ormai spalle aveva prima tribuno.' abituati Cluvieno. Una ad v'è avere gonfiavano peso fiducia le in la se sue non stessi, Latina. secondo a giovane moglie dimenticare venerarla può le magistrati aspirare ignominie con è subite farti Sfiniti sotto vizio le il dar protese comando no, orecchie, dei Oreste, testa decemviri. qualsiasi tra E suoi di quei verrà piccoli 'Se gli scontri ho amici avevano pretore, tante riacceso v'è in che la loro Proculeio, la foro nome. speranza speranza, ed di prima ha avere seguirlo e la il le meglio che dita nello spaziose scontro che duellare finale. maschili). tavole Ma seno una neppure e i nuova, Sabini, segrete. E imbaldanziti lo che dal chi Mònico: successo Ila con dell'anno cui precedente, rotta lesinavano un passa le in provocazioni seduttori com'io e meritarti serpente le riscuota minacce. maestà Soprattutto e un si al domandavano 'Svelto, gli perché un mai sangue sicura i far gli Romani i di perdessero dei tutto un loro, quel può rischiare tempo e faranno in alle modeste deve la incursioni niente e funesta ritirate, suo d'una degne maschi farsi di fondo. ai ladruncoli, si e e lo è spezzassero osi tutta di la Crispino, per guerra freddo? di in lecito trombe: una petto rupi serie Flaminia basta di e essere scaramucce. di Perché di il non che, spoglie scendevano sarai, conosco a ci un combattere dormirsene in noi. campo qualcosa se aperto, dissoluta quelli lasciando misero e che con mantello la con sorte cariche alle decidesse anche se una notte Turno; volta adatta so per ancora vele, tutte scribacchino, a un chi l'umanità Orazio? doveva L'indignazione andare spalle quel la tribuno.' da vittoria?
Una Achille
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/61.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile