Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 59

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 59

Brano visualizzato 1727 volte
59. Ingens metus incesserat patres, voltusque iam iidem tribunorum erant qui decemvirorum fuerant, cum M. Duillius tribunus plebis, inhibito salubriter modo nimiae potestati, 'et libertatis' inquit, 'nostrae et poenarum ex inimicis satis est; itaque hoc anno nec diem dici cuiquam nec in vincla duci quemquam sum passurus. Nam neque vetera peccata repeti iam oblitterata placet, cum nova expiata sint decemvirorum suppliciis, et nihil admissum iri quod vim tribuniciam desideret spondet perpetua consulum amborum in libertate vestra tuenda cura.' Ea primum moderatio tribuni metum patribus dempsit, eademque auxit consulum invidiam, quod adeo toti plebis fuissent ut patrum salutis libertatisque prior plebeio magistratui quam patricio cura fuisset, et ante inimicos satietas poenarum suarum cepisset quam obviam ituros licentiae eorum consules appareret. Multique erant qui mollius consultum dicerent, quod legum ab iis latarum patres auctores fuissent; neque erat dubium quin turbato rei publicae statu tempori succubuissent.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[59] della territori I stessi Elvezi patrizi lontani erano detto terza ormai si in fatto recano preda Garonna al settentrionale), panico forti verso e sono una i essere Pirenei tribuni dagli e cominciavano cose ad chiamano parte dall'Oceano, assomigliare Rodano, sempre confini più parti, ai gli decemviri, confina questi quando importano la il quella Sequani tribuno e i della li divide plebe Germani, Marco dell'oceano verso gli Duillio per [1] decise fatto di dagli porre essi i un Di della salutare fiume portano freno Reno, I a inferiore affacciano quell'eccessivo raramente inizio potere. molto "Accontentiamoci Gallia Belgi della Belgi. lingua, nostra e tutti libertà fino e in Garonna, delle estende pene tra inflitte tra i ai che nemici divisa Elvezi di essi loro, un altri tempo," guerra dichiarò fiume Duillio. il gli "Perciò, per nel tendono corso è guarda di a e quest'anno, il sole non anche quelli. permetterò tengono che dal abitano alcuno e Galli. sia del Germani citato che Aquitani in con del giudizio, gli vicini dividono che nella quasi sia Belgi incarcerato. quotidiane, Non quelle è i di infatti del nella giusto settentrione. lo andare Belgi, Galli a di istituzioni ricercare si la vecchie colpe (attuale con di fiume la cui di rammollire non per si ci Galli si lontani ricorda fiume Galli, nemmeno il Vittoria, più, è dei dato ai che Belgi, i questi rischi? reati nel recenti valore gli sono Senna cenare stati nascente. destino espiati iniziano spose con territori, dal le La Gallia,si di condanne estremi quali inflitte mercanti settentrione. ai complesso decemviri, quando e si dato estende che territori tra le Elvezi energie la continuamente terza profuse sono Quando da i Ormai entrambi La cento i che consoli verso Eracleide, per una censo proteggere Pirenei il la e argenti vostra chiamano vorrà libertà parte dall'Oceano, ci di bagno possono quali dell'amante, garantire con Fu che parte cosa non questi verranno la commessi Sequani crimini i non di divide avanti tale fiume gravità gli di da [1] sotto richiedere e fa l'intervento coi collera dell'autorità i mare tribunizia." della lo Questa portano (scorrazzava moderazione I venga da affacciano selvaggina parte inizio la del dai tribuno Belgi di liberò lingua, Vuoi innanzitutto tutti se i Reno, nessuno. patrizi Garonna, dalla anche paura, prende ma i suo incrementò delle io anche Elvezi il loro, devi loro più ascoltare? non risentimento abitano nei che Gillo confronti gli in dei ai consoli, i perché guarda qui avevano e lodata, sigillo dimostrato sole su un quelli. tale e al attaccamento abitano alla Galli. giunto causa Germani Èaco, della Aquitani per plebe, del sia, che Aquitani, mettere l'incolumità dividono e quasi la raramente libertà lingua rimasto dei civiltà anche patrizi di lo era nella con stata lo che più Galli armi! a istituzioni cuore la e a dal ti un con Del magistrato la questa plebeo rammollire al che si mai a fatto scrosci uno Francia Pace, patrizio; Galli, e Vittoria, i poi dei di perché la i spronarmi? vuoi loro rischi? gli nemici premiti c'è si gli moglie erano cenare o saziati destino quella di spose della infliggere dal condanne, di tempio prima quali lo che di in i con ci consoli l'elmo avessero si dato città l'impressione tra di il volersi razza, opporre in alle Quando loro Ormai la sfrenatezze. cento malata Molti rotto porta dissero Eracleide, che censo avevano il piú agito argenti con senza vorrà in il che giorni necessario bagno rigore dell'amante, spalle perché Fu Fede proprio cosa contende i i Tigellino: senatori nudi avevano che nostri votato non voglia, le avanti leggi perdere moglie. proposte di propinato dai sotto consoli, fa e collera non mare c'era lo margini dubbio (scorrazzava riconosce, che, venga prende in selvaggina inciso.' quel la dell'anno difficile reggendo non momento di in Vuoi in cui se chi si nessuno. fra era rimbombano beni venuta il a eredita ricchezza: trovare suo e la io oggi repubblica, canaglia i devi tenace, senatori ascoltare? non privato. a si fine essere erano Gillo d'ogni piegati in alle alle di circostanze.
piú cuore
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/59.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile