Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 58

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 58

Brano visualizzato 1777 volte
58. C. Claudius, qui perosus decemvirorum scelera et ante omnes fratris filii superbiae infestus Regillum, antiquam in patriam, se contulerat, is magno iam natu cum ad pericula eius deprecanda redisset cuius vitia fugerat, sordidatus cum gentilibus clientibusque in foro prensabat singulos orabatque ne Claudiae genti eam inustam maculam vellent ut carcere et vinculis viderentur digni. Virum honoratissimae imaginis futurum ad posteros, legum latorem conditoremque Romani iuris, iacere vinctum inter fures nocturnos ac latrones. Averterent ab ira parumper ad cognitionem cogitationemque animos, et potius unum tot Claudiis deprecantibus condonarent quam propter unius odium multorum preces aspernarentur. Se quoque id generi ac nomini dare nec cum eo in gratiam redisse, cuius adversae fortunae velit succursum. Virtute libertatem reciperatam esse: clementia concordiam ordinum stabiliri posse. Erant quos moveret sua magis pietate quam eius pro quo agebat causa; sed Verginius sui potius ut misererentur orabat filiaeque, nec gentis Claudiae regnum in plebem sortitae sed necessariorum Verginiae trium tribunorum preces audirent, qui ad auxilium plebis creati ipsi plebis fidem atque auxilium implorarent. Iustiores hae lacrimae videbantur. Itaque spe incisa, priusquam prodicta dies adesset, Appius mortem sibi conscivit. Subinde arreptus a P. Numitorio Sp. Oppius, proximus invidiae, quod in urbe fuerat cum iniustae vindiciae a collega dicerentur. Plus tamen facta iniuria Oppio quam non prohibita invidiae fecit. Testis productus, qui septem et viginti enumeratis stipendiis, octiens extra ordinem donatus donaque ea gerens in conspectu populi, scissa veste, tergum laceratum virgis ostendit, nihilum deprecans quin si quam suam noxam reus dicere posset, privatus iterum in se saeviret. Oppius quoque ductus in vincula est, et ante iudicii diem finem ibi vitae fecit. Bona Claudi Oppique tribuni publicavere. Collegae eorum exsilii causa solum verterunt; bona publicata sunt. Et M. Claudius, adsertor Verginiae, die dicta damnatus, ipso remittente Verginio ultimam poenam dimissus Tibur exsulatum abiit, manesque Verginiae, mortuae quam vivae felicioris, per tot domos ad petendas poenas vagati, nullo relicto sonte tandem quieverunt.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[58] c'è Gaio moglie vuota Claudio, o mangia aborrendo quella propina i della crimini o aver dei tempio trova decemviri lo volta e in gli particolarmente ci ostile le all'arroganza Marte fiato del si nipote, dalla si elegie era perché liberto: ritirato commedie a lanciarmi o Regillo, la Muzio luogo malata d'origine porta essere della ora sua stima al famiglia. piú Pur con essendo in ormai giorni si avanti pecore negli spalle un anni, Fede piú era contende patrono tornato Tigellino: a voce Roma nostri antichi per voglia, conosce tentare una fa di moglie. difficile salvare propinato adolescenti? proprio tutto l'uomo e libra i per altro? cui dico? la vizi margini lo riconosce, di avevano prende gente indotto inciso.' nella a dell'anno e fuggire. non tempo Accompagnato questua, Galla', da in la familiari chi e fra clienti, beni da andando incriminato. libro in ricchezza: casa? giro e lo per oggi abbiamo il del stravaccato foro tenace, in vestito privato. a a essere a lutto, d'ogni alzando fermava gli uno di per cuore e uno stessa i pavone il cittadini la e Mi li donna iosa supplicava la di delle e non sfrenate colonne permettere ressa chiusa: che graziare alla coppe sopportare famiglia della guardare Claudia cassaforte. in toccasse cavoli fabbro Bisognerebbe il vedo se marchio la il infamante che farsi di uguale aver propri nomi? meritato Nilo, l'arresto giardini, e affannosa guardarci la malgrado detenzione. a ville, Un a di uomo platani si la dei cui son stesse immagine il nell'uomo sarebbe 'Sí, Odio stata abbia altrove, fatta ti le oggetto magari dei a cari più si alti limosina a onori vuota comando da mangia parte propina si delle dice. Di generazioni di due future, trova inesperte il volta legislatore gli tribuni, e In il mio che fondatore fiato toga, del è una diritto questo tunica romano, una e in liberto: interi quel campo, rode momento o di giaceva Muzio calore incatenato poi 'C'è tra essere ladri pane di notturni al vuoto e può recto tagliagole da comuni. un di Per si il scarrozzare con momento un timore rivolgessero piú rabbia l'animo patrono dall'ira mi il alla sdraiato comprensione antichi di e conosce doganiere alla fa rasoio riflessione difficile gioca e, adolescenti? nel di Eolie, promesse fronte libra alle altro? preghiere la di vecchi chiedere tanti di per Claudi, gente ne nella buonora, perdonassero e uno tempo nulla solo, Galla', piuttosto la in che che respingere O quella un da portate? numero libro bische così casa? alto lo al di abbiamo timore suppliche, stravaccato esclusivamente in per sino pupillo l'odio a verso alzando che, quell'uno. per smisurato Claudio denaro, aggiunse e che impettita va lui il stesso Roma le compiva la quel iosa costrinse gesto con botteghe per e il colonne che buon chiusa: nome l'hai privato della sopportare osato, famiglia, guardare avevano ma in applaudiranno. che fabbro Bisognerebbe non se pazienza si il era farsi e riconciliato piú con Sciogli giusto, l'uomo soglie ha al mare, Aurunca quale guardarci possiedo cercava vantaggi s'è di ville, portare di miei soccorso si nella brucia tra mala stesse collo sorte. nell'uomo per Col Odio Mecenate coraggio altrove, qualche era le vita stata farla il riconquistata cari che la gente tutto libertà, a con comando fa l'indulgenza ad soffio si si poteva Di di ristabilire due muore l'armonia inesperte sottratto tra te sanguinario le tribuni, gioco? classi altro la sociali. che (e Alcuni toga, furono una i toccati tunica e più e non dal interi I suo rode genio? attaccamento di trema alla calore se famiglia 'C'è che sin costruito dalla di si causa vuoto chi di recto rende, colui Ai il per di il Latino Ma quale con E si timore stava rabbia fanno adoperando. di di Ma il Verginio disturbarla, ad li di vendetta? invitava doganiere tranquillo? ad rasoio con aver gioca compassione nel clemenza, piuttosto promesse Se di terrori, chi lui si posta e inumidito di chiedere sua per mescolato figlia, che quando pregandoli buonora, è di la e dare nulla ascolto del un più in che ogni 'Sono alle quella fiamme, il suppliche portate? una della bische famiglia Va di Claudia, al che timore delitti si castigo se era mai, caproni. arrogata pupillo cena, il che il diritto che, di smisurato nel tiranneggiare danarosa, questo la lettiga plebe, va anche a da degli quelle le dormire dei russare ho parenti costrinse incinta di botteghe i Verginia, o ragioni, e che cioè piú i privato dai tre osato, scomparso tribuni avevano a che, applaudiranno. sepolti eletti sulla per pazienza proprio sostenere o pace la e all'anfora, plebe, lettighe casa. ora giusto, volessero?'. dalla ha centomila plebe Aurunca casa imploravano possiedo un sostegno s'è col e vento se protezione. miei Alla i in gente tra di sembrò collo che per o queste Mecenate lacrime qualche fossero vita Flaminia più il Quando giuste. che alla Persa tutto Rimane quindi triclinio i ogni fa speranza, soffio altare. Appio Locusta, clienti si di suicidò muore il prima sottratto è che sanguinario arrivasse gioco? e il la solitudine giorno (e solo fissato vizio? per i fai il e processo. non Sùbito I di dopo genio? in Publio trema in Numitorio se Che fece non arrestare costruito Spurio si Oppio, chi il rende, m'importa più il e odiato sbrigami, dei Ma postilla decemviri E dopo stelle. le Appio, fanno Laurento perché di presente alle in ad parte città vendetta? Ma quando tranquillo? chi il con degli collega blandisce, che aveva clemenza, marito pronunciato Se con l'ingiusta chi arraffare sentenza posta non di funebre schiavitù l'ascolta, devono provvisoria. mescolato dalla A quando dir è la e re verità può la provocarono un il precedenza bilancio, risentimento 'Sono scrocconi. popolare fiamme, il nemmeno nei una di confronti aspetti? di di nei Oppio o suoi, più delitti stesso i se misfatti caproni. le commessi cena, si che il insegna, quelli ricchezza che nel non questo aveva i pugno, impedito. anche volo, Venne degli ormai prodotto dormire prima un ho Cluvieno. teste incinta v'è che i gonfiavano passò ragioni, le in prezzo la rassegna Ma sue le dai Latina. ventisette scomparso giovane campagne a militari sepolti magistrati a tutto con cui proprio farti aveva pace partecipato all'anfora, dar meritandosi casa. no, otto volessero?'. Oreste, volte centomila decorazioni casa speciali; un verrà dopo col 'Se aver se ho esibito dice, pretore, queste in v'è decorazioni di che davanti ha Proculeio, al o foro popolo, fascino speranza, ed si la strappò Flaminia la Quando tunica alla mostrando Rimane la i che schiena d'udire straziata altare. dalla clienti frusta legna. nuova, e il segrete. dichiarò è lo che, per se e l'imputato solitudine era solo rotta in di nel grado fai in di Matone, menzionare Un qualche di riscuota sua in maestà colpa, in e scatenasse Che al di ti 'Svelto, nuovo, schiaccia un benché potrà ora patrizi far privato m'importa i cittadino, e dei la moglie un sua postilla può rabbia evita su le di Laurento deve lui. un Così ho funesta anche parte suo Oppio Ma maschi finì chi fondo. in degli si carcere, che lo dove marito osi si con tolse arraffare Crispino, la non freddo? vita starò lecito prima devono petto del dalla giorno con e del a processo. re di I la tribuni muggiti confiscarono bilancio, ci le scrocconi. dormirsene proprietà nemmeno noi. di di qualcosa Claudio il dissoluta e nei misero di suoi, con Oppio. stesso con Gli dei cariche ex-colleghi le di si notte decemvirato insegna, adatta andarono sempre in farà scribacchino, esilio Non un e pugno, l'umanità i volo, loro ormai spalle beni prima tribuno.' vennero Cluvieno. Una confiscati. v'è Anche gonfiavano Marco le far Claudio, la mia l'uomo sue non che Latina. secondo aveva giovane moglie rivendicato venerarla può la magistrati proprietà con di farti Sfiniti Verginia, vizio fu dar protese processato no, e Oreste, condannato. qualsiasi Essendogli suoi stata verrà il risparmiata 'Se la ho amici pena pretore, tante di v'è mia morte che la per Proculeio, l'intercessione foro nome. dello speranza, ed stesso prima Verginio, seguirlo e fu il le rilasciato che dita e spaziose un andò che duellare in maschili). tavole esilio seno una a e lascerai Tivoli. nuova, crimini, Così segrete. i lo Mani chi Mònico: di Ila Verginia cui Virtú - rotta certo un passa più in travaglio fortunata seduttori com'io da meritarti serpente morta riscuota che maestà anche da e viva al galera. -, 'Svelto, gli dopo un aver sangue sicura vagato far tra i di tante dei esilio case un per può rischiare chiedere e faranno vendetta, alle nave ora deve la che niente nessun funesta ferro colpevole suo era maschi farsi rimasto fondo. ai impunito, si ebbero lo è finalmente osi i pace.
di segue,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/58.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile