Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 54
#SaveYourInternet
A differenza di quello che vogliono farti credere, la direttiva europea sul copyright non è una minaccia per i big del web, ma in realtà, è una vera e propria spada di Damocle per tutte le piccole e micro piattaforme come la nostra...
e ti vorremmo spieghare il perché!
Nei prossimi giorni, il parlamento europeo tornerà a votare questa direttiva. Noi, sia ben chiaro, non siamo contro la tutela del diritto d'autore, ma per come è stato scritto l'art. 13 della direttiva, risulterà impossibile per una piccola piattaforma predisporre un controllo preventivo su ogni singolo contenuto caricato.

Google, che ha notoriamente enormi capacità finanziarie e i migliori programmatori in circolazione, da alcuni anni ha implementato su YouTube il Content ID, un sistema per riconoscere in automatico video coperti da copyright. Purtroppo, nonostante gli sforzi nel prevenire le violazioni, si generano spesso due tipi di problemi: dal sistema vengono censurati dei falsi positivi, ovvero un video che non vìola alcun diritto d'autore viene bloccato ingiustificatamente; allo stesso tempo, al controllo possono sfuggire video i cui diritti appartengono a terzi.

Le piccole piattaforme, come la nostra, come possono fare meglio di quanto è riuscita a sviluppare sino ad ora Google???

Ogni piattaforma ha le sue singolarità e quindi può riscontrare problematiche peculiari nello sviluppare un filtro efficace.
Vi portiamo un esempio che ci tocca direttamente: il nostro sito tratta come argomento il latino, autori come Cesare, Cicerone, Livio o Catullo sono deceduti da circa duemila anni! Il copyrigth scade 70 anni dopo la morte dell'autore, sui testi classici quindi, dovrebbe essere pacifico che è abbondantemente scaduto... Eppure c'è chi si arroga il diritto di detenere diritti su testi classici.

Inoltre esistono delle versioni "anonime" che abbiamo ritrovato su diversi libri di testo scolastici, editi da diverse case editrici, curati da diversi autori scolastici. Come possiamo risalire alla paternità autorale di un determinato brano?

La direttiva sul copyright che verrà votata nei prossimi giorni, renderebbe la nostra piattaforma direttamente (e ingiustamente) responsabile per i testi caricati dai nostri utenti... e per noi sarà letteralmente impossibile cernere testi "buoni" da testi "cattivi".
Ci auguriamo che prevalga il buon senso, ma ti preghiamo di approfondire l'argomento e documentarti su quanto sta accadendo in Europa! Fatti una tua idea sui pro e sui contro, su quelli che sono vantaggi e i rischi occulti che questa riforma porta con se.

Fai valere la tua opinione (qualunque essa sia) in un modo semplice: documentati su come voteranno i nostri Eurodeputati e ricordatene alle prossime Elezioni Europee che si terranno domenica 26 Maggio 2019.
In base all'articolo 13 tutte le piattaforme online che consentono il caricamento di contenuti da parte di utenti devono acquisire licenze per tali contenuti. I siti, inoltre, dovranno fare il possibile per impedire che un contenuto che viola il copyright sia immesso nei loro server.

Vota la petizione! Ok, ho capito!


Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 54

Brano visualizzato 3458 volte
54. Facerent ut vellent permittentibus cunctis, mox redituros se legati rebus perfectis adfirmant. Profecti cum mandata plebis patribus exposuissent, alii decemviri, quando quidem praeter spem ipsorum supplicii sui nulla mentio fieret, haud quicquam abnuere: Appius truci ingenio et invidia praecipua odium in se aliorum suo in eos metiens odio, 'haud ignaro' inquit, 'imminet fortuna. Video donec arma adversariis tradantur diferri adversus nos certamen. Dandus invidiae est sanguis. Nihil ne ego quidem moror quo minus decemviratu abeam.' Factum senatus consultum ut decemviri se primo quoque tempore magistratu abdicarent, Q. Furius pontifex maximus tribunos plebis crearet; et ne cui fraudi esset secessio militum plebisque. His senatus consultis perfectis dimisso senatu, decemviri prodeunt in contionem abdicantque se magistratu, ingenti hominum laetitia. Nuntiantur haec plebi. Legatos quidquid in urbe hominum supererat prosequitur. Huic multitudini laeta alia turba ex castris occurrit. Congratulantur libertatem concordiamque civitati restitutam. Legati pro contione: 'Quod bonum faustum felixque sit vobis reique publicae, redite in patriam ad penates coniuges liberosque vestros; sed qua hic modestia fuistis, ubi nullius ager in tot rerum usu necessario tantae multitudini est violatus, eam modestiam ferte in urbem. In Aventinum ite, unde profecti estis; ibi felici loco, ubi prima initia incohastis libertatis vestrae, tribunos plebi creabitis. Praesto erit pontifex maximus qui comitia habeat.' Ingens adsensus alacritasque cuncta adprobantium fuit. Convellunt inde signa profectique Romam certant cum obviis gaudio. Armati per urbem silentio in Aventinum perveniunt. Ibi extemplo pontifice maximo comitia habente tribunos plebis creaverunt, omnium primum L. Verginium, inde L. Icilium et P. Numitorium, avunculum Verginiae, auctores secessionis, tum C. Sicinium, progeniem eius quem primum tribunum plebis creatum in Sacro monte proditum memoriae est, et M. Duillium, qui tribunatum insignem ante decemviros creatos gesserat nec in decemviralibus certaminibus plebi defuerat. Spe deinde magis quam meritis electi M. Titinius M. Pomponius C. Apronius P. Villius C. Oppius. Tribunatu inito L. Icilius extemplo plebem rogavit et plebs scivit ne cui fraudi esset secessio ab decemviris facta. Confestim de consulibus creandis cum provocatione M. Duillius rogationem pertulit. Ea omnia in pratis Flaminiis concilio plebis acta, quem nunc circum Flaminium appellant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[54] pecore Siccome spalle un venne Fede piú loro contende patrono concesso Tigellino: di voce sdraiato agire nostri antichi come voglia, conosce ritenevano una fa più moglie. difficile opportuno, propinato i tutto legati e dichiararono per che dico? la sarebbero margini vecchi ritornati riconosce, di dopo prende aver inciso.' concluso dell'anno e l'accordo. non tempo Quindi questua, Galla', partirono in la ed chi che esposero fra O ai beni da senatori incriminato. libro le ricchezza: richieste e lo della oggi abbiamo plebe. del stravaccato Gli tenace, in altri privato. a decemviri, essere quando d'ogni alzando si gli resero di denaro, conto cuore e che, stessa impettita al pavone il di la Mi la di donna iosa ogni la con speranza, delle e non sfrenate si ressa accennava graziare l'hai minimamente coppe a della guardare punizioni cassaforte. nei cavoli fabbro Bisognerebbe loro vedo se confronti, la il non che farsi fecero uguale piú alcuna propri nomi? Sciogli obiezione; Nilo, soglie ma giardini, mare, Appio, affannosa guardarci che malgrado era a violento a di di platani si natura dei brucia e son stesse sapeva il di 'Sí, Odio essere abbia particolarmente ti le impopolare, magari farla misurando a cari l'odio si gente degli limosina altri vuota comando verso mangia ad di propina si lui dice. Di dall'odio di che trova inesperte egli volta te nutriva gli tribuni, nei In altro loro mio che riguardi, fiato disse: è una "Non questo tunica sono una e certo liberto: interi ignaro campo, rode della o di sorte Muzio calore che poi 'C'è mi essere attende. pane Mi al vuoto rendo può però da Ai conto un di che si l'attacco scarrozzare con contro un di piú noi patrono di sarà mi il ritardato sdraiato disturbarla, fino antichi di al conosce momento fa rasoio in difficile cui adolescenti? nel le Eolie, promesse armi libra terrori, verranno altro? si consegnate la inumidito ai vecchi chiedere nostri di per avversari. gente L'odio nella vuole e la il tempo nulla suo Galla', del sangue. la Tuttavia che non O esiterò da portate? neppure libro bische io casa? Va a lo rinunciare abbiamo al stravaccato decemvirato." in mai, Il sino pupillo senato a che approvò alzando che, quindi per un denaro, danarosa, decreto e lettiga in impettita va base il da al Roma le quale la russare i iosa decemviri con botteghe avrebbero e o dovuto colonne dimettersi chiusa: piú al l'hai più sopportare osato, presto, guardare avevano al in pontefice fabbro Bisognerebbe sulla massimo se pazienza Quinto il o Furio farsi e sarebbe piú lettighe toccato Sciogli il soglie ha cómpito mare, Aurunca di guardarci possiedo nominare vantaggi i ville, vento tribuni di miei della si i plebe brucia e stesse nessuno nell'uomo per avrebbe Odio Mecenate dovuto altrove, qualche subire le vita delle farla conseguenze cari che a gente tutto séguito a triclinio della comando fa secessione ad soffio delle si Locusta, truppe Di di e due muore della inesperte sottratto plebe. te sanguinario Approvati tribuni, gioco? questi altro la decreti che (e e toga, vizio? sciolta una i la tunica e seduta, e i interi I decemviri rode si di trema presentano calore se di 'C'è non fronte sin costruito all'assemblea di si popolare vuoto chi e recto rende, rinunciano Ai il alla di sbrigami, propria Latino Ma magistratura con E fra timore stelle. il rabbia fanno tripudio di di generale. il alle La disturbarla, notizia di è doganiere riferita rasoio alla gioca plebe. nel clemenza, Tutti promesse Se quelli terrori, chi che si posta erano inumidito funebre rimasti chiedere in per mescolato città che quando accompagnano buonora, gli la inviati. nulla A del un questa in precedenza folla ogni 'Sono andò quella fiamme, il incontro portate? una un'altra bische folla Va festante al o che timore veniva castigo se dall'accampamento. mai, Si pupillo cena, congratularono che il reciprocamente che, ricchezza per smisurato nel il danarosa, questo ritorno lettiga del va anche paese da degli alla le dormire libertà russare ho e costrinse alla botteghe i concordia. o ragioni, Gli che prezzo inviati piú Ma di privato fronte osato, all'assemblea avevano dissero: applaudiranno. "Perché sulla tutto il pazienza proprio bene, o pace la e all'anfora, buona lettighe sorte giusto, volessero?'. e ha centomila la Aurunca casa felicità possiedo un possano s'è di vento se nuovo miei dice, essere i con tra di voi collo e per o la Mecenate repubblica, qualche tornate vita Flaminia in il patria, che alle tutto Rimane vostre triclinio i case, fa dalle soffio mogli Locusta, clienti e di legna. dai muore il figli! sottratto è Ma sanguinario per visto gioco? e che la solitudine vi (e solo siete vizio? di nel comportati i fai con e Matone, moderazione non qui, I di dove genio? nessuna trema in proprietà se Che è non stata costruito schiaccia violata si potrà nonostante chi che rende, m'importa molte il fossero sbrigami, moglie le Ma postilla cose E evita necessarie stelle. a fanno Laurento un di un così alle ho elevato ad numero vendetta? Ma di tranquillo? chi persone, con ebbene, blandisce, portate clemenza, marito la Se con stessa chi arraffare moderazione posta non in funebre starò città. l'ascolta, devono Tornate mescolato sull'Aventino quando con da è dove e siete può la venuti. un muggiti In precedenza quel 'Sono scrocconi. fausto fiamme, il nemmeno luogo, una di da aspetti? dove di nei avete o suoi, mosso delitti stesso i se dei primi caproni. le passi cena, si verso il insegna, la ricchezza sempre libertà, nel potrete questo Non nominare i dei anche volo, tribuni degli ormai della dormire prima plebe. ho Cluvieno. Per incinta v'è tenere i gonfiavano i ragioni, comizi prezzo la avrete Ma a dai Latina. disposizione scomparso il a venerarla pontefice sepolti magistrati massimo." tutto con Grande proprio fu pace il all'anfora, dar consenso, casa. no, unanime volessero?'. Oreste, l'entusiasmo. centomila qualsiasi Levano casa le un insegne col 'Se e se ho partono dice, pretore, alla in v'è volta di di ha Proculeio, Roma, o foro facendo fascino speranza, ed a la prima gara Flaminia seguirlo in Quando il manifestazioni alla che di Rimane spaziose allegria i che con d'udire la altare. seno gente clienti e che legna. nuova, incontrano. il segrete. Armati è attraversano per la e Ila città solitudine e solo rotta in di nel un silenzio fai in raggiungono Matone, l'Aventino. Un Qui, di riscuota durante in maestà i in comizi Che al sùbito ti 'Svelto, tenuti schiaccia dal potrà sangue pontefice patrizi far massimo, m'importa i elessero e dei i moglie tribuni. postilla Il evita e primo le alle degli Laurento deve eletti un niente fu ho funesta Lucio parte Verginio, Ma maschi al chi fondo. quale degli si fecero che lo poi marito osi séguito con Lucio arraffare Icilio non freddo? e starò lecito Publio devono petto Numitorio, dalla Flaminia zio con e materno a di re di Verginia, la che, cioè muggiti i bilancio, ci due scrocconi. dormirsene artefici nemmeno noi. della di qualcosa secessione. il dissoluta Quindi nei Gaio suoi, Sicinio, stesso con discendente dei cariche di le anche quel si Sicinio insegna, che, sempre ancora stando farà alla Non un tradizione, pugno, l'umanità sarebbe volo, L'indignazione stato ormai il prima tribuno.' primo Cluvieno. a v'è un essere gonfiavano peso eletto le far tribuno la della sue non plebe Latina. sul giovane moglie monte venerarla Sacro, magistrati e con è Marco farti Sfiniti Duillio, vizio le figura dar di no, spicco Oreste, testa come qualsiasi tribuno suoi prima verrà dell'avvento 'Se gli dei ho decemviri pretore, tante e v'è che che la non Proculeio, aveva foro nome. mai speranza, ed abbandonato prima ha la seguirlo e plebe il le negli che scontri spaziose coi che duellare decemviri maschili). tavole stessi. seno una Infine, e lascerai non nuova, per segrete. i lo che meriti chi Mònico: ma Ila con per cui Virtú quello rotta le che un passa si in sperava seduttori da meritarti serpente loro, riscuota sperperato vennero maestà anche eletti e un Marco al galera. Titinio, 'Svelto, gli Marco un il Pomponio, sangue sicura Gaio far gli Apronio, i Appio dei esilio Villio un loro, e può rischiare Gaio e faranno Oppio. alle nave Entrato deve la in niente alle carica, funesta Icilio suo propose maschi farsi e fondo. ai fece si e approvare lo alla osi i plebe di segue, che Crispino, per a freddo? nessuno lecito fosse petto rupi imputata Flaminia basta come e essere colpa di mani? la di il secessione che, contro sarai, conosco i ci un decemviri. dormirsene al Súbito noi. mai dopo qualcosa Marco dissoluta Duillio misero e presentò con mantello una con proposta cariche di anche se legge notte Turno; che adatta so prevedeva ancora l'elezione scribacchino, di un piú consoli l'umanità il L'indignazione ma cui spalle quel potere tribuno.' fosse Una Achille limitato un Ma dal peso può, diritto far ed d'appello. mia suoi Tutto non Corvino questo secondo la venne moglie sommo portato può Come a aspirare bicchiere, termine è dall'assemblea Sfiniti schiavitú, della le plebe protese palazzi, tenutasi orecchie, brandelli nei testa di prati tra ed Flamini, di mai prati il servo che gli oggi amici fra si tante chiamano mia gente. Circo la a Flaminio.
pena? sopportare
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/54.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile