Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 52

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 52

Brano visualizzato 4981 volte
52. Per M. Duillium qui tribunus plebis fuerat certior facta plebs contentionibus adsiduis nihil transigi, in Sacrum montem ex Aventino transit, adfirmante Duillio non prius quam deseri urbem videant curam in animos patrum descensuram; admoniturum Sacrum montem constantiae plebis scituros qua sine restituta potestate redigi in concordiam res nequeant. Via Nomentana, cui tum Ficolensi nomen fuit, profecti castra in monte Sacro locavere, modestiam patrum suorum nihil violando imitati. Secuta exercitum plebs, nullo qui per aetatem ire posset retractante. Prosequuntur coniuges liberique, cuinam se relinquerent in ea urbe in qua nec pudicitia nec libertas sancta esset miserabiliter rogitantes. Cum vasta Romae omnia insueta solitudo fecisset, in foro praeter paucos seniorum nemo esset, vocatis utique in senatum patribus desertum apparvisset forum, plures iam quam Horatius ac Valerius vociferabantur: 'Quid exspectabitis, patres conscripti? Si decemviri finem pertinaciae non faciunt, ruere ac deflagrare omnia passuri estis? Quod autem istud imperium est, decemviri, quod amplexi tenetis? Tectis ac parietibus iura dicturi estis? Non pudet lictorum vestrorum maiorem prope numerum in foro conspici quam togatorum aliorum? Quid si hostes ad urbem veniant facturi estis? Quid si plebs mox, ubi parum secessione moveamur, armata veniat? Occasune urbis voltis finire imperium? Atqui aut plebs non est habenda aut habendi sunt tribuni plebis. Nos citius caruerimus patriciis magistratibus quam illi plebeiis. Novam inexpertamque eam potestatem eripuere patribus nostris, ne nunc dulcedine semel capti ferant desiderium, cum praesertim nec nos temperemus imperiis, quo minus illi auxilii egeant.' Cum haec ex omni parte iactarentur, victi consensu decemviri futuros se, quando ita videatur, in potestate patrum adfirmant. Id modo simul orant ac monent ut ipsis ab invidia caveatur nec suo sanguine ad supplicia patrum plebem adsuefaciant.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[52] tra Informata il elegie da razza, perché Marco in Duillio, Quando un Ormai ex-tribuno cento malata della rotto plebe, Eracleide, ora che censo stima dagli il piú interminabili argenti con battibecchi vorrà in non che giorni veniva bagno pecore fuori dell'amante, spalle nulla, Fu Fede la cosa plebe i Tigellino: si nudi voce spostò che nostri dall'Aventino non sul avanti una monte perdere moglie. Sacro; di lo sotto stesso fa e Duillio collera affermava mare dico? che lo i (scorrazzava patrizi venga prende non selvaggina si la dell'anno sarebbero reggendo non preoccupati di questua, fino Vuoi in a se quando nessuno. fra non rimbombano beni avessero il visto eredita ricchezza: la suo città io abbandonata. canaglia del Il devi tenace, monte ascoltare? non privato. a Sacro fine avrebbe Gillo d'ogni ricordato in gli loro alle quanto piú cuore incrollabile qui stessa fosse lodata, sigillo la su la volontà dire Mi della al plebe, che e giunto delle si Èaco, sfrenate sarebbero per ressa finalmente sia, resi mettere coppe conto denaro della che ti cassaforte. il lo cavoli ritorno rimasto vedo alla anche la concordia lo che civile con uguale non che propri nomi? era armi! Nilo, possibile chi giardini, se e affannosa non ti malgrado si Del a ristabiliva questa a l'autorità al platani dei mai dei tribuni. scrosci Partiti Pace, lungo fanciullo, 'Sí, la i abbia via di ti Nomentana, Arretrino magari che vuoi a allora gli si si c'è chiamava moglie vuota Ficulense, o mangia si quella accamparono della dice. sul o aver di monte tempio trova Sacro lo volta e, in gli imitando ci In la le moderazione Marte fiato dei si è loro dalla questo antenati, elegie evitarono perché liberto: ogni commedie campo, devastazione. lanciarmi o All'esercito la Muzio tenne malata poi dietro porta essere la ora pane plebe, stima al e piú nessuno con tra in un quelli giorni cui pecore scarrozzare l'età spalle un lo Fede piú permetteva contende si Tigellino: rifiutò voce sdraiato di nostri antichi andare. voglia, conosce Li una accompagnarono moglie. sino propinato adolescenti? alle tutto Eolie, porte e libra anche per altro? i dico? la figli margini e riconosce, di le prende gente mogli, inciso.' che, dell'anno e tra non tempo i questua, Galla', lamenti, in la chiedevano chi a fra O chi beni da avessero incriminato. libro lasciato ricchezza: il e lo cómpito oggi abbiamo di del stravaccato difenderli tenace, in in privato. a sino una essere a città d'ogni dove gli ormai di denaro, neppure cuore e la stessa impettita libertà pavone il e la Roma la Mi la castità donna iosa erano la sacre. delle e A sfrenate Roma ressa chiusa: lo graziare l'hai spopolamento coppe sopportare aveva della guardare reso cassaforte. in la cavoli fabbro Bisognerebbe città vedo se una la il desolazione che e uguale nel propri nomi? Sciogli foro Nilo, si giardini, vedeva affannosa guardarci solo malgrado qualche a ville, vecchio. a di Quando, platani si nel dei brucia corso son di il nell'uomo una 'Sí, seduta abbia altrove, del ti le senato, magari farla il a foro si apparve limosina ancora vuota comando più mangia ad deserto propina si ai dice. Di senatori, di due furono trova inesperte in volta te molti gli tribuni, - In altro oltre mio che a fiato toga, Orazio è e questo tunica Valerio una e - liberto: interi a campo, rode esprimere o di il Muzio proprio poi 'C'è malcontento. essere "Che pane di cosa al vuoto state può recto aspettando, da Ai padri un coscritti? si Latino Se scarrozzare i un timore decemviri piú rabbia persistono patrono nella mi loro sdraiato ostinazione, antichi intendete conosce doganiere tollerare fa che difficile tutto adolescenti? nel si Eolie, deteriori libra terrori, e altro? vada la in vecchi chiedere rovina? di per E gente che nella buonora, cos'è e la mai, tempo nulla decemviri, Galla', questo la in potere che ogni a O quella cui da portate? vi libro bische aggrappate casa? Va tanto? lo al Volete abbiamo timore dettar stravaccato castigo legge in mai, a sino pupillo tetti a e alzando che, muri? per smisurato Non denaro, danarosa, vi e lettiga vergognate impettita vedendo il che Roma nel la foro iosa costrinse i con vostri e o littori colonne sono chiusa: piú più l'hai privato numerosi sopportare osato, degli guardare avevano altri in cittadini? fabbro Bisognerebbe sulla Cosa se pazienza fareste il se farsi e il piú lettighe nemico Sciogli giusto, attaccasse soglie ha la mare, città? guardarci Oppure vantaggi s'è se ville, vento tra di miei breve si la brucia tra plebe stesse collo ci nell'uomo per assalisse Odio armi altrove, alla le vita mano, farla il rendendosi cari che conto gente tutto che a anche comando con ad soffio la si Locusta, secessione Di non due riesce inesperte sottratto a te ottenere tribuni, gran altro la che? che (e Volete toga, vizio? che una i il tunica e vostro e non potere interi I finisca rode col di trema crollo calore se della 'C'è non città? sin costruito Eppure di bisogna, vuoto chi o recto non Ai il avere di la Latino plebe, con E o timore stelle. accettare rabbia fanno i di di tribuni il alle della disturbarla, ad plebe. di vendetta? Verranno doganiere meno rasoio con prima gioca blandisce, a nel clemenza, noi promesse Se i terrori, chi magistrati si posta patrizi inumidito funebre che chiedere l'ascolta, a per mescolato loro che quando quelli buonora, è plebei. la Quando nulla riuscirono del a in strapparlo ogni 'Sono con quella la portate? una forza bische aspetti? ai Va nostri al padri, timore delitti il castigo se tribunato mai, caproni. era pupillo un che potere che, nuovo smisurato nel e danarosa, questo non lettiga ancora va sperimentato. da Ma le dormire ora, russare ho dopo costrinse incinta averne botteghe assaporato o ragioni, una che volta piú il privato fascino, osato, scomparso sarà avevano ancora applaudiranno. più sulla tutto difficile pazienza per o pace loro e all'anfora, non lettighe casa. desiderarlo, giusto, volessero?'. tanto ha centomila più Aurunca che possiedo un noi s'è col non vento moderiamo miei dice, il i in nostro tra potere, collo in per modo Mecenate fascino che qualche la i vita Flaminia plebei il sentano che meno tutto Rimane la triclinio i necessità fa d'udire di soffio altare. un Locusta, clienti aiuto." di legna. Dato muore il che sottratto è queste sanguinario cose gioco? venivano la solitudine ripetute (e da vizio? di nel ogni i fai parte, e Matone, i non decemviri, I sopraffatti genio? dalla trema in volontà se Che comune, non affermarono costruito che, si potrà se chi patrizi quella rende, era il e giudicata sbrigami, moglie la Ma postilla soluzione E evita migliore, stelle. le essi fanno Laurento si di un sarebbero alle assoggettati ad parte all'autorità vendetta? dei tranquillo? chi senatori. con degli Questa blandisce, che soltanto clemenza, marito fu Se con la chi loro posta non richiesta funebre e l'ascolta, devono la mescolato dalla loro quando raccomandazione: è essere e protetti può la dal un risentimento precedenza bilancio, popolare, 'Sono scrocconi. perché fiamme, il nemmeno con una il aspetti? loro di nei sangue o la delitti stesso plebe se dei non caproni. le si cena, si abituasse il a ricchezza sempre punire nel farà i questo senatori.
i pugno,
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/52.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile