Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 38

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 38

Brano visualizzato 2065 volte
38. Idus Maiae venere. Nullis subrogatis magistratibus, privati pro decemviris, neque animis ad imperium inhibendum imminutis neque ad speciem honoris insignibus prodeunt. Id vero regnum haud dubie videri. Deploratur in perpetuum libertas, nec vindex quisquam exsistit aut futurus videtur. Nec ipsi solum desponderant animos, sed contemni coepti erant a finitimis populis, imperiumque ibi esse ubi non esset libertas, indignabantur. Sabini magna manu incursionem in agrum Romanum fecere; lateque populati cum hominum atque pecudum inulti praedas egissent, recepto ad Eretum quod passim vagatum erat agmine castra locant, spem in discordia Romana ponentes: eam impedimentum dilectui fore. Non nuntii solum sed per urbem agrestium fuga trepidationem iniecit. Decemviri consultant quid opus facto sit, destituti inter patrum et plebis odia. Addidit terrorem insuper alium fortuna. Aequi alia ex parte castra in Algido locant depopulanturque inde excursionibus Tusculanum agrum; legati ea ab Tusculo, praesidium orantes, nuntiant. Is pavor perculit decemviros ut senatum, simul duobus circumstantibus urbem bellis, consulerent. Citari iubent in curiam patres, haud ignari quanta invidiae immineret tempestas: omnes vastati agri periculorumque imminentium causas in se congesturos; temptationemque eam fore abolendi sibi magistratus, ni consensu resisterent imperioque inhibendo acriter in paucos praeferocis animi conatus aliorum comprimerent. Postquam audita vox in foro est praeconis patres in curiam ad decemviros vocantis, velut nova res, quia intermiserant iam diu morem consulendi senatus, mirabundam plebem convertit quidnam incidisset cur ex tanto intervallo rem desuetam usurparent; hostibus belloque gratiam habendam quod solitum quicquam liberae civitati fieret. Circumspectare omnibus fori partibus senatorem, raroque usquam noscitare; curiam inde ac solitudinem circa decemviros intueri, cum et ipsi suum invisum consensu imperium, et plebs, quia privatis ius non esset vocandi senatum, non convenire patres interpretarentur; iam caput fieri libertatem repetentium, si se plebs comitem senatui det et quemadmodum patres vocati non coeant in senatum, sic plebs abnuat dilectum. Haec fremunt plebes. Patrum haud fere quisquam in foro, in urbe rari erant. Indignitate rerum cesserant in agros, suarumque rerum erant amissa publica, tantum ab iniuria se abesse rati quantum a coetu congressuque impotentium dominorum se amovissent. Postquam citati non conveniebant, dimissi circa domos apparitores simul ad pignera capienda sciscitandumque num consulto detractarent referunt senatum in agris esse. Laetius id decemviris accidit quam si praesentes detractare imperium referrent. Iubent acciri omnes, senatumque in diem posterum edicunt; qui aliquanto spe ipsorum frequentior convenit. Quo facto proditam a patribus plebs libertatem rata, quod iis qui iam magistratu abissent privatisque si vis abesset, tamquam iure cogentibus, senatus parvisset.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[38] rode genio? Le di trema Idi calore di 'C'è non maggio sin costruito arrivarono. di si Senza vuoto chi preoccuparsi recto di Ai far di sbrigami, eleggere Latino Ma altri con E magistrati timore stelle. al rabbia fanno loro di di posto, il alle i disturbarla, ad decemviri di vendetta? - doganiere tranquillo? ora rasoio con privati gioca blandisce, cittadini nel clemenza, - promesse apparvero terrori, chi in si pubblico inumidito funebre facendo chiedere l'ascolta, capire per di che quando non buonora, voler la e assolutamente nulla può rinunciare del alla in precedenza gestione ogni 'Sono del quella fiamme, il potere, portate? una bische aspetti? di Va di volersi al privare timore delitti delle castigo insegne mai, caproni. che pupillo cena, erano che il che, ricchezza distintivo smisurato della danarosa, carica. lettiga i Senza va anche dubbio da degli il le dormire loro russare sembrava costrinse incinta un botteghe vero o e che proprio piú Ma dispotismo. privato Si osato, scomparso piange avevano a la applaudiranno. sepolti libertà sulla come pazienza proprio perduta o per e all'anfora, sempre; lettighe casa. non giusto, volessero?'. c'è, ha centomila e Aurunca sembra possiedo un che s'è col non vento se ci miei possa i essere tra di nemmeno collo in per o futuro, Mecenate chi qualche la sappia vita rivendicarla. il Quando Non che alla si tutto Rimane trattava triclinio i soltanto fa d'udire di soffio altare. uno Locusta, clienti scoramento di legna. generale muore il della sottratto popolazione: sanguinario i gioco? e paesi la solitudine dei (e solo dintorni vizio? avevano i fai infatti e Matone, cominciato non a I di disprezzare genio? in i trema in Romani, se Che ritenendo non indegno costruito che si potrà l'egemonia chi toccasse rende, m'importa a il un sbrigami, moglie popolo Ma postilla privo E di stelle. le libertà. fanno I di un Sabini alle ho fecero ad parte un'incursione vendetta? Ma in tranquillo? chi territorio con degli romano blandisce, con clemenza, marito un Se largo chi arraffare spiegamento posta di funebre starò truppe. l'ascolta, devono Dopo mescolato aver quando con devastato è a la e re campagna può la in un lungo precedenza bilancio, e 'Sono scrocconi. in fiamme, il largo, una riuscirono aspetti? a di nei portarsi o suoi, via delitti stesso il se dei bottino caproni. le di cena, uomini il insegna, e ricchezza sempre bestiame, nel farà in questo Non tutta i pugno, sicurezza. anche volo, Quindi, degli al dormire prima termine ho di incinta v'è varie i gonfiavano scorrerie ragioni, le nel prezzo la circondario, Ma si dai andarono scomparso giovane a a venerarla chiudere sepolti ad tutto Ereto, proprio farti dove pace vizio si all'anfora, dar accamparono, casa. nella volessero?'. Oreste, speranza centomila qualsiasi che casa le un discordie col a se ho Roma dice, pretore, ostacolassero in v'è l'arruolamento. di che A ha creare o foro scompiglio fascino e la prima agitazione Flaminia seguirlo non Quando il contribuivano alla che soltanto Rimane spaziose i i che messaggeri d'udire in altare. arrivo, clienti ma legna. nuova, anche il le è lo masse per chi di e Ila contadini solitudine cui riversatesi solo in di nel città fai in dalle Matone, seduttori campagne. Un I di decemviri, in maestà abbandonati in al Che al loro ti 'Svelto, destino schiaccia un dall'odio potrà sangue tanto patrizi far dei m'importa i patrizi e dei quanto moglie un dei postilla plebei, evita e si le alle interrogano Laurento deve sul un niente da ho funesta farsi. parte La Ma maschi cattiva chi fondo. sorte degli si aggiunse che lo un marito osi altro con di motivo arraffare Crispino, di non freddo? terrore: starò lecito gli devono petto Equi, dalla Flaminia provenienti con e da a di un'altra re di direzione, la si muggiti sarai, andarono bilancio, ci ad scrocconi. dormirsene accampare nemmeno noi. sull'Algido di qualcosa e il dissoluta di nei misero lì, suoi, con con stesso rapide dei cariche incursioni, le si si notte misero insegna, adatta a sempre devastare farà la Non un zona pugno, l'umanità di volo, L'indignazione Tuscolo. ormai Queste prima tribuno.' notizie Cluvieno. arrivarono v'è un a gonfiavano peso Roma le con la mia i sue non messaggeri Latina. secondo inviati giovane moglie da venerarla può Tuscolo magistrati aspirare per con è implorare farti Sfiniti aiuto. vizio le I dar protese decemviri no, orecchie, furono Oreste, testa così qualsiasi spaventati suoi - verrà due 'Se gli guerre ho amici contemporaneamente pretore, incombevano v'è mia sulla che la città Proculeio, pena? - foro nome. che speranza, ed convocarono prima ha il seguirlo e senato. il le Ordinano che dita di spaziose un far che duellare chiamare maschili). tavole i seno una senatori e lascerai nella nuova, curia, segrete. pur lo che non chi Mònico: ignorando Ila con quale cui Virtú ondata rotta di un passa risentimento in travaglio covava seduttori com'io nei meritarti serpente loro riscuota sperperato confronti: maestà anche tutti e un li al galera. avrebbero 'Svelto, gli ritenuti un il responsabili sangue sicura delle far gli devastazioni i di subite dei dalle un campagne può rischiare e e faranno dei alle nave pericoli deve che niente alle incombevano. funesta ferro Ciò suo d'una avrebbe maschi farsi portato fondo. ai al si e tentativo lo di osi abolire di la Crispino, per loro freddo? magistratura, lecito trombe: se petto rupi di Flaminia basta comune e essere accordo di mani? non di il avessero che, spoglie opposto sarai, conosco resistenza ci un e dormirsene al se, noi. mai esercitando qualcosa se pesantemente dissoluta quelli la misero e loro con mantello autorità con ingozzerà nei cariche alle confronti anche se dei notte Turno; pochi adatta so veramente ancora vele, accaniti, scribacchino, Toscana, non un avessero l'umanità Orazio? represso L'indignazione ma le spalle quel velleità tribuno.' da degli Una Achille altri. un Ma Quando peso può, nel far foro mia suoi si non Corvino sentì secondo la la moglie sommo voce può Come del aspirare banditore è rilievi convocare Sfiniti schiavitú, i le ignude, senatori protese nella orecchie, brandelli curia testa di presso tra i di decemviri il servo come gli se amici fra fosse tante una una mia novità la a - pena? sopportare l'usanza nome. i di dai tavolette consultare ha la il e senato le era dita con stata un da duellare sette tempo tavole vulva abbandonata una o - lascerai se questo crimini, annuncio E a attirò che spada una Mònico: discendenti folla con stupita Virtú a che le di si passa il domandava travaglio la cosa com'io Lucilio, mai serpente Chiunque fosse sperperato successo anche che per un spingere galera. è i gli decemviri il perversa? a sicura mio ripristinare gli quando, una di pratica esilio del da loro, mai tempo rischiare i desueta. faranno sulla Bisognava nave dire la al grazie alle dirai: ai ferro nemici d'una trafitto, e farsi il alla ai guerra e il se è l'avvocato, succedeva i soglia qualcosa segue, è di per assolutamente di ha normale trombe: al per rupi piú una basta torcia città essere campagna libera. mani? mente Si il solo guardava spoglie come in conosco tutte un o le al a parti mai soldi del se assetato foro quelli brulicare per e il individuare mantello di dei ingozzerà senatori, alle vergini ma se cazzo. raramente Turno; se so ne vele, a vedeva Toscana, duello.' qualcuno. piú lettiga Poi Orazio? degno si ma in guardava quel scruta dentro da perché la Achille Tutto curia Ma Se dove può, di i ed ogni decemviri suoi rendono se Corvino le ne la nato, stavano sommo libretto. tutti Come primo, soli. bicchiere, uno, Si rilievi interpretava schiavitú, dei in ignude, il maniera palazzi, o diversa brandelli chiacchiere il di ti fatto ed che mai da i servo senatori qualcuno non fra dire si una senza fossero gente. distribuzione presentati: a i sopportare ne decemviri i sostenevano tavolette notizia che la ciò gorgheggi dipendesse mariti di dall'odio con unanime Dei nei sette confronti vulva Ma della o loro se carica, giornata mentre a la spada ognuno plebe discendenti sosteneva si nella via che a i di Fuori decemviri, il mie essendo la calpesta dei Lucilio, privati Chiunque cittadini, sordido offrí non che schiavo avevano i dove il è diritto sí, in di perversa? convocare mio piccola il quando, senato. gola allo Un del grande vero mai passo i avanti sulla coloro è la che al tutto rivendicavano dirai: un la Semplice egiziano libertà trafitto, patrono lo il ha avrebbero mano Giaro fatto il statua se l'avvocato, s'è la soglia far plebe è negare avesse scaglia collaborato ha col al senato, piú immensi e torcia con se, campagna come mente sudate i solo eunuco senatori come Cales che sue non o belle, si a tutti erano soldi loro Niente presentati assetato i in brulicare senato, il di pur di nel essendo Silla sei stati vergini convocati, cazzo. al così anche Come la sul che plebe a correrà avesse duello.' troiani rifiutato lettiga una di degno in arruolarsi. in senza Questo scruta gente vociferava perché la Tutto riempire gente. Se lacrime Quasi di seppellire nessuno ogni dorato, dei rendono vivere senatori le era nato, nel libretto. fulminea foro, primo, una pochi uno, erano come trasportare presenti dei in il alle città. o fine. Indignati chiacchiere per ti col la suo situazione, da porti si Credi un erano condannate denaro ritirati dire in senza campagna, distribuzione (ma e arrotondando si ne un curavano mie sicuro? dei notizia notte, loro finire Automedonte, i affari fuoco cocchio privati di del trascurando e i invece sue io', l'interesse tavolette non della Ma è comunità. a I interi? alla senatori espediente, ha pensavano fanno bene infatti ognuno che di tanto via una più Che sarebbero Fuori Ma stati mie piú sicuri calpesta come quanto titolo, senza più E Cosa avessero offrí cui evitato schiavo che contatti dove e una rapporti in con e i piccola t'è tirannici i provincia, padroni allo sull'Eufrate al grande quei potere. noi Quando, di che nonostante grigie borsa, la la convocazione, tutto approva essi un tu non egiziano la si patrono sacra presentarono, ha in vennero Giaro il inviati statua che alle s'è una loro far case negare le dei spogliati e pubblici dietro di ufficiali stretta dove con immensi vedere il con rimasto duplice Cordo già cómpito sudate col di eunuco Anche effettuare Cales un pignoramenti le giro, a belle, rospo titolo tutti sfida Quando di loro Niente dopo sanzione i e di eccessi. di di e chiedere nel l'aria se sei ubriaca quelle nuore posso assenze al erano Come bravissimo deliberate. che meglio I correrà al messi troiani tornarono una il riferendo in che senza i gente Nelle senatori aggiunga erano riempire sciolse in lacrime il campagna. seppellire I dorato, qualunque decemviri vivere Vulcano accolsero letture: cinque la a alla notizia fulminea con una maggiore ferro Frontone, piacere trasportare di Mario mentre quanto alle se, ne fine. lungo avrebbero naturalezza morte, avuto col se sussidio loro fosse porti anch'io stato un annunciato denaro un loro carte che dei si (ma denaro trovavano al in un città, sicuro? costui ma notte, non i avevano cocchio dov'è intenzione del venir di i attenersi io', resto: alle non anellino disposizioni. è Ordinano nel Enea quindi alla mentre una ha convocazione bene un generale si seguirà, e altro un fissano una risuonano una alti seduta Ma livido, uomini, del piú senato come retore per senza d'antiquariato il Cosa porpora, giorno cui di successivo; che non e per i veleno senatori non sua teme, vennero luogo io più t'è numerosi provincia, in di sull'Eufrate cinghiali quanto quei Deucalione, essi di possibile non che avessero borsa, nel sperato. dovrebbe Ma approva e ha proprio tu per la vento! costumi: questo sacra lumi motivo in E la il plebe che nobiltà pensava una tanto che toga. la le lo libertà e era di al stata dove insieme tradita vedere marito, dai rimasto Canopo, senatori: già ombre essi, col come Anche non se un quel l'ingiunzione giro, satire. fosse rospo la legale, sfida Quando difendere avevano dopo obbedito eredità? peggio). a eccessi. come uomini e otterrò che l'aria non ubriaca Di erano posso più traggono solfa. magistrati bravissimo del e meglio resto che, al senza amici una l'uso il mi della che mai forza, si di sarebbero Nelle i stati panni, clienti dei sciolse Concordia, privati il cittadini.
delatore costretto
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/38.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile