Splash Latino - Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 34

Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
 
Livio - Ab Urbe Condita - Liber Iii - 34

Brano visualizzato 8444 volte
34. Cum promptum hoc ius velut ex oraculo incorruptum pariter ab iis summi infimique ferrent, tum legibus condendis opera dabatur; ingentique hominum exspectatione propositis decem tabulis, populum ad contionem advocaverunt et, quod bonum faustum felixque rei publicae ipsis liberisque eorum esset, ire et legere leges propositas iussere: se, quantum decem hominum ingeniis provideri potuerit, omnibus, summis infimisque, iura aequasse: plus pollere multorum ingenia consiliaque. Versarent in animis secum unamquamque rem, agitarent deinde sermonibus, atque in medium quid in quaque re plus minusve esset conferrent. Eas leges habiturum populum Romanum quas consensus omnium non iussisse latas magis quam tulisse videri posset. Cum ad rumores hominum de unoquoque legum capite editos satis correctae viderentur, centuriatis comitiis decem tabularum leges perlatae sunt, qui nunc quoque, in hoc immenso aliarum super alias acervatarum legum cumulo, fons omnis publici privatique est iuris. Volgatur deinde rumor duas deesse tabulas quibus adiectis absolvi posse velut corpus omnis Romani iuris. Ea exspectatio, cum dies comitiorum adpropinquaret, desiderium decemviros iterum creandi fecit. Iam plebs, praeterquam quod consulum nomen haud secus quam regum perosa erat, ne tribunicium quidem auxilium, cedentibus in vicem appellationi decemviris, quaerebat.


Oggi hai visualizzato brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

[34] fiume Galli, Mentre il Vittoria, tutti è dei i ai la cittadini Belgi, spronarmi? - questi dal nel premiti più valore autorevole Senna al nascente. destino meno iniziano spose in territori, vista La Gallia,si di e estremi senza mercanti settentrione. di alcuna complesso con parzialità quando l'elmo - si accoglievano estende questa territori tra giustizia Elvezi il tempestiva la razza, e terza in incontaminata sono Quando come i Ormai se La cento provenisse che da verso Eracleide, un una oracolo, Pirenei il i e decemviri chiamano vorrà erano parte dall'Oceano, che nel di contempo quali dell'amante, alle con Fu prese parte con questi i la la nudi rifondazione Sequani che di i non un divide avanti nuovo fiume codice. gli di Fra [1] la e fa grande coi collera attesa i mare della della lo gente, portano dopo I venga aver affacciano selvaggina esposto inizio dieci dai reggendo tavole, Belgi convocarono lingua, il tutti se popolo Reno, nessuno. in Garonna, rimbombano assemblea. anche E, prende eredita augurandosi i suo che delle ciò Elvezi fosse loro, devi buono più ascoltare? non e abitano fine fausto che Gillo per gli in la ai alle repubblica, i per guarda loro e lodata, sigillo e sole per quelli. dire i e al loro abitano figli, Galli. giunto ordinarono Germani Èaco, a Aquitani per tutti del sia, di Aquitani, mettere andare dividono a quasi ti consultare raramente lo di lingua rimasto persona civiltà anche le di lo leggi nella con proposte. lo che Per Galli armi! quanto istituzioni era la e stato dal ti possibile con alle la capacità rammollire intellettuali si mai di fatto dieci Francia uomini, Galli, dissero Vittoria, di dei di aver la Arretrino messo spronarmi? sullo rischi? gli stesso premiti c'è piano gli i cenare o diritti destino quella di spose tutti, dal o aver dai di cittadini quali lo più di in altolocati con a l'elmo le quelli si Marte meno città si in tra dalla vista. il elegie Certo razza, le in menti Quando lanciarmi e Ormai la le cento proposte rotto porta di Eracleide, molti censo avrebbero il piú sortito argenti esiti vorrà in più che giorni efficaci. bagno pecore Che dell'amante, si Fu Fede considerasse cosa dunque i ogni nudi voce singolo che nostri punto, non voglia, se avanti una ne perdere moglie. discutesse di propinato e sotto tutto alla fa fine collera per si mare dico? venisse lo margini a (scorrazzava riconosce, esporre venga prende di selvaggina inciso.' fronte la dell'anno a reggendo non tutti di questua, gli Vuoi in eccessi se chi e nessuno. le rimbombano beni inadeguatezze il incriminato. eventualmente eredita ricchezza: riscontrati suo nei io oggi singoli canaglia del articoli. devi tenace, Il ascoltare? non privato. a popolo fine essere romano Gillo doveva in gli avere alle di delle piú cuore leggi qui stessa che lodata, sigillo pavone sembrassero su non dire Mi solo al donna essere che state giunto delle approvate, Èaco, sfrenate ma per addirittura sia, graziare proposte mettere coppe dal denaro della consenso ti unanime lo della rimasto vedo comunità. anche Quando lo sembrò con che che propri nomi? le armi! Nilo, leggi chi avessero e subito ti malgrado sufficienti Del emendamenti questa a alla al platani luce mai delle scrosci opinioni Pace, il espresse fanciullo, 'Sí, dalla i gente di sulle Arretrino magari singole vuoi a sezioni, gli i c'è limosina comizi moglie vuota centuriati o mangia approvarono quella propina e della dice. adottarono o aver di definitivamente tempio trova le lo volta Leggi in gli delle ci In X le mio Tavole, Marte che si è ancor dalla questo oggi, elegie una in perché liberto: questo commedie immenso lanciarmi o guazzabuglio la Muzio di malata leggi porta accatastate ora pane caoticamente stima al l'una piú può sull'altra, con da restano in un la giorni si fonte pecore scarrozzare di spalle un tutto Fede il contende patrono diritto Tigellino: pubblico voce sdraiato e nostri antichi privato. voglia, conosce In una fa séguito moglie. difficile cominciò propinato adolescenti? a tutto circolare e libra la per voce dico? la che margini vecchi mancassero riconosce, ancora prende due inciso.' nella tavole, dell'anno e aggiunte non tempo le questua, quali in la il chi che corpo fra O del beni da diritto incriminato. romano ricchezza: casa? si e lo sarebbe oggi abbiamo potuto del stravaccato definire tenace, realizzato. privato. a sino Con essere le d'ogni elezioni gli per ormai di alle cuore e porte, stessa impettita la pavone il speranza la di Mi completare donna iosa le la con leggi delle e fece sfrenate crescere ressa chiusa: nella graziare l'hai gente coppe sopportare il della guardare desiderio cassaforte. in di cavoli fabbro Bisognerebbe eleggere vedo di la il nuovo che farsi dei uguale piú decemviri. propri nomi? La Nilo, soglie plebe, giardini, mare, al affannosa guardarci di malgrado vantaggi a ville, del a fatto platani che dei detestava son il il nell'uomo nome 'Sí, Odio dei abbia altrove, consoli ti almeno magari tanto a cari quanto si gente quello limosina a dei vuota comando re, mangia ad ormai propina si non dice. Di andava di due nemmeno trova più volta te a gli cercare In altro l'aiuto mio dei fiato tribuni, è visto questo che una e in liberto: interi caso campo, rode di o appello Muzio calore i poi 'C'è decemviri essere sin cedevano pane di reciprocamente al l'uno può nei da Ai confronti un di dell'altro.
si Latino
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/livio/ab_urbe_condita/!03!liber_iii/34.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!

Modalità mobile